La più grande merda della mia vita- 5

di | 9 de Dicembre, 2022

Ciao a tutti, spero che vi piaccia il bel pasticcio in cui mi sto cacciando hahahaha. Mi chiamo Felipe, oggi compio 30 anni, ma il momento di cui vi parlo rappresenta una fase folle della mia vita in cui ho quasi perso la sanità mentale e… beh, sono io. testa sul mio collo La testa inferiore è stata persa per molto tempo, hahahaha.

Questa scopata con Camila mi ha insegnato cose sul mio corpo che ancora non conoscevo. E il suo passato rivelato di sfuggita? Mi è sempre rimasto in testa dall’alto. Bene, torniamo da dove mi ero interrotto perché sicuramente non ti ho raccontato la parte migliore della serata perché ero così pigro. Avrei dovuto terminare questa parte della storia precedente, ma penso che potrebbe essere troppo lunga, quindi concedimi una piccola pausa.

Sono tornato in soggiorno e Jessica dormiva profondamente, il che è stato fantastico per me per consumare la mia spericolata avventura con questa matrigna bisognosa. Non avevo idea che il peccato mi avrebbe costretto a tenere tranquilla Camila, ma nel momento in cui ho scopato questa bionda mi sarei immaginato con una donna esperta al massimo. Jessica ha quindi ignorato tutto ciò che era accaduto e ancora di più ciò che era disposto a offrirle.

Quando tornò in soggiorno, Jessica dormiva ancora. Il film era quasi alla fine, quando si è svegliato, mi ha visto con i capelli ancora bagnati, mi ha chiesto:

Jessica: Wow, hai fatto il bagno anche tu!? Non eri sporco.

Io: Certo, ma ho sudato, dovevo lavarmi. Quando Camila si addormentò, dovevo ancora correre nella sua stanza per trovare un asciugamano. Non ti sei svegliato quando ti ho chiamato.

Jessica: Davvero!? Oh wow, mi ero perso il film!

Io: non abbiamo perso molto, no! La cosa migliore è che gliel’ha data, hahahahaha!

Jessica: Liaaaah!!! Perché non mi hai svegliato, Lipe!?

Io: Perché sto aspettando la mia sorpresa.

Jessica: Hahahaha, cane normale! Hmmm, ma fai schifo!

Io: Meglio ancora, questo è tutto per te!

Jessica: Safado… sono pazza di te, lo sai!? Aspetta qui e io prendo la mia faccia e mi preparo solo per te.

Ci sono voluti pochi minuti, durante questo tempo ho ricaricato le mie energie e Camila è ricomparsa nella stanza, come un fantasma. Ho avuto un altro spavento con lei.

Io: Per me dormivi, figlia mia! Poco dopo riappare qui e…

Camila: Wagner ha chiamato, ha detto che l’operazione richiederà più tempo del previsto. Due suoi amici sono rimasti feriti. Uno di loro sta per lasciarlo per il meglio. Onestamente: sono contento che tu sia qui, sai? A volte mi sento così sola, così bisognosa di un uomo che mi riscaldi.

Io: Capisco, Camila.

Camila: Wow, ma devi fare del tuo meglio, giusto? Sarai in grado di gestirlo dopo oggi!?

Io: stai scherzando vero?! Hai dimenticato un piccolo dettaglio. 🇧🇷

Camilla: Cosa?!

Io: Sei arrivato, era una bellezza. Ma non l’ho seguito.

Camila: Wow, ma… ragazzi, che peccato da parte mia, hahahahaha! Scusa per il mio egoismo, ok? La prossima volta, prometto di lasciarti sulla tela.

Io: Sai che se non capisci, voglio mangiarti il ​​culo finché non sono soddisfatto, va bene.

Altre storie erotiche  Scopri il cinema porno - Storie erotiche

Camila: Ti penserò, amico. Qui è in esclusiva per mio marito.

Io: vuoi scommettere con me?

Camila: Hahaha bastardo che scommessa è?

Io: la prossima volta sei tu. Se non riesci a farmi venire entro un’ora, voglio fottere quel culo finché non sono soddisfatto.

Camila: Scommessa interessante… significa che sarò piena per molto tempo. Cosa succede se perdi?

Io: decidi tu

Camila: Dici sul serio?

Io: Anche il mio sedere è coinvolto.

Camila: Guarda lì, eh! Guadagno molto, bastardo (Mi si è avvicinato e mi ha dato un bacio). Vuoi dire che se vinco, sei tutto mio? Mi piace. Ora vado in pensione, la tua ragazza dovrebbe essere pronta. Penserò con tutto il mio corpo a quello che ho detto, ok?

Mi accarezzò la biancheria intima con una leggera pressione all’estremità e si allontanò. Mi ci è voluto un po’ di più per sentire la voce di Jessica che mi chiamava dalla sua stanza. Ho coperto la distanza senza fretta. Quando sono entrato, l’intera stanza era illuminata da due candele, una su ogni comodino. Al suono di Let’s get it on, la porta si è chiusa dietro di me perché mi è stato solo ordinato di camminare senza voltarmi e sdraiarmi per guardare lo spettacolo, hehehehe.

Jessica era superba, più magra, in una camicia da notte di tulle (niente lingerie) con mutandine sottili che lasciavano intravedere la sua preziosa figa carnosa. Quando il mio cazzo ha reagito, amico, la mora era così eccitata e il suo profumo ha invaso la stanza. Questa volta sono rimasto sorpreso. Jessica aveva seguito alla lettera la lettera di Camila.

Mi fece cenno di avvicinarmi a lei. Io, già a letto, sono saltato di nuovo giù dal letto e sono andato dov’era lei, di nuovo alla porta già chiusa.

Jessica: Ti è piaciuta la sorpresa, mmm!?

Io: chiediglielo qui (gli ho preso la mano in mutande)

Jessica: (si inginocchia e chiede) Sei eccitato ragazzo hahahahaha!? Hai un lungo incarico con il mio ragazzo, sai? E ha portato un amico, puoi gestire entrambi!? L’amico della dependance sente solo cose buone su di te. Oggi siamo in tre: tu, il mio amico e il vicino di casa. Controlla!?

Sentirlo mi ha anche fatto venire i brividi. Mi ha abbassato lentamente le mutande e il mio cazzo le è saltato in faccia. Gli ha fatto i complimenti perché aveva un buon profumo. Quando si è tolta le mutande, mi ha detto di sedermi sul bordo del letto, ha cambiato la musica in Alicia Keys, non ricordo il nome, e ha iniziato a ballare lentamente e sensualmente per me. Si tolse lentamente il pezzo superiore del suo ensemble, e mentre il pezzo superiore che nascondeva le sue giovani montagne cadde sul pavimento, Jessica si sedette sulle mie ginocchia, rotolò sul mio cazzo, mi prese le mani e mi tirò giù, guidandomi verso il suo gonfio capezzoli. . Massaggiando la sua figa con il volume della mia asta sul tessuto bagnato delle sue mutandine, ho abusato delle pressioni mordicchianti e gustose su entrambi i seni, perché ha una sensibilità molto intensa. Ho portato una delle mie mani al centro del suo sesso e l’ho accarezzata lentamente fino a quando il suo seme ha cominciato a inondare i suoi tessuti.

Altre storie erotiche  Racconto di incesto erotico - Una casa dove regnano solo tradimento, sesso e ipocrisia

Jessica ha ripreso il controllo di se stessa ed è scesa dalle mie ginocchia, e quando la canzone di Alicia Keys è finita, è arrivata una Beyoncé davvero brava. Lì ha preso il controllo del mio corpo e del mio potente timone. Ha iniziato a succhiare come una cagna esperta, si è presa molta cura della pipa. Gemetti di piacere in risposta al capriccio di sdi. Jessica è scesa sulle mie palle e le ha succhiate ognuna, masturbandosi molto lentamente.

Il pompino era così delizioso che l’ho presa per il collo e l’ho spinta senza imbavagliarla. Jessica incontrò i miei occhi con lo sguardo di un uccellino affamato che riceve il cibo in bocca all’interno del nido e gemette piacevolmente.

Quando ha smesso di succhiare, ho avvicinato le sue labbra alle mie, baciandole appassionatamente. L’ho messa a quattro zampe sul materasso, e ho ricambiato il favore con la stessa intensità, succhiando il suo bocciolo duro, la sua vulva inzuppata di miele fino al mio regalo della notte, hahahahaha!

Le aprii le natiche e mi tuffai volentieri. Jessica sospirò profondamente e rispose al mio tocco con un movimento molto malizioso.

Jessica: Voglio fare lo stesso per te. Qui riposati.

Amico, quello che seguì fu surreale. Non mi ero mai arreso così prima. Con Camila era dovuto all’aggressione, ma con Jessica era diverso. Ero nella sua stessa posizione, e con lo stesso piacere mi ha dato un bacio greco che mi ha fatto tremare fino all’ultima vertebra, hahahahahaha. Facendo una deliziosa sega, esplorando le carezze sulla mia testa guerriera, Jessica ha preso possesso di tutto il mio corpo. Dove aveva imparato a farlo? Sospettavo che Camila avesse trasmesso più di quanto immaginassi.

Ha iniziato a far scorrere le dita lungo la mia scollatura, lo sapevo. e cosa sarebbe successo. mi ha fatto il solletico…

Jessica: Oh hehe, so giocare un po’, tesoro! ? Non preoccuparti, no! ?

Io: Se ti prendi cura di me come io mi prendo cura di te… non l’ho mai dato a nessuno, no!

Jessica: Ti prometto che ti piacerà. Spero di aver imparato bene da…

Io chi!?

Jessica: La demo che ho visto nel video che ho visto. È stato veloce, ma ho pensato che fosse delizioso. L’ho fatto.

Hai imparato bene, hehehehehe. Camila le stava insegnando a essere una vera puttana. Il mio cazzo è diventato duro come una roccia e con la sega che mi ha mandato gli sono quasi venuto in mano.

Jessica: Dai, voglio che tu riempia tutto ciò che è vuoto in me oggi!

Iniziamo con il classico mamma e papà, lei adora scopare così. Tra baci, morsi, parolacce, Jessica mi ha abbracciato forte, mi ha inghiottito gustoso ed è venuto dopo un attacco molto selvaggio. Dopo siamo passati al cucchiaio e dopo un’altra sessione di baci e carezze ho spinto di nuovo il mio cazzo nella sua fica e ho spinto volentieri fino a quando non ha tremato con un altro orgasmo. Il suo corpo stava già sudando e il profumo che emanava dal suo sesso si diffuse per tutta la stanza.

Jessica: Sono pronta: infilami quel cazzo proprio qui nel culo, delizioso!

Altre storie erotiche  Prima volta con una ragazza cattiva

Il momento più atteso è arrivato, e anche con un cucchiaio volevo iniziare a suonare senza fretta. Introdussi lentamente la testa, sentii un leggero bruciore, ma non si contrasse, mi permise di guadagnare più terreno. Le ho chiesto se andava tutto bene, lei ha detto “Sta bruciando un po’ ma non si fermerà. Posso sopportarlo”. Il mio pene non ha le dimensioni di un super pene, ma è spesso. E Jessica ha sia il culo che la figa stretti. Quando il mio pene si fermò dentro, completamente inghiottito dal suo sfintere, cominciai a spingere. Jessica ha detto che faceva male, ma ora fa molto meno male. Amico, sono andato fuori di testa, perché l’espressione di dolore sul suo viso mi ha dato un piacere che… diamine, mi ha fatto provare di più. Ha iniziato a suonare il bis velocemente, io deliravo con quell’espressione di dolore sul viso. E nessuno di loro ha chiesto di fermarsi, è stato fantastico.

Così l’ho capovolta, lei ha alzato il culo bianco e il balcone è entrato forte e veloce. Il cane si aggrappò saldamente al lenzuolo e soffocò il suo grido, rivolto verso il materasso. Nella mia testa, l’ho maledetta con ogni nome, poi non ce la facevo e ho iniziato a parlare:

Io: È delizioso, cagna! Agita di più quella coda! Ecco, dannazione, ti arrotolo dappertutto, ti prendo per il culo, piango ancora, mi piace vederti soffrire… Ah! Che culo stretto!

Le sue grida si fecero più forti, il suo viso arrossì e il materasso era bagnato dalle sue lacrime. È giunto il mio momento di rompere le chiuse della mia riserva. Le ho tirato fuori il cazzo e le ho fatto una sega frenetica che le ha schizzato il mio profumo nel culo. Ho gemito ad alta voce quando se n’è andato. È uscito dalla combustione. È stata la migliore scopata della mia vita. Sono crollato accanto a lei, non avendo la forza di andare a prendere l’acqua. Ho visto l’espressione di sollievo, di dolore, la sua faccia era come un pomodoro.

Jessica: Sono davvero in fiamme, oh! Ma andava bene, non così male come immaginavo. Ti ha fatto bene?

Io: Essere onesti?

Gessica: Mmm!

Io: ho provato più piacere con la sua espressione di dolore, hehehehe!

Jessica: Il tuo cane hahahaha! ho percepito. Mi ha aperto, ugh! Accidenti, passami quel balsamo laggiù sul comò! È per alleviare il dolore, anche per guarire.

Poi mi ha chiesto di occuparmi della nuova casa. Certo, l’ho fatto con molto amore. Dopodiché, abbiamo dormito nei nostri gusci fino all’alba. È stato molto bello, ragazzi.

Tornerò così posso dire altre aste. Posso solo dire che Camila mi ha detto che moriva dalla voglia di unirsi alla festa, hahahahahahaha.

E tutto è iniziato a questa piccola festa di strada. Tuttavia, non avevo idea di quanto mi costasse avere una guancia. Ho sudato perché non lo sapesse. Ma questo è per un’altra volta. Che sarà presto.

A più tardi, puttane!!! Hahahahahahaha!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *