Jessica: paffuta, sposata e birichina

di | 8 de Dicembre, 2022

Nel corso del tempo ho stretto delle buone amicizie qui a Climax, alcune durature e altre meno. E senza dubbio creiamo ammiratori e creiamo ammirazione per diversi autori, non solo per quello che sviluppano, ma anche per la loro personalità e carattere.

E bene. Dopo aver pubblicato una storia qui sul sito, ho ricevuto un commento da una certa lettrice che ha affermato di essere empatica con la situazione. Subito dopo l’ho aggiunto ed è stato rapidamente accettato e da lì abbiamo iniziato a chattare quotidianamente tramite messaggi qui.

Ho scoperto presto che si chiamava Jessica, ha 25 anni, una mora minuta, leggermente sovrappeso, con tette e natiche grosse. Nonostante la sua giovinezza, era già felicemente sposata, ma voleva vivere nuove avventure. Abbiamo continuato a parlare, questa volta via e-mail, nel corso delle settimane fino a quando sono stato sorpreso da un viaggio di lavoro in una città vicino alla casa di Jessica. Stava per passare un fine settimana a riparare i generatori in un ospedale della città.

Dopo aver tormentato il mio cervello con problemi e altri problemi, ricevo un’e-mail (non poteva usare cosa a causa di suo marito) da lei dicendo che si sarebbe presa cura di un cliente specifico nella città in cui mi trovavo e lei davvero voleva incontrarmi a In quel momento ho capito le sue vere intenzioni, quindi ho cercato di prepararmi bene per vedere questa rotondità, che fino ad allora avevo visto solo in foto.

Abbiamo preso appuntamento al centro commerciale della città, in Praça de Alimentar, intorno alle 14:00. L’ho riconosciuta subito e ci siamo seduti a parlare. Era molto più carina che nelle foto che le aveva mandato, vestita in jeans e una camicetta rossa con una voluttuosa scollatura. Indossavo pantaloni, canotta e infradito perché quel pomeriggio faceva un caldo torrido.

Abbiamo parlato a lungo come due buoni amici. Abbiamo riso, bevuto birra, ma era chiaro che il tempo si stava facendo più caldo. Poggiava le gambe sulle mie e quasi sempre voleva tenermi la mano. Jessica ha detto che suo marito lavorava molto e sentiva di aver bisogno di stare da solo. Erano stati entrambi in locali scambisti prima e lei aveva avuto anche esperienze con altre donne, cioè una ragazza molto aperta e, soprattutto, sexy.

Altre storie erotiche  l'insegnante - 6

– Hai voglia di un’avventura piena di vapore? “” Ho chiesto

– Che cosa?

– Usciamo da questo centro commerciale. Portami da qualche parte, sai, e ti farò il servizio completo.

– Cosa vuoi dire, ragazzo?

– Lo fai o no? So che sei sposato, ma mi piaci.

– Anche io. E so esattamente dove stiamo andando. disse, lanciandomi uno sguardo molto malizioso.

Siamo andati alla sua macchina, dove abbiamo iniziato a pomiciare. Qualche bacio sul collo, sulla bocca, sul petto. Era estremamente profumato e molto delicato, emetteva sussulti quando la mia bocca si posava sul suo collo. Andammo in un appartamento un po’ lontano dall’albergo dove alloggiavo.

L’ho adagiata sul tappeto. Le ho baciato i seni, le ho morso i capezzoli costringendoli a diventare ancora più duri, le ho tolto i pantaloni, le mutandine, ci ho messo un po’ a toglierli. Si è limitata a gemere e poi ho esplorato tutto il suo corpo con la bocca. Era dominata dalla fasciatura, era completamente fradicia. Allargo le gambe, le cosce spesse tirate via. Il gatto, rasato, aveva i succhi che fuoriuscivano dai fianchi. Ho messo la mia bocca sulla sua figa. Ho forzato il respiro in modo che potesse sentire il mio respiro e presto si contorceva dal desiderio, le sue enormi tette ondeggiavano. Le allargai la fica con le mani e baciai la grata bagnata. Ho succhiato, succhiato, premuto a lungo 2 dita, finché il suo corpo non si è irrigidito e all’improvviso si è lasciata andare, inerte, quasi svenuta dal desiderio, gli occhi chiusi e mordendosi il labbro inferiore, dopo essere diventata forte e gustosa.

Ho sollevato il mio corpo sopra il suo e ho messo il mio cazzo all’ingresso fradicio della sua fica piena. L’ho solo forzato un po’, perché era piuttosto fradicio. Presto mi stava facendo un gustoso pompino, succhiandomi tutto il cazzo da cima a fondo, assicurandosi di leccarmi molto le palle. L’ho messa a quattro zampe e ho strofinato quella figa. Senza dubbio se n’era andata da tempo. Mi ha strattonato forte e ho lasciato che il cazzo arrivasse fino all’asta. Sono rimasto bloccato fino in fondo solo per sentire il caldo umido. Ha iniziato a muovere i fianchi chiedendo di più. Ho iniziato avanti e indietro aumentando gradualmente la velocità della pompa e il cazzo entrava e usciva luccicante da tanta umidità. Ho spinto il mio cazzo fino in fondo ed è esploso di sperma. Ho fatto uscire una grande quantità di sperma e ho spinto il mio cazzo completamente dentro di lei. Rimanemmo così a lungo, zoppicanti e addormentati. Io che appoggio la testa sui miei seni, la sua testa girata sul tappeto e un lieve sorriso nascosto sulle sue labbra chiuse.

Altre storie erotiche  la mia prima volta con una donna

A poco a poco il mio pene iniziò a muoversi, mostrando segni che voleva di più. Sentì le vibrazioni e si mosse un po’ per ammorbidire la mia posizione. Le gambe erano divaricate, il cazzo spinto in profondità all’interno. Si riparte, ma lentamente. Il cazzo riprendeva a occupare tutto lo spazio e il giro era più facile, ora c’era la saliva, il miele e il mio seme. Sbavavo dappertutto, tanta era la voglia di succhiarmi il cazzo in un gustosissimo e frenetico 69, per recuperare le energie.

Con il mio cazzo già tutto bagnato, metto la ragazza cicciottella arrapata sul divano. Ha messo le mani sulla testata del divano e ha spinto quel culo nella mia direzione e ha chiesto di essere scopata forte nella sua figa. Ho sbattuto il cazzo contro il bancone mentre lei allargava il culo con le mani per entrare. Dalla parte anteriore ha succhiato quelle enormi tette succose mentre spingeva caldo. Mi sono fermato e ho iniziato a fare quello che desideravo di più: uno spagnolo molto lento, mettendo il mio cazzo dentro e fuori da quelle enormi tette, andando su e giù con il mio cazzo che entrava nella sua piccola bocca.

Ci siamo scambiati di posizione e le ho lasciato il culo molto bagnato e ho toccato la punta del mio cazzo. Aiutò sollevando un po’ i fianchi e allargando l’apertura delle natiche. Ho spinto un po’. Era molto stretto, ma la testolina è entrata fino in fondo. Rimasi in questa posizione mentre aspettavo l’allargamento naturale. Ha spostato un po’ il sedere verso il mio sesso, che è scivolato un po’ di più. Sono rimasto lì con il mio cazzo all’ingresso del suo culetto e l’ho lasciata guidare con il suo corpo finché non l’ho avuto tutto in quel culetto. Si muoveva avanti e indietro, aumentando la velocità a suo piacimento. Allungai la mano, presi la sua fica fradicia e cominciai ad accarezzare la piccola grata. Ha vibrato e ha iniziato a gemere come una matta. Il suo enorme culo sembrava inghiottire il mio cazzo intero, poi sono esploso rilasciando di nuovo lo sperma, in profondità nel suo culo e l’ho sentito raggiungere le mie mani. Siamo rimasti in questa posizione per un po’, ci siamo baciati, ci siamo fatti una doccia e siamo partiti.

Altre storie erotiche  2 mesi con matrimonio sessuale

Jessica e io parliamo ancora molto e questo è stato il primo di molti salti intorno a lei. Forse non viene qui nella mia città a trovarmi per ripetere la dose?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *