Il ritorno dell’ammiratore anonimo

di | 8 de Dicembre, 2022

Dopo che Simone si è data via al suo ammiratore anonimo, si è sentita come se avesse già sentito la sua voce da qualche parte. Il più delle volte l’uomo parlava di nascosto, ma alla fine di questa scopata non riusciva più a nasconderlo. Simone non ha mai avuto un altro incontro del genere, e anche le conversazioni con questo sconosciuto sono diventate più rare, perché le era impossibile parlare tutte le mattine e lavorare il giorno dopo. Già al marito era strano che lei dormisse sempre male e che le conversazioni tra loro si riducessero a messaggi intervallati nell’arco della giornata, ma più parlavano più Simone aveva voglia di ripetersi e il suo ardore cresceva. Non solo voleva fare sesso, ma lo faceva anche con suo marito. Voleva arrendersi come aveva fatto prima, buttarsi in una situazione senza sapere come uscirne, fidarsi di qualcuno completamente sconosciuto. Forse non così frainteso, dopo tutto.

Nonostante il rapporto tra i due si fosse già raffreddato, lo sconosciuto lancia un messaggio diverso dal solito: “C’è una scena di un film che viene girata nella magione nella foresta. Vai lì per lavorare, ti stanno aspettando. Vigilerò, se sarai obbediente, avrai quello che vuoi.

Eccola lì, che saliva la lunga scalinata dai sentieri, dirigendosi verso una villa fatiscente, circondata dalla foresta. Un luogo molto utilizzato per filmare sia per il paesaggio che per la vista. È stata una fonte di lavoro per truccatori come Simone, oltre che per artisti della regione. Comunque era tutto strano, gli era stato chiesto di arrivare nel tardo pomeriggio, come se stesse solo truccando per una scena notturna e non sapesse cosa fare quando è arrivato. Non aveva un appaltatore, non sapeva nemmeno chi avrebbe truccato, perché aveva solo ordini dal suo padrone, che le sceglieva anche i vestiti. Indossava i pantaloncini più corti, dove il suo sedere faceva capolino, e una camicetta. Non le ha permesso di indossare il reggiseno e l’ha persino costretta a indossare il tappo anale dentro di lei. Il set non era molto professionale, ma spinta dal desiderio, sperava solo che le cose andassero a posto una volta lì.

Aveva ragione, con il suo nome sulla lista, le guardie di sicurezza l’hanno fatta entrare, ma non prima di averla esaminata dalla testa ai piedi. Camminava tra container e tende, osservata con desiderio da tutti quelli che incontrava. Si sentiva persa, non sapeva dove andare, si bagnava tra le gambe, immaginando che uno di quelli che la guardavano potesse essere il suo padrone. Restituiva ogni sguardo, scegliendo quale poteva essere il suo ammiratore.

Un ragazzo biondo dai capelli corti arrivò correndo goffamente, portando oggetti di scena, dirigendosi verso di lei. Indossava una camicia e pantaloni così larghi e larghi in vita che nascondevano le dimensioni del suo corpo. Era Daniel, l’ingegnere presente in quasi tutti gli scatti realizzati a Bairro Velho, era una vecchia conoscenza di altri mestieri. Quasi senza guardarsi negli occhi, si limitò a indicare uno dei contenitori, dicendo che ci sarebbe stato Otávio.

Simone non ha nascosto il suo sorriso sentendo questo nome. Un promettente attore della regione che stava conquistando ruoli sempre più importanti. Simone ha già truccato altre volte ed è sempre stato un piacere prendersi cura di questo viso. Corse finché non entrò, vide che era in mutande. Simone stava già sciogliendo il trucco per l’uomo moderno con il mento largo, i capelli corti e la barba incolta, ma non avrebbe mai immaginato di avere la possibilità di vederlo seminudo. L’avevo visto nei film e nelle soap opera, ma mai di persona. Per un momento pensò che non sarebbe dovuta entrare senza bussare, ma il sorriso amichevole dell’uomo la sciolse completamente.

Seduto sulla sua sedia, Otávio rimase immobile mentre il suo truccatore lavorava. A Simone piaceva immaginare di essere l’unica donna al mondo a sapere che la pelle di quest’uomo non era perfetta. Ha fatto un lavoro lento e scrupoloso nascondendo tutti i segni su quel viso, lasciandolo perfetto, come appare sempre sullo schermo. Gran parte di questa lentezza era dovuta al fatto che aveva perso la concentrazione diverse volte, guardando il corpo di quest’uomo, senza preoccuparsi di nasconderlo. Sapeva di essere stata chiamata lì per qualcosa di più del semplice lavoro di truccatrice. Gli occhi percorsero i muscoli esposti, tornarono alla zona del trucco, e poi si persero negli occhi dell’idolo.

“Mi dispiace vederti così, ma faceva davvero caldo e non volevo sudare prima di salire sul palco.

“Va bene, fa caldo.

“Vedo che anche tu sei sexy.”

Quando gli occhi di Octavio percorsero tutto il suo corpo, Simone sentì il calore tra le sue gambe con la certezza che fosse vestita esattamente come voleva lui. Non ci volle molto perché lui la baciasse. Il modo affamato in cui si succhiava la lingua la tradiva completamente. Ha finalmente incontrato quest’uomo che quella volta l’aveva completamente dominata e ha potuto donarsi di nuovo a lui. Octavio la attirò a sé e la tenne per il sedere. Nel bacio intenso, le sue mani corsero sul suo corpo. Scivolando tra le sue natiche, sentì entrare l’oggetto. Otávio sorrise maliziosamente e Simone ricambiò il favore, certa che sarebbe stata ricompensata per qualunque cosa avesse chiesto.

Simone stava lisciando il cazzo di Otávio attraverso i suoi pantaloni quando la porta si chiuse sbattendo.

La paura fece sobbalzare Simone de Otávio. Una voce profonda ordinò a Simone di finire in fretta e di andare nell’altro palco.

” Chi è ?

“È il regista, o il tizio basso che lo imita alle spalle.

“Ma cosa vuole da me?

“Ti ha assunto lui, vero?” Deve volere che tu trucchi qualcuno.

Simone fece in fretta le valigie, lasciando Otávio duro sulla sedia. Lo seguì rapidamente nel camerino che le era stato chiesto di usare. Si sentiva confusa. Era sicura che Otávio fosse un suo ammiratore e che avesse fatto in modo che lei andasse a lavorare lì, poi ha scoperto che era stata assunta da questo regista. Pensava che la voce fosse molto simile a quella che aveva sentito quella notte e negli audio che aveva ricevuto e il suo cuore batteva forte. I suoi passi accelerarono fino a raggiungere l’altro rifugio.

Un uomo in camicia nera e jeans stava camminando avanti e indietro. I capelli grigi indicavano una certa età, così come i segni sul viso. Era Sandro, il direttore. L’espressione seria si trasformò in un sorriso malizioso quando vide entrare Simone, soprattutto per il modo in cui era vestita. La truccatrice interpretò il sorriso come approvazione.

“Cosa posso fare per lei?” chiese Simone con la sua voce più furba.

“Ripara quella puttana!” “Cosa?” ha risposto il regista, indicando la donna seduta su una sedia davanti agli specchi.

La voce tonante di quest’uomo la fece reagire in fretta per farsi perdonare dalla donna di cui fino a quel momento non si era nemmeno accorta della presenza. La fermezza di parlare e chiamare la donna una “troia” le fece venire i brividi lungo la schiena mentre si precipitava a riparare il danno al trucco di questa donna. La ragazza era un’attrice, con i capelli castani come i suoi occhi. Il trucco sul suo viso era sbavato, specialmente il rossetto, facendo sembrare che avesse strofinato le labbra contro qualcosa. L’attrice assistita da Simone ha mostrato un’espressione soddisfatta anche dopo che il regista l’ha chiamata così.

Il calore tra le gambe della truccatrice è tornato. Sandro aveva una presenza significativa in questa stanza, anche quando taceva, e quando parlava la sua voce trasudava autorevolezza. Questa attrice con il trucco sbavato e la faccia appena uscita era decisamente una troia. Ancora uno. Simone capì che era normale che un uomo come lui non dominasse una sola donna. Probabilmente farebbe parte di un harem di donne che lo servivano. Più andava avanti la sua immaginazione, più si eccitava.

Simone ha lottato per correggere il trucco dell’attrice mentre guardava con desiderio il suo corpo. La donna guardò lui e poi Sandro con un sorriso malizioso sulle labbra. Guardandomi allo specchio, ho notato che gli occhi della preside erano fissi sul suo sedere, parzialmente scoperto da quei pantaloncini ridicolmente corti. Quando guardò l’attrice, sollevò di più le natiche verso Sandro e ricevette in cambio un morso sulle labbra. Simone ha terminato il suo lavoro in un’atmosfera provocatoria di contatto visivo tra loro tre. Si sentiva bagnata e pronta per quello che le avrebbero fatto quei due, ma appena finito il lavoro, Sandro disse alla “puttana” di vestirsi e andare a girare l’ultima scena, perché erano in ritardo. La truccatrice è rimasta sola, ha ricevuto solo una pacca sul sedere dal manager e le ha chiesto di venire nel suo ufficio per riscuotere il pagamento.

Era un gesto abusato, ma non lo schiaffo che avrebbe voluto ricevere. Non vedeva l’ora di rivederlo dopo aver registrato l’ultima scena e sapendo quale gioco le avrebbe preparato.

Simone è andato nel cortile del vecchio palazzo a guardare i nastri. dietro le quinte e l’intera troupe cinematografica ha condiviso i riflettori con gli attori recitanti grazie ai loro vestiti. Per quanto esuberante com’era, Simone non è mai stata una fan del mettersi in mostra, costringendosi a controllare costantemente i suoi forti gemiti quando faceva sesso con suo marito a casa. Ora era al lavoro con abiti che avrebbe indossato solo nella privacy di casa sua. I pantaloncini e il top hanno catturato gli sguardi indiscreti e indiscreti di tutti, al punto che il truccatore ha sentito la lussuria negli occhi di tutti. Pensò che probabilmente era il gioco che il suo ammiratore gli aveva preparato. Mettendola in mostra davanti a tutti, compresi alcuni conoscenti, e facendola sentire desiderata da più uomini contemporaneamente. È stato un po’ imbarazzante, ma gradualmente è diventato bello essere al centro dell’attenzione. Il fatto che fosse tutto ciò che faceva quest’uomo le faceva venire voglia di restare qui. Voleva restare e obbedire al suo uomo e mostrarsi a tutti lì, perché portare a termine la sua sfida avrebbe avuto la sua ricompensa. Il pensiero di una tale ricompensa la eccitava più degli sguardi malinconici intorno a lei.

Era notte fonda quando tutte le riprese sono terminate. Molti se ne andarono, lasciando solo gli attori che stavano ancora girando ei macchinisti che dovettero riporre l’attrezzatura. Oltre a Sandro, il regista. Simone si teneva a distanza, osservandolo mentre chiacchierava con i membri del suo team. L’ansia la consumava tanto quanto il freddo vento notturno che avvolgeva il suo corpo esposto. Guardò Sandro finire la sua conversazione e andare al suo contenitore. Durante i suoi primi passi verso di lei, il suo telefono vibrava. C’era un messaggio: “Hai fatto molto bene, congratulazioni! Ora voglio che tu attraversi il cortile del palazzo e vada nella stanza dall’altra parte. Lì, c’è una piccola stanza a destra del tuo ingresso e dentro, una scatola. Togli tutto tranne la spina, metti quello che c’è e torna nel patio.

Simone seguì le istruzioni, immaginando che Sandro l’aspettasse nel cortile. Mentre attraversava il cortile vuoto, illuminato solo dalla luna, prima di tornare nell’oscurità delle sale del palazzo. Trovò la camera da letto e la scatola con la luce della luna che entrava dalla finestra. Aprendo la scatola, non riusciva a credere a quello che le veniva chiesto di fare.

Stivali di pelle dai tacchi alti scandivano il ritmo dei suoi passi. La lunga asta le passò oltre il ginocchio, coprendole la maggior parte delle cosce. Entrando nel patio, la luce della luna ha rivelato il resto di ciò che lo copriva o meno. Una serie di cinghie di cuoio avvolte intorno al suo corpo, più mostrando che nascondendo. Il suo culo e la sua figa erano completamente esposti, così come i suoi seni. Le punte dei suoi seni erano indurite dal freddo che le faceva tremare la pelle nuda in quella notte di luna. Al collo aveva una collana con la parola “BITCH” ricamata sopra.

Scendendo le scale verso il patio, udì l’ordine di fermarsi. La voce profonda e ringhiante la commosse ancora una volta e Simone obbedì immediatamente. Dall’ombra emerse un uomo vestito con uno smoking e un passamontagna che gli copriva il volto. Simone lo aveva finalmente visto, anche se ancora non riusciva a vederlo in faccia. Sandro si divertiva a nasconderle il volto, perché conosceva l’identità del suo ammiratore, ma si teneva al corrente. Il silenzio in questo cortile è stato integrato dai suoni di piccoli insetti delle foreste vicine, ma è stato interrotto da altri suoni. Rami spezzati ed erba schiacciata denunciavano la presenza di alcuni. Il cuore di Simone accelerò al pensiero di essere osservato da persone senza nemmeno sapere chi fossero. Sperava che la luce della luna non fosse sufficiente per identificarlo. Mentre cercava di elaborare il fatto che indossasse solo infradito di cuoio con persone che la spiavano, il suo ammiratore la osservava, girandole intorno, facendo scorrere le dita lungo il suo corpo. Quando raggiungono il tuo fianco, il primo schiaffo.

Simone soffocò il suo urlo, senza molto successo. Era lo schiaffo che conosceva, capace di bruciarle la pelle e la figa bagnata allo stesso tempo. L’uomo continuò a rotolare e fece scivolare le dita tra le piume di Simone, chiudendole tra le labbra della sua figa, costringendo la truccatrice a emettere i suoi primi gemiti. Il bocciolo rapidamente indurito divenne il bersaglio di due dita desiderose di non lasciarlo solo e Simone dovette gemere più forte. Quest’uomo l’ha baciata di sorpresa, mentre le accarezzava la figa. Fu allora che Simone si sciolse di più, approfittando del bacio per soffocare i suoi gemiti.

L’uomo in smoking indicò una panchina di cemento dall’altra parte del cortile, ma prima che lei potesse fare il primo passo, sollevò una catena.

“Sei il mio cane. Cammina come uno.

Simone si inginocchiò e si appese la catena al collo. Mentre veniva spinta in avanti, Simone strisciava a quattro zampe e il suo sedere esponeva il tappo sepolto nel suo sedere affinché chiunque si nascondesse potesse vederlo. Si trascinò, esibendosi come un cane, fino in fondo al patio, appoggiandosi alla panca di cemento. Le gambe divaricate mostravano il pescato a chiunque volesse vederlo. A Simone non importava più, era così coinvolta in questo gioco, voleva solo fare quello che voleva il suo padrone.

L’uomo si sbottonò i pantaloni e si infilò nel suo cazzo già indurito.

“Il mio cane ne vuole un po’?

Simona acconsentì.

“Allora mostramelo. Muovi quel culo.

Simone obbedì, spostando i fianchi di lato mentre incontrava gli occhi dell’uomo. Con il membro offertole, Simone allungò la mano per afferrarlo e almeno succhiargli la testa. La sua bocca le abbracciò la testa, le sue labbra si muovevano da un lato all’altro per la distanza più breve possibile. È stato inaspettato quando quel cazzo duro è stato completamente sepolto nella sua bocca. Sostenuto dalla testa, l’uomo le ha fottuto le labbra, poi le ha strofinato il suo delizioso cazzo su tutto il viso. La schiaffeggiò in faccia e spinse il suo cazzo dentro di lei ancora una volta. Lo ha ripetuto più volte fino a quando non si è sposato.

“Il mio cane è felice?

Simone scosse il culo più velocemente. L’uomo camminava, inginocchiandosi dietro di lei. Le mani la presero per la schiena, le natiche e le cosce. Il calore si fece strada sulla pelle di Simone finché il bruciore degli schiaffi non esplose sulla sua pelle. Sorretta dal guinzaglio, rimase immobile quando quel sesso trovò uno spazio tra le sue labbra. Entrò e uscì lentamente e lentamente aumentò la velocità. Simone è stata fottuta come una puttana, presa più volte nel culo mentre quel cazzo duro veniva martellato dentro di lei.

“Dimmi, cosa sei?

“Sono la tua puttana!

” Parlare !

“Sono la tua puttana.

” Più alto !

Simone ha urlato che era una puttana, al chiaro di luna nella villa mentre era osservata da questi sconosciuti. Il suo presunto urlo del cazzo scatenò l’urlo successivo, senza senso, incomprensibile, ma lungo come se il suo respiro fosse infinito, come la forza del suo corpo in scatti incessanti. L’ammiratore anonimo non ha resistito a guardare questa donna rompersi e venire, riempiendola di sborra.

I due sono rimasti intrecciati e si sono scambiati un lungo bacio. L’uomo si rimise i pantaloni e si diresse nel bosco, dove non c’era nessun altro. Simone corse nella stanza dove aveva riposto i vestiti e si era vestita. La truccatrice si è avvicinata al contenitore del regista ed è stata accolta con stupore da Sandro. Il direttore credeva già che quel pomeriggio non avrebbe più visto, ma aveva già il suo compenso a parte. Simone sorrise, pensando che facesse parte del gioco del preside fingere di non conoscerla, ma prima di andarsene insistette che se lui la voleva ancora, non era necessario. solo per chiamarla ancora una volta.

Sandro ha detto che un altro l’ha assegnata per sostituire un’altra truccatrice e non l’ha chiamata direttamente. L’espressione confusa di Simone fece prendere un profondo respiro a Sandro prima di urlare fuori dal suo container, cercando Daniel, dicendo che il macchinista non doveva chiamare altri impiegati che lo stessero imitando. Nel frattempo, Otávio correva tra i container lamentandosi del furto del suo smoking.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *