katherine

di | 8 de Dicembre, 2022

Catarina era alta, con corti capelli neri che contrastavano con la sua pelle bianchissima. Indossava una camicetta e una gonna beige e giocava freneticamente con il cellulare.

– Ciao saluti.

– Sai se l’autobus è già passato?

-Quando sono arrivato al punto. Ne arriverà un altro tra mezz’ora.

-Che diavolo! Devo prima arrivare al Palazzo della Federazione.

-Che coincidenza! Vado a trovare un cliente nell’edificio accanto e ho anche perso l’autobus, ma ho ordinato un Uber, che è quasi arrivato. Se vuoi fare un giro…

-Infatti? Ops, accetto. Possiamo dividere la gara.

-Non preoccuparti, paga la mia azienda. Sarà un piacere…

In macchina parliamo dei locali di quartiere che frequentiamo. Ho scoperto di avere una figlia, ma non mi hanno nominato marito.

Arrivata a destinazione, saluta frettolosamente ma molto grata.

– Hai rotto un gallone. Non so come ringraziarti Prendi la mia carta, chissà, magari ci facciamo una birra insieme?

Le diedi anche la mia mappa e la guardai scomparire nell’edificio, camminando un po’ goffamente nella sua fretta e nei suoi tacchi.

Ho fatto una cosa buona senza aspettarmi nulla in cambio e questo scambio epistolare, ne ero certo, sarebbe stata una semplice cortesia. Ho salvato il suo numero nei contatti, archiviato la scheda e me ne sono dimenticato.

Tre giorni dopo, di venerdì, ho ricevuto un messaggio su WhatsApp:

3 GIORNI E NESSUN MSG. DIMENTICAMI?

HO PENSATO A TE IN QUESTO MOMENTO.

CI CREDERÒ.

HO PENSATO SE QUESTO CHOPP È ANCORA ACCESO

VADO SUBITO AL NUOVO CHIOSCO SULLA SPIAGGIA di cui ti ho parlato. #FICAADICA

GRAZIE PER IL CONSIGLIO!

Mezz’ora dopo, l’ho trovata in quel chiosco. Una decorazione tutta in bianco e blu, tavoli stesi sulla sabbia con luci gialle, una certa atmosfera mediterranea.

Catarina era seduta a uno di quei tavoli all’esterno, davanti a un bicchiere di caipirinha.

– Hmm, hai capito…

Una calda notte di inizio autunno che sembrava una continuazione dell’estate. Indossava un bolero bianco sopra un vestito bianco con una stampa floreale colorata. Un taglio laterale ha rivelato le sue gambe e il sandalo con il cinturino che le correva sul polpaccio.

-La mancia è stata ottima. Ce l’hai ancora?

Sorride prima di mettersi la cannuccia in bocca e berne qualche sorso.

– Niente più consigli… d’ora in poi, devi tentare la fortuna.

-Mi sento fortunato oggi.

Ho anche ordinato una caipirinha. E la conversazione scorreva. Mi ha ringraziato molto per questa passeggiata perché ha ottenuto il lavoro di cui aveva bisogno, ha elogiato la mia cavalleria e ha iniziato a chiedermi della mia vita ea parlare della sua vita. Separata, figlia adolescente.

Stava parlando molto e quando ha preso il suo bicchiere, che era già in fondo, ho intercettato il suo movimento e l’ho toccata. la tua mano era fredda

-Molto teso?

-Un po’, era un po’ che non uscivo così… per un appuntamento…

– Rilassati… succederà quello che deve succedere.

Catarina sorrise, senza staccare la mano, e commentò:

– Gentiluomo, saggio, molto sicuro di sé… una rarità… come fai ad essere ancora single?

– Misteri della vita…

Dopo alcuni morsi e un’altra caipirinha, ha inventato questo:

– Che ne dici di una passeggiata sulla sabbia?

-Sarebbe fantastico.

– Puoi aiutarmi con i sandali?

Mi inginocchiai e le slacciai le bretelle, approfittando dell’occasione per toccarla. Polpacci sodi e pelle pulita.

Le ho chiesto il conto, che ha insistito per pagare, in cambio della corsa Uber, ma ho rifiutato.

“Puoi pagare in un altro modo.”, Ho pensato molto maliziosamente.

-Sempre un gentiluomo.

Mano nella mano, camminavamo a piedi nudi verso il mare, con la bassa marea la striscia di sabbia bagnata si allungava come un sentiero, riflettendo le luci della città e la luna piena. L’increspatura lambì i nostri piedi e Catarina sorrise come un’adolescente e ammetto che a quel punto ero arrapato, il cazzo nervoso dentro le mie mutandine voleva sapere quando avremmo oltrepassato il limite.

Ci sediamo sulla parte asciutta della sabbia, ammirando silenziosamente il mare, lei appoggia la testa sulla mia spalla. Mi giro e le prendo il mento, avvicinando il suo viso al mio. Le nostre labbra si toccano, le nostre lingue si sfregano. Sapori, consistenze. Palo.

Quando ce ne siamo accorti eravamo sdraiati sulla sabbia, io un po’ di lato e lei con la testa sul mio braccio, la mia mano sulla pancia.

-Anche se l’idea mi sembra interessante, non lo faremo qui, giusto?

“No, certo che no,” risposi guardandola. Dove vuoi andare?

– Ovunque… portami via da qui. Confido nel tuo buon gusto.

Ho sorriso, l’ho aiutata ad alzarsi e in pochi minuti eravamo sul camion, parcheggiando in un motel che mi piaceva frequentare.

La sua andatura era fluida, calma, facendo scorrere la mano sui muri e sugli oggetti mentre entrava nella suite.

-Hai molto buon gusto… non mi hai portato in un posto volgare, in un piccolo motel dove portano tutte le puttane. Sarà costoso…

“Non sei una puttana… e quanto ti costerà non ti devi preoccupare.” Godiamoci il nostro tempo insieme.

Ho chiamato il servizio in camera e ho ordinato due caipirinha, per riprendere da dove avevamo interrotto.

-Altra caipirinha? Vuoi farmi ubriacare?

-Certamente no. Voglio che tu ricordi tutto quello che è successo qui. La bevanda è solo per rilassarsi un po’.

«E cosa succederà qui, mio ​​cavaliere?» disse, avvicinandosi a me.

Le nostre labbra si incontrarono di nuovo. Un bacio allo stesso tempo calmo e ardente. I corpi si chiudono, lei mi porta le mani al collo. La afferro per i fianchi, tirandola verso di me. Il mio cazzo è premuto tra di noi, si muove, si strofina contro di lei.

Dai fianchi, le mani scendono verso i glutei. Stretta. Lei sorride e cerca di parlare nel bacio. Le infilo la lingua in bocca, impedendole di dire qualsiasi cosa. lei geme

Suona il campanello per avvisarti che è arrivato il servizio in camera. Presto arriva la seconda campana. Ci fermiamo a respirare.

-Vai in piscina e aspettami lì. ti servirò

Così dicendo, Catarina si dirige verso la dispensa della suite mentre io entro nella sala da biliardo, che è coperta e riscaldata. Mi tolgo le scarpe e mi siedo sul bordo, con i piedi nell’acqua. Faccio un passo indietro ammirando le stelle.

Porta le due caipirinha e me le dà. Con le mani libere, solleva il vestito fino alle cosce e si siede accanto a me, immergendo anche lei i piedi nell’acqua.

L’acqua si scalda…

– Delizioso, vero?

Ti fa venire voglia di entrare, vero?

-Mettiti comodo…

La ragazza impertinente sorride sul suo viso.

-Non l’ho mai fatto…

-Non ha mai fatto cosa? chiedo come se non lo sapessi già.

-Sai…

Voglio sentirtelo dire.

Mi guarda, sempre sorridente, un po’ imbarazzata.

-Sesso. Non ho mai fatto l’amore nell’acqua. Sotto la doccia, fantastico.

Le metto una mano sul ginocchio e le sollevo le cosce.

-Forse oggi è il giorno.

Ci siamo baciati. Labbra morse. Le lingue si toccano. La mia mano si spostò all’interno del suo vestito finché non toccò le sue mutandine. Bagnato.

Tolgo il pezzetto di stoffa e gli tocco il pene, lisciandomi la punta delle dita con i suoi succhi. lei geme

Mi porto le dita alla bocca, assaporandolo. Delizioso.

“Ti piace?” chiede.

-Mi piace.

-Voglio…, la sua voce debole, quasi impercettibile.

Mi alzo, conducendola per mano al lettino. Mi inginocchio per terra accanto a lei. Occhi negli occhi, sollevo il suo vestito per esporre le sue mutandine. Bianco bianco. pizzo Attraverso il pizzo, posso vedere i suoi capelli neri ben tagliati.

Mi chino su di lei, inalando il profumo della sua figa. Si sdraia sul lettino e, con gli occhi chiusi, attende le mie prossime mosse.

Faccio scorrere il dito sotto l’elastico delle sue mutandine e lo tolgo lentamente, ammirando la sua bellissima fighetta. Labbra carnose, a protezione di una fessura bagnata e rosea.

Continuo a tirarmi giù le mutandine e lei alza i fianchi, aiutandomi.

Mi passo la lingua sulle labbra. Caldo, goloso, gustoso. Di nuovo geme e mi porta dolcemente la mano sinistra alla testa.

Il suo bocciolo sporgente diventa un giocattolo nella mia bocca. Succhio forte e il suo gemito diventa più profondo, quasi un gemito. Le sue dita si chiudono, afferrandomi i capelli.

Inserisco un dito nella sua fessura, penetrando lentamente, esplorando il suo interno. Muove le gambe irrequieto. Le pareti scivolose della sua figa premono contro il mio dito. Mordo la tua griglia.

-Nostro! Nostro!

Ricordo che lo disse scuotendo la testa.

Mi muovo, mi posiziono tra le sue gambe e le allungo sulle mie spalle.

Comincio a leccare più velocemente, perineo, labbra, gemme. Mani che scoprono la figa permettendo alla lingua di andare oltre.

Catarina diventa più agitata. Scuote la testa, alza i fianchi, geme, ma non toglie mai le mani dalla mia testa, tenendomi per i capelli.

Quando arrivò l’orgasmo, mi strinse più forte e urlò. La tua figa completamente appiccicosa e quindi anche la mia faccia.

Rilassò le gambe, mi lasciò, facendo un cenno rassicurante con le mani mentre, con respiri profondi e occhi socchiusi, cercava di riprendere il controllo del proprio corpo.

In piedi sopra di lei, guardando il suo corpo riprendersi dal suo rilascio. Quando finalmente aprì gli occhi e mi guardò, sorrise ampiamente.

-Oh!! Sei bravo!

Mi tese la mano e io l’aiutai a sedersi sulla sedia, approfittando dell’occasione per sedermi accanto a lei.

Ci siamo baciati. Colgo l’occasione per toccarle i seni, affondando la mano nella sua scollatura e scivolando sotto il suo reggiseno, pizzicando i suoi capezzoli induriti. Passivamente, questo mi permette di ritirare il tuo biglietto. Le abbasso le spalline del vestito e lei mi volta le spalle. La sbottono e lei si alza, lasciando cadere il vestito ai suoi piedi, lasciando solo un reggiseno, una coppa modello, che dava volume al suo seno, che non era più piccolo. Bianco, seguendo lo stesso motivo traforato delle mutandine che ora erano sul tavolo, accanto alle caipirinha non finite.

Mi fermai dietro di lei e slegai il reggiseno, prendendole i seni e lasciando cadere il reggiseno, attaccandolo al vestito ancora ai suoi piedi.

Mentre accarezzo la pelle morbida dei suoi seni, le sussurro all’orecchio se vuole ancora fare sesso a bordo piscina. Con un sorriso imbarazzato, annuisce.

La giro di fronte a me e mi spoglio lentamente davanti al suo sguardo interessato. Sicuramente non ho quel corpo muscoloso che le belle donne sognano, ma sono un ragazzo che se ne prende cura, faccio molto sport, mi tengo in forma e Catarina sembra approvare quello che vede. Soprattutto quando sono solo in mutande, il volume del cazzo ben marcato sotto il tessuto attillato. Liscio il membro, facendolo palpitare.

– Approfittare di ?

“Molto,” risponde e sorride, mordendosi l’unghia.

Fa un passo verso di me e stringe la coda.

-Hmmm… sembra essere della taglia giusta. Fammi finire questo.

Lei cade in ginocchio, abbassando lentamente i suoi boxer fino a quando il suo cazzo è libero e dritto, la sua testa è già morbida e palpitante. Catarina la bacia e poi la lecca. Ho questa sensazione deliziosa sul mio glande dallo scivolare della sua lingua bagnata e poi la vedo scomparire tra le sue labbra. Mi appoggio al muro perché il piacere mi indebolisce le gambe. Lei sa cosa sta facendo, ma non voglio venire in questo momento. Mi avvicino al pannello accanto alla porta e spengo le luci della zona piscina, rimangono accese solo due lampadine dietro.

Mano nella mano, scendemmo i gradini ad arco e ci stringemmo l’un l’altro mentre l’acqua calda mi martellava contro il petto.

Le sue gambe si avvolgono attorno alla mia vita e lascia cadere il suo peso sulla mia. Ci siamo baciati. Tenendole il sedere, lascio che il mio cazzo si avvicini molto alla sua figa. Lo prende e lo adatta al proprio sesso. Premo, penetrandola, attirandola a me.

Il suo gemito nel mio orecchio e le sue braccia attorno al mio collo aumentarono la mia eccitazione e potevo sentire il cazzo molto duro dentro di lei, strofinare contro le pareti della sua vagina.

E così, con un ritmo calmo che accompagnava il mormorio che ci provocavamo, ci godevamo questa scopata. A molte donne piace scopare con i piedi, ma io non ho più la forza della giovinezza. Con l’acqua che neutralizza la maggior parte del suo peso, posso darle quel piacere.

Mi morde la spalla. Aumenta la pressione sulle gambe. Percorro la penetrazione tirandola sulle natiche.

Mi lecca l’orecchio e sussurra cose che non capisco… ma mi eccita.

E la tua figa, così calda, si raggomitola e mi stringe il membro, riscaldandolo.

Incapace di trattenermi, mi avvicino a lei, ma quando sento gli spruzzi caldi dentro di lei, geme e mi abbraccia, singhiozza tra le sue braccia.

Usciamo dalla piscina e la avvolgo velocemente in un asciugamano.

-Sei così gentile, disse baciandomi.

-Andiamo a letto, chiedi.

Ora è lei che mi conduce per mano al letto rotondo della suite. Si sdraia, la sua pelle bianca contrasta con le lenzuola rosse. Un bel culo. Bacio il suo sedere sodo, accarezzando e spostando la mia mano verso il basso per toccare di nuovo la sua figa, molto vigorosa, il mio sperma gocciola da lei. L’ho messa sottilmente a quattro zampe.

– È così che mi ami? Mi scoperai come una cagna?

– Hai qualcosa in contrario?, dico, già inginocchiato dietro di lei, il suo cazzo desideroso di tornare in questo posto accogliente.

Mi guarda attraverso lo specchio di fronte a lei.

-Trova!

Come resistere a una simile richiesta? Chiedi, no, invia. Entrai subito in lei, il membro si fece strada nelle sue viscere al suono del forte e continuo gemito di Catarina. È stato bello vedere la sua espressione facciale nello specchio mentre pompava la figa. Ogni dettaglio che ricordo mi commuove ancora: le sue smorfie, le sue dita che afferrano le lenzuola, i suoi seni che ondeggiano al ritmo che imposto alle mie spinte, il suo ondeggiamento quando rallento o indietreggio.

Gemeva ma rideva anche, come se il mio cazzo le stesse solleticando la figa. Che merda calda!

Il suo orgasmo era un misto di gemiti ed euforia. Con le braccia deboli, strinse i pugni e si appoggiò sugli avambracci, spingendo il sedere più in alto, esponendo maggiormente il suo sedere, che si contorceva a ogni spinta, a me con questo movimento.

Con il piacere che il suo corpo si indeboliva e la lasciava vulnerabile, guardando il suo ano mi chiedevo come avrebbe reagito a un attacco lì. Sembrava una donna così sofisticata, una Lady…

Dovrebbero? Per strada una signora, una puttana a letto. Non era il tuo tipo di donna?

L’ho testato mettendo il pollice e premendo le sue pieghe.

Faceva le fusa come un gatto. La sua faccia era già sepolta nel cuscino ma la vidi mordersi il labbro. Sembra che l’anale sia stato approvato.

Ho tirato fuori il cazzo e ho sputato sulla testa del cazzo e nel culo. Mentre posizionavo la testa e spingevo, ho sentito le pieghe cedere. Non completamente ripresa dall’ultimo orgasmo, le sue gambe cedettero. Ho spinto più forte, impedendole di scivolare via, ma in modo controllato, perché sapevo che non sarebbe stata in grado di prendere tutto il mio cazzo.

Catarina morse il cuscino, i suoi gemiti soffocati. Il mio membro era teso a causa della sua muscolatura.

-Di più, metti di più!

Questo è tutto quello che ho potuto sentire da lei. Altre due spinte forti e finisco per urlare mentre prosciugo il mio carico di sperma e lascio che il mio corpo collassi sopra il suo.

Per qualche minuto si sente solo il nostro respiro affannoso. Catarina è quella che rompe il silenzio.

Come facevi a sapere che mi piaceva?

Non lo sapevo, ho solo deciso di rischiare.

Ci mettiamo comodi sul letto e lei appoggia la testa sul mio petto. Mi accarezza, a volte mi graffia leggermente, ma finisce per addormentarsi sul posto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *