La calda vedova – Parte II

di | 8 de Dicembre, 2022

Buon giorno a tutti! Questa notizia è un sequel diretto di ‘The Hot Widow’, per una migliore comprensione degli eventi che seguono vi suggerisco di cliccare sul mio nickname e leggere il racconto sopra.

Ho attraversato la porta trionfante, sapendo che avevo messo il cucciolo al suo posto e l’avrei fatta strisciare in piedi in un batter d’occhio. Beh, non è esattamente quello che è successo, ma non è stato poi così male, perché la stronza sexy non ha dato seguito alla sua minaccia, ma non si è nemmeno avvicinata a me.

Passarono alcuni giorni, settimane, dovevo portare la mia moto in officina, durante tutto questo tempo aspettai un messaggio o un contatto da questa bella vedova bionda, ma niente. Non l’ho trovato in officina, ero assente per qualche motivo, il che mi ha causato un po’ di delusione. Ho finito per scherzare con i meccanici, che sono persone molto simpatiche, e non mi ero nemmeno accorto di quanto tempo passasse. paura improvvisa:

_ Guarda chi c’è dietro! Buongiorno, come stai?

Era lei, bellissima, meravigliosa. Gonna rosa, lunghezza al ginocchio, camicetta bianca, delizioso corpo congiunto, capelli sciolti, trucco leggero, scarpe da tennis, tutto nudo.

_ Ciao Maria, buon pomeriggio. Va tutto bene e con te?

_ È anche buono. Non vengono da molto tempo, stavo parlando con i ragazzi se avessero cambiato garage.

_ Lo garantisco, sono un cliente vincolato, il servizio qui è di alta qualità e non lascia nulla a desiderare.

Sentendo l’atmosfera amichevole, stavamo tutti scherzando, parlando e ridendo, mi ha dato il mio programma, dovevo pagare e tornare in azienda. Alla cassa, al momento del pagamento, Maria ha evitato di guardarmi negli occhi. Dato che eravamo soli, pensavo di potermi rilassare e parlare di eventi passati, ma niente. Ho chiesto il prezzo, anche se già lo sapevo:

_ Costa R$ 41,00. carta, giusto? !

_ Sì, Maria, card. Nessun debito per favore.

Mentre consegnavo la carta, volevo mettere la mia mano sopra la tua. Non appena ha sentito le mie dita, ha alzato lo sguardo per trovarmi a guardarla negli occhi e ha immediatamente abbassato la testa. Sorridi con l’angolo della bocca. Terminò il pagamento e prima di andarsene, ringraziandolo, disse sottovoce:

_ Puoi mandarmi un messaggio, fino alle 18:00 posso ancora risponderti.

Mi voltai e me ne andai, senza aspettare la sua risposta.

Sono arrivato in azienda e ho controllato il cellulare, niente. Pensavo di averla presa molto male, forse stavo abusando di “buona fortuna”. “Ho perso la vedova” ma va bene così, almeno il mio matrimonio è forte.

Il pomeriggio è stato intenso, una visita esterna, un cliente esigente, metodico. Ho svolto il mio lavoro, con la qualità richiesta, e ne ho approfittato per controllare il mio laptop. Il sorriso sul mio volto attirò l’attenzione delle persone intorno:

_ Buone notizie lì?

_ Brillante, quasi un Mega Premio.

Era un semplice “Ciao”, ma è servito a stuzzicare il mio ego e portarlo a nuove vette.

_ Ciao bellissima. Pensavo che non mi avresti più scritto.

“E non dovresti, dopo quello che mi hai fatto.

_ Ok, ti ​​ho deluso, mi dispiace, ma valutiamo entrambe le parti, gioia mia, non hai agito correttamente e lo sai. Quindi ti avverto qui, non minacciarmi di nuovo. Abbiamo un accordo?

_ So di non averlo fatto bene, ma ho apprezzato molto la nostra partecipazione, ho finito per confondere le cose. Ne ho bisogno da molto tempo. Accetto le tue scuse e mi scuso anche.

_ Va tutto bene, Maria. Sono contento che abbiamo sistemato le cose.

_ Sì, ti ho mandato un messaggio con questa intenzione, sistema le cose, sei una brava persona, non volevo rovinarti la vita, non lo farei mai.

_ L’ho già detto: va bene. Capisco che mancava e capisco anche che ho agito in modo tempestivo. Ho finito per perdere il controllo. Ma visto che ci siamo sistemati, qual è il prossimo passo?

_ Non c’è un passo successivo, è meglio che restiamo così, installati. Ho incontrato qualcun altro, qualcuno della mia età, nessun problema. Ho bisogno di calma nella vita, non preoccuparti.

Ero stupito, un po’ triste (gelosia, forse?), ma non mi sarei lasciato andare così:

_ Ok, ha senso, Maria. Sai che ti auguro il meglio, perché te lo meriti. Oltre ad essere bellissima, è una donna dalla determinazione senza pari, indipendente, forte e DELIZIOSA. Ti meriti di essere felice e divertirti molto.

Non è tornata da me per un po’, alla fine sono dovuto tornare dal cliente. Ammetto che i minuti successivi, che ho dovuto trascorrere con la clientela, sono peggiorati notevolmente. Ho finito per chiudere la chiamata e andare in azienda. Prima di salire in bici, ho guardato di nuovo il telefono:

_ Grazie, mi rende molto felice. Mi capisci, mi capisci, partner, anche tu hai figli, affari tuoi, stiamo programmando un viaggio alla fine dell’anno. Ilha Bela, guarda com’è chic. Solo che non mi fa venire…

Leggendo che ho sentito l’apertura di cui avevo bisogno:

_ Peccato mortale, Maria. Cosa intendi con una donna meravigliosa come te in una relazione senza venire? Che tipo di uomo non SCOPA così una donna finché non rabbrividisce e crolla di piacere?

_ Beh, è ​​meraviglioso, ma a questo punto fallisce. Finisce in fretta, quasi sempre sono ancora lontana dall’arrivare. E posso dirti qualcos’altro?

_ Certo che può.

_ Non mi ha mai succhiato.

Ero scioccato. Questa donna meravigliosa non è stata trattata come merita. Guardavo l’ora, 4:38, sarei arrivato in azienda alle 5:10, più o meno.

_ Sei in officina? Vai a casa, preparati. Prima delle 17:30 sarò lì.

_ Sei pazzo? Cosa farai a casa mia? Non posso riceverti, sono con qualcun altro.

_ Stai con un’altra persona che non ti fa venire, che non ti completa a letto. Lo farò, ti lascerò impotente, dopo aver sborrato molto, o pensi che non possa?

_ So che puoi, ma io non posso farlo, è pazzesco…

_ Non puoi o non vuoi?

_ Non posso e non voglio…

_ Certezza? Non vuoi più sentire la mia bocca sulla tua figa? Non vuoi farti SCOPARE a quattro zampe e duro ancora una volta? Non vuoi sentire il mio cazzo su di te, facendoti impazzire?

_ Non farlo, sono felice, non posso, per favore.

Si è indebolito.

_ Entro le 17:30

Salii in moto e mi recai in azienda, all’arrivo consegnai le mie segnalazioni al responsabile di zona e lo informai che dovevo partire in anticipo. Non sono mai stato assente inutilmente, mi viene riconosciuto.

Al cellulare non rispondeva, mi scusai a casa e andai a cercare la vedova, sapendo che mi avrebbe aspettato.

Quando mi sono avvicinato, gli ho chiesto di aprire la porta, perché non potevo essere visto sulla porta. È stata lenta a rispondere anche se ha ricevuto il messaggio. ho insistito. Non importa. Sono stato più incisivo:

_ O apri questa porta o non mi vedi più e continui con questo cazzo egoista e flaccido che non ti fa venire. Dai puttana!

La sua risposta è stata quasi istantanea:

_ Mi dispiace, vado ad aprire. – Ha detto, presentato.

Ho girato l’angolo, la porta era aperta, sono entrato, si è chiusa. Scesi dalla moto, mi tolsi il casco, posai lo zaino a terra e salii. Mi stava aspettando in soggiorno, con abiti diversi, ma pur sempre formali.

Mi dispiace, non ho…

Non ho aspettato di finire, l’ho baciata con effusione. Caldo! Le nostre bocche avevano bisogno l’una dell’altra. Ho sentito il suo corpo tremare, la sua pelle accapponare, il suo respiro affannoso. La mia mano sulla nuca non gli ha dato la possibilità di scappare. Con l’altra mano le ho toccato il sedere succulento, in quei jeans attillati. Che bel culo. L’ho schiaffeggiata leggermente, lei gemette. non ho mai postato:

_ Non farlo… – Plaft. Uno schiaffo direttamente in faccia.

_ Shiu, puttanella. Qui non parli prima che io ti ordini, o hai dimenticato che mi appartieni?

_ Na-no.

_ Non cosa, puttana?

_ No signore!

_ Sì, cucciolo sottomesso. Ora togliti quei vestiti e aspettami come piace al tuo uomo.

La cagna lo voleva così tanto, perché? Perché era deliziosa con questi vestiti:

Lingerie di pizzo, interamente rossa. Mutandine allagate in quel culo delizioso. Sorrise timidamente, passandosi una mano tra i capelli, abbassando la testa.

_ Cagna calda. Eri pazzo ad avere di nuovo il tuo maschio, vero?

_ Sì-sì-sì, milord.

_ È ora di rieducare questo cucciolo. Vai a letto, puttana, aspettami a quattro zampe, vado a farmi una doccia.

Se ne andò e io entrai in bagno, completamente duro. Ho fatto una doccia veloce, ho cercato di ripulirmi, nessuno merita di stare vicino a qualcuno che sta sudando per la giornata di lavoro. C’era una colonia da uomo in bagno, pensavo provenisse dal bastoncino cornuto, l’ho buttato via. Era la mia puttana, nessun altro aveva un posto lì. mi ci sono voluti tipo 10 minuti, ho pensato che non mi stesse aspettando come gli avevo ordinato e stava già preparando la sua punizione.

Sono uscito dal bagno e ho trovato questa scena deliziosa, la mia puttana era lì a quattro zampe quando lo ha visto sorridere, quel bel sorriso. Ricambiai il favore e mi avvicinai al suo corpo. Le toccai i piedi con la punta delle dita, sollevandole lentamente i polpacci, le cosce, oltre le natiche, lei rabbrividì, la sollevai, raggiungendo la nuca e premendole le dita tra i capelli e tirando, facendole ancora di più il sedere . L’ho baciata forte sulla bocca. Sono tornato con le dita dietro la schiena. Quando sono arrivato al culo, l’ho schiaffeggiato forte:

_ Oh…

_ Ti ha fatto male, puttana?

_ No, amico mio. – disse sorridendo.

Gliene diedi un altro, questa volta più duro. Ho segnato le mie dita in quel bel culone!

_Ãà £ hnn. Quanto mi manca.

_ Ti piace, cucciolo?

_ Sì, padrone di casa, molto.

Schiaffo di nuovo, molto più forte. Mi stavo allenando di nuovo.

_AAAAAAIIIIIIIII!!!!

Ha urlato ma non si è lamentata. Guardando in basso, ho visto una lacrima. Disse con voce ferma:

_ Ti ha fatto male, puttana?

Gemendo, lei rispose:

_ Na-no, mio ​​signore. Lo sai che la tua cagna mi merita?

Ho lisciato il punto in cui stavo applicando i cappucci, era molto rosso, aveva un’eruzione cutanea, il culo irrigidito dalla paura. Ho applicato un altro schiaffo.

🇧🇷

Abbassò solo la testa, senza più lacrime agli occhi. Il culo più rosso di sempre.

_ Chi sono io?

_ Il mio maschio.

_ Cos’altro sono, puttana?

_ IL MIO PROPRIETARIO, IL MIO MASCHIO, IL MIO SIGNORE!!!! – Esclamò, intensa.

_ Quello, cagnolino mio, quello si può imparare.

Le ho tolto le mutandine, anche se era un peccato togliersi quel pezzo rosso, potevo vedere la sua figa bagnata. Mi sono avvicinato, ho esalato questo profumo delizioso, fresco, appena igienizzato. Mi sono avvicinato, ho sentito il calore. Questa donna era troppo, completamente morbida, bagnata, assetata. metto il dito:

_ Hmmmm, altro…

Ho spinto il mio dito tutto in una volta in quella fica disperata, lei gemette ad alta voce.

_ Che meraviglia!!!!

È entrato più facilmente di quanto immaginassi, era molto bagnato. Mi sono ricordato del cane che diceva che non l’avevano succhiata (lasciala andare), ho deciso di accontentare il cane sottomesso.

_ Metti le spalle sul letto, puttana.

Fece come le dissi, lasciandosi completamente scoperta. Mi metto dietro di lei, leccando, d’un fiato, dal bocciolo al culetto rosa.

_Aaaaaahhhh!!!! Putaquepareo, che delizia!!!!

Ne andava pazza, voleva e aveva bisogno di sentirsi desiderata.

Ho intensificato le mie carezze con la bocca e ho cominciato a succhiare senza sosta quella deliziosa figa. La bionda gemette mentre muoveva il cazzo nella mia bocca. La mia lingua nel suo reticolo la rendeva incontrollabile, di tanto in tanto una delle mie dita era nella sua parte posteriore, stringendo l’ingresso, ma senza invaderlo. Sentivo che ad ogni contatto del culo lei gemeva di più.

_ Continua, mio ​​padrone, per favore! Continua così vadooooooooooooo!!!!

Mi sono fermato bruscamente, avendo bisogno di provarla ancora una volta. Me ne sono andato, fatto per rimettermi i pantaloni:

_ NO! No per favore. Per favore, non andare così! – Iniziato a piangere.

_ Non so se mi fido più di te… Il mio matrimonio ha un valore.

_ No per favore! mi fa apprezzare Non ti minaccerò mai più. Ho capito! Per favore!!!!

Era inginocchiata ai miei piedi, totalmente sottomessa, consegnata, disponibile.

_ Devo assicurarmi che tu non mi minacci più, Maria.

_ Io non vado. Sono la tua puttana, il mio ruolo è servirti, darti quello che vuoi, essere un oggetto nelle tue mani. Usami come vuoi, quando vuoi, PER FAVORE PROPRIETARIO, NON ANDARE, PORTA IL TUO CANE, TI MANCA TANTO.

Era quello che voleva, addomesticato, dominato, consegnato, totalmente sottomesso, senza possibilità di ribellarsi.

L’ho presa in braccio, le ho baciato ancora una volta la bocca, l’ho buttata sul letto, le ho allargato le gambe e l’ho succhiata con forza, con le dita, la vita e l’anello, stimolandole il punto G. Con la mano sinistra si stimolava il sedere, premendo il Entrata. . I suoi gemiti erano quasi urla, voleva venire disperatamente, sentivo la sua lubrificazione aumentare, il suo respiro affannoso, troppo ansante, spezzato:

_ Mi divertirò.. Mi divertirò. Ne approfitto.. Nddooooo! MI PIACEOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO!

Il suo godimento era così forte, così intenso, che la cagna orinò su se stessa, tremando. I suoi occhi rotearono all’indietro, la sua vita si sollevava e si abbassava mentre tremava per ondate di sperma. Che meraviglia vedere una dea venire così, che meraviglia la sensazione di far venire e sentire una donna in un modo così caldo. Il mio cazzo pulsava, estremamente duro. Ho succhiato, ancora una volta la sua figa, lei mi ha imprigionato la testa con le sue cosce, impedendomi di continuare a succhiarla. Sono andato alla sua bocca, baciandola e già posizionando il mio cazzo nella sua figa bagnata.

L’ho spinto tutto in una volta, ho sentito quanto fosse fradicio. Ho tracciato le linee, lentamente, poiché sentivo ancora gli effetti del seme. Stava sorridendo.

_ Grazie, mio ​​padrone! Grazie!!!! – E mi ha baciato.

_ Adesso prova a far scappare il tuo uomo, puttana.

_ Dirò di sì, mio ​​padrone.

Mi sono sdraiato sulla schiena, lei si è seduta sul cazzo e ha iniziato a cavalcare. In questa posizione, le ho tolto il reggiseno, l’ho avvicinata alla mia bocca e ho cominciato a mordicchiarle il capezzolo.

_ Oh, che delizia. Feriscimi, vai avanti. Delizioso!

Ho morso più forte, lei ha spinto un po’ indietro il petto. L’ho costretta a scendere e ho usato le mie mani per sostenerle la vita e rallentare la penetrazione. Ho colpito forte, dal basso verso l’alto. Lei gemette ad alta voce.

_ Oh, era profondo! pooh!!!!

Ho continuato così mentre lei gemeva. Era molto saporito. Le strinsi la vita, poi i seni. Gli tirai forte i capelli. Era delirante, gli piaceva. Gemette forte.

_ Ti farò correre di nuovo e ti metterò il cazzo su per il culo, puttana.

_ Mi divertirò sì, il mio padrone. Al tuo cane non importerà se continua così… Ma non ho mai dato il mio culo, temo.

_ Quindi la stronza non gli ha mai dato quel culo?

_Na-na-no, signore…

Sorrido sarcastico. Tutto era pianificato nella mia testa, avrei mangiato il culo di questa deliziosa vedova, l’avrei fatta piangere sul cazzo del suo padrone. Ma sentivo la mia venuta arrivare e sarebbe venuta forte.

Ha intensificato i suoi movimenti sul mio cazzo, stavo per venire dentro di lei, riempiendola con il mio seme, ma non era quello che voleva, dovevo trattenermi…

_ Ecco fatto, puttana. Rotola sul cazzo del maschio, rotola, piranha.

Lo schiaffeggiai e gli strinsi il collo, togliendogli l’aria. è completamente cambiato. Ha guidato più veloce, mi ha guardato negli occhi, stavo già perdendo il controllo, il suo sperma è tornato, anche il mio, ma l’avrei sopportato. arrivò quasi senza fiato

_ Mmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmm

Ho lasciato andare il suo collo, era tutta rossa, le sue vene stavano saltando fuori!!!!

_AAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAHHHHHHH CARALHOOOOOOO!!!! GOZZZZZZZZ…..NNNNDOOOOOOOOOOOOO…..

Incasinato, su e giù, arrabbiato. Colpo forte, intensificando il piacere del cane. Ho continuato finché ho potuto, lei è crollata sul mio petto. Ho sparato velocemente:

_ Apri la bocca, puttana!

Si è aperto, non ho potuto tenerlo un altro secondo.

_ Sssshhhhh aaaaaaahhhhhhh, una delizia per puttane!!!!!

Ti ho riempito la bocca di sperma. Mi sono divertito troppo.

_ Sì, cagna, succhia il cazzo del maschio. Ingoia il tuo fottuto padrone, puttana!

Ha succhiato fino a quando la sua testa era tenera. Aprì la bocca sorridendo come una vera puttana, non c’era niente, ingoiò tutto.

_ Che cucciolo delizioso. Non appena piace al tuo maschio.

_ Hmm, che bella scopata, quanto mi mancava divertirmi. Grazie, mio ​​padrone di casa.

_ Ti è piaciuto, piranha? Sarà più facile prenderlo nel culo.

La sua faccia cambiò un po’, sembrava preoccupata:

_ Non ho mai dato il culo, Signore. Non ho mentito. Per favore, non farmi del male.

_ Stai zitta, puttana. Io faccio quello che voglio.

_ Lo so, signore. Lo so…

Abbassando la testa, non chiese altro.

Sentii, ancora una volta, di averlo tra le mani e che non era il momento di infastidirlo, ci sarebbero state diverse occasioni per farlo.

Grazie mille per aver letto. Se possibile, commenta, valuta, è molto importante.

Cercherò di scrivere più spesso, la fine dell’anno è complicata.

Se vuoi parlare, criticare, lodare, la mia email è writer-go@outlook. con.BR

Oss. : Dedico questo seguito al lettore Ruiva Gyn.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *