IMPARARE CON I SORDI EVANGELICI

di | 12 de Dicembre, 2022

Non avevo mai vissuto questa esperienza di cui vi parlerò.

Ho fatto sesso spettacolare con donne giovani e meno giovani, cugine, sconosciute, amiche, ma questo mi ha lasciato un segno interessante.

Tutto è iniziato quando ho perso una scommessa con mia madre che è molto religiosa, poi sono dovuto andare in chiesa con lei per assistere a una funzione.

Niente contro la religione, ma non sono mai stato molto devoto alla chiesa, fino ad ora…

Quando sono entrata in chiesa l’ho trovata anche interessante, molte donne calde, e alcune con la gonna attillata, ammetto che mi sarebbe piaciuto avere l’opportunità di fare sesso con alcune di loro, ma comunque, veniamo al dunque.

Sono entrato e mi sono seduto su una sedia, quando ho visto varcare la porta una donna che all’inizio non mi è sembrata speciale, era molto calda, lo ammetto, si chiama Patricia, ma i fedeli e gli amici della chiesa soprannominati la sua Paty, una donna di 45 anni, alta circa 1,60, bianca, capelli neri lisci, fino a metà schiena, enormi seni rotondi, che grossi meloni che ha, culo enorme, rotondo e sodo, ragionevole – mi piace soprattutto un culo grosso e carina – ma anche lei ha un bel sedere, cosce paffute e bei fianchi per una buona presa alla pecorina.

Ciò che attirò maggiormente la mia attenzione e accrebbe il mio desiderio fu il fatto che fosse sorda, sì, sorda.

Sono rimasto sorpreso di come sia finita lì nella chiesa, perché non si traduce in BILANCIA, ma lei era lì. Dapprima prestando attenzione, prima al suo enorme seno – la ricordo con indosso una camicetta rosa e una gonna nera al ginocchio – e poi cercando di capire come interpretasse questo rito religioso.

Ho notato che lei, pur non ascoltando, comprendeva appieno le persone intorno a lei, leggendo le loro labbra.

L’ho trovato interessante, durante il servizio, guardava sempre, fino a quando si è accorta che, la prima volta che i nostri occhi si sono incontrati, non le importava più, la seconda volta, credo si sia accorta che la stavo ancora guardando e ha iniziato guardare indietro. , non antipatico o interessato, ma per curiosità visto che ero nuovo lì e non credo che lei capisse perché continuava a guardarla.

Quando finalmente il servizio finì, la gente si alzò, alcuni mi salutarono, altri parlarono, e i miei occhi erano ancora su di lei, ma dopo pochi minuti se ne andò, tornando a casa, come se non volesse niente, le chiesi . mia madre su Patty, ho usato la sordità come scusa, e ho scoperto che è single, è nata udente, ma a 5 anni ha avuto una malattia e io sono sorda, frequenta la chiesa da molti anni, non si è mai sposata, è partita prima, ma non si è mai sposata, vive da sola, i suoi genitori vengono da lontano, è venuta a San Paolo per studiare la Bilancia, ha finito per amarla ed è rimasta.

Vive a pochi isolati dalla chiesa, in una stanza in affitto sul retro della casa di una vecchia.

Durante la settimana ho fatto ricerche sulla lingua dei segni online, perché il desiderio di una bella scopata non…

E ho imparato alcuni segni, e nel servizio successivo stavo cercando di capire come parlarle, quando ho fatto i primi segni, lei ha risposto, pensando che conoscesse la lingua, poi ho notato che non conosceva la Bilancia bene. e lei è venuta ad ascoltarmi, mi ha voltato le spalle ed è andata a parlare con altri amici, mi sono arrabbiato, perché sembra arrogante e orgogliosa, trasmette indipendenza e superiorità, il che mi ha fatto venire ancora più voglia di scopare questa donna, solo per il piacere di farlo.

Accelererò un po’ la storia, perché in questo gioco ci sono stati mesi di servizi, conversazioni, ecc., ecc., finché non sono stato nel suo letto a fare sesso apposta.

In sintesi, durante questi mesi mi sono avvicinato a lei per la prima volta con l’intenzione di imparare la Bilancia, fino a quando l’ho convinta, mesi dopo, a darmi lezioni.

All’inizio ci siamo incontrati in una pasticceria vicino casa sua, lei sedeva da sola e la conversazione è durata un’ora, un’ora e mezza, ma il vantaggio è stato che non dovevo più andare in bagno per vederla.

Indossava sempre gonne, camicette senza scollatura, i capelli raccolti all’indietro, gli occhiali, tutto questo aumentava il mio desiderio per lei, ma non si è mai arresa, mi piaceva quando arrivava con le gonne più strette, perché si vedeva il segno di lei mutandine. in quel culo che tanto desideravo, a volte era un perizoma, a volte mutandine più grandi, ma sempre delizioso…

In una giornata calda, ha chiesto un gelato e per sbaglio le è scivolato giù dalla camicetta, sul petto, con la massima calma del mondo, si sente sotto il seno per tenerlo e con l’altra mano pulisce la finestra, sembra sciocco, ma vederla farlo è stato emozionante quando lui le ha afferrato il seno per pulirlo, facendomi impazzire.

A volte, facendomi un segno, mi prendeva le mani e arrossiva un po’, ma sempre con la sua aria di superiorità e arroganza.

Un bel giorno, quando arrivò in pasticceria, non aveva portato i fogli di materiale per studiare, e andammo a casa sua, io già pensavo a una bella scopata in mille posizioni diverse.

Entriamo, chiacchieriamo qualche minuto con la padrona di casa, e usciamo in fondo al patio, dove c’era la sua camera da letto, una stanza grande con un bagno e una piccola cucina, ma molto pulita e profumata.

Sono entrato e mi sono seduto su una sedia accanto al letto, abbiamo parlato e abbiamo avuto la lezione proprio lì.

Ho chiesto di andare in bagno, e quando ho chiuso la porta, ho visto il tuo babydoll appeso dietro la porta, bianco con sopra disegnati degli orsacchiotti marroni e rosa, l’ho preso per sentirne l’odore, profumato, eccitante, cosa un profumo la donna è deliziosa, wow… avevo un’erezione in quel periodo, da quel giorno si organizzarono dei corsi a casa sua, la porta era sempre aperta, io mi sedevo su una sedia e lei sul bordo del letto

Ogni volta che andavo a casa sua, mi mandava un messaggio e mi apriva la porta.

Un giorno ho mandato un sms e niente… sono entrata dal giardino, la padrona di casa sembrava non esserci, sono andata sul retro della casa ed ho avuto una visione di paradiso. Paty era fuori, ancora nella bambola, aveva le spalle per appendere i vestiti alla corda, quasi cadeva all’indietro, lei con la bambola bianca, molto aderente al corpo, stendeva i vestiti in punta di piedi, era senza mutandine, con i suoi pantaloncini infilati su quel delizioso culetto, i pantaloncini erano corti e alti in modo che potesse vedere l’inizio del culetto caldo che desiderava tanto, era in punta di piedi e il suo sedere si impennava di più, quando abbassarono i talloni sul a terra il suo sedere ha dato un piccolo brivido per l’impatto è stato uno spettacolo ricordare quelle cosce grosse in vista e la sua camicetta sollevata quando si è rotolata siamo rimasti sorpresi di vedermi lì, e io di vedere quei deliziosi seni grandi, con la camicetta piena di tensione, i suoi seni erano davvero pieni e rotondi, con il segno del broncio sulla camicetta sottile e sexy. Così mi sono ripreso e le ho detto che le avevo mandato un messaggio, lei scherzosamente ha detto che non aveva “sentito” l’anello, l’ho salutata con due baci e ho sentito il profumo naturale dei suoi capelli e della sua pelle, che donna sensuale e bella. Quando siamo entrati, le ho fatto scorrere leggermente la mano sul sedere, l’ho fatto sembrare accidentale, non ho resistito, non ha detto niente.

Altre storie erotiche  Ho dato una formazione completa al tirocinante appena sposato!!!

Ero pazzo, mi sono seduto sulla sedia davanti al letto e lei si è messa la vestaglia, improvvisamente è salita a quattro zampe sul letto per prendere il taccuino che era sopra il comodino dall’altra parte, ad ogni movimento il il vestito le stava entrando nel culo, lasciando il segno dei pantaloncini, le sono quasi saltato addosso, ma ho lasciato uscire un: Aaah delizioso! Perché sapeva che lei non avrebbe ascoltato.

Era seduto di fronte a me, ma lei poteva vedere che ero nervoso.

Ero al limite, quasi scoppiavo di lussuria, le mie palle dolevano e il mio cazzo pulsava…

E lei era lì in accappatoio, profumata, i capelli sciolti, finché non mi ha preso la mano per correggere un segno che mi ero perso apposta, le ho preso la mano e ho colto l’occasione, a quel punto mi sono acceso e sono andato a baciarla, lei, dapprima si è girata con la testa, ma io sono stato più veloce e sono arrivato prima alla sua bocca, le abbiamo dato un lungo bacio, si è alzata con il suo sguardo arrogante, era molto arrabbiata, o fingeva di esserlo, mi ha detto che aveva ha confuso le cose e che non avrebbe dovuto portarmi a casa con lei, che era stato tutto un errore e mi ha chiesto di andarmene. In quel momento ero imbarazzato e sono andato verso la porta, ma mi sono fermato, lei era dietro di me, mi sono girato, l’ho afferrata per la vita e l’ho costretta a baciarla, all’inizio ha fatto dei rumori con la bocca e ha cercato di spingermi, ma poi lui si rilassò e ci baciammo, quella bocca calda e morbida, piano piano le mie mani cominciarono a scendere sul mio sedere e cominciai ad accarezzarlo lieve, quando non sentii alcun rimprovero. Lo desideravo tanto, mi infilai le mani in quel culetto delizioso, sentendo il segno dei pantaloncini, poi lei girò la testa e mi guardò per qualche secondo, mi trascinò a letto e andò alla porta, guardò sempre dritto. dalla casa, chiuse la porta, mi sorrise, corse e saltò, buttandomi a letto, era diversa, sembrava un’altra persona, questa donna saggia e arrogante aveva lasciato il posto a una donna focosa e sfrenata.

Le afferrai il sedere e mi girai verso di lei, mentre le succhiavo la lingua e lei la mia, alzavo le mani e annusavo quei meloni che tanto desideravo, ci bruciavamo, gemevamo, lei mi strappava i capelli dalle mani, mi mordeva bocca, le ho slegato la vestaglia, lei si è seduta senza aprire bocca e se l’è tolta, io subito mi sono alzato e le ho tolto la camicetta, ho guardato per qualche secondo quei seni enormi, duri, sodi, morbidi, mi sembrava intravedere un paesaggio perfetto, dopo mesi, finalmente sarebbero stati miei e lui le è entrato in bocca, era calda, bruciava, mi sentivo sdraiato sopra di lei e mi consolavo in quelle tette, mi massaggiavo mentre mordevo, Ho succhiato i capezzoli, ho leccato molto lentamente, ho baciato fino in fondo le tette e leccato fino in fondo le cime dure, lui mi ha accarezzato i capelli e ha gemito, mi sono tolta la maglietta e ho messo la bocca tra i seni e con le mani ho stretto i lati. Sono andato a baciare e leccandosi svolazzando sul ventre cominciò a ridere e a tirarmi i capelli, finché non arrivai dove volevo mi inginocchiai per terra e le misi la faccia tra le gambe lei emise un forte gemito, mi succhiai i pantaloncini, lasciandoli tutti bagnata, ho strappato i pantaloni con la biancheria intima, le scarpe da ginnastica e i calzini, mi sono sentito le tette, poi ha alzato i fianchi per farmi togliere i pantaloncini, quella bella figa, chiusa, rasata e puzzolente, era intrisa di lussuria. Lei allargò le gambe, poi le afferrai la figa molto lentamente, era fradicia e calda, feci scorrere la lingua dal perineo al clitoride e con le dita massaggiai sotto mentre la mia lingua ci giocava, sotto la lingua attraverso la figa e perineo al culo ho notato che le piaceva, perché i fini capelli biondi sulle sue cosce erano spettinati, le ho leccato il culo e le mie dita le hanno massaggiato il clitoride, ha emesso un gemito lungo e piacevole quando l’ho ascoltata, quando l’ho vista comincio a gemere più intensamente ho alzato gli occhi scale mi sono concentrato a succhiare il clitoride e molto lentamente ho inserito due dita nella sua figa e ho iniziato avanti e indietro ho sentito la sua figa contrarsi sotto le mie dita ha allargato di più le gambe e mi ha afferrato i capelli i gemiti si intensificarono e poi lei venne, venne come una puttana in calore, gemette a lungo ea lungo, ad ogni gemito alzava i fianchi facendo affondare la mia bocca più a fondo nella sua clitoride e le mie dita più a fondo nella sua figa.

Appena l’orgasmo finì, alzai la testa, lei rise quando vide il mio viso tutto macchiato, mi pulì con le mani e tirò il mio corpo, siccome ero tutta bagnata, salii baciandole il ventre e i seni, io posizionato il mio pene all’ingresso, sono rimasta qualche secondo a “spazzolarlo”, lasciando la testa molto bagnata del suo liquido vaginale, quando era già ben lubrificato dal suo liquido caldo, l’ho posizionato all’ingresso e l’ho penetrato, molto lentamente e con una sola spinta il mio cazzo è entrato fino a che le palle le hanno toccato il culo, lei ha chiuso gli occhi, ha stretto i denti e ha tirato indietro la testa, come se fosse calda e stretta, il mio cazzo mi faceva anche un po’ male quando sono entrato, che schifo figa deliziosa, mi sono fermato per qualche secondo, baciandole e succhiandole la lingua, e poco a poco ho cominciato ad andare avanti e indietro, lei gemeva nel mio orecchio, quando ho sentito che si era abituata, ho cominciato a salire , le ho afferrato il culo e l’ho penetrata volentieri fino a quando in fondo ho sentito che la mia palla mi toccava il culo, ne ho tirato fuori la maggior parte e l’ho rimesso in v o, ad ogni potente spinta lei gemeva tutta quell’arroganza era sparita lei era domata io appoggiai i gomiti sul letto e lei iniziò a spingere forte e veloce i suoi gemiti singhiozzarono ora lei mi affondò le unghie nella schiena e avvolse le sue gambe attorno alla mia vita io sentì la sua figa schiacciare il mio cazzo tornò indietro gemeva muovendo i fianchi e digrignando i denti venne in modo caldo e intenso per vederla consegnare il modo in cui era l’adempimento dei desideri che aveva per lei. Ho iniziato a sentire che stavo per venire, ma non ero pazzo a finire così, quando si è calmata dopo l’orgasmo, ho preso il mio cazzo molto lentamente e l’ho tirato giù, mi sono sdraiato sul letto, no non lo so Non ho nemmeno bisogno di dire qualcosa, saltò improvvisamente sul letto. Sopra di me ha messo il mio cazzo all’ingresso della sua figa e si è seduto molto lentamente, quando l’ha seppellita per sempre lei ha gemuto e ha alzato gli occhi al cielo gettando la testa all’indietro ho afferrato il suo delizioso culo e ho cominciato a metterlo su e giù, è stato spettacolare vedere le sue tette bollenti tremare con le spinte, ho allargato di più le gambe per affondare più a fondo in quella figa, lei gemeva e alzava gli occhi al cielo, quando mi sono stancato di andare su e giù ha iniziato a cavalcare, sembrava una esperta cavallerizza, mi ha messo le mani sul petto e ha appena mosso i fianchi, in quel momento stava un po’ dominando, era sopra, con la sua figa che mi succhiava il cazzo, e mi guardava negli occhi con tutta la fiducia in quello che stava facendo, le mie mani le corsero su tutto il corpo, accarezzandole il viso, le massaggiai le tette, le abbassai la vita, le afferrai il sedere, le abbassai le gambe e le massaggiai i piedi, le piacque, sorrise e annuì. t, mentre il mio cazzo invadeva avidamente la sua deliziosa figa le massaggiai i piedi e il polpaccio, così mi sedetti per poter succhiare quelle deliziose tette, con una mano cominciai ad accarezzarle le tette e poco a poco le portai le dita alla bocca , mentre spingeva dal basso verso l’alto, una mano le teneva stretto il culo e due dita erano nella sua bocca, lei succhiava bene, quando erano molto bagnate, mi sono abbassato e ho iniziato a giocare con il suo culo, le ho massaggiato lentamente il culo e baciandole la bocca le ho infilato un dito molto lentamente, lei ha cominciato a gemere e sorridere allo stesso tempo, facendo una smorfia maliziosa, mentre il mio dito era già completamente nel suo culo, ho inserito il secondo, così ha detto: aaah due ?! Tenendomi la faccia e mordendomi la bocca, lei con una faccia da troia, il mio cazzo sepolto nella sua figa, lei si attorcigliò con le mie dita nel suo culo, il mio cazzo sentì la sua deliziosa figa, finalmente ero nel letto di quella donna che desideravo così tanto male, ancora un po’ e stavo per venire selvaggiamente dentro quella calda figa stretta. Eravamo sudati e senza fiato, poi all’improvviso ho sentito bussare alla porta, in quel momento mi sono fermato, l’ho guardata spaventata, lei ha ansimato con il viso incollato al mio e mi ha chiesto: cos’era, perché ti sei fermato? Mordendomi la bocca, ho detto che hanno bussato alla porta, lei ha fatto una faccia sorpresa, poi hanno bussato di nuovo, ho detto di bussare ancora. Voltò il viso e chiese con le mani: Certo, alla mia porta? Ho detto di sì, stava ansimando e sudando, ha allungato il collo verso la porta, le sue tette si muovevano così bene, ho guardato in basso e ho visto la sua figa con il suo cazzo dappertutto, poi abbiamo visto qualcuno stringere la mano. dal vetro della porta, e li ho sentiti bussare di nuovo, la situazione era, eravamo sudati e ansimanti, il mio pene sepolto dentro di lei, due delle mie dita nel suo culo ei nostri corpi incollati insieme. Poi mi ha messo entrambe le mani sul petto e ha detto: Accidenti, chi diavolo è adesso?! Mi ha guardato per qualche secondo con una faccia arrabbiata, poi mi ha tolto le mani di dosso, si è alzata da me, è scesa dal letto, non ci potevo credere, si è messa la vestaglia, ha chiesto di andare in bagno , sono andato da lei e lei ha aperto la porta, era la vicina, che aveva bisogno di me per fare non so cosa, che diavolo, è andata in bagno con una faccia furiosa, mi ha detto di aspettarla che doveva andarsene con urgenza, sono rimasto sbalordito guardandola, le ho detto di rispedirlo alla vecchia e andiamo avanti, l’ho beccata in bagno e ho iniziato a baciarle il collo, ma lei non voleva la donna per accorgersi che era con A casa, scopare ancora, mi ha spinto, si è vestita, mi ha dato un bacio e se n’è andata dicendo che dovevo aspettarla, perché non aveva ancora finito l’argomento con me, era arrabbiata, era quasi arrivata.

Altre storie erotiche  Un rapporto a tre con la ragazza cattiva

Ne ho approfittato, mi sono fatto una bella doccia e mi sono sdraiato sul letto, visto che non è venuta ho finito per addormentarmi, mi sono svegliato con lei che apriva la porta, ma ho fatto finta di dormire, lei lentamente ha chiuso la porta, si è tolta i suoi vestiti ed è andato a letto ho iniziato a baciarmi, mi ha baciato il viso, il collo ed è sceso mordendomi e leccandomi il corpo, ora toccava a me avere la ricompensa, e che bocca dolce, quando è arrivato al mio cazzo lui non ha fatto una cerimonia l’ho succhiato la mia ragazza me lo succhiava raramente, e lei lo succhiava solo molto insistentemente e male, ora eccomi qui, sdraiato, con la parte superiore calda della mia testa a quattro zampe nel letto, mordendomi il cazzo e guardandomi negli occhi per valutare la sua prestazione, ho affondato le mani nei suoi capelli morbidi e lisci, dopo che si era inzuppato di saliva mi ha baciato ed è scesa, mi ha aperto le gambe e ha iniziato a leccarmi il perineo, che incredibile sensazione, mentre si masturbava, il suo naso ha strofinato la mia borsa e la sua lingua ha attraversato il mio perineo e il mio culo, all’inizio ho pensato che fosse strano ma poi è stato fantastico, il momento più bello è stato quando si è messa le mie palle in bocca, è stato un misto di dolore e piacere, la mia bocca era piena e mi stavo ancora masturbando, ho chiuso gli occhi e mi sono goduta questo fantastico pompino, improvvisamente lei mi viene sopra e mi cavalca di nuovo, era già bagnata e arrapata dentro, mi ha spinto le tette in faccia e io ho cavalcato come un troia, questa volta era più aggressiva ma volevo metterla alla prova in modi diversi, come avevo pensato, e mi sono girato sopra di lei, le ho girato il corpo e l’ho messa a quattro zampe e ho spinto la mia faccia contro il suo culo, l’ho seppellita faccia nel cuscino e gemette forte, leccò quella figa dappertutto, le baciò il culo mordendola, tirando fuori la lingua dal clitoride nel suo culo, quando era tutto imbrattato di saliva, mi alzai, presi il mio cazzo e iniziai accarezzandole il culo con lei, muovendo la testa molto lentamente verso l’ingresso della sua figa e del suo culo, lasciando tutto coperto di saliva e fluido vaginale. , così l’ho inserita, ho invaso di nuovo quella figa calda, lei gemette rumorosamente nel cuscino. Ho sempre trovato eccitante insultare il tuo partner durante il sesso ma alla mia ragazza non piaceva diceva che era maleducato era molto saggia ma ora ero lì con una donna sorda anche se non le piaceva non lo era . ascoltando, così ho iniziato: ti piace la mia piccola troia, ti piace essere sculacciata in quella figa? Ti fotterò come una puttana per strada, oh mia vacca, che figa calda, romperò tutto, sarai tutto arrostito. E ho cominciato a spingere forte, il suo sedere tremava per tutto l’impatto del mio bacino, ad ogni spinta gemeva, ei suoi capelli ondeggiavano così allargava ulteriormente le gambe. – Ecco, mia puttana, spalancata, lascia che il tuo macho mangi questa figa con piacere, mia piccola puttana calda, lascia che te la metta da sola, me la darai quando voglio la mia puttana. Ha iniziato a scuotere e scuotere i fianchi e l’ho vista afferrare le lenzuola e l’ho sentita gemere più forte. “Stai scherzando sulla mia mucca? Ehi? ! Stai prendendo in giro il pene del tuo uomo? ! una delizia vederla – era a quattro zampe e veniva, ad ogni spinta il suo culo tremava per tutto l’impatto e sentivo il rumore mescolato ai suoi gemiti e ai miei, se fosse arrivata la vicina in quel momento avrebbe sicuramente sentito tutto, perché eravamo in una grande ustione, poi si è fermata, era totalmente passiva, ho tirato fuori il mio cazzo e le ho messo di nuovo la faccia nel culo, ma questa volta mi sono concentrato sul suo culo, l’ho leccato e massaggiato, con lei. ancora a quattro zampe, dopo che era ben bagnata, l’ho messa su un fianco, mi sono sdraiato sulla schiena, le ho sollevato una delle gambe e ho puntato il mio cazzo verso l’ingresso di quel delizioso culo, pensavo che avrebbe resistito, ma era passivo e ansante, ho cominciato a baciarle il collo, le ho messo un braccio sotto la vita e le ho afferrato i seni deliziosi, e con l’altra mano ho diretto il mio cazzo, e molto lentamente l’ho invasa, il che la delizia quando sente il mio cazzo invadere quel culetto, il rumore della pelle bagnata che si sfrega contro di esso, ho fatto entrare il mio cazzo molto lentamente, quando era tutto dentro, ho iniziato a spingere molto lentamente, e l’ho aumentato a poco a poco, dopo qualche minuto ha aumentato le spinte, poi mi mise un braccio sopra la testa e mi afferrò i capelli, digrignando i denti e gemendo. Ora l’ho messa senza pietà, ho premuto la sua gamba contro la mia, con una mano le ho massaggiato i seni e con l’altra le ho infilato 3 dita nella sua figa, lei gemeva forte e gustosa tenendomi le mani sulla sua figa, quasi mi stavo godendo anche io , l’ho sentita tremare ovunque, ho intensificato la mia masturbazione su di lei, e all’improvviso l’ho lanciata sopra di me. La vista era che ero mezzo sdraiato sul letto – la mia schiena era sui cuscini – lei era sopra con la schiena rivolta verso di me, avevo tre dita nella mia figa e il mio cazzo sepolto nel mio culo, lei si sdraiò e si fece un poco eccitato dal suo fianco, l’ho afferrata per la vita, ho abbassato la testa e le ho succhiato un seno, lei con un braccio intorno al mio collo mi accarezzava i capelli e gemeva era uno spettacolo delizioso si muoveva e il mio cazzo era da uno fianco all’altro le ho succhiato i capezzoli, le ho massaggiato la vita e con l’altra mano ho affondato tre dita nella sua figa, lei gemeva deliziosamente, quando mi sono stancato di spingere su e giù si è rotolata con il mio cazzo sepolto e le mie palle che si strofinavano contro il suo perineo, poi ho cominciato a sentire un brivido percorrermi le gambe e il sacco, ho intensificato le spinte, lei ha cominciato a stringermi le dita ea tremare mentre gemeva, poi siamo scoppiati in un gustoso orgasmo contemporaneamente. stringendomi le dita, segandole i denti e afferrandomi i capelli, e io nel suo culo caldo, pieno di sperma, al momento del mio sperma, le ho morso il petto e lei ha urlato, era sperma intenso, mi sono venuto su tutto il culo , ad ogni sborrata spingevo di più, non volevo perdermi questo momento, quando finivo di sborrare, eravamo sfiniti, sudati e ansanti, sono rimasto un attimo in lei, ora mi accarezzava i capelli e io baciavo dove lei mi aveva morso sul petto c’era un piccolo segno dei miei denti ma lei ha detto che dopo che le è piaciuto ho preso il mio cazzo lentamente ascoltandola andarsene lei è scesa da me, con il culo grondante sperma sopra il lenzuolo eravamo soddisfatti lei sdraiata sul mio petto e l’ho abbracciata siamo rimasti entrambi in silenzio guardando il soffitto, riposando un po’, lei si è addormentata calma e confortata, circa due ore ha piovuto Pomeriggio l’ho svegliata molto lentamente accarezzandola e baciandola sul viso, siamo andati a la doccia insieme, non abbiamo fatto niente, eravamo esausti, anche se io ero emozionato sotto la doccia, mi ha appena lavato il cazzo, ma quando ho provato a darle un’altra t ho finito con lei in bagno lei l’ha interrotta e se n’è andata Sono rimasto ancora qualche minuto non sapevo come fosse andata da lì avevo una ragazza che viveva da sola in una stanza poi Siamo giunti alla conclusione che dovremmo smettere con le lezioni.

Altre storie erotiche  Scopa sua moglie con un potente vibratore

Ammetto che volevo continuare la nostra avventura, ma lei ha deciso di non farlo, perché era meglio così, ma dopo quel giorno, l’ho convinta ancora e ci siamo visti ancora qualche volta per ammazzare la voglia, con diritto di pompini e sesso anale, finché non ho trovato lavoro in un’altra città e i nostri giochi erano finiti per sempre.

Ma è stata un’esperienza indimenticabile e calda, mangiare una deliziosa surdinha.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *