il vicino scandaloso

di | 9 de Dicembre, 2022

Nel caldo intenso, una camicetta gialla le scopriva le spalle ei pantaloncini neri erano troppo corti per le sue natiche. Camila si sentiva a suo agio a studiare a casa. Nonostante questo, era preoccupato. Una lunga vacanza è stata un’occasione perfetta per riposarsi e trascorrere del tempo nel suo paese natale. Mi sei mancata. Quanto a lei, non sarebbe mai partita per vivere a Bairro Velho, ma suo marito è stato trasferito. L’opportunità di lavoro l’ha costretta ad andarsene contro la sua volontà, ma a poco a poco si è adattata alla sua nuova casa. Ha ottenuto un lavoro, si è trasferito al college e ha ricominciato la sua vita. Spera ancora di tornare nel suo paese natale ogni volta che può. L’occasione, però, si è presentata nel momento peggiore possibile. Con gli esami in arrivo la prossima settimana, non poteva viaggiare, lasciando suo marito e suo figlio senza di lei.

Le mancavano entrambi, suo figlio più del marito, in quei giorni solitari. La sua assenza ha causato un silenzio che ha riempito l’intero spazio di questa casa. Almeno era una buona occasione per studiare. I libri erano sparsi sul tavolo del soggiorno e, nonostante la malinconia, il tempo era perfetto per concentrarsi.

Camila era immersa e perfettamente concentrata quando il suo silenzio fu rotto. I battiti della batteria risuonavano rapidamente, bassi deboli e chitarre distorte facevano quasi tremare il terreno. Una voce quasi soprannaturale coronava la sinistra orchestra. Camila amava il rock, anche l’heavy metal, ma era l’ultima cosa di cui aveva bisogno. Con tutte le seccature di essere sola e di non poter viaggiare, il suo studio pomeridiano è stata l’unica cosa che ha migliorato la sua giornata. Questa musica era inquietante.

Camila si è distratta, cercando di concentrarsi maggiormente sui suoi studi, ma il suono era troppo forte. La tristezza e la malinconia svanirono, lasciando il posto a uno stato d’animo terribile e una rabbia consumante.

Le era chiaro che la musica proveniva dall’appartamento sottostante. La prima azione di Camila fu chiamare l’interfono. Ha provato diverse volte senza successo, probabilmente perché la musica era così alta che nemmeno lui riusciva a sentirla. La sua pazienza si stava esaurendo mentre i ritmi della musica diventavano sempre più veloci. Lasciò il suo appartamento e scese al piano di sotto. La musica si sentiva dal corridoio, era così forte che costrinse Camila a bussare forte alla porta finché non ottenne una risposta.

Aprendo la porta, Camila vide un uomo di ventitré anni vestito solo di pantaloncini. Igor aveva la pelle chiara, incorniciata da muscoli definiti e capelli lunghi e lisci. La mascella quadrata completava lo sguardo rude con l’espressione seria degli amici a cui non piaceva il modo in cui bussavano alla loro porta. Il ragazzo stava approfittando delle vacanze per giocare ai videogiochi quando è stato sorpreso dai muri alzati alla porta da qualcuno che sembrava essersi dimenticato che c’era un campanello. Igor squadrò Camila da capo a piedi, notando le sue cosce completamente nude.

“Sono qui! – disse Camila, attirando l’attenzione del ragazzo con gli occhi fissi sulle sue cosce.

“Ciao cosa vuoi?

“Il tuo stereo è rumoroso e interferisce con i miei studi.

“Mi sembra normale.

“Sei sordo, per caso?” Puoi sentirlo dall’alto.

“No, il mio udito è normale. La musica è così, non c’è modo di impedire a qualcun altro di ascoltarla.

“Sì, usa le cuffie.

Non indosserò le cuffie. La signora che chiude la finestra.

Essere chiamata signora da questo ragazzo le ha quasi fatto perdere la testa, ma Camila voleva solo studiare. Fece un respiro profondo e rispose il più educatamente possibile.

“Per favore, ti prego, abbassa un po’ il volume. Ho un esame la prossima settimana. Mio marito e mio figlio hanno viaggiato senza di me perché ho bisogno di studiare. Quindi per favore aiutami.

Con tutto l’autocontrollo di Camila per non litigare, cercando di essere il più educato possibile, Igor accettò la richiesta e davanti a lei abbassò il volume della musica. Camila sorrise ringraziandolo e tornò nel suo appartamento. Prima di salire le scale, si voltò e vide Igor, fermo sulla porta che la guardava. Era abbastanza sicura che quello sguardo avesse qualcosa a che fare con il suo sedere gonfio in quei pantaloncini.

Se c’era qualcosa che metteva Camila di buon umore, era lasciare che gli uomini mangiassero dalla sua mano. Gridano, sbraitano, cercano di imporsi, ma basta un po’ di fascino e ti chiamano già “amore mio”. Ne approfittava, soprattutto in momenti come questo in cui prendeva in giro anche senza volerlo. Era una vocazione e non l’avrebbe sprecata ed era ancora meglio quando gli uomini la interessavano. Igor era grosso e sembrava una persona arrogante e sgradevole, ma era sexy e le faceva domandare se questo corpo sarebbe stato in grado di mangiarla come piace a lei.

L’heavy metal suonava ancora in sottofondo a casa sua, ma quando il suo umore migliorò, decise di chiudere le finestre come se stesse facendo la sua parte. Fece di più la doccia per compensare il caldo e indossò un’altra maglietta con mutandine bianche, che le faceva comodo stare a casa. Riuscì a ritrovare la concentrazione ea studiare ancora per qualche ora finché il pesante sasso del vicino di sotto gli esplose di nuovo nelle orecchie. Frustrata, Camila decide di chiamare il direttore, lamentandosi del rumore e della mancanza di rispetto del vicino, ma lui dice che non c’era niente che potesse fare. “Vecchio figlio di puttana, non sa fare mai niente, non sa nemmeno aggiustare le lampadine in corridoio” pensava.

Camila fece un altro sforzo. Se l’è messa da sola, le cuffie in modo da non poter sentire la musica, e ha persino messo della musica classica per creare l’atmosfera, ma il suono dal basso sembrava diventare sempre più forte. Irritata, ha chiamato di nuovo e questa volta hanno risposto. Ha gentilmente chiesto a Igor di venire nel suo appartamento e gli è stato risposto.

Igor era in ritardo, ma è apparso, ha spalancato gli occhi non appena ha notato il suo vicino meno vestito di prima.

“Ti ho chiamato qui per mostrarti come ascoltare la musica qui.

“Non sento niente. Ho detto di chiudere la finestra.

“Non la penso così. Ascolto e non riesco a studiare. Nemmeno chiudendo la finestra.

Camila va alla finestra ad aprirla, attirando lo sguardo di Igor sul suo sedere, che ha ingoiato metà delle sue mutandine.

“Guarda com’è con la finestra aperta.

Igor cerca di prestare attenzione al suono mentre guarda le cosce di Camila.

“Adesso puoi sentire un po’, ma se tieni la finestra chiusa non puoi sentire niente.

— Non posso tenere la finestra chiusa, fa troppo caldo. Ho appena fatto la doccia e sembra che stia già sudando?

Camila si avvicina, dando a Igor l’occasione perfetta per guardare tutto il suo corpo senza paura di intromettersi. Tenendo conto di dettagli come le gocce di sudore che le colavano lungo la scollatura, il suo pene si indurì. Fa un respiro profondo cercando di controllare la sua erezione prima che crei un rigonfiamento indesiderato nei suoi pantaloncini e pensa di fare qualcosa per uscirne.

“Va bene, torno di sotto. L’ho tirato fuori solo perché pensavo avessi chiuso.

— No, devo sistemare la notte mentre studio.

Igor salutò e se ne andò frettolosamente. Camila guardò la sua ampia schiena, chiedendosi perché un uomo come quello doveva essere così sgradevole. La musica è calata davvero, e dopo un po’ si è fermata del tutto. Finalmente avrei trovato la pace. Studiò ancora qualche ora e fece un’altra doccia. Pranzò e poi riprese gli studi. La sua concentrazione a quell’ora della notte era al culmine quando un nuovo suono invase la sua casa. Questa volta non era musica, ma un mix di voci, spari ed esplosioni. Anche per guardare un film, ottieni un volume più basso. Camila era furiosa, poiché non pensava che Igor fosse solo qualcuno con un udito terribile. Nonostante ciò, fece un respiro profondo pensando a cosa avrebbe dovuto fare dato che era stata istruita prima e non aveva funzionato. Decidendo un approccio diverso, andò in camera sua a cambiarsi e tornò al piano di sotto nell’appartamento del vicino.

Igor ha visto il suo film interrotto bussando alla sua porta. Non erano le protuberanze che aveva visto prima, ma lo infastidiva comunque. Fece un respiro profondo, sapendo già chi era, e andò a rispondere.

“Ciao !

“Ciao, volevo chiederti di abbassare il volume. Devo ancora studiare.

“Puttana! Non posso ascoltare musica, non posso guardare film, non posso fare niente?

“Stai calmo, signore. Voglio solo che abbassi un po’ il volume. Fammi vedere. Dov’è il controllo?

Igor era sconvolto per essere stato interrotto da questo vicino prima e ancora una volta sembrava interrompere il suo divertimento, ma questa volta era diverso. Prima era visibilmente irritata, cercava di essere gentile, cosa che la infastidiva di più, ma questa volta era più dolce, con un tono La sua voce era calma, quasi facendogli dimenticare il suo fastidio. Camila si fa avanti e lui non si rende nemmeno conto di averla fatta entrare. Fu quando entrò che si rese conto che oltre alla camicetta, la sua vicina indossava solo mutandine nere, più piccole di quelle che aveva indossato in precedenza. Gli occhi di Igor si spalancano quando vede il suo vicino salire sul divano, prendere il telecomando, mettersi a quattro zampe. L’intero culo spiccava alla vista del ragazzo mentre inghiottiva il pezzetto che copriva qualcosa lì. Quando si voltò e notò il ragazzo che continuava a sbavare sullo stipite della porta, allontanò la mano, come per coprire qualcosa.

“Signore, mi dispiace. Sono venuto di corsa e ho dimenticato di essere solo in mutandine.

Igor finse di non essere distratto, chiudendo velocemente la porta. Nel frattempo, Camila continuava a strisciare sul divano, tenendosi una mano sul sedere, rigirando i cuscini come se stesse davvero cercando qualcosa. Igor non sapeva se doveva aiutarla a trovare il telecomando o semplicemente guardarlo. Non gli importava nemmeno più se il vicino gli dava fastidio. Ad un certo punto, Camila sembrava sul punto di ribaltarsi e Igor, con sorprendente buona volontà, si allungò per tenerla per la vita.

“Grazie, ragazzo mio.

“Nessun problema.

Sebbene Camila sia già sostenuta, Igor continua a tenerla per la vita.

“Oh, vergognati! Tutto deve essere visualizzato per te!

Aveva ragione, quindi Igor non l’avrebbe lasciata andare. Il tessuto sul retro delle mutandine si restringe fino a diventare un filo che attraversa la scollatura di Camila, le pieghe sul suo sedere sono visibili. Igor si tolse le mutandine.

“Sei rosa.

“Non parlarmi così, sono una donna sposata!”

«A me sembra una puttana sposata.

“Non dire quelle cose che mi eccitano.

Igor fa scivolare il dito nella figa di Camila, sentendo il suo miele trasudare.

“Sei davvero una stronza.

“Non farmi questo, sono una donna etero!”

Igor non ha fatto il minimo sforzo per contenere Camila. Le sue mani toccarono e accarezzarono dolcemente, strappando sospiri a questa donna. Non si mosse, anche se era libera di farlo. Era abbastanza sicuro che fosse una stronza e non avesse problemi con la musica ad alto volume. Ho appena perso la salita. Non l’avrebbe rifiutata.

Guardando indietro, Camila ha notato il rigonfiamento nei pantaloncini del suo vicino.

“È il tuo pene?”

Igor acconsentì. Camila si morse il labbro.

fammi vedere.

In un secondo, aveva slacciato il bottone e il velcro che le chiudeva i pantaloncini e li aveva colpiti con le mutande. Il suo bell’esemplare indurito fece sorridere Camila.

“Che bel cazzo!

Il tono sommesso della voce di Camila assume un’aria più maliziosa e Igor non resiste e si tira giù le mutandine. La sua figa si apre per ricevere questo corpo caldo e rigido, provocando un gemito forte come un pianto.

“Riduci il disordine!

“Non posso, il tuo cazzo è troppo caldo.

Camila si gira cercando di sentire quanto più cazzo possibile dentro di lei. Igor scopa questa deliziosa donna sempre più velocemente.

“Mi divora!

Camila sta cambiando poco a poco. Il tono morbido e saggio della voce lascia il posto a folli urla di puro piacere.

“Prendimi il culo!”

Igor atterra uno schiaffo.

“Colpisci più forte.

Igor ne colpisce un altro più forte.

“Colpito come un fottuto uomo!” Prendi quel culo rosso!

Igor si sentì sfidato e lo schiaffeggiò più forte che poté, lasciando la mano segnata sul culo grasso di Camila, che continuava a urlare.

“Mettimi il dito nel culo!”

Igor obbedì, spingendo lentamente dentro il pollice.

“Che delizia è quel grosso dito! Metti tutto nella tua puttana!

Igor non poteva sopportare tutte le prese in giro e le spinte di Camila così forte e veloce che non ci sarebbe voluto molto perché lui venisse. Quando si accorse che il respiro del ragazzo stava accelerando, gli disse di fermarsi e lo spinse verso il divano. Lo cavalcò, lasciando che il suo cazzo scivolasse ancora una volta nella sua figa.

“Merda, mi piacciono i cazzi grossi!”

“Accidenti, quanto sei scandaloso!

“Non riesci proprio a sentire bene, tesoro, e il tuo cazzo mi fa venire voglia di urlare che il cazzo di 403 è il più gustoso del Bairro Velho!”

Camila si è rotolata sul cazzo di Igor, facendo scivolare la figa in un movimento estremamente sensuale.

“Toccami di nuovo il sedere!”

Igor obbedì, provocando un altro urlo di Camila.

“Troia! Adoro scopare con un dito nel culo!

Camila urlò al cazzo di Igor, sentendo il grosso dito riempirle il culo.

“Ti insegnerò a scopare.

Camila le afferrò i capelli, spingendo indietro la testa mentre accelerava con un botto. Il suo corpo si muoveva con forza e il suo vizio inghiottiva vigorosamente il cazzo di Igor.

“Sexy figlio di puttana!” Maledetto cazzo! Stolto! Malizioso!

Camila maledisse Igor con tutti i nomi che riusciva a ricordare, muovendo i fianchi sempre più forte finché tutto il suo corpo non tremò. L’orgasmo di Camila la fece urlare più forte e più a lungo.

Sudata per la fatica, scese dal vicino e si infilò le mutandine, mandandogli un bacio a distanza. È corsa fuori di casa giù per le scale in modo che nessuno la vedesse in mutandine lì. Igor era seduto sul divano, perplesso a lungo dopo le percosse che aveva ricevuto. Si alzò per vestirsi proprio mentre suonava il campanello. È il sovrintendente che ti informa della multa per pagare i rumori molto forti e inappropriati uditi dai vicini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *