Il segreto della cantina Monte Alto.

di | 12 de Dicembre, 2022

Questa storia è accaduta quando io e mia sorella gemella Luana stavamo andando a trascorrere una vacanza nell’azienda vinicola di nostro zio a Minas Gerais, zio Francisco, il fratello minore di mia madre, zio Chico per l’intimo e simpatica zia Clarice, sono una giovane coppia molto divertente , felici e con un atteggiamento molto positivo, e poiché non hanno avuto figli, siamo le loro amate nipoti.

Io e mia sorella Luana siamo gemelle identiche, mora dalla pelle chiara, lunghi capelli neri ricci, occhi castani, abbiamo molto successo quando stiamo insieme, mi chiamo Lorena e abbiamo sottili differenze tra di noi, Luana è più forte e determinata, Sono più timido e più saggio, ci completiamo a vicenda, abbiamo un corpo bello e ben formato, solo chi vive con noi sa distinguerci, troviamo divertente che non ci importi, è un piacere giocare con noi persone, e cerca di confondere, ingannare e impersonare.

Ora abbiamo 21 anni e allora avevamo solo 17-18 anni, eravamo due ragazze che provavano sensazioni diverse, la nostra inesperienza e voglia di sapere era più grande della nostra responsabilità.

Zia Clarice fa ogni tipo di prelibatezza in cucina, sia dolci che salate, vere perle culinarie, Zio Chico è un artista, coltiva uva e fa vino, ha una piccola cantina nella proprietà, ha anche animali e diverse creazioni, lo Zio Chico è molto impegnato e dedito alla sua cantina, la nostra famiglia ha ricevuto un’eredità considerevole dai nostri nonni, quindi non abbiamo mai avuto problemi economici, questa proprietà era di famiglia, lo zio Chico ha preferito mantenere la cantina tra le altre proprietà, e tutte le bellezze di la proprietà, alberi secolari, un bellissimo frutteto con frutti vari, un fiume con bellissime cascate e posti dove nuotare, un posto meraviglioso, la casa La Plaza è un altro punto forte della proprietà, con più di 400 metri di costruzione in pietra arroccata sul lato di una collina, e squisitamente rifinito, arroccato in cima alla proprietà, enorme balcone, caminetti in tutte le suite, è un eroe della trama familiare.

In una di quelle tante passeggiate in cantina, lo zio Chico cominciò a insegnarci l’arte di cavalcare, cavalcare con determinazione richiede tempo e dedizione, a zia Clarice non sono mai piaciuti molto i cavalli, anche se lo zio Chico era un ottimo cavaliere. , Luana fu la prima a ricevere il colpo, lo zio Chico preferì una doppia sella australiana per iniziare ad allenarsi, presto Luana iniziò a cavalcare con lo zio Chico sulla schiena, stavano pedalando tra i sentieri e le pianure della proprietà mentre aspettavano con impazienza il mio giro.

Il cavallo era un animale timido e alto, Tio Chico ci aiutò a salire sull’animale prima di lui, e solo quando fu sicuro di aver preso il controllo, Luana, ancora molto birichina, attese che Tio Chico gli sollevasse il corpo per strofinargli le natiche. la sua faccia. , L’ho notato e mi chiedevo perché Luana lo stesse facendo, era strano e non una cosa da ragazze, ma Luana non era mai stata così brava, tutto molto discretamente, ovviamente, lo zio Chico era persino noioso, ma ovviamente l’ho adorato.

Continuavo ad aspettare il mio turno con un po’ di gelosia, volevo ricevere le stesse attenzioni che lui dava a lei, una sana discussione tra sorelle, qualcosa tra gemelle, quindi dovevo salire a cavallo e aspettare questo assistente birichino. Sebbene fossi al sicuro e mascherassi uno squilibrio, lasciai che lo zio Chico mi sostenesse.

Altre storie erotiche  fisting per la prima volta

Le sue mani salde sulla mia vita e sulle natiche proprio davanti a lui, il suo viso appoggiato al mio corpo e io ho aspettato che mio zio Chico mi tenesse, poi mi ha preso dolcemente per le cosce e mi ha buttato sul cavallo, poi è salito e mi ha afferrato per la vita. e ho avvicinato le mie natiche al suo corpo, zio Chico è molto forte e io sono totalmente fragile nelle sue mani, calma Lorena, tieniti forte e lascia a me il resto, Luana continuava a guardarmi e guarda la mia birichina, io mi ha spinto su il sedere e ho sentito lo zio Chico che mi teneva, il suo corpo accanto al mio e quell’enorme rigonfiamento sul mio sedere, così abbiamo iniziato a fare jogging e abbiamo ondeggiato, Lorena, che coraggio tesoro, continua così Lorena.

A poco a poco ci siamo allontanati e abbiamo raggiunto gli alberi alti, poi siamo entrati in mezzo al bambù, al confine con la discarica, nostro zio Chico, che bello arrampicarsi, pensavo fosse più difficile, di quella Lorena, c’è non c’è bisogno di aver paura amore mio, sono qui per aiutarti, angelo mio, Luana ha imparato in fretta zio Chico, tua sorella Luana è dopo, amore mio, ma ognuno ha il suo tempo, fino a che punto sei andato zio, siamo andati a dall’altra parte della proprietà, mi dici Porta anche lì zio Chico, certo che ci porto Lorena, lei prende bene le redini e guida da sola, mia cara, ho imparato in fretta e ho capito.

Arrivammo al limite della proprietà, Tío Chico mi aiutò a scendere dall’animale, sentii di nuovo la sua mano forte sul mio corpo, ne approfittai per premere il mio corpo contro il suo, strofinando il mio sedere contro il suo petto, poi Tío Chico qui lui è. dove ho portato Luana, era Lorena, wow, che bello qui, si vede buona parte della proprietà, vero?, e visto che ci metti tanto, zio Chico, abbiamo preso un’altra strada. , sulla via del ritorno, prendiamo la stessa strada, potrebbe essere un altro giorno Lorena, ho ancora delle cose da fare, certo amico, non voglio che tu faccia tardi per colpa mia, va bene Lorena, ho qualcuno chi può venire dopo pranzo, comprare molto del mio miglior vino costoso, chi è lo zio Chico, una ragazza di città, possiede un ristorante e vuole offrire una scelta ai clienti, posso stare con lo zio Chico, ovviamente cara, tua sorella Luana me l’ha già chiesto.

Ora tornando da Lorena, zio Chico mi ha sostenuto e di nuovo ho sentito la sua mano forte sul mio fianco, ho lasciato che mi toccasse e ho accettato questo flirt, ho sentito delicatamente il suo profumo virile, ed era anche il mio profumo, zio Chico mi stava mettendo alla prova . e valutando il nostro rapporto, e non appena si trattava di malizia o solo flirt, e quello che avevo già fatto con mia sorella Luana, sicuramente doveva aver provocato molto di più, che si chiedeva se avessero preso un’altra strada o fosse un scusa, e stavano insieme in modo diverso, il ragazzo si è avvicinato a me, e ovviamente la stessa cosa stava accadendo con mia sorella Luana, ma Luana era molto più audace e spudorata di me, e scoprire questo è diventata per me un’ossessione.

Altre storie erotiche  Segreti con zia Laura parte 2

Sulla via del ritorno ho provato a stuzzicarlo molto, strofinando il mio sedere contro il suo corpo, ma zio Chico è stato molto discreto e rispettoso, credo si sia anche un po’ emozionato, ma io no, non ne ero sicuro, Sentivo le sue mani sulla mia pancia e non potevo essere sicuro con quei tocchi e quei movimenti, se fosse intenzionale o no, in quel galoppo, era difficile dirlo, anche se era molto gustoso, a zio Chico ovviamente piaceva. anche noi, quindi siamo tornati con quella sensazione. Azione piacevole, ecco quanto lontano abbiamo visto Luana che aspettava con ansia, wow ci stai mettendo così tanto, zio Chico stava già tornando a casa, non preoccuparti Luana, tua sorella Lorena all’inizio era un po’ insicura, ma è scappata , ha funzionato molto bene.

Zia Clarice ha preparato il pranzo con tutto ciò che ci piaceva, con l’aiuto di Cleusa, la moglie di Almir, l’aiuto di zio Chico, hanno aiutato molto in cantina, facendo tutti i tipi di lavoro, delle persone molto simpatiche, pranzando e presto La donna del ristorante arrivata, è venuta a comprare il miglior vino della proprietà, così siamo andati in cantina, la signora è venuta da sola e già ci ha consigliato, sapeva che zio Chico era il miglior enologo della regione, abbiamo fatto una degustazione e abbiamo parlato del cultura del vino in Brasile, il suo mercato e come la produzione sia un’arte, Luana beveva rilassata, anche se io non sono una grande bevitrice, la moglie ha comprato tutto e se n’è andata, lo zio Chico era ovviamente molto felice, ha aperto una bottiglia speciale per festeggiare .

Cleusa è venuta a chiamarmi per andare a fare la spesa con zia Clarice, Luana ha deciso di restare a festeggiare questa vendita con zio Chico, io sono rimasta qualche ora con zia Clarice per fare la spesa, una volta alla settimana dovevo fare questo zia Clarice era sistemando andai a fare la spesa con Cleusa mentre andavo a cercare Luana pensavo che non fossero nemmeno più in cantina entrai in cantina dalla porta laterale ed entrai molto distratta, sentendo risate e voci, mi resi conto che era mia sorella Luana già sconvolta dal vino, mi sono fermato proprio dietro una colonna di botti e ho deciso di spiare un po’.

Sono rimasto abbastanza lontano da essere visto e abbastanza vicino per sentirli, poi zio Chico ha detto, Clarice non scende mai quaggiù Luana, è bello avere la compagnia di qualcuno che apprezza il mio vino, quindi ho guardato tra le botti e ho visto Luana. accarezzandole la gamba. , mi piace il vino di zio Chico, se me lo permetti ti berrò tutto il tuo brodo, ho del vino qui volevo far ubriacare tutto il paese, così ho guardato ancora e Luana era già con una gamba sopra la sua, praticamente seduta sulla sua giro, scambiandosi sguardi e seducendo lo zio Chico.

Conosco bene mia sorella e conosco il suo fascino, ma non è stato bello, anche se ho deciso di spiare un po’ di più per vedere se anche Tío Chico lo voleva, era molto entusiasta di questa situazione. , prendendosi cura di loro due insieme in questo modo, ma lo zio Chico voleva mettersi in gioco con sua nipote, perché Luana sembrava molto interessata, quindi ho sentito lo zio Chico dire, questa è la nostra ultima tazza Luana, tua sorella deve aiutare Clarice e tu. Puoi tornare in qualsiasi momento, e quando torniamo, amore mio, vesti il ​​mio angelo, oh zio Chico, certo che ti vestirò, ma prima di andare voglio un abbraccio zio Chico, un abbraccio Luana, io volevo ringraziarti per essere stato così gentile con me zio, certo mio caro, poi Luana l’ha abbracciato e ho notato un silenzio, echeggiante nei corridoi, ho guardato attraverso i buchi delle botti e non potevo credere a quello che stava succedendo vedendo .

Altre storie erotiche  Racconto erotico eterosessuale - Insegnanti indimenticabili

Luana tra baci e carezze con Tío Chico, un abbraccio che si trasformò in un bacio intimo e anche carezze, Luana gli strinse il cazzo duro e del tutto indecente in questa posizione, poi Tío Chico disse, no Luana, non è quella ragazza, hai detto un abbraccia Luana, volevo un bacio anche da te zio Chico, è pazza, non farlo più, zio Chico si è alzato ed è uscito dalla cantina tutto imbarazzato, Luana aveva bevuto troppo e ha dato il segnale.

Luana stava bevendo il suo ultimo drink con questa faccina di chi aveva ricevuto una caramella, Luana era molto diversa da me, quando voleva qualcosa passava attraverso tutto e tutti per ottenere quello che voleva, non era così. Non mi importava Non mi ha sorpreso affatto, era capace di molto di più, le ho lasciato bere il suo vino in cantina e sono tornato sentendomi come se fossi quello con lo zio Chico, volevo avere lo stesso coraggio come lei, ero molto emozionato e coinvolto anch’io, ma lui non avrebbe mai avuto il coraggio di ammettere una simile sensazione.

Avevo assistito ad un bacio tra mio zio Chico e mia sorella gemella Luana, era sicuramente colpa di Luana, aveva il coraggio che io non avevo, non sapevo come evitarlo, pensando che fossi al suo posto, era anche lui che pazza, Luana era pazza, io dovevo essere ragionevole, ma ero molto eccitata e sedotta da tutto quello che stava succedendo, non volevo credere di essere stata sedotta anche da mio zio, altrimenti avrei dovuto visto Luana baciarlo, non credo proprio che non abbia mai avuto quei pensieri peccaminosi, zio Chico era quasi un padre per noi, quello sarebbe stato un atto incestuoso e totalmente disapprovato, solo a pensarci mi si bagnavano le mutandine. Credo che il peccato inizi nella mente, molto prima del faro stesso.

Ora bisognava essere discreti e mantenere il segreto assoluto, per non far sapere a nessuno, soprattutto mia sorella gemella Luana, che sapevo delle sue intenzioni e dei suoi baci in cantina, zio Chico è stato vittima delle perverse intenzioni di mia sorella Luna. , e questo gioco di seduzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *