La musa della scuola calcio.

di | 9 de Dicembre, 2022

La musa della scuola calcio.

L’intensità del mio rapporto con Michel era spesso estenuante, il sesso era meraviglioso, ma le discussioni mi consumavano, in quei momenti in cui mi allontanavo da lui, a volte mi buttavo nel celibato e scopavo diversi ragazzi, altre volte cercavo un rapporto stabile, con uomini maturi.

Dopo un altro disaccordo con Michel, ho pensato che fosse giunto il momento di cercare una relazione più serena, avevo bisogno di avere una famiglia in quel momento.

Con questo, Sergio è entrato nella mia vita, presentato da mia madre, sembrava il candidato perfetto per dare la giusta direzione alla mia vita, a 40 anni Sérgio era vedovo e padre di una dolce bambina di 9 anni e di un bel Bambino di 6 anni. . .

Se per me lui era un ottimo candidato marito, per lui io ero una pessima candidata moglie, promiscua nella mia vita sessuale, vivendo una relazione altalenante con un ragazzo molto più giovane, ero pronta a cambiare e diventare una brava fidanzata per lui lui e un’ottima suocera per i bambini.

Anche se siamo in momenti diversi della vita, stavo per perdere il conto di quanti uomini ho fatto sesso negli ultimi anni, Sergio ha avuto solo due relazioni nei 6 anni in cui era vedovo e l’ultima è stata per 2 anni . dietro.

La nostra prima volta è stata al nostro secondo appuntamento, siamo usciti a cena, con tutta la sua cavalleria ho amato Sergio, a fine serata pensavo di porre fine ai suoi due anni di siccità, ma nel momento in cui mi ha lasciato alla porta della mia appartamento ho cambiato idea così tanto che l’ho baciato oltre il caldo gli ho fatto cavalcare il cazzo e le mie mutandine bagnate pensavo di non essere così profondo prima e per proteggermi.

Sergio se n’è andato e io continuavo a pensare, perché non regalare una notte di piacere a quest’uomo che non aveva una relazione da due anni, il mio egoismo che ho fatto sesso due settimane fa e che non avevo niente da perdere e se non fosse bene, eliminerebbe la possibilità di un terzo appuntamento.

Così ho deciso di inseguirlo, ho fermato la macchina davanti a casa sua, ho pensato prima di chiamarlo o mandargli un messaggio, ho notato una luce accesa e ho pensato che fosse meglio andare dritto e suonare il campanello.

Sergio mi ha accolto con sorpresa, mi ha invitato e mi ha offerto da bere, ho accettato un bicchiere di whisky anche se non era la mia bevanda preferita, sarebbe stata quella che mi avrebbe rilassato più in fretta, perché in quel momento mi sentivo anormalmente nervoso . .

“Cosa ti porta qui?” chiese Sergio.

Sempre con il bicchiere quasi vuoto in mano, mi sbottonai la camicia, tirandola indietro ed esponendo i miei seni nel semi-reggiseno, lasciando Sergio ancora più sorpreso.

“Sono venuto per questo!” risposi avvicinandomi per baciarla sulla bocca.

Ho rovesciato il vetro, Sergio gli ha chiesto di calmarsi perché i bambini dormivano all’ultimo piano della casa, gli ho fatto segno di stare zitto, poi gli ho messo la mano nei pantaloni.

Lo spinsi verso il divano mentre mi guardava togliermi lentamente i pantaloni e le mutandine bagnati.

Mi sono avvicinato al divano e mi sono seduto sul suo cazzo, che non era né grosso né grosso, ma mi sentivo davvero bene.

Sergio mi fermò facendo su e giù per dire: “Non è meglio mettersi il preservativo?”

Di nuovo con il dito gli ho fatto cenno di stare zitto, poi ho detto:

“Mantieni la calma e goditi il ​​momento con me e fammi sapere quando verrai, me ne vado!”

Nonostante il tempo e quanto ero eccitato, ho dovuto fare uno sforzo per approfittarne, Sergio in 5 minuti ha avvertito che ne avrebbe approfittato, l’ho buttato a terra, mi sono inginocchiato a terra e mi sono masturbato un po’ per rovesciare il suo sperma sulle mie tette.

Se dopo solo due cene Sergio cominciava già ad innamorarsi di me, dopo la mia visita l’uomo si è arreso.

Fu da quel momento che cominciai a dedicarmi davvero al nostro rapporto, entrai non solo nella sua vita ma anche in quella dei figli, siccome avevo un orario più flessibile del suo, cominciai a prendere i bambini per prenderli. a scuola e portarli agli allenamenti di danza classica e calcio.

Ho iniziato a sentirmi parte della vita dei bambini, ho dato e ricevuto amore, ho fatto di tutto per essere presente in tutto nella loro vita.

Passiamo al motivo del nome del titolo di questa storia.

La prima volta che ho portato il piccolo principe al corso di calcio, era già arrivato attirando l’attenzione, prima per il mio ritardo, poi per il mio abbigliamento sportivo, una tuta rosa che definiva tutte le mie curve, gli sguardi di desiderio di altri genitori che mi divoravano erano grandi quanto lo sguardo invidioso delle altre madri.

Altre storie erotiche  Storia erotica di gruppo: Melissa, Michele, i ragazzi e la grande sorpresa. Capitolo 3: Orgia completa.

Mi sedevo nelle piccole tribune e tra uno sguardo e l’altro sul campo, una foto o un altro scatto del piccolo principe inviato a papà.Il tempo passava, uno ad uno i genitori andavano a bordo campo a cercare i loro figli e parlare con l’insegnante, sono andato all’ultimo in quella fila.

“Piacere di conoscerti, sono Amora, sono la fidanzata del padre del piccolo principe, scusa il ritardo.” mi sono presentato.

“Va bene, sono Marcelo, piacere di conoscerti, so che i ritardi stanno arrivando.” È comparso il giovane professore, 27 anni, alto, probabilmente oltre 1,80, braccia e gambe con muscoli ben definiti, esteticamente bello, che, per via del grosso anello d’argento che porta alla mano destra, dovrebbe uscire anche lui. Non impedirò a lui e agli altri genitori di divorarmi da cima a fondo.

Nella seconda classe dove accompagnavo il piccolo principe, non arrivavo in ritardo, né entravo in abbigliamento sportivo, anzi più discretamente continuavo a rubare sguardi avidi ai miei genitori e qualche bisbiglio a mamme invidiose e perverse. padri

Alla fine della lezione, sono stato di nuovo uno degli ultimi a parlare con l’insegnante, che a sua volta mi ha lanciato anche uno sguardo impacciato.

Le lezioni continuarono così e un giorno, al termine della lezione, la maestra chiamò tutti i genitori che erano in campo e disse loro che i ragazzi avrebbero giocato una partita amichevole contro un’altra scuola una domenica di questo mese, dopo aver congedò tutti quelli che aveva chiesto. io ad aspettare

“Scusa, ma la cartella del piccolo principe non ha il tuo numero di telefono, c’è qualche problema se aggiorno con il tuo numero?” chiese Marcello.

“Certo che non ci sono problemi.” Ho risposto.

Un giovedì prima della partita, ho ricevuto un messaggio dal professor Marcelo, che diceva che avrebbe potuto non giocare perché aveva molta influenza.

Sarebbe stata una breve conversazione se non fosse stato per me e la mia innocente preoccupazione chiedendogli se fosse stato dal dottore e avesse preso qualcosa e lui avesse suggerito alcuni tè per il sollievo.

Come per magia, abbiamo cambiato la conversazione dalla freddezza alle relazioni, Marcelo aveva davvero una ragazza, ma lei era all’università e viveva in casa, il che significava che i loro incontri erano possibili solo ogni 15 giorni.

Ancora una volta la mia innocenza mi ha tradito quando ho detto che non avrei sopportato di stare 15 giorni senza uscire, i loro messaggi erano un misto di complimenti e canzoni, non ho interrotto questa conversazione e ho anche gettato benzina sul fuoco dicendo che io aveva finito di notare i loro sguardi ossessionati su di me.

Riuscivamo a mantenere un livello di cortesia nello scambio di messaggi, per quanto piccanti fossero, ma la notte, quando dormivo con Sérgio in testa, pensavo a Marcelo.

Venerdì mattina presto, l’insegnante ha inviato un messaggio di conferma della partita di domenica, ha cercato di prolungare la chat ma l’ho interrotta per evitare di creare una situazione come l’ultima conversazione.

Domenica, il giorno della partita, faceva un po ‘caldo, e potrei aver esagerato un po’ con i miei vestiti, pantaloncini di jeans e un top corto che mostra l’ombelico.

Ancora una volta sono stata al centro dell’attenzione quando sono arrivata al piccolo pezzo di terra, e siccome questo mondo è piccolo e pieno di coincidenze, c’era anche il mio ex marito ad accompagnare suo figlio, anche se era un po’ distante, sono riuscita per rendermi conto che ero io, lo guardavo costantemente.

La partita continuava, i miei movimenti erano osservati da tutti, a Sergio non importava quanti sguardi ricevesse, a fine partita io e il mio ragazzo siamo andati a cercare suo figlio che era accanto al suo allenatore, mentre Sergio parlava a lui, Marcelo non mi staccava gli occhi di dosso mentre il piccolo principe mi baciava.

Sono andato a pranzo con la famiglia, non ci è voluto molto perché il mio cellulare iniziasse a ricevere diversi messaggi da Marcelo, ho risposto a tutti i suoi messaggi da troia con emoji e “kkk’s”.

Ma il bastardo è riuscito a lasciarmi con gli spiriti e le mie mutandine bagnate, il mio sesso con Sérgio non era male, ma gli mancava la delicatezza che Marcelo presentava nei suoi messaggi.

Con ogni messaggio il rischio e l’eccitazione aumentavano, mi alzavo da tavola e andavo al bagno per rispondere con più calma a questo pervertito.

Volevamo la stessa cosa in quel momento, non pensavo affatto al mio rapporto con Sérgio, dissi a Marcelo che lo avrei trovato dopo pranzo.

Tornai al tavolo e dissi a Sérgio che stavo pensando di andare al centro commerciale con un amico dopo pranzo, lui ha cercato di insistere per accompagnarmi ma ho subito tagliato fuori quell’idea.

Altre storie erotiche  La moglie del mio amico!

Ho appena aspettato che Sérgio pagasse il conto prima di lasciare il ristorante per chiamare un taxi e andare a cercare Marcelo.

Ho salutato il mio ragazzo con un bacio veloce e sono salito sul taxi per andare a prendere il mio nuovo corteggiatore amante!

Scesi davanti al centro commerciale e incontrai Marcelo all’uscita vicino al parcheggio, per aumentare ulteriormente il rischio, la sua macchina era vistosa e non aveva l’insulina!

Quando sono salito in macchina, Marcelo mi ha chiesto: “Dove stiamo andando?”

“Vai al primo motel che trovi, non possiamo rischiare di essere visti!” gli ho risposto.

Marcelo mescolava ansia e nervosismo per la situazione che stava accadendo e glielo chiesi.

“Sei mai uscito con la madre di uno studente?”

“No, alcuni hanno già lasciato intendere che sarebbero usciti con me, ma non è mai successo, perché ho una ragazza.”

“È perché io? Te l’ho chiesto.

“Stai scherzando, chiedi sempre, ho già detto che sei il più figo che è apparso in questa piccola scuola, il primo giorno che ti ho visto, mi sono già innamorato!” Me l’ha detto Marcello.

“Ragazzo facile.” Ci ho pensato.

“È per colpa mia? Marcelo voleva sapere.

“Perché sei carino.”

“Per spiegarlo meglio, il mio rapporto con il mio ragazzo è molto tiepido, è un brav’uomo, un buon padre, ma non ha quell’aria cattiva che hai tu”.

“Ti avverto presto, è solo oggi e mai più!” Ho risposto a tutte le tue domande.

Siamo arrivati ​​alla porta del motel senza nemmeno baciarci, per alzare un po’ di più l’adrenalina, solo dopo aver ritirato la chiave della suite abbiamo scoperto che lì non c’era un garage privato.

Sono salita in camera con il cuore in gola, appena abbiamo chiuso la porta Marcelo mi ha afferrato e mi ha baciato.

“Come ho immaginato questa scena.” disse dopo il bacio.

Non appena sono entrato nella stanza ho fatto un passo indietro per sedermi sul bordo del letto, stavo per tirargli giù i pantaloni e ho visto questo cazzo venoso, testa grande, dimensioni leggermente sopra la media per la giornata, che stava arrivando. con la solita eccitazione.

Marcelo si mise le mani dietro la testa e mi delirò sulla bocca, facendolo impazzire ancora di più quando gli tirai fuori il cazzo dalla bocca per schiaffeggiarmi la faccia. In quel momento il mio telefono squillò per la prima volta.

Ho ignorato la chiamata e ho continuato a succhiare l’insegnante del figlio del mio ragazzo, che era ancora delirante con la mia bocca che gli succhiava il cazzo, i complimenti abbondavano per il mio pompino.

Mi sono alzato e mi sono spogliato per quello sguardo eccitato, mentre il mio telefono squillava per la seconda volta Marcelo ha afferrato un preservativo che ho fatto in modo di mettergli mentre gli accarezzavo il membro duro.

Entrambi abbiamo iniziato a baciarci nudi ha continuato lodando la forma del mio corpo ha parlato del privilegio che aveva di stare con la musa della scuola calcio ha sorriso quando l’ha sentito e poi sono andato a strisciare sul letto finché non si è fermato in ginocchio toccando il muro sopra la testiera, Marcelo si è appoggiato dietro di me e mi ha penetrato, non appena il suo cazzo è entrato, ho urlato.

Mentre cavalcavo quel cazzo, Marcelo mi ha stretto forte le tette e mi ha morso il collo, ho allungato una delle mani che era sul muro e ho iniziato ad accarezzarmi la figa, aumentando ancora di più l’erezione!

Ci siamo praticamente messi insieme, mi sono rivolto a Marcelo e abbiamo iniziato a baciarci, ci siamo sdraiati sul letto e il mio telefono ha squillato di nuovo.

“Quanto è noioso questo cornuto.” dico, provocando una risatina da parte di Marcelo.

Nel mezzo dei baci ho accarezzato di nuovo il suo cazzo indurito, con un nuovo preservativo gli ho montato il cazzo e ho iniziato a cavalcare.

Marcelo alternava le mani, a volte mi stringeva e apriva di più i lati del mio culo, altre volte mi stringeva forte le tette, io stringevo forte il suo petto disteso, non resistevo molto e venivo, aveva ancora qualche minuto di piacere lasciato prima di venire.

Ci siamo fermati un attimo a respirare, quando Marcelo ha cominciato a fare paragoni tra me e la sua ragazza e voleva che facessi lo stesso, ma io ho evitato l’argomento, dirigendo la mia bocca verso il suo cazzo, mi sono posizionata in modo che potessimo iniziare a fare un delizioso 69!

Inutile dire che sono venuto non appena ho sentito il suo dito circondarmi il sedere, ma non l’ho penetrato. Sentendo ancora il brivido del mio orgasmo, sono sceso sul suo cazzo, prima di cavalcarlo sulla schiena, Marcelo ha messo il preservativo.

Altre storie erotiche  Storia di incesto erotico - Dare il culo a suo fratello

Ora, girandogli le spalle, ricevevo piccole pacche sul sedere, ad ogni schiaffo che ricevevo, mi contorcevo facendo impazzire quest’uomo, i miei gemiti diventavano più forti interrotti solo dalla quarta chiamata del mio bambino.

“Che cornuto noioso!” Mi sono lamentato.

“Non rispondi a Muse?” chiese Marcello.

“Rispondi e dì cosa, sono al motel in sella alla maestra di tuo figlio!” dissi girando leggermente la testa.

Non appena l’ho detto, Marcelo ha aumentato ancora un po’ la forza dei suoi schiaffi.

“Questo colpisce più forte di quanto mi piaccia!” Ho iniziato a parlare nel bel mezzo dei miei gemiti, che anche con il cellulare che squillava non si fermavano.

Probabilmente questa situazione eccitò ancora di più Marcelo, perché il bastardo non tardò ad arrivare.

Tornai tra le braccia di Marcelo, per baciargli la bocca e accarezzare il suo membro dolce di sperma.

Per la sesta volta squillò il cellulare interrompendo la nostra storia d’amore, ormai ero già molto arrabbiata con Sergio, guardai Marcelo e parlai.

“Mi mette a quattro zampe e mi rompe e mi fa venire come questo cornuto non ha mai fatto!”

“Ho finito i preservativi, ne chiederò altri alla reception.” Ha parlato un insegnante ingenuo e fastidioso.

“Scopami adesso! Ho parlato ad alta voce mettendomi a quattro zampe.

Marcelo mi ha obbedito ma ha comunque detto che non voleva entrare.

Ho pensato che la sua paura di una possibile gravidanza accidentale fosse carina e non ho detto che non usava uno IUD.

“Allora sborrami nel culo!” Gli ho parlato, penetrandomi amorosamente.

“Vai forte, voglio sentirti profondamente!” Ho urlato.

Marcelo ha aumentato le spinte, ho sentito che mi passava la mano tra i capelli, ma avevo paura che non sparasse.

“Vai a tirarmi i capelli, bastardo!” Gliel’ho detto, ha subito acconsentito.

“Va bene merda, io sono la puttana che dà all’insegnante del figlio del mio ragazzo questo cornuto che non mi fa venire!” Ho rilasciato la mia puttana interiore.

Marcelo sentiva che qui ero più della fidanzata sexy di un padre studente, ero una puttana insaziabile a letto e questo sarebbe diventato più chiaro quando mi avesse chiamato e mi avesse annunciato che sarebbe venuto anche lui.

Poi ha tirato fuori il suo cazzo dalla mia figa, ma prima di venire nel mio culo, mi sono girato e ho preso tutto il suo sperma nella mia piccola bocca!

Con la bocca tutta appiccicosa e arrivando alla fine del nostro soggiorno nel motel, sono andato a farmi una doccia e ho chiamato Marcelo perché mi accompagnasse.

Sotto la doccia, mentre ci scambiamo baci e parliamo un po’, Marcelo è già innamorato di tutto quello che è successo.

“Lo ripeteremo più volte?” Ha chiesto.

“No amore, finisce qui, tu hai una ragazza, io ho un ragazzo.”

“Era solo un’avventura domenicale.” gli ho risposto.

“Ma la deluderò se devo e lotterò per stare con te!” ha insistito.

“Non succederà, lo amo nonostante lo abbia tradito, devi amarlo moltissimo anche tu, quello che è successo qui è stato eccitante in questo momento.” Ho detto a lui.

“Fantasmi e desideri che l’uno realizzasse l’altro e niente di più, tu hai fatto quello che il mio ragazzo non fa e io quello che il tuo non fa.” Finito.

“Non tutto e non tutte le cose e le fantasie.” Marcello ha parlato.

“Come non amare, cosa mancava?” gliel’ho chiesto.

“Proprio come la mia ragazza, non ti piace il sesso anale!” Disse.

“Chi ha detto che non mi piace?” Vuoi mangiarmi il culo? Quindi mangialo subito! Gliel’ho detto, dimostrando una volta per tutte che stronza fosse.

A causa della nostra differenza di altezza, la penetrazione è stata difficile, ma non appena mi è piaciuto, ho ingoiato il suo cazzo con il culo.

Marcelo questa volta era insaziabile, mi ha penetrato forte, mi ha maledetto, mi ha tirato i capelli, mi ha schiaffeggiato così forte che non abbiamo sentito squillare il telefono e così, mi ha fatto venire come un matto sul suo cazzo e mi ha riempito il culo con il suo seme

Dopo 7 chiamate perse e quattro orgasmi, siamo usciti dal motel, ognuno per conto suo…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *