la mia matrigna russa

di | 9 de Dicembre, 2022

Di recente, un mio amico mi ha raccontato che suo padre, durante un viaggio nell’Europa dell’Est, si era sposato una seconda volta con una donna russa che aveva conosciuto tramite un sito di incontri dove lei chiedeva aiuto per uscire dal suo paese. la miseria in cui viveva. . Tornati nel nostro paese, sono andati a vivere con il figlio poiché la loro casa era in fase di ristrutturazione. “Sì amico! È qui che sta il problema! “, ha risposto quando gli ho chiesto cosa ne pensasse di tutto ciò, il che mi ha causato una certa sorpresa finché non ha fatto un respiro profondo e si è sfogato su di me. Gli ho lasciato raccontare tutto quello che è successo da allora , anche perché lo preferiva così.

Tutto è iniziato quando li ho ritirati all’aeroporto qui dietro; Ero ansioso senza sapere veramente perché mi sentivo così; ci fu un’attesa quasi straziante finché mio padre non uscì dalla zona arrivi spingendo il trolley con le valigie; e accanto a lui c’era Svetlana, una donna alta sulla sessantina con lunghi capelli neri, occhi azzurri e un sorriso affascinante che ha attirato anche me; Ho risposto al gesto sentendo un brivido invadermi il corpo; qualcosa in questa donna mi ha commosso! E questo mi ha un po’ spaventato all’inizio. Ci siamo salutati e lei ha insistito per abbracciarmi e baciarmi sulla guancia, gesti che mi hanno fatto indurire il pene all’istante! Era imbarazzato, come sospettavo avesse notato, ma non mostrò alcuna reazione.

Siamo andati a casa mia, che era un compito in sospeso grazie all’aiuto di una donna delle pulizie dell’ultimo minuto (risparmialo per dopo!); per strada avevamo comprato dei dolci che abbiamo divorato per cena innaffiandoli con tanta birra che mio padre adora; poi siamo rimasti a parlare con lui assicurandoci di raccontare l’intera avventura di incontrare Svetlana e poi portarla nel nostro paese (non ha detto se ci fosse effettivamente una cerimonia di matrimonio, ma penso che abbiano semplicemente deciso di raccogliere i loro stracci! ). Era tardi quando andammo a letto e io avevo dato loro la suite e mi ero trasferito nell’altra stanza che avevo trasformato in un ufficio.

Mi giravo e rigiravo nel letto che un amico mi aveva prestato, incapace di dormire al pensiero della ragazza russa nella stanza accanto. Mi sembrava folle desiderare la moglie di mio padre, ma sentivo di essere attratto da lei in un modo diverso, molto più eccitante di quanto mi fossi mai sentito con altre donne… e mi piacciono le donne più anziane, proprio come mi piacciono loro. a loro piacciono quelli prosperosi. alcuni e anche molto cattivi e Svetlana ha avuto l’aura di mettere tutto insieme in una donna… in lei! A volte, assetato, mi alzavo e andavo in cucina a bere un bicchiere d’acqua.

Quando sono arrivato, quello che ho visto è stato impressionante; Svetlana era lì, il suo corpo chino sul frigorifero; Non ho visto la sua faccia, ma ho visto il suo enorme culo in mutandine così piccole che se avessero risparmiato di più sulla stoffa, non ci sarebbe stato spazio per un’etichetta; All’improvviso si è alzata a sedere e ha visto che la guardavo (vi risparmio l’inutile accento). “Ciao! Buonanotte! Avevo sete… cercavo una bibita!”, si vantò senza vergogna.

“Uhm… ho della coca… ma non è fredda,” risposi, quasi balbettando le parole mentre deglutivo a fatica.

-Può essere! Sai cosa: adoro le bevande analcoliche! – Che cosa ? disse con tono ancora più felice, aspettandosi che la servissi.

Pochi minuti dopo eravamo seduti intorno al tavolo della cucina a bere bibite senza che riuscissi a staccare gli occhi dalle sue tette ea sentire il mio cazzo esplodere nelle mutande.

Svetlana mi ha raccontato quanto fosse felice di lasciare il suo paese e come mio padre l’avesse aiutata in tal senso; Ho ricambiato i commenti dicendo che anch’io ero felice per lei, ma che non mi sentivo mia suocera; La donna sorrise prima di rispondere mentre si avvicinava a me, mettendomi una mano sulla coscia. “Sono contento che tu non ti senta così, perché non penso nemmeno che tu sia mio genero!” corresse lei in tono enigmatico. Temendo che la conversazione prendesse una piega ancora più strana e pericolosa, mi alzai dicendo che avevo bisogno di dormire; Appena entrata in camera ho chiuso la porta, buttandomi sul letto e tirando fuori il mio cazzo voglioso di sborra immaginando le tette di Svetlana… è così che sono riuscita ad addormentarmi.

La mattina dopo mi sono svegliato intontito e sono andato in bagno a farmi una doccia. quando sono arrivato in cucina, ho visto il tavolo disseminato di leccornie freschissime insieme a un biglietto di mio padre che diceva che era fuori con Svetlana per fare alcune commissioni necessarie; Ho divorato la colazione e poi sono andato a lavorare in camera da letto/ufficio; Mi concentrai più che potevo, ma la mia pace non durò a lungo; Poco prima di pranzo, la coppia felice è tornata dalla spesa. Mio padre voleva preparare la sua pasta speciale e vedendo che gli mancavano alcuni ingredienti, andò alla ricerca di un mercato vicino; Svetlana mi ha chiesto se poteva guardare la TV; Gli ho consegnato il telecomando con una rapida spiegazione di come farlo funzionare, poi sono tornato al mio lavoro.

Pochi minuti dopo, ho sentito dei suoni familiari provenire dal soggiorno e sono uscito per vedere cosa fosse, pensando già che mio padre potesse giocare con Svetlana in soggiorno (semplicemente impensabile!); Ancora una volta sono rimasto stupito quando ho visto che Svetlana stava guardando un film porno! Ed era uno di quelli “hardcore”, con tutti i tipi di abbracci; la donna era così immobile sullo schermo che non si era nemmeno accorta della mia presenza, così mi schiarii la gola per farmi notare.

-Il! Mi dispiace! Non ti ho visto – rispose con una certa sfrontatezza e un sorriso malizioso – non l’ho mai visto! … così così! …, hai mai fatto qualcosa del genere?

-Perché? Non è così? Mio padre conosce bene l’argomento! – risposi impaziente.

-Sai cos’è? …tuo padre…lui…” disse esitante.

Quando ho cercato di ottenere maggiori dettagli su ciò di cui stava parlando, mio ​​padre è tornato dalla strada felice di fare la pasta e Svetlana ha spento la TV prima che se ne rendesse conto. Abbiamo pranzato in tono sommesso e senza tante parole, solo l’essenziale. Nel pomeriggio mio padre decise che aveva bisogno di vedere degli amici e se ne andò, lasciandoci soli in soggiorno. Avevo del lavoro da fare, ma la conversazione di Svetlana mi ha talmente eccitato che dopo aver bevuto il caffè ne ho parlato di nuovo.

-Tuo padre è un brav’uomo… mi ha tirato fuori dalla brutta situazione in cui mi trovavo e per questo gli sono molto grato – iniziò con un tono un po’ angosciato – Ma a letto non mi soddisfa . … spesso dice che ho troppo caldo! … ma le donne russe sono così… affettuose e… entusiaste…

– Vuoi dire che non ti fa venire? — Ho chiesto la scatola senza paura.

-Veramente? Non credo di essermi mai divertito quanto vorrei! “Nel mio paese ero una donna che nessuno voleva! Ero sposato con un ragazzo che è stato risucchiato fino a venirmi in bocca! Tuo padre ci ha provato davvero… ma… non ha funzionato!

-È un peccato ! commentai, entrando nell’umore giusto. Sei una donna molto sexy e meriti di provare molto piacere…

-Delizioso? Come lo sai? Non mi ha nemmeno messo alla prova! – Che cosa ? rispose lei, fingendo di non capire.

In quel momento, non ho resistito e mi sono avvicinato abbastanza da permetterci di baciarci. Svetlana si eccitò e il bacio durò ancora di più quando passò la mano nella patta dei miei pantaloni, sentendo la rigidità del mio cazzo. È stata una cosa così incredibile che subito dopo la tettona russa aveva già tirato fuori il mio cazzo e dopo averlo masturbato un po’, le è caduto in bocca e lei l’ha succhiato incautamente. La cagna sapeva succhiare un cazzo molto bene e mi ha fatto impazzire di lussuria. L’ho fatta morire di fame e poi l’ho spinta contro il divano, sollevandole la camicetta, scoprendo i suoi seni i cui capezzoli furono presto assaporati dalla mia bocca avida.

Ho succhiato molto su quei capezzoli duri, il che ha fatto gemere il russo per l’eccitazione per volere di più. “No! Non ora! Potrebbe arrivare mio padre! L’ho avvertita mentre lei faceva cenno di spogliarsi. Svetlana mi ha guardato in modo incomprensibile, non capendo perché non potevamo continuare quello che avevamo iniziato. Non avendo il tempo di spiegare ulteriormente, gli ho detto che Troverei un modo per passare più tempo da solo per soddisfare il nostro desiderio.“Non indugiare, per favore!” Sono così ansioso…mi masturbo tutte le sere!” chiese con tono supplichevole, costringendomi a pensare a un modo .per soddisfarci

Tuttavia, Svetlana non era dell’umore giusto per aspettare, poiché all’alba è fuggita nella mia stanza e mi ha colto in flagrante mentre mi rivoltavo senza pietà contro il pagliaccio. La russa mostrava uno sguardo avido volendo subito calare la bocca sul sesso; indossava solo una canotta larga e le punte stavano già spuntando attraverso il tessuto, erano così rigide; Mi sono alzato e ho sollevato la parte superiore che le cadeva sui seni e le ho accarezzato la figa grassoccia mentre mi masturbavo. vigorosamente; Svetlana ha assaporato il rilascio sulla punta delle mie dita e quando ha mostrato l’intenzione di gemere, le ho coperto la bocca con la mano.

Siamo rimasti in questo gioco per un po’ e la puttana è venuta diverse volte prima che raggiungesse l’orgasmo e io le venivo a pancia in giù; ci siamo salutati con la promessa di un incontro più intimo. I giorni passavano ogni volta più lunghi e pieni di ansia; mio padre non veniva spesso a casa, ma non abbastanza perché io e Svetlana avessimo l’opportunità di scopare bene. Stavo già impazzendo finché un giorno mio padre mi disse di prima mattina che doveva controllare lo stato di avanzamento dei lavori di ristrutturazione della sua casa e che sarebbe stato via tutto il giorno. È stata un’occasione d’oro!

E non appena è uscito di casa, Svetlana è apparsa sulla porta della mia stanza nuda e arrapata; siamo corsi nella suite dove il letto era più grande e presto eravamo in una succosa calza nove con lei sotto e io con la faccia sepolta tra le sue grosse cosce che leccavano la sua caverna e le succhiavo il clitoride facendo sì che la russa venisse incapace di urlare con il mio cazzo infilato nella sua bocca; Non ho dato tregua alla cagna, facendola venire senza sosta e resistendo per non riempirle la bocca di sperma caldo.

Il clima è diventato ancora più caldo e presto l’ho messa a quattro zampe sul letto riempiendo quel sedere colossale di schiaffi vigorosi mentre ascoltavo Svetlana urlare istericamente; L’ho spinta fino a quando la sua faccia è stata sepolta nel cuscino e ho montato la cagna aprendole il culo, sfiorando il solco e facendo avanzare il mio cazzo contro il suo culo; al secondo colpo, la mia flapper ha rotto il blocco sulle pieghe aperte, legando l’orifizio e permettendomi di continuare a spingere il mio cazzo nel culo della mia matrigna, che a sua volta urlava e gemeva come una mucca pazza, ma insistendo che non l’avessi fatto questo, fermati spaccarti il ​​culo! Con il mio cazzo completamente sepolto nel culo di Svetlana, ho aspettato un momento per riprendere fiato.

In pochi minuti stavo sbattendo il cazzo della mia matrigna nel culo, che stava urlando e gemendo e balbettando per altro. “Oh! Ahhh! È delizioso! Non mi sono mai sentito così! Oh! Non fermarti! No! Quindi… Ahhh! mormorò tra le urla mentre si infilava senza pietà un cazzo nel culo; ad un certo punto mi sono tolto dal culo il cazzo coperto e l’ho messo nella fica facendo urlare ancora di più la cagna russa…, e per un po’ ho alternato rotolamenti ora nel culo, ora nella fica di Svetlana che ne erano già venuti diversi volte, ma volevo ancora di più. Ho raggiunto il mio limite e uno spasmo agghiacciante ha posto fine a tutto senza preavviso; Sono venuto urlando venendo dentro la figa della mia matrigna birichina che stava anche urlando di piacere.

Crollai su di lei, sentendo il suo sudore mescolarsi al mio ei nostri respiri affannosi perdere lentamente il ritmo; Svetlana si è voltata verso di me e mi ha baciato molto affettuosamente dicendo: “Grazie! Grazie mille! Con te mi sono sentita realizzata! » ; Le ho confidato che anche lei mi ha realizzato, perché Svetlana era il tipo di donna da cui ero attratto. Alla fine l’ho invitata a mangiare fuori e una volta per strada ha insistito per andare in un ristorante che serviva al chilo, cosa che non aveva mai visto in vita sua. Più tardi siamo tornati a casa e dato che mio padre non era ancora arrivato, abbiamo deciso di fare un’altra passeggiata con lei in ginocchio che mi succhiava il cazzo in camera da letto. Questa volta l’ho messa nella posizione del pollo arrosto e le ho alzato le gambe tenendole su mentre infilavo un cazzo nella sua figa calda e deliziosa.

Feci venire ancora qualche volta la mia cagna russa e continuai a muovere il bacino finché i muscoli non si tesero e un altro spasmo determinò la fine del divertimento con un’altra sborra che inondò la fica di mia suocera urlando follemente di piacere; rimaniamo nudi e avvinghiati; sdraiati sul letto ci scambiamo baci e carezze senza bisogno di parole; Lo sguardo di Svetlana mi preoccupava persino, poiché l’idea, oltre a incornare il padre una volta, di trasformarlo in un dolce cornuto del proprio figlio non mi era passata per la mente. Pochi giorni dopo si sono trasferiti nella casa ristrutturata e ho cercato di mantenere un po’ di distanza che ha funzionato solo fino al giorno in cui Svetlana, già armata di cellulare regalatomi da mio padre, si è avvicinata, è stata arrestata e mi ha mandato dei nudi suggestivi. .

Approfittava delle sue uscite pomeridiane per venire a pregarmi per un’altra bella scopata; come la carne è debole…, la cui conseguenza fu una gravidanza inaspettata che mi sbalordì; mio padre ha felicemente festeggiato dicendo che avrebbe avuto un fratellino, mentre Svetlana è rimasta in silenzio. Il bambino è venuto al mondo un pomeriggio d’estate ed eravamo lì, io e mio padre, con la faccia incollata al vetro della cameretta, a guardare il bambino rannicchiato tra le braccia della madre russa. “Non è bello? … nostro figlio… nostro figlio! disse al mio sguardo sbalordito.

– Sì, lo so da un po’! “Sai una cosa?” ha risposto quando gli ho chiesto se sapeva della mia relazione con Svetlana. È stato un bene per tutti noi! A volte porto a termine il lavoro, ma la maggior parte delle volte non lo faccio! rimane in famiglia, giusto?

Non sapevo cosa dire, ma il sorriso sul volto di mio padre fu sufficiente a compensare il mio silenzio. Da lì, Svetlana aveva a sua disposizione due maschi; quando mio padre “non lavorava”, mi chiamava e tornava a casa a dormire; l’abbiamo indossato tutta la notte, solo ora con lei che prende precauzioni per non rimanere incinta di nuovo. Mio figlio/fratello crescerà senza sapere la verità… almeno per ora e questo mi rende un po’ nervoso; Svetlana, invece, quando è in ginocchio a succhiarmi il cazzo, dice sempre che andrà bene, e io finisco per crederle.

Mio padre, invece, finì per rimanere incredibilmente invischiato con Mariazinha, la mia tettona tettona, con la quale disse che il suo strumento funzionava perfettamente; mi ha chiesto di tenerlo privato, perché ogni volta che Svetlana veniva a casa mia, il piccolo editorialista appariva nel vecchio bastardo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *