La fantasia di un amico diventa realtà 3

di | 9 de Dicembre, 2022

Malbec (non è il suo vero nome) non è mai stato un amico d’infanzia, né di un adolescente. Amici che ricevi in ​​dono e scopri di conoscerli da anni. Ero disoccupato e Malbec in una società di contabilità. Malbec non mi ha mai trovato un lavoro. Non mi ha mai indirizzato ai posti vacanti. Ma siamo diventati amici. Ed eravamo uniti per un motivo molto forte.

L’unica cosa che avevamo in comune era che le nostre mogli si chiamavano Réjane. Non sono più sposato. E ciò che è scattato è stato proprio l’incontro con Réjane Malbec. Siamo legati da questa bellezza totalmente liberata dalle catene moralistiche e religiose che vengono imposte alle donne e al loro piacere a letto (Leggi la storia: Ho realizzato la Fantasia 1 e 2 della mia amica).

Quando sono tornato in quella che chiamavo casa, non c’era più alcun motivo per vivere la menzogna. Sprofondai in un silenzio profondo, pieno di pensieri lussuriosi e desideri mondani per la moglie del mio amico. Vivere così è da pazzi. Ho dovuto lottare giorno per giorno, costruendo la mia libertà finanziaria e imparando sempre più tecniche di vendita, approcciando e chiudendo le vendite con il franchising che ho aperto.

Dopo 3 mesi ho messo insieme un portafoglio, ho preso un prestito e aumentato il mio portafoglio e sono uscito per fare quello che odiavo di più: ho montato una tenda e ho iniziato a fare manifestazioni e, a poco a poco, stavo prendendo il controllo delle opere. e ha guadagnato alcuni clienti. Tutto questo per non farti mancare nulla a casa. Con la metà dei profitti, ha investito in più prodotti. Con l’altro metteva il cibo dentro casa.

Durante questi 3 mesi, io e Malbec non ci siamo quasi mai visti. E Rejane chiedeva sempre di me, e io lavoravo sempre e chiamavo le persone, creavo elenchi di contatti in modo da poter fare demo. Con molto sacrificio, riuscivo a portare a casa i soldi di una vendita al giorno. E la mia ormai ex moglie non ha riconosciuto lo sforzo e ha chiesto ironicamente: “Quando è il viaggio in crociera da sogno di cui parli così tanto in questo business !?”

Io: mi chiedo anche quando inizierai questo progetto così possiamo arrivarci più velocemente!

Rejane Wife: Dobbiamo trovare un lavoro!!!

Io: devo prendermi cura della mia famiglia e sostenerla con tutte le mie forze. Non lo faccio perché mi piace o mi piace. Lo faccio per il benessere di ognuno di noi. Dal momento che non ci crede, devo farlo io per lui. Conosco molte coppie che hanno iniziato la loro attività insieme e oggi stanno bene. Non importa quanto tempo ci vuole. Specialmente da quando succede, tu vuoi essere lì con me, giusto?

Moglie di Réjane: Certo!

Io: Forse per allora non ti avrò più.

Moglie Réjane: Cosa vuoi dire con questo?

Io: Trai le tue conclusioni. Penso solo che se non mi sostieni nei difficili inizi, non meriti di superare i momenti facili. Questo è tutto.

La moglie di Réjane: Ottieni a malapena i soldi dal prodotto venduto, fai un investimento costoso, riempi la casa di ninnoli e devo sopportarlo!?

Io: Vuoi morire di fame, tu e nostro figlio!? Sai, anche se un giorno non stiamo più insieme, lo faccio da qui perché non voglio smettere di dargli le cose di cui ha bisogno. GIUSTO!? Ha bisogno. Anche tu, sebbene sprezzante, ne hai bisogno e dipendi da esso. Ora non posso avere un lavoro. Ma qui, non sarò licenziato. Ed è un modo per farti partecipare e vedere dove ho investito tempo e conoscenza.

Réjane: Non c’è tempo per questo. Sai, se potessi, lavorerei. Ho scelto di prendermi cura di nostro figlio.

Io: non te l’ho mai chiesto. Rispetto la tua decisione. Ma i tempi sono cambiati. È difficile lì. E anche qui tra noi. Dimmi una cosa: se dovessimo separarci oggi, non dovresti correre dietro a qualcosa? ? O pensi che solo pagando la pensione si occuperebbe di tutto il resto della casa!? Dimmi.

Moglie Rejane: Vedo che usi molto parole come “separati” o frasi come “se non fossimo insieme”. Stai pensando di lasciarmi!?

Scommetto di sì. Ho pensato molto, perché non è tutto ciò che ci fa litigare e tu lo sai benissimo. Je ne suis pas le meilleur mari de la planete, mais j’en ai assez que vous utilisiez des frasi come “Tu n’auras jamais de femme comme moi”, et je suis désolé de dire ceci: il ya trop de femmes dans el mondo. Nessuno come te. Alcuni peggiori, altri simili e altri migliori. E so benissimo cosa voglio se lascio la tua vita. Sicuramente non raccoglierò la spazzatura o qualcuno come te. Sto pensando di lasciarti, sì, perché non adempi ai tuoi doveri di donna. Sto pensando di lasciarti, perché non avendo il tuo sostegno niente era più come prima. La tua priorità è solo nostro figlio. Sono solo responsabile. E niente di più. Sto pensando di lasciarti per N motivi. E uno di questi è che sono davvero stufo delle tue buffonate! Vuoi che continui? Semplicemente non lo sto facendo perché ho ancora un po’ di buon senso per capire che i nostri problemi non possono portare a un padre bisognoso e assente per nostro figlio. Ma soprattutto: sto pensando di lasciarti perché non so più cosa provo per te e non voglio passare anni a vedere dove questo mi porterà. Sei soddisfatto!?

Da lì, puoi già immaginare che fosse una schifezza. E ho davvero detto che il capitolo precedente faceva schifo. Mi ha chiesto se ne avevo un altro, se ci stavo già pensando, volevo cercare in ogni angolo buio della mia vita fino a trovare qualcosa. Tutto quello che sapevo era dove avrei vissuto dopo aver lasciato casa. L’amico che mi ha portato alla società di network marketing è stato il ragazzo che mi ha aiutato quando ne avevo bisogno. Ed è stato anche quello che mi ha prestato i soldi per avviare il mio franchising e mi ha dato un avvertimento:

José Ricardo: Ti presterò questi soldi, ma non avrei dovuto. In effetti, è l’investimento più rischioso che abbia mai fatto in vita mia. L’ho prestato a tante persone e oggi nemmeno mi guardano. Sai, ero proprietario di un bar, ho perso molto nella vita, anche una moglie perché amo così tanto il mio lavoro. Se onori questo impegno che prendo con te, avrai il mio rispetto per sempre. Vivrai qui, con me, sarai mio fratello, amico. Non ti farò nemmeno pagare l’affitto perché sei più fottuto di me quando me ne sono andato, hahahahahaha

Io: ahahahahahahaha!

José Ricardo: Ma non ti aiuterò con nient’altro. Basta investire in questo portafoglio. Ti insegnerò tutto quello che so. Se riuscirai a raggiungere l’obiettivo, ti farò comunque un regalo. Se ti arrendi, venderò tutto perché sono un bastardo. Posso. Ho imparato. Ma non avrai mai più niente da me, ti caccerò anche da casa mia. è il mercato Do?

Ho finito.

José Ricardo: Quali prodotti vuoi acquistare?

Io: Lavoro solo con i profumi, che mi piacciono.

José: Ma ci sono molte cose in Acquarell, amico! Fai un investimento equivalente…

Io: L’intera linea di Profumi. Voglio specializzarmi in questo. È tutto. E prometto che lo farò.

José: Quanto vuoi per il prestito!? Fino a 5000 posso.

Io: Fantastico, voglio tutti i profumi della gamma Perfume. Quando raggiunge i 5.000 reais, ci fermiamo.

José: Un prestito di 5.000? Fratello, vai a lavorare con il sangue negli occhi, dannazione. Se ti arrendi a metà, ti spezzo entrambe le gambe.

Io: Quando lo venderò, tu sarai un Rubino e io sarò vicino a uno Zaffiro. Sarò un consulente d’élite.

José: Merda, è così che si dice.

Ed è così che ho lasciato mia moglie e sono andato in guerra per ricostruire la mia vita senza senso. Vendendo profumi, andando alle riunioni di inaugurazione, partecipando a demo casalinghe con Zé Ricardo, e in 5 mesi, dopo giorni di sole forte e tanta pioggia, vendendo per telefono e uscendo per strada, ho raggiunto il mio obiettivo di vendita, ho sono diventato Consulente Safira – Aspettavo Elite – Ho formato una grande squadra e… José Ricardo non mi ha fatto pagare un centesimo. Era il suo regalo.

Sono sicuro che vuoi saperne di più sulla coppia che mi ha fregato, vero? Hahahahahahaha! Malbec, come ho detto, non ha mai comprato un profumo con i suoi soldi. Ma la donna, Rejane… cazzo, ha lasciato la sua azienda per unirsi alla mia squadra. Abbiamo anche fatto un confronto tra Jewell e Acquarell nella linea Perfume. La collezione di Jewell era molto più ampia e aveva la linea brasiliana. Il mio ne aveva solo di importati. Ma ha dovuto cedere, perché la mia linea di profumi era molto forte. È diventata cliente, poi si è iscritta ed è diventata consulente per Acquarell. In 5 mesi, se li ho visti 5 volte, è stato molto. Ero impegnato a vivere la mia vita, comprando un profumo pazzesco da vendere e imparando come ottenere entrate passive, ecc., ma la macchina non riusciva a sopportare la fretta. Mi sono ammalato.

Avevo fretta, il mio cuore aveva picchi di pressione, mi sentivo male per strada, c’era un problema. Sono passato dal medico generico al cardiologo, che mi ha dato un serio avvertimento, mi ha detto che dovevo rallentare, perché altrimenti altrimenti potrebbe evolvere in una malattia irreversibile.

Cardiologo: Sei già molto stressato. Dorme poco, non fa esercizio e ha solo 31 anni. Se prescrivo un farmaco per controllare la pressione sanguigna, probabilmente non smetterai mai di prenderlo. In altre parole, se non hai un malore per strada, e… devo parlare! ? Quindi amico, cambia ritmo, gioca di nuovo a palla, anche il riposo e il tempo libero sono lavoro. Sei troppo giovane per quello, è la fase più pericolosa, tra i 30 ei 40 anni. Hai avuto un infarto, hai avuto un ictus? Manda i miei saluti dal Paradiso, dall’Inferno, non so se ci credi. Ho misurato la tua pressione seduta, è 130/80. In piedi, 150/100. Per il mio amico! Per! Stai attento. Cammina di nuovo, gioca di nuovo a palla, tra mezz’ora e un’ora. Diversifica il tuo menu di cibo, ok? Al momento giusto per mangiare, bevi più acqua, bevi poca acqua. Il denaro è fantastico, ma la salute lo è di più. Respira, organizza meglio la tua vita, perché se torni qui ed è lo stesso, dovrò prescriverti farmaci per la pressione sanguigna e probabilmente non smetterai mai più con questa merda.

Mi ha scosso molto. Sono tornato a casa, disse José, quel giorno ero laggiù. Poi il giorno dopo ho dovuto ristrutturare tutta la mia vita, ero fottuto. È andato a fare shopping, perché era anche un pilota di applicazioni, freelance, e ho dovuto smettere. 10 giorni, a casa, prendendomi cura del mio cuore e andando in giro, mangiando esattamente al momento giusto, ho dovuto staccare dal lavoro.

E, uno di questi giorni, Malbec mi ha dato uno Zap.

Malbec: Faaaala, amico! È più calmo in questi giorni, se n’è andato, che è successo!?

Io: Parla amico. Sono in ammollo a casa, socio. Palpitazioni, tanto stress, cattiva alimentazione, perché io e José siamo per strada tutto il giorno e mangiamo schifezze, ma ho sentito il peso della fretta, il mio cuore ha raggiunto i 150/100 in piedi, in piedi, e il giorno in cui ho era malato aveva 170 anni>

Malbec: Ragazzi, sul serio! Avresti potuto parlarmi, amico!

Io: Grazie per la tua preoccupazione, ma non volevo-

Malbec: Amico, sono tuo amico. Ha bisogno di qualcosa!?

Io: voglio guadagnare soldi, hehehe, non guadagno un cazzo a casa.

Malbec: Ma come stai lì?! Sei solo!?

Io: Oh lo sono. Mangia il sugo di cottura ogni 3 ore, cammina per almeno mezz’ora e girati qui.

Malbec: Posso dire a Réjane di prendersi cura di te, di prepararti un pasto delizioso, di abbracciarti… hehehehe!

Io: Ma deve prendersi cura di sua madre, wow!!! Non c’è bisogno!

Malbec: Ora hai bisogno di una svolta, un pasto forte, ricco, equilibrato, e anche a lui manchi! Chiede sempre di te!

Io: mi manca anche quella meravigliosa donna di colore. A proposito, lei come sta?

Malbec: Sai, hahahahahaha: cattivo come sempre. Ha bevuto questo latte caldo al mattino e ha continuato la sua vita.

Io: Latte caldo al mattino, hehehehehehe!!! Merda, ho proprio bisogno di un brodo caldo e di un succo dolcissimo, per dare energia alla mia vita.

Malbec: la nuova tappa è dura, vero amico!?

Io: Amico, la parte più difficile è stata partire da zero e scoprire che il mondo è più ostile rispetto a quando mi sono sposato. Nel senso… come posso dirlo!? Non sai mai cosa ti aspetta il giorno dopo. La paura del fallimento. Poi, una promessa che, se non mantenuta, lascerà un segno negativo per il resto della sua vita. Fanculo anche tu.

Malbec: Qualunque cosa ti serva, conta su di me.

Io: il tuo supporto è sufficiente. Ma devo superare queste palpitazioni cardiache, devo rimettermi in piedi, amico.

Malbec: Capisci, Chronos: Tu sei l’immagine del tuo prodotto. Hai davvero una bella collezione, amico, inizia a investire anche in quella. Ci sono ancora persone che hanno bisogno di te.

Ringrazio.

Malbec: Accetterai la mia proposta o no!?

Io: ma dici sul serio!?

Malbec: Wow, non gioco con queste cose.

Io: Ok, scrivi qui l’indirizzo. Ad ogni modo, pagherò l’UBER di Rejane. Nessun problema.

Malbec: Lascia che si prenda cura di te. Andrà bene in men che non si dica.. Hahahaha!!!

Non era abituato a questo comportamento. Non avevo mai incontrato un ragazzo a cui piaceva guardare sua moglie che lo dava a qualcun altro. C’erano ragioni che non avevo ancora capito. Ma lo scoprirei.

Era un sabato mattina. Mi sono alzato presto per andare a correre, le palpitazioni cardiache si erano già calmate molto, sai. Giuro che mi ero davvero dimenticato della proposta di Malbec. Zé Ricardo se n’era andato e all’improvviso la musica del mio cellulare è stata interrotta da una chiamata. La voce era inconfondibile.

Réjane: Ciao, angelo mio, sei ancora sveglio!?

Io: Wow, che bella sorpresa! A cosa devo l’onore di essere chiamata la Signora di Malbec?

Rejane: Non ti sei dimenticato del nostro fidanzamento, vero!?

Io: eh!? Che cosa!?

Réjane: Vado a casa tua. Tra 5, 4, 3…

Immagina la gara che ho dovuto prendere dalla piazza dove mi alleno a casa. Ho sentito un pizzicotto alla coscia sinistra, ma ho tenuto i bordi. Quando sono arrivato il ragazzo era già incazzato ad aspettare, mi stava chiamando fuori. Mi sono scusato, ho aperto la porta e sono corso al tavolo in soggiorno, ho preso i soldi e ho pagato lo scemo. Non ho avuto alcun cambiamento. Ha detto che era la mancia. Per le scadenze. Fratello, era un gallo ($ 50). Faceva male perdere quella fottuta mattinata, ma… ne valeva la pena, perché Rejane era bellissima, con una tutina gialla senza maniche, che metteva in mostra le gambe, i capelli corti e ricci, il colore del rossetto che le era rimasto addosso. delizioso.

Rejane: Wow, ma ora sono confusa: non ti sei riposato!?

Io: Una delle cose che il cardiologo mi ha suggerito, ansimavo per la stanchezza, erano passeggiate leggere… e dopo una settimana, corse brevi. Perdonami, Re, avevo dimenticato che saresti venuto.

Rejane: Ma a proposito, non si muore comunque di cuore, Hahahahahahaha! Avrei potuto chiamare prima, no! ?

Io: nessun problema. Mille scuse per l’errore. Non ti bacerò nemmeno a causa delle mie condizioni. Ma entra.

Il profumo di Réjane stava già riempiendo i miei sensi. Portava delle borse, non so cosa ci fosse dentro, ma ho pensato che qualsiasi tentativo da parte mia di comprare qualcosa per cena stamattina fosse fuori questione. È venuto anche a prendersi cura di me.

L’ho lasciata sola e sono andata a farmi una doccia. Il gallo stava già reagendo alla presenza femminile all’interno della casa, ho cercato di fare del mio meglio per ricevere il mio amante con qualcosa di qualità. Mi scostai i capelli dal viso, mi gelai i capelli, usai volentieri il collutorio, poi mi cambiai in pantaloncini di seta, tanto per stare comoda, e una maglietta nera, quando mi alzai il tavolo era pronto con un succo in una bottiglia termica , pane, formaggio bianco, bolei alla reception.

Io: ho bisogno di ammalarmi più spesso hahahahaha!

Rejan: Stupido. Siediti qui. Oggi imparerai da me che prima di vendere il prodotto, deve essere l’immagine del prodotto. A questo proposito, sei molto indietro-…Cosa!?

Il morso mi ha fatto zoppicare quando sono arrivato al tavolo.

Rejane: Aiaiai, amico, com’era lì!?

Io: Il cuore non si è lasciato andare, ma questa coscia sì. Fa male.

Mi ha detto di sedermi su un posto piatto. Il divano era pieno di cose per animali domestici, non l’avrei tolto. Ho chiesto se poteva essere a letto. Lei sorrise e annuì, scrollando le spalle.

Ho avuto un olio da massaggio di Acquarell, come Gelol, che rinfresca all’istante. Poi ha preso l’olio, gli è persino piaciuto, mi ha detto di rilassarmi e ha iniziato ad applicarlo. Il tocco delle sue mani, a contatto con la mia coscia, risvegliò i miei istinti più primitivi.

Rejane: Che succede!? Fa ancora molto male!?

Io: Con una mano deliziosa come la tua che mi massaggia, ho persino dimenticato questo dolore. Puoi – mi sono tirato su di più i pantaloncini – vieni anche qui! ?

Réjane: Certo, amore mio. Dove pensi che sia imbarazzante!?

Io: (gli prendo la mano e la avvicino al mio membro arrapato) ecco un caddy gonfio, puoi passarlo di qua.

Réjane: Ok, ma forse sarebbe meglio se ti togliessi quei pantaloncini, così potrei prendermi cura di tutto quel corpo dolorante… dopotutto, è per questo che sono venuta qui, giusto!?

Io: Ok- ho tolto l’ultimo fazzoletto che separava le sue mani da tutta la mia virilità.

Réjane: Adoro prendermi cura degli uomini, sai? Mmm, hai un buon profumo! E questo ragazzo cattivo qui – ha cominciato a toccarsi la testa – ha bisogno di un po’ di cure femminili, vero? Un tocco femminile… più morbido. Qualcosa che le tue mani non possono – si sporse verso di lui, facendogli un pompino – ummm! Odori, duro…

L’ascesa e la caduta di Rejane sul mio cazzo invaso tutti i miei sensi Le tolsi la salopette corta, sciogliendole il nodo dietro il collo. I suoi seni neri già intorpiditi toccarono il mio corpo freddo dalla doccia, facendoli formicolare ancora di più.

Réjane si alzò e finì di togliersi la tuta. La sua figa era rasata, proprio come piace a me. Mi ha chiesto di togliere il cordone dal collo. Ho raggiunto dietro di lei, la mia bocca vicino al suo collo, ho tirato fuori il guinzaglio e subito le ho toccato il collo, vicino alla nuca, con le labbra e la lingua. Rabbrividì tutta. L’ho baciata da dietro. Era più alto a causa dei tacchi che indossava ancora. Il mio cazzo era proprio nel suo culo. Réjane iniziò a gemere, tutta sorniona, facendo il duro, dicendo che il caffè era sul tavolo. Sono tornato indietro nel tempo.

Io: Per iniziare la giornata, il caffè deve essere sul tavolo. Ma oggi è sabato e tutti sanno che la migliore colazione è a letto.

Rejane: Mio marito dice la stessa cosa, sai?

Io: Quindi al tuo amante piacciono anche altri tipi di caffè.

Rejane: Ah sì?! Cattivo, sporco… lo adoro! Ma stai finendo le energie, tesoro, ti prenderai cura di me adesso!?

Io: sai cosa mi piace veramente per stuzzicare l’appetito!?

Rejan: Ehm…

Io: (vicino all’orecchio di Réjane, con voce rauca) Il brodo di Xana…

Rejane: Ainn!

Io: (Adesso ci metto sopra una siririca molto lenta) Con succo d’ananas dolce…

Rejane: Questo è tutto! E l’altro!?

Io: cubi germogliati.

Rejane: Vuoi berlo adesso, eh!?

Io: Colpisci la mia piccola bocca, colpiscila!?

Réjane: Ti darò tutto quello che vuoi!

Ho rivolto questa dea d’ebano verso di me in un bacio libero e incommensurabile. La sua figa era già bagnata e chiedeva di nuovo il cazzo. Dubito che se ne sia andato senza un buon brindisi al Malbec. A maggior ragione lui, che riesce a convincere di tutto la donna. Anche prendersi cura del suo amico in via di guarigione.

L’ho presa tra le braccia e l’ho adagiata dolcemente sul letto, le gambe già distese nella giusta posizione per tuffarsi in questo fiume di miele che scorre. Rejane si contorceva davanti alla mia faccia, spalmando tutto quel profumo su tutta la mia faccia. Donna deliziosa. Ho imparato che più sei maturo, migliore è il sesso. Ma con lei, tutto era al top.

Rejane: Vieni 69, caldo, lasciami gestire il cazzo nel bisogno, lasciami, aaaaaahh!

Era 69 indietro. Tutti i piaceri che gli venivano procurati venivano reciprocamente con la stessa intensità. Continuavo a pensare: “Dov’era quella donna che non ho trovato prima? Dannazione…”

Il corpo profumato, la figa profumata, la bocca carnosa maliziosa e golosa… Abbiamo passato circa 5 minuti ad assaporarci a vicenda, finché lei ha cominciato a dare segni di un delizioso orgasmo. Ha iniziato a succhiare forte finché non mi ha portato sull’orlo dell’estasi. Ho tolto il ciuccio dalla bocca del ragazzo per non rovinare la mattinata perfetta.

Rejane: Ainnn, peccato, non mi piace!

Io: sii una brava ragazza! Avrai tutto alla fine.

Réjane: Ma ho sete, voglio il latte!!

Io: Safada, chi è il paziente qui!?

Rejane: E chi è l’infermiera che sa come prendersi cura dei pazienti qui!? Posso gestire qualsiasi cosa, mio ​​angelo! anche per alzarsi!

Non potevo resistere a un ordine del genere. Mi sono arrampicato su di lei e abbiamo giocato a spagnolo prima che mi succhiasse l’odore come un lupo affamato. La sua bocca si trasformò in una figa mattutina. Ho colpito caldo, venendo mangiato fino al midollo da questa cagna. Stiamo cambiando posizione. Io ero in piedi, lei era in ginocchio, come un bravo schiavo che si prende cura del suo padrone. Succhiato, succhiato, succhiato… finché il latte non è diventato caldo, caldo, gustoso, mi ha tolto tutta la vitalità in quell’eiaculazione.

Rejane: Wow, che schifo…mmm…non so come non gli sia piaciuto…perdere contro un dio greco come te!

Io: Sei perfetto, Réjane, wow! Ma mi ha tolto la forza dalle gambe.

Réjane: Te l’ho già detto, sono l’infermiera che si prende molto cura dei suoi pazienti. Ora vieni con me, ripristina quelle energie. E la coscia, è migliorata!?

Io: non ricordavo nemmeno il dolore…

Rejane: Assicurati di non esagerare, ok?

Siamo andati al bar, abbiamo parlato di vari argomenti. Ma continuavo a chiedere cosa volevo sapere di più. Le ho chiesto quale fosse stata la sua reazione quando ha scoperto di aver soddisfatto suo marito scopandosi un’altra.

Rejane: È sempre stato un marito meraviglioso. Ho conosciuto il sesso con lui, è stato il mio primo e unico ragazzo. Non era l’uomo consumatore dei miei sogni. Ha preso questo posto per essere qualcuno che non avrei mai sognato. Mia madre, che riposi in pace, mi diceva: “Prendi quell’uomo con tutto quello che hai. Non è facile trovare uno come lui”. Era sempre quello che vedevi quando lo vedevi. Ho imparato a non avere limiti per compiacere un uomo e la nostra vita è sempre stata calda. Intenso. Stiamo combattendo. Non veniamo da un altro pianeta. Ma la coscienza pesa molto, perché sono sempre stato molto spontaneo, volontario, controllante. All’inizio, volevo davvero padroneggiarlo. E non ha mai alzato la voce con me. Era sempre calmo e cercava il dialogo, e finì per convincermi a vedere le cose da un’altra angolazione. Aveva ottimi genitori. Erano la stessa cosa. A differenza della mia famiglia.

Rejane: Ho scoperto che aveva e ha cose che non mi piacciono molto, come guardare video porno. Lo trovo noioso, tutto artificiale. È meglio farlo vivere, immaginare, creare. Ma io rispetto il tuo mondo. Ho sempre cercato di essere comprensivo, perché lui non è un uomo di feste, ubriaconi, donnaioli. Gli do un pollice in su così può andare. Sta diventando noioso dentro.

Io: Ma non hai ancora risposto alla mia domanda.

Réjane: Allora… hahahahahaha! Ho scoperto che aveva questa fantasia una notte selvaggia quando è tornata a casa da una festa con gli amici. Erano compagnia. Ho passato il pomeriggio a prendermi cura di mia madre, ed era vicino a casa. Gli ho detto di andare avanti, di distrarsi, di fare qualcosa di diverso, non sapeva se lo voleva, ma lo ha fatto. È tornato con gli occhi rossi, pensavo si fosse drogato. Ma comunque aveva solo bevuto. Puis il m’a dit que la fête avait été édulcoree avec beaucoup d’alcool, de la musique forte, et qu’il y avait une foule, oui, fumant l’herbe maudite, mais il n’a jamais fumé et ne fumerait Mai. Gli hanno anche offerto da bere. L’ospite della festa aveva l’erba su tutto il viso e ha detto che quando è andato in bagno per “far scorrere un po’ d’acqua sul ginocchio” come dici tu, ha visto la moglie del ragazzo con la bocca sul cazzo di un ragazzo e prendere un bastoncino ad un altro. Porta aperta.

Io: ahahahahahahahaha! Ma non me l’ha mai detto!

Réjane: Aspetta, ascolta. Mi stava dicendo delle cose e sono rimasto impressionato. Ha detto che il modo era farlo in una bottiglia di birra vuota e buttarla via. In piscina c’era un suo amico, Dinho, un ragazzo comune e birichino, seduto sul bordo con due ragazze che gli succhiavano il cazzo. La festa è durata fino al giorno dopo, è arrivato intorno alle 23:40, si è fatto una doccia e mentre ci scopava mi ha messo questo nell’orecchio: “Oh, amore mio, abbiamo fatto di tutto, yum, ma quello che ho fatto! Cosa Volevo davvero provare era vederti fare divertire me e un altro uomo!” Non ho mai negato nulla a Malbec, ma continuavo a pensare: “Non ho mai conosciuto un altro uomo, non so se ne avrei il coraggio.

Io: E cosa ti ha fatto cambiare idea!?

Réjane: Gli ho chiesto da dove l’avesse preso, e lì mi ha dato i dettagli della festa dei suoi amici. Ce l’ho in testa, lo sai. Ci ho pensato per diversi giorni. Non ha ripreso l’argomento fino a quando non ha iniziato a parlare di un certo amico, sai, ha incontrato su un’app per relazioni, che aveva una buona parola, intelligente e voleva vendergli un profumo. E quando sono tornato a casa dal lavoro, stava chiacchierando con questo amico, e poi solo per curiosità, per controllare se mi tradiva con un’altra donna, ho chiesto di vedere la foto di questo amico. Mi è piaciuto il sorriso di questo amico, mi è piaciuta la bellezza di questo amico. Ne ha parlato solo nelle nostre conversazioni. anche tu avevi sposato e conosciuto solo una donna fino ad allora, vero?

Io: era sì.

Réjane: E poi mi ha raccontato delle cose che avevano in comune, del loro matrimonio, della loro tragedia. E quello che mi è piaciuto di più: un altro semplice amico, un po’ come una famiglia, ma infelice, a differenza del mio amante. E lui era tipo “Cosa ne pensi di lui !?” , e io ero tipo “Wow, non l’ho ancora visto di persona, avevo bisogno di incontrarlo dal vivo e a colori”. A cui ha risposto: “Fantastico, possiamo segnare, sarà fantastico!”

Réjane: Chronos, gradualmente mi è venuto in mente. Ho resistito, ma un giorno ho accettato di unirmi al suo gioco e l’ho seriamente avvertito che se non avesse funzionato, non ci avrei mai più provato!

Io: Wow!

Rejane: Amico, ogni notte quando mi scopava, Stavo inserendo questa fantasia. Finché non mi ritrovo a immaginare te e lui che mi prendete, come due cavalli assetati di una femmina. Ha iniziato a commuovermi, in un certo senso, e poi io… ho detto di sì!

Io: E cosa hai pensato di me la prima volta che mi hai visto!?

Réjane: Alto, hahahahahahaha, ma educato, educato, davvero un ragazzo molto eloquente con le parole, malizioso negli occhi, ordinario per buona misura. Non sei venuto a prendermi, ti sei lasciato andare secondo dopo secondo senza alcuna fretta. Veramente, un conquistatore di alta classe. Sono sposato con lui da quasi 11 anni. Non avrei mai pensato di essere qui oggi, a far piacere a mio marito con qualcuno che riesce a unire raffinatezza e lascivia in una tale combinazione… sexy e con un corpo così, mio ​​dio…

Io: Bene, perché ho provato la stessa cosa quando ti ho incontrato.

Rejane: Siamo pazzi, vero!?

Sono davvero pazzo…

Réjane: Vuoi altro succo?

Io: Sì, è delizioso!

Réjane: Si abbina a un ingrediente afrodisiaco…

Era succo d’ananas con menta e zenzero. Molto delizioso. E davvero, potente, dà una nuova energia.

Rejane: Non ti ho detto che sono un’ottima infermiera? So come prendermi cura di un paziente. Riesci a sentire la gamba?

Io: No, ma lo sento qui…

Ho preso la sua mano sul mio membro, che era già guarito bene, e gli ho dato l’ok per possederlo di nuovo.

Rejane: Sporco, sporco, sporco… lo adoro!!!

Mi fermerò qui perché altrimenti sarà troppo grande. Tuttavia, c’è di più! Ahahahahahahahaha!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *