La danza

di | 12 de Dicembre, 2022

Era una festa di Capodanno. Una sala da ballo con diverse famiglie riunite.

Abbiamo ballato.

Con gli occhi incollati ai suoi, era innamorato di questa donna matura, sicura di sé, sorridente e, come sempre, molto ben vestita. Un incanto. Non mi ero nemmeno reso conto di quanto la stavo divorando con gli occhi.

Fu allora che allontanò il mio viso dalla sua mano aperta e solo allora mi resi conto di quanto il mio desiderio fosse più che visibile negli occhi della persona che amavo di più.

Cercando di non fissarmi, abbassai lo sguardo, seguendo il movimento dei nostri corpi. Ho sentito la mia faccia scaldarsi. Nessun altro nella stanza sembrava essersi accorto di quello che era successo.

Izabel mi attirò contro il suo corpo e mi sussurrò all’orecchio.

– Non rimane così. È l’età, passerà. Troverai presto la ragazza giusta. Quello che puoi rivelare a te stesso. Ancora di più ora che è andato al college.

La danza lenta, i nostri corpi uniti, la sua mano sulla mia spalla, l’altra che mi accarezza il collo. Gli occhi color miele mi affascinano. Premetti le sue dita dalle unghie rosse contro il mio petto. E non so nemmeno come mi sia uscita di bocca, una confessione così forte, così pura, quasi un peccato, una colpa indicibile.

– E se non ne voglio un altro?

Ho sentito il suo corpo tremare di paura, si è allontanato un po’. Finché non riuscì a guardarmi di sottecchi come se apprezzasse più di quanto temeva.

– Lo sai che non posso, se non con me. Tuo zio non può nemmeno sognare, immagina i tuoi genitori. Riesci a immaginare cosa diventeremmo?

– Non posso, non posso. Ogni notte sogno te, il tuo corpo.

– Il mio corpo? Perché il mio corpo? C’è una nuova ragazza che vuole uscire con te.

– Non riesco a smettere di ricordare la scorsa estate, il tuo bikini verde.

– Il verde! Perché verde?

– Questo è quello che mi è piaciuto di più. Che ti ha reso ancora più bella.

Rise con orgoglio, il suo viso divenne leggermente rosso, e si premette contro il mio corpo in un abbraccio al ritmo della musica.

– Malizioso. A George non piaceva. Mi ha detto di non usarlo più. Ti piacevano i miei seni, vero? I miei… capezzoli, eh?

– Bella, quando esci dal mare, sembri una sirena.

– Anche tu ragazzo mio… Non c’è da stupirsi che tuo zio si sia arrabbiato con me. Non sapevo nemmeno che il mare mi rendesse così…

– Forse acqua fredda. Il mare era ghiacciato quel giorno.

Altre storie erotiche  mi ha insegnato il piacere completo 3

Le metto le mani sulla vita. Ci siamo guardati, i suoi occhi brillavano e il mio petto batteva come un tamburo. Le nostre bocche erano così vicine che potevo sentire il suo respiro.

– Può essere. Ma anche… divento sempre così quando so che le persone mi guardano. Mi si induriscono i capezzoli, svegliati, non so perché.

– Qualcun altro ti stava guardando?

– Non eri l’unico, Ivo. Ecco perché a tuo zio non piaceva.

– Mi dispiace. Non sapevo di averlo visto.

– Oh tesoro. È la cosa più normale del mondo, ancora di più alla tua età. Non è colpa tua, a tuo zio non piaceva che certi ragazzi mi guardassero nella cabina accanto.

– Ho visto i ragazzi. Non è piaciuto neanche a me

– No! Vero? Anche la gelosia? Mi piace.

I nostri occhi ancora più vicini, i sorrisi di due innamorati. Le sue guance rosee rendevano Izabel ancora più bella. Ho iniziato a sentire il suo broncio che mi grattava la camicia.

– Dillo a tua zia, non nascondere niente. Cosa hai fatto quel giorno?

Izabel mi grattò la nuca e io appoggiai il viso sulla sua spalla. Le parlai dolcemente vicino all’orecchio, non sapendo se era quello che la zia voleva sentire.

– Ti ho sognato tutto il giorno.

– Hai sognato, hai fatto qualcos’altro?

– Mi sono toccato pensando a te.

– È stato!! Mi accarezzò pensando ai miei seni duri.

– Bello, grassoccio.

Ridiamo un po’. Ho premuto il mio stomaco ancora più vicino al suo corpo. Izabel sentì la forza del mio desiderio sfiorare i suoi vestiti. Muoviamo i nostri fianchi in una danza sensuale.

– Stai attento, nessuno può vederti.

Ha parlato di nascosto. E stiamo ancora più vicini gli uni agli altri, balliamo verso i pilastri in fondo alla stanza, più bui, molto più vuoti.

– Dimmi, alla zia piace. Vorrei sapere.

– Sai cosa ? Te l’ho già detto.

– I dettagli, mi piacciono i dettagli di un buon… Sai.

Ride, una risata vivace, sempre più maliziosa. Più curioso.

– Sono andato a casa e ho fatto la doccia. Mancava poco, ma volevo renderti omaggio, sognarti in modo più intenso. ero in camera da letto…

– L’hai lasciato per la camera da letto, nudo a letto?

– È stato, è stato a letto che mi sono toccato, mi sono masturbato pensando a te.

– Chiamami, è più carino. Hai pensato alla spiaggia? Toglimi il bikini, tutto questo?

– Totalmente. Ti ho lasciato nudo.

– Imprecare!

Ha mostrato i suoi denti bianchi. Il mio cazzo vigoroso sfiorò il vestito sottile di mia zia, cominciai a sentire un calore intenso provenire dal suo corpo.

Altre storie erotiche  Mamma: Una notte di sorprese (Parte 4)

– Hai mangiato tua zia, vero? Hai mangiato in spiaggia?

– Sul tappeto, dopo un bagno di mare.

– Con i miei seni durissimi, come due aghi. IL‰?

Izabel si morse il labbro e chiuse gli occhi. Le sue punte mi pungevano il petto. Arrivò un sorriso impaziente e l’abbraccio si fece ancora più stretto. Gira, gira in una danza intima.

– L’ho tolto, l’ho tolto tutto quando sei uscito dal mare, ti ho lasciato nudo e ti ho portato sul tapis roulant.

– Succhiato, succhiato il seno di tua zia?

– Seno.

– È stato? Allattato al seno da bambino? Un buon mascalzone?

– Aaannhh!! Aaaaann… Tiaaaa!

– Calma calma! Rilassati, devi solo stare attento che nessuno si insospettisca.

Mi ha dato un grande abbraccio, guardandosi intorno. Ho premuto il mio viso contro il suo, ho chiuso gli occhi e la vista di Izabel nuda, i suoi seni paffuti nella mia bocca mi ha fatto cadere una goccia. Una goccia appiccicosa che scorre lungo la testa, lungo l’elsa.

Non era molto, ma era un sollievo. La zia rideva e rideva e tirava su col naso. Mi ha baciato la punta del naso.

– E poi tesoro. Che cazzo mi hai fatto? Ha scopato sua zia nuda sulla spiaggia. Hai fatto quella cosa brutta con lei?

– E se ti dico che ti sono venuto in faccia?

– In faccia! Mi ha eiaculato in faccia. Mi ha fatto questo? Era solo in faccia e non io, meritavo qualcosa di più?

– Ti sei perso la polvere, vero?

– Volevo un bacio. Il mio bel ragazzo. Un bacio tra le gambe.

– Ti piace mia zia?

– Quale donna non piace. Un bacio con la lingua sulle grandi labbra. Un amoreoooo…

Mi scoprì i denti e mi morse il mento.

– … Il clitoride di una donna, non hai idea di cosa ci faccia.

Ho tenuto Izabel per il collo, ho sentito il suo corpo caldo contro il mio corpo teso. Vibrava ovunque.

– Non ho mai succhiato un rapini.

– Lo so, lo so. Non parlare così, alla zia non piace. Grelo è una parola forte. Un uomo non dovrebbe parlare così a una donna che ama. Soprattutto con la zia.

– Scusa, non lo sapevo.

– Dimenticare. Pensa, pensa alla zia nuda, con le gambe divaricate davanti al tuo viso, hmmm? Tutte linee bikini sudate e abbronzate. Ehi? E tu lì che la accarezzi. Questo affetto caldo e intimo di due persone che si amano. Devi sapere come accontentare una donna. Pensa alla carne tenera, alla pelle liscia e a cullare la ragazza con la tua leccata. Al momento giusto, proprio sulla punta, oh, hmm? Pensa, amore. Pensa alle feste della zia.

Altre storie erotiche  Karen fa rapporto al Marine I

Il mio corpo iniziò a tremare, il sudore mi colava sul viso e Izabel parlava, parlava e girava. La voce diventa più rauca e lei strofina e stringe il suo corpo caldo sul mio palo duro, diventando sempre più duro e umido. Chiusi gli occhi e mi permisi di sognarla nuda, le sue gambe alte e le pieghe della sua figa che pulsavano contro il mio viso.

– Immaginami nudo, proprio di fronte a te. Esposto, come un piranha. L’aroma forte del piacere che si mescola ai miei capelli, le mie labbra che brillano al sole e tu che mi hai baciato e bevuto. Bevi i sapori di zia Iza. Quel succo dolce che dai a tua zia quando ti piace qualcuno. Cosa sta succedendo? Ancora di più tu, che ho visto crescere. Così carino.

Parla con una voce lacrimosa, uno sguardo ferito e il sorriso di sapere che mi sono perso nel suo intrigo, nella sua danza lasciva.

– Aaaaanhhh! Oooh!!

– Questo è tesoro, tutto qui. Lascia che venga, non vergognarti. Riempilo, riempi tutta la tua biancheria intima…

Lei parla, io tremo e gemo. Lei implora e io sto pulsando e sputando, vomitando il mio piacere da questa splendida cremosa matura.

?? … Riempire con il latte caldo. fa caldo vero?

– Molto, molto caldo.

Le sue labbra si trasformarono in un sorriso e mi accarezzò le ciocche di capelli e mi diede ha dato un abbraccio

– È ottimo. Alla zia piace sapere quando un uomo è così per lei. Un altro da casa mia. Non è delizioso così?

– Molto, molto più di quanto mi aspettassi. Ma adesso cosa?

– Peccato, posso solo immaginare. Nostro! CI SONO! Chiunque ti conoscesse, un bel ragazzo che ha appena iniziato l’università, mi onorerebbe così alla festa di famiglia.

– E il personale?

– Non preoccuparti. Vai in bagno e pulisciti. Nessuno ha visto, nessuno sa. Sei sicuro.

Izabel sorrise di nuovo e mosse rapidamente le sopracciglia, mordendosi la lingua. Mi ha spinto dietro una colonna e mi ha dato un bacio. Un bacio intenso e umido con la lingua.

– E non vuoi neanche tu?

Mi ha messo a tacere con un dito sulle labbra.

– Gira l’angolo, non guardare nemmeno di lato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *