Io e i miei amici (prima parte)

di | 12 de Dicembre, 2022

Se hai 17 anni ed etero, devi essere stato con una ragazza e chissà, forse hai anche perso la verginità, perché io non lo sono, e per finire, ho due cari amici che a scuola passano per generici, nel condominio e anche nel quartiere, beh mi chiamo André e sono un vergine etero di 17 anni ei miei migliori amici sono i due ragazzi più cattivi che abbia mai incontrato. Ho conosciuto nella vita Davi, una bella mora e dedita al calcio, e Bruno, un ragazzo che sembra un tedesco per quanto è bianco e biondo, io e i miei amici ci conosciamo da quando eravamo bambini, viviamo tutti insieme costruiamo e le nostre madri sono grandi amiche tanto che viviamo l’una nella casa dell’altra.

Non ti mentirò, volevo davvero perdere la mia verginità e i miei amici hanno cercato di aiutarmi, mi hanno persino presentato una ragazza con cui entrambi erano andati a letto prima e niente ha funzionato, inoltre ero completamente inesperto, io e i miei amici si masturbavano insieme quando eravamo più giovani, mi piaceva guardarli mentre si masturbavano accanto a me, a volte prestavo più attenzione al cazzo di Bruno che alla tv che mostrava porno che Davi beccava a nascondere cose a suo padre, non ci siamo mai ripresi ma mi sono divertito sessioni di masturbazione, ma c’è stato un sacco di tempo che non è successo perché i ragazzi hanno iniziato a fare sesso con le ragazze nell’edificio, quindi sono rimasto solo nelle mie sessioni. Ho anche pensato di mentire e dire che non ero vergine. ma mi hanno beccato a mentire, ogni volta che Davi o Bruno facevano sesso mi mandavano un resoconto dettagliato delle loro scopate nel nostro gruppo WhatsApp, e lì, ammetto che a volte mi masturbo leggendo i loro resoconti.

Siamo stati inseparabili dal momento in cui Bruno ha concluso la sua prima relazione perché la sua ragazza era eccessivamente gelosa di noi, soprattutto di me, noi tre eravamo come fratelli ed eravamo molto intimi, tanto che i nostri amici non lo erano. Si chiamavano anche di più, ci sedevamo uno sulle ginocchia dell’altro, ci abbracciavamo sempre e anche i baci sulla guancia erano comuni tra noi tre, a scuola eravamo nella stessa classe e anche il preside non era pazzo di scioglimento Io ero quello intelligente, Davi il calciatore popolare, il ragazzo giocava da professionista e Bruno era quello che prendeva più donne, un pollo vero che tutti commentavano, ma tutti volevano che se lo portasse via.

Tutto tra noi era più normale che mai fino a quando un fatidico fine settimana prima di Carnevale, Bruno fu invitato a una festa pre-carnevale a casa di una delle sue prostitute e siccome tutti sapevano che invitare uno era invitare tutti e tre che lei no. t. Non mi sono nemmeno preso la briga di invitarci, Bruno era così eccitato perché avrebbero avuto così buone possibilità che perdessi la verginità, seriamente a volte pensavo che avrebbero smesso di fare sesso solo per farmi perdere la verginità, anche questo tipo di quasi . è successo in questa festa ma andiamo in parti,

Altre storie erotiche  Racconto erotico diretto - El Encierro: Io, mia figlia, mio ​​figlio e il nostro servo

Bruno: Dannazione Andrezinho, te ne vai anche se devo legarti.

Davi: Non guardarmi nemmeno come quel fratello, sono d’accordo con Brunão, te ne vai e basta.

Io: devo studiare, ho la prova del corso.

Bruno: Stai mentendo, Samanta sta studiando con te e mi ha detto che non ha un esame, quindi non trova scuse.

Io: A volte penso che tu abbia messo quella ragazza a guardarmi durante la lezione di preparazione.

Bruno: Non ho intenzione di confermare o smentire, ma ti ho già detto che anche lei ti vuole bene, anche Davi ha già mangiato un uomo.

Tutti e tre dovevamo fare era andare a letto con la stessa ragazza nello stesso momento in cui Davi e Bruno condividevano spudoratamente adesivi di non essere una ragazza che avrebbero potuto essere la regola, dovevo accettare di andare alla festa dopo. il mio alibi è stato contraddetto dalla puttana Samantha. La festa sarebbe stata di venerdì e la parola magica per mia madre per lasciarmi andare ovunque era che anche i ragazzi andavano, Davi era il ragazzo più responsabile in ogni ritrovo, anche ubriaco, il ragazzo poteva prendersi cura di noi in modo che ai nostri genitori non importava nemmeno a che ora arrivavamo.

Anche contro la mia volontà, eccomi pronto per la festa, vestito come sempre, jeans e polo bianca, il primo ad arrivare è stato Davi che era ancora altrettanto bello, con pantaloncini di jeans neri e una camicetta nera di base anche la sua tradizionale cordone d’argento. e un sorriso fanciullesco che completa il suo bell’aspetto Bruno è arrivato più tardi indossando pantaloni come me e una polo blu scuro abbiamo preso un uber e abbiamo lasciato Joyce era un caso Bruno non l’ha presa o lasciata lei aveva genitori ricchi e la sua casa era un casa C’era una grande piscina e un campo da calcio medio all’interno del campo. La casa era piena e si sentiva musica funk all’interno. Nonostante la casa fosse piena, c’era la sicurezza alla porta e si entrava solo con il proprio nome Ci è voluto un po’ per entrare perché la nostra padrona di casa si è semplicemente dimenticata di mettere il mio nome sulla lista, ma una persona pazza che era gelosa di me con Bruno, venti minuti dopo ho tirato fuori il telefono per chiederti un super.

Bruno: Basta André, lo sto già risolvendo qui.

Io: Dannazione Bruno, non volevo nemmeno venire.

Davi: Ma dubito anche se si è dimenticato del bambino.

Bruno: Non stai aiutando Davi a cagare, ma non andremo a casa.

Ogni gruppo di amici ha il vecchietto che nel nostro caso siamo io e il nemico alla fine e quello era sicuramente Bruno, e io mi sono sempre lasciata trasportare da lui e Davi, mi hanno trascinato in un fottuto rave, perché non è anche io so come si fa permesso, la musica era alta ed era molto affollato, il posto era in un posto a 40 minuti dalla capitale, la musica era anche buona e poco alla volta ci siamo contagiati, Davi è scomparso per un mentre e dopo arrivava con un drink, era il suo regalo incontrarsi sempre al club per quanto fosse impegnato se ne andava sempre e tornava anche quando ci cambiavamo, Bruno diceva che era il suo istinto paterno.

Altre storie erotiche  Ho scopato la ragazza del mio amico

So che ho toccato il drink e ho saltato e mi sono divertito (ehi non giudicatemi ho detto che ero vergine e non puttana) come sempre il primo a sparire era Bruno, Davi voleva anche stare con me, ma un fottuto donna sexy lo ha appena baciato e il mare di persone li ha inghiottiti entrambi, avevo già perso la cognizione del tempo quando ho visto Bruno chiaramente arrabbiato con un proiettile mi ha afferrato la mano e mi ha sparato, l’ho appena seguito lungo la strada, siamo stati intercettati da Davi e Bruno fecero lo stesso, lo presero per mano e gli spararono, mentre uscivamo dalla gente di mezzo, ci condusse in una parte più buia e vicino alla casa nel campo,

Bruno: Oggi ti aiuteremo a diventare un uomo Andrezinho.

Io: ciao? Di che diavolo stai parlando.

Davi capì subito e sembrava già molto più emozionato di me, Bruno ci portò dentro la casa dove dentro si stava svolgendo un’altra festa più riservata, prendemmo da bere dalla cucina e ci portò in una stanza all’ultimo piano, tipo Appena mentre entravamo c’erano due donne nude che si baciavano, si baciavano e tutto ciò a cui avevano diritto, Bruno chiuse la porta dietro di noi, si spogliò e si unì alle donne che erano anche belle, ma io ero sull’orlo della follia, “rilassati ” Davi Andiamo da me e spogliamoci senza cerimonie o pudore e seguiamo Bruno, abbiamo anche fatto il bagno insieme quindi la nudità non è mai stata un problema per noi ma non potevo quindi l’ho tolta dalla camicetta con calma pensando a come uscirne di lì, però, la mia voglia mi ha tradito non appena ho visto i cazzi durissimi dei miei amici. Davi aveva un grosso cazzo nero. cm o 18 cm e il cazzo di Bruno era uno spettacolo a parte, aveva un pene grosso circa 20 cm, era bianco con la testa rosa e pieno di vene, va bene Davanti a me le donne si stavano divertendo, una gli succhiava il cazzo Davi mentre l’altro baciava Bruno, Bruno palpeggiava la donna con cui era e Davi teneva i capelli dell’altro, dettava il ritmo che glielo succhiava, a volte le metteva tutto il cazzo in bocca e io lo tenevo per un po’, ero molto eccitato e confuso, non li volevo invece come amici, volevo essere al loro posto,

Bruno: Vieni Andrezinho, vieni felice.

Davi: Dai fratello, questa stronza fa troppo schifo.

Finalmente mi sono tolto i pantaloni e mi sono avvicinato alla donna che stava baciando Bruno è venuto a baciarmi, lei era tra noi ed ero più eccitato di essere nudo accanto a Bruno e Davi che a baciarla, Bruno ha cominciato a baciarle il collo, ho sentito lei mi si è avvicinata e mi è venuto in mente che non riusciva a spiegarmelo, ha smesso di baciarmi e ha ricominciato a baciarla, dietro di me Davi si stava già mangiando l’altra donna con il pollo arrosto, non sapevo cosa fare, la donna che era con me e Bruno mi ha voltato le spalle e ha cominciato a strofinarsi contro di me baciandola, d’istinto e per non stare ferma ho deciso di passarle la mano sul corpo le ho afferrato i seni e sembrava che le piacesse perché ha sospirato, ha preso una delle mie mani e l’ha tenuta, le ha afferrato la figa, ho tirato indietro un po’ la mano, ma mi sono fatto coraggio coraggio e ho allungato la mano per trovare la sua figa, ma è successo qualcosa a cui non ero preparato. Il cazzo della mia amica mi ha sfiorato la mano, entra dentro di lei, anche se non l’ho tenuto, solo sentire il cazzo di Bruno che mi sfiorava la mano mi ha riempito di un’erezione anormale, oh avevo già perso il controllo della mia mano e gli sono passato l’inguine sentendo il suo peli pubici e gli ho sollevato il petto i suoi muscoli erano duri gli stavo stringendo il capezzolo e lui gemeva forte ascoltando Bruno gemere e ancora Davi gemendo anche lui l’ha messo sull’altra donna era troppo per me e sono venuto non era abbastanza ma mi è bastato Bruno l’ha messa a quattro zampe e siccome ero un po’ curvo ho deciso di stare fuori a masturbarmi guardando i miei migliori amici scopare queste donne con molto vigore le donne si fronteggiavano e si scambiavano caldi baci mentre si i loro culi inculati dai miei amici la donna che era con Bruno, lei approfittava della vicinanza di Davi e lo tirava per baciarlo, l’altra fece lo stesso con Bruno, e per un po’ si scambiarono baci e in quel momento il mio cuore sussultò battere quando ho visto Bruno che era completamente pazzo a spingere Davi a baciarlo, in quel momento ho pensato che Davi lo avrebbe fermato, ma con mia grande sorpresa, sembrava che anche Davi avesse perso la testa e mi ha baciato di nuovo il mio cuore si è fermato i miei migliori amici si sono scambiati il il bacio più eccitante che abbia mai visto scopare una donna in vita mia e ho finito per divertirmi a guardare di nuovo quella scena, sapendo che quel bacio era solo l’inizio di una serie di cose folli che sarebbero arrivate dopo.

Altre storie erotiche  La donna si è trasformata in una vera puttana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *