Janaína – Ricadute (Parte 1)

di | 9 de Dicembre, 2022

Chi ha seguito le mie storie dall’inizio sa che prima di Vanessa ho avuto una piccola storia d’amore con la madre di mio figlio, Ryan. Janaína doveva essere un’avventura di una notte al motel, dopo che ho incontrato lei e Manu a una festa di strada, accompagnata dal mio amico Dinho. Dopo Ticiane volevo vivere di prostituzione, di sesso con donnine, cosa facile e senza impegno, ma a differenza di Dinho la mia testa non era perfettamente preparata a questo tipo di vita. Janaína era la mia testa. Era sulla mia faccia dal primo giorno che l’ho visto. Dinho ha fatto un po’ di spazzata in casa sua (tra l’altro anche nell’altra), e poi un complotto del destino l’ha rimessa sulla mia strada, quando Dinho, portando la sua sorellina a mangiare il gelato al centro commerciale , una gita in famiglia, ho finito per incontrare Nany per caso, beh… c’era un bel baccanale tra noi quattro.

Si scopre che dopo quel giorno ho continuato a scoparmi Janaína. Per uscire e divertirmi, il mio era super buono. Senza obbligo. Senza tasse. Ho preso chi volevo e lei ha preso chi voleva. È quello che pensavo. Ma la corda, dopo averla tesa tanto, finisce sempre per spezzarsi dal lato più debole, come si suol dire. Tim Maia ha detto, hehehehe, il Brasile è un posto dove le prostitute si innamorano e gli spacciatori diventano dipendenti. Non mi ero reso conto che le importasse delle mie avventure. Quindi, quando ero con lei, era molto affettuosa con me. Sono stato un mese, due mesi. E non mi ero nemmeno reso conto che lei fosse davvero presa da me. Non volevo davvero essere coinvolto, la mia testa dopo Tici era ben girata, ero già un ragazzo adulto, e nello spirito di un adolescente romantico, che voleva vivere una storia d’amore, e dal nulla, le cose sono andate male . i suoi genitori e io eravamo fermamente contrari. Mi ha fatto molto male dovermi separare da una ragazza così bella e sexy. Janaína non era nemmeno vicina alla miniera che Ticiane rappresentava nella mia vita. Ma ero la cosa più vicina a un ragazzo che si prendeva cura di lei e faceva qualcosa.

Un giorno venne da me e mi disse qualcosa del genere:

Janaína: Lu, possiamo parlare a testa in giù, ho bisogno di togliermelo dal petto.

Io: Ehm… certo. Ma cos’è questo?

Janaína: Riguarda noi. Io e te. Io e te.

Non mi piaceva il tono della sua voce. Qualcosa che aveva fatto per rovinare ciò che era buono.

Io: cosa ho fatto per farti sembrare così? Sei arrabbiato con me?

Janina: No. Al contrario. Non hai fatto niente. Sono io.

Io: Janaina, non hai niente da dirmi. Sembra tutto chiaro, in effetti. Mi chiami per una conversazione “di testa”, dici cose per riempire la salsiccia, ed è davvero per smettere di stare con me perché ti piace qualcun altro. Sto bene.

Janaína: A quanto pare capisci le relazioni. Semplicemente non è niente del genere.

Porca merda. Ora aveva complicato tutto.

Io: Janaina, cosa vuoi? Se non vuoi stare con me, se non ti amo più, va bene, amico.

Janaína: Amico, non ho nemmeno iniziato a dire niente. Puoi prestarmi attenzione?

Io: Janaína… la nostra è sempre stata molto semplice: non abbiamo mai avuto una relazione. Ehi?

Janina:. È stato davvero buono. Ma hai fatto un casino.

Io: Janaína, cos’è quello! ? Come ho rovinato tutto?

Giannina: mi piaci.

Io: AF! Ma ti amo anch’io. Ho affetto e roba del genere, e…

Janaína: Ma non è di questo che sto parlando. Ti voglio bene. Basti dire… c’è stato un tempo in cui non volevo più stare con nessuno. E Nany, le manco perché, da quel giorno che abbiamo avuto… sai, quella cosa a Carícia – ha parlato del motel in cui siamo andati – sono uscito insieme e stavo solo con te. Non è vero che ho continuato con altri ragazzi. È raro. Perché ho avuto diversi momenti nella mia vita. Ma ora non posso.

Io: dove ho sbagliato?

Janaina: Ancora non capisci?

Io: (ho fatto un respiro profondo) ho paura della risposta. Ma parla.

Janaína: Mi sto facendo del male stando con te.

Io: eh!?

janina: è vero Perché sono con te oggi, e aspetto dopo. E così. E vorrei davvero che tu avessi pensato lo stesso.

Merda. Non credeva a quello che stava ascoltando. Questa ragazza mi piaceva. Veramente.

Io: Janaina, mi dispiace se non me ne sono accorto prima. Wow, avresti potuto dirmelo molto tempo fa.

Janaína: So che ti piace stare con me. Anch’io. Tanto. Hai più di 10 anni. Mi paghi, mi porti a casa, mi fai ridere. Vorrei poter essere quella persona anche per te. Non solo per divertimento.

Ho capito. Merda, questo cambia davvero tutto.

Janaína: Pensi che non ci abbia mai pensato? So che diverse cose ti stanno passando per la testa: ho incontrato il tuo amico, tu hai incontrato il mio amico… non pensi che io sia una persona seria per affrontare una cosa del genere. Non è così?

Io: non mi sono permesso di avere niente di grave, perché quando amavo qualcuno soffrivo molto. Mi sono separato da lei. Mi ci è voluto molto tempo per dimenticare. Mi sono sentito male. Non volevo andare fino in fondo. Ecco perché non ho permesso a nessuno di entrare qui, mostrando il mio cuore, di nuovo.

Janaina: Non so cosa ti aspetti per il futuro. Non so se mi vedrai in futuro. Ma volevo saperlo ora. Se ci stiamo divertendo insieme in questo momento, se mai mi dai questa possibilità…

Io: Ci hai pensato molto prima di venire a parlarmene. Non è così?

Janina: Lo era. lo era, sì

Io: ho bisogno di tempo per pensare. Sono molto felice così come sono. Di solito non mi affeziono a nessuno.

Janaina: Non voglio che tu sia legato a me. Possiamo restare quando vogliamo. Solo… pensa con entusiasmo a quello che ti ho detto. GIUSTO?

Io faccio.

Amico, ho lasciato questa conversazione con un sacco di ricordi nella mia testa. Ero fottuto. E ad essere onesti, sono stato giorni senza parlargli e mi chiedevo se valesse la pena tenere il passo con questo ciclo. Così un bel sabato, ero fuori servizio, ho preso appuntamento con un gruppo di persone che giocavano a calcio. Nel bel mezzo della partita squilla il telefono, ma la persona che lo sente è un mio compagno di classe che stava guardando le mie cose, aspettando il suo turno per giocare. L’ho visto riprendere, a colpo d’occhio, mentre giocavo. Mi ha guardato serio e ha riattaccato il telefono. Mi ha distratto dal gioco. Erano circa le 17:45 C’era vento, il cielo era rosso come il tramonto, bellissimo. Quindi il mio collega ha aspettato che la partita finisse, e la mia squadra ha vinto e dannazione stavo bene finché non ha detto:

Gabriel: Amico, scusa se ti porto via il cellulare. Stavo giocando a Direct, c’era qualcuno che chiamava. Avevo già 7 o 8 connessioni. Numero non registrato. Ma una ragazza mi ha parlato. Ha detto che Janaína aveva davvero bisogno di parlarti. Non era affatto simpatica.

Io: Sì, ma cosa c’è che non va?

Gabriel: Non è entrata nei dettagli con me amico mio, ha solo detto che aveva bisogno di vederti urgentemente, è molto grave!

Mi girava la testa, pensavo a un sacco di sciocchezze, pensavo che ci sarebbe stata una rissa e tutte quelle sciocchezze, perché non gli parlavo da giorni. Ma aspetta, mi sono fermato e ho pensato: “Dannazione, perché mi interessa? Ah. Sai una cosa? Lasciala andare all’inferno! Non le ho mai promesso niente, eh!”

Ma non c’era verso. Anche dopo essere tornato al calcio, mi mancava quella fottuta tranquillità. Poi Gabriel è venuto e ha chiesto:

Gabriel: Merda, amico, non ho niente a che fare con la tua vita, ma non faresti meglio a vedere cos’era, vero!?

Io: Amico, quella ragazza non è nemmeno la mia ragazza.

Gabriele: Bella merda! Scusa, pensavo fossi fidanzato! Ma che dire di questo messaggio, allora?

Io: Recitazione. È una prostituta, che qualche giorno fa ha dichiarato di non voler più fare la prostituta. È una miniera cingolata. Mi sto solo divertendo. È tutto.

Gabriel: Merda, vediamo se ci riesci!!! Hahahahahahaha! E chiedendo di vederti. Pensavo fosse qualcosa di serio, hai litigato

Io: Amico, hahahahahaha! Questa ragazza si è dichiarata a me, la pensi così!? Amico, è una prosa lunga.

Gabriel: Guarda, se fossi stato io, l’avrei messa subito al suo posto. Non voglio interferire nella tua vita. Ma se è così grave, perché limitarsi a piccole note? Se non sei dell’umore giusto per prenderlo sul serio e dare le tue condizioni, esci di lì il prima possibile!

Io: capito!?

Gabriel: Mantieni la linea in movimento, amico. Consenti a te stesso di vivere in pace.

Io: sai cosa? Hai ragione. Rimedierò presto questa merda!

Gabriel: Ecco, merda! Ehi, te ne vai adesso?

Io: non ho più pazienza. Non troverò pace finché non lo capirò.

Sono tornato a casa, mio ​​padre ha persino pensato che fosse strano che fossi tornato a casa prima del previsto. Non gli ho nemmeno spiegato molto per non perdere tempo. Poi mi sono fatta quella doccia, mi sono rasata la faccia, ho indossato i miei migliori vestiti estivi e sono tornata a casa senza neanche un morso, perché odio dipendere dagli altri per soddisfare la mia fame, preferisco uscire a stomaco mezzo pieno. casa – e si diresse verso la mia destinazione. Abitava in un posto dove oggi non vado più, nemmeno per decreto, perché oggi ci sono tanti banditi. È vicino a dove abitavo con i miei genitori. Ma molto più ostile. Sono arrivato, ho chiamato ed è stata sua sorella a rispondere. Stavo già andando via, probabilmente mi sarei goduto la serata. Più che giusto. Quindi la casa era per noi due. Era molto sexy, comoda: una maglietta nera a fiori e pantaloncini cortissimi, che davano volume al corpetto.

Janaña: Wow, sei venuto davvero!!! Questo è tutto !

Io: mi hai chiamato, sono venuto! Ma cosa ottieni? perché mi hai chiamato così presto?

Janaina: Emergenza! ? Era questo il messaggio che hai ricevuto?

Io: potresti chiamarmi dal tuo telefono? Non ho nemmeno quel numero qui!

Janina: Oh, bellissima. È andato storto, ho finito i crediti, ho chiesto a mia sorella di chiamare. Ma parlerò molto quando torno a casa.

Io: sono venuto qui pensando a mille cose, pensando anche a quello che non avrei dovuto

Janaina: Il semplice fatto che tu sia venuta è già un segno che ci tieni. Ero molto, molto turbato, perché io e te abbiamo avuto questa conversazione, ma da allora non mi hai nemmeno toccato. Non mi ha nemmeno chiamato per niente. Avevo bisogno di parlare con qualcuno, sai. Tutti a casa sono fuori oggi. Mi sentivo così solo.

STATI UNITI‰. Ho avuto molto tempo per pensare. E quando penso, mi piace pensare in silenzio, a me stesso.

janina: Ho capito, sei stata molto occupata?

Io: Con la testa distratta, finché non mi hanno chiamato. Ero nel calcio. Lo uso per cacciare l’energia cattiva, per prendermi cura del corpo. Ma non ho potuto oggi dopo il tuo messaggio. doveva venire

Giannina: Guarda. Mia sorella è andata un po’ troppo oltre. Mi dispiace per questo. GIUSTO?

Io: curiosando Mi ha lasciato preoccupato e con tante cose per la testa non mi sono nemmeno concentrato sul calcio.

Janaína: Wow, Lu, perdonami per questo, vuoi? Volevo davvero vederti, non so se volevi vedermi, gli ho solo detto che mi manchi molto. Perché non mi hai nemmeno più chiamato per stare insieme.

Io: Perché mi hai dato una buona ragione per pensare.

Janaña: Sono cambiate molte cose?

Io: Certo che è cambiato, amico! Ora vuoi qualcosa di più serio con me, non è qualcosa a cui pensare?

Janaina: (Il suo viso è cambiato. È diventata triste) Non volevi più vedermi?

Io: Ad essere completamente onesto: avevo davvero paura di vederti, sì.

Janaína: Scusa se mi sbagliavo. GIUSTO. Non controlliamo i sentimenti. So cosa devi pensare di me, dopo tutto quello che è successo. Non vuoi niente di serio con me dopo che sono andato a letto con te, con il tuo amico, devi pensare molto a me. Ho anche dato il motivo. Mi piaci solo tu. E volevo darmi la possibilità di provare qualcosa con qualcuno di carino. E ho trovato quel bravo ragazzo in te.

Io: è questo che mi spaventa. Janaina, una volta ho preso qualcuno sul serio e mi ci è voluto un po’ per superarlo. Mi è già piaciuto molto. Uscivo con te, ma non pensavo all’impegno. Non ti ho mai promesso niente perché ti divertivi anche tu.

Janaina: Ma non ti piaccio un po’? È solo per… sai, quelle cose?

Io: posso sedermi? Siamo in soggiorno, sono un po’ stanca.

Janaína: Oh, che brutto modo sono! Vieni a sederti qui. Vuoi mangiare qualcosa? Oggi pomeriggio ho fatto una torta. Ho una bibita, ti va?

Io: non volevo disturbarti. Si accetto.

Janaina: Non vergognarti. Sei grande. Non ti inviterei a casa mia se fossi un’avventura di una notte a caso.

Mi ha servito la torta, la soda, ma la conversazione non si è fermata. Così l’ho guardato dritto negli occhi e gli ho detto la verità:

Io: Non posso credere che tu sia completamente onesto e che i tuoi sentimenti per me siano così seri.

Giannina: Ma perché?

Io: Perché non penso che vorrai qualcosa di giusto con me e smettila con me. E non so se vorrò smetterla con una ragazza e accettare certe accuse. Non lo so.

Poi ha iniziato a piangere. È il mio default. Non so come non dire la verità quando me lo fanno pagare.

Io: Quindi, mi dispiace davvero se non è quello che volevi sentire. Ma devo essere onesto con te. Se ti ho dato speranza, se ho suscitato aspettative in te, non odiarmi per questo, penso solo che dovremmo smettere di vederci. Non voglio ferirti con infedeltà o cose del genere.

Janaina: Sai cosa penso? È quello che ti piace. Un po. Ma non crederai a come mi sento per tutto ciò che è mai stato. Voglio solo una possibilità, amico. Se non funziona, abbiamo chiuso. Stai calmo. 🇧🇷

Io: Allora sai come mi sento riguardo a tutto. Bellezza. Temo che mi piaccia e che a te non piaccia proprio!

Janaína: Non te lo farei mai. ME…

Io cosa?

Janaína mi guardò negli occhi, con il viso arrossato e gli occhi pieni di lacrime, dicendo:

Janaína: Perché sono innamorata. Perché voglio essere amato come amo te.

Io: non posso negare che quando voglio vederti è perché mi manchi tanto. È solo che non voglio sbagliarmi.

Janaina: Beh, non voglio svegliarmi da questa illusione. Se è per stare al tuo fianco.

Mi si avvicinò e mi baciò. Amico, non potevo credere a questo momento. Lo amava senza saperlo? C’è stata una lotta per voler credere e ragionare per rimanere con i piedi per terra e non essere così vulnerabili. Ma questa donna mi ha commosso. Con la mia testa… e con il mio cazzo. Sperma! Mi piace affrontare tutta quella merda con lei. Ho dei bei ricordi di lei fino ad oggi.

Janaina sprofondò le labbra e la sua lingua inseguì impetuosamente la mia. A cui ho risposto con la stessa passione. Qualcosa mi ha dato l’impressione di mettere il piede sul jackfruit. Ma dovresti incollarlo comunque. Quando mi sono ritrovato, lei era sopra il mio corpo sul divano di casa. Gli ho anche detto che non era il posto giusto, che potevamo andare altrove.

janaina: non ti preoccupare, nessuno arriverà prima oggi. Mia madre è di turno e mia sorella è con il suo fidanzato. Togliti quei vestiti, vai avanti. Non ce la faccio più di quanto non lo sia.

Io: Pervertito, hehehehehehehe!!!

Janaína: So che anche tu mi ami. Ehi? Togliti tutto, gnam!

Non ho nemmeno avuto il tempo di elaborare il comando nel mio cervello di sbottonarmi i pantaloncini, ha attaccato e sparato allo stesso tempo! Le mie mutande erano state rimosse per metà, lasciando il mio cazzo a metà, già imponente come una roccia. Mi baciò da cima a fondo, quando le sue labbra toccarono il mio glande gonfio, mi lasciai tradire da un gemito che le fece scoppiare una risata lasciva. Mi ha tolto le mutande e le ha avvolte completamente. Succhiò forte, fissando i suoi occhi nei miei. Voleva lasciarmi vivere il momento e sborrargli abbondantemente in bocca. Ma avevo bisogno di fare qualcosa. L’ho pugnalato in fondo alla gola e gli ho chiesto di smetterla, perché altrimenti non ce la facevo.

Ho strappato la maglietta di Janaína, le ho afferrato un seno e l’ho succhiato finché non ha gemito forte. Ha iniziato a strofinare la sua figa sul mio cazzo, separata solo dai suoi pantaloncini. Decise di toglierselo e rimase solo in mutande e si sdraiò di nuovo sopra di me.

Janaína: Non vedo l’ora di fare l’amore con te!

Io: togliti le mutandine e fai quello che vuoi!

La voglia di entrare era tale che si tirò di lato le mutandine, nella parte che le copriva il sesso, e accolse il mio cazzo, che scivolò facilmente, perché era tutto bagnato.

Per un po ‘siamo diventati molto gustosi. Janaína, tra gemiti e imprecazioni, cavalcava come una bestia, sembrava posseduta. Pelle a pelle, avendo il mio cazzo raschiato in quella fica, ho cominciato a sentire i segni di un forte orgasmo che si avvicinava. Ho ordinato di cambiare posizione. Lei ne ha 4 per me. Non potevo più negarmi che anche se questa donna era pazza, avevamo un ottimo legame. E ci amavamo davvero.

Sono caduto nella sua bocca e ho leccato molto. Jana mi ha affrontato e mi ha chiesto del cibo. Ho morso, schiaffeggiato, è diventata ancora più pazza. Così mi sono posizionato e ho iniziato a penetrare molto lentamente. Lei ha risposto ingoiando il mio membro tirando il culo nel mio inguine.

Io: stronza, stronza, andiamo d’accordo!!!

Janaína: Avevi ancora dei dubbi!? Dai, indossalo, indossalo. Colpiscimi forte… Ahhhhh!

Quindi ha risposto mentre seppellivo il mio membro in profondità e iniziavo a camminare avanti e indietro. Jana si stava freneticamente toccando se stessa mentre spingevo senza sosta, torturata dalle contrazioni che stavo attraversando. Infila, rotola, mentre maledette cose a me estranee. Le afferrai i capelli e li tirai forte mentre il tasso di penetrazione aumentava. Il tuo respiro si ferma. Lei viene. Chiedimi di dargli del latte nella sua piccola bocca. Tiro fuori il cazzo, quasi senza dargli tempo. Improvvisamente esplodo. La sua faccia è bagnata di sperma.

Janaina: Amo tutto! Mi piace quello che abbiamo!

Io: Nonostante tutto… mi sento lo stesso!

Janaina: Quindi noi…

Io: Janaína: Vuoi uscire con questo bambino? è pazzo? vorresti farlo?

Janaina: Aaaaaaah, certo!

È stato il più grande piede sul pony della mia vita. Non posso negare che c’erano delle cose buone, una piccola persona incredibile, che è nostro figlio. Ma è stata la prima di una serie di ricadute che vi riferirò. Avevo la storia, no? Sì. Sono uscito con una mina a pistoni. Un fantasma che ancora oggi infesta i miei recessi mnemonici.

Torno presto con “Janaína – Relapses”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *