La prostituta – Parte 1

di | 8 de Dicembre, 2022

Di notte, disteso sul divano del suo nuovo appartamento, l’attenzione di César era fissa sul piccolo schermo del suo cellulare, dove appariva la foto di una donna su un letto, seduta, ma protesa in avanti come a mostrare i fianchi. la fotocamera. Il vestitino nero lasciava tutto in evidenza. Non indossava mutandine, lasciando scoperte le labbra morbide, incastonate tra le sue cosce e le sue natiche voluminose. I capelli rossi le ricadevano sulle spalle mentre la donna guardava la telecamera. Era una delle poche foto in cui si nascondeva dietro una maschera rossa, poiché la maggior parte mostrava il suo volto come una sfocatura. Era la prima di molte foto che il ragazzo aveva visto su un sito di pubblicità di prostitute. Aveva l’abitudine di passare ore a guardare foto di ragazze che si esibivano, fantasticando sul giorno in cui ne avrebbe assunta una. Infatti, tutte le foto hanno cercato di mostrare le sue curve abbondanti in pose provocanti, lasciando i futuri clienti assetati di desiderio, proprio come Cesare.

Il nuovo lavoro di Clara, una sorta di “consigliere per qualsiasi questione”, le ha stravolto la vita. Non solo in relazione alle avventure sessuali provocate dalle richieste del suo capo, ma anche in relazione al tempo dedicato al suo lavoro. La sua funzione principale era quella di rendere la vita più facile al suo capo che, in quanto titolare di poche attività, aveva bisogno di qualcuno che si occupasse delle mansioni più disparate. Gli ci sono volute più delle tradizionali 9 ore di lavoro, allontanandolo dalle sue dipendenze dalla pornografia e dai suoi platonici affetti per le pubblicità sui siti. Prima del nuovo lavoro, César viveva vedendo annunci pubblicitari immaginando incontri, magari scambiando messaggi con l’uno o con l’altro, ma senza il coraggio di fissare un incontro. Orbene, gli rimaneva poco tempo per questi diversivi contemporaneamente, nei quali trovava in Clara, ea volte in Nathalia, deliziosi amanti occasionali. Le sue visite al sito e le brevi interazioni con le ragazze svanirono. Fino a stasera.

Il nuovo lavoro estenuante ha anche portato a César un’ottima paga, che gli ha permesso di trasferirsi in un appartamento leggermente più grande, sebbene fosse solo una camera da letto e un soggiorno, era più spazioso e aveva una posizione migliore. È stata una giornata tranquilla, in cui Clara non ha preteso molto da lui e lo ha licenziato in anticipo. Indossando solo pantaloncini larghi mentre si sdraiava sul divano, Cesar si ricordò dei siti che aveva visitato e vi entrò. Tra le varie pubblicità, ha trovato la stessa rossa su cui aveva sempre fantasticato, ma con cui raramente intavolava una conversazione. Guardando le foto, il suo cazzo si è subito indurito. Con il membro palpitante, le sue fantasie con questa donna tornarono ai suoi pensieri. Non gli ci è voluto molto per mandare un messaggio, mentre teneva il testimone.

Quella notte César lasciò un messaggio e si addormentò frustrato senza risposta. Immaginavo che non avrebbe chiamato qualcuno per discutere di un argomento, ma non ha mai programmato un programma ed è arrivata a vergognarsi di se stessa, nonostante questo, il giorno dopo, ha visto un messaggio ricevuto all’alba. Lui rispose, e per tutto il giorno svilupparono una conversazione con lunghi intervalli, poiché Clara aveva sempre richieste inaspettate, che costringevano il ragazzo a spostarsi spesso nel Bairro Velho per risolvere vari problemi. Tuttavia, era così soddisfatto della sua reattività che approfittò dei pochi minuti liberi per parlare di come era cambiata la sua vita negli ultimi mesi. Per la prima volta non ci sono stati elogi per le foto o i commenti sulla bellezza della donna. Parlava con entusiasmo e più questa donna era ricettiva, più si apriva. Alla fine della giornata, rilasciato presto da Clara, César torna a casa. Arrivò al suo palazzo e camminò lungo il corridoio a testa bassa, leggendo sul cellulare che la sua amica sarebbe andata a studiare e non avrebbe parlato fino a un altro giorno. Al rumore della porta dell’ascensore che si apriva, entrò senza guardare in direzione e senza rendersi conto di chi aveva di fronte. Lo shock inaspettato lo ha lasciato di stucco quando il suo cellulare è caduto a terra, insieme ai libri di chi lo ha colpito.

Altre storie erotiche  Seduciamo un cliente in cambio di un contratto firmato

Cesare, tornato nella realtà, raccolse tutti gli oggetti caduti mentre si scusava ripetutamente e fu solo quando tutti quegli oggetti furono restituiti che vide chi era. Non la conosceva, così come non conosceva nessuno dei vicini, ma fu colpito da quegli occhi verdi. I capelli rossi incorniciavano il suo bel viso mentre cercava di sembrare rilassata dopo aver lasciato cadere tutte le sue cose. Mentre stava raccogliendo i suoi libri, le restituì il telefono, poi fuggì. Questa faccia era nella sua testa per il resto della notte.

Il giorno dopo, César alterna il suo lavoro a parlare con il suo nuovo amico. Quando lei gli ha chiesto della sua eccitazione, le ha detto che aveva incontrato il suo vicino la sera prima, descrivendo l’intero breve incontro e quanto fosse rimasto colpito dalla sua bellezza. Ha ricevuto risate e scherno in risposta che era innamorato. Con sua sorpresa, fu anche tentato di avvicinarsi a lei, anche se pensava di aver lasciato una cattiva impressione. Anche così, gli spiriti lo incoraggiarono a provare. Era maturato dopo essere stato coinvolto con Clara e Nathália e probabilmente non avrebbe lasciato che la timidezza avesse la meglio su di lui. Stava parlando con questa donna dei modi per avvicinarsi a lei e ha concluso che avrebbe potuto presentarsi allo stesso tempo sperando di vederla. Ha negoziato un orario di partenza con il suo capo ed è tornato al suo appartamento. Rimase per interminabili minuti a guardare il telefono fingendo di guardare qualcosa finché non la vide finalmente uscire dall’ascensore. Il suo cuore batteva all’impazzata mentre la ammirava, ma non osava prendere l’iniziativa. Ci volle un sorriso comprensivo per farlo uscire dal suo stato di inerzia, ma non riuscì a dire altro che salutarlo e scusarsi per il colpo della sera prima.

Il giorno successivo, César è tornato al lavoro, frustrato dalla sua incompetenza del giorno prima. Come se sentirsi impotente non fosse abbastanza, ha dovuto leggere le barzellette della sua nuova amica, che rideva della sua mancanza di abilità femminili. Trascorreva la giornata lavorando, svolgendo le mansioni più disparate per Clara, chiacchierando con l’amico, convincendosi a poco a poco a riprovare. Questa volta non ha chiesto scusa, ma ha chiesto invece al suo capo di lasciarlo andare a casa per un po’, ma che sarebbe tornato presto. Ha ripetuto il rituale dell’attesa che la ragazza uscisse dall’ascensore e, col cuore in gola, le ha chiesto direttamente nome e numero di appartamento, senza nemmeno sviluppare un dialogo. Lui la guardò, cercando di non mostrare che non avrebbe dovuto fare domande così dirette. Con sua sorpresa, lei ha risposto e lo ha persino invitato a cena a casa sua nel fine settimana. César torna al lavoro di notte, svolgendo i compiti di Clara con un entusiasmo raramente visto dal suo capo.

Sono stati alcuni giorni di lavoro e conversazione con l’amica, scaricando su di lei la sua ansia. È stato incredibile come sia passata da una fantasia lontana alla sua amica e confidente. Riuscì a renderlo meno teso con la sua piacevole compagnia, seppur virtuale. Si sentiva libero di condividere con lei i suoi piani e le sue aspettative per quella notte, come se loro due si conoscessero personalmente da anni. Di tutto ciò che aveva programmato per quella notte, ne discusse con lei.

Quando venne la luce del giorno ed era ora di cena, César indossò pantaloni di serge e una camicia nuova che aveva comprato per quella sera, con l’aiuto del suo amico. Si diresse verso il suo appartamento, il cuore le batteva più forte man mano che si avvicinava a quella porta. La sua vicina lo accolse con un corto abito nero, che lasciava intravedere le sue gambe tozze e abbastanza strette da sottolineare le curve del suo corpo. La generosa scollatura ha rivelato parte del suo seno, lasciando César senza sapere su cosa concentrarsi. I capelli rossi le ricadevano sulle spalle contrastando con la sua pelle pallida, incorniciando il suo viso angelico. Il sorriso entusiasta di chi riceve un visitatore tanto atteso è stato coronato da bellissimi occhi verdi. Cesar chiuse la bocca senza rendersi conto di quanto tempo l’aveva lasciata aperta mentre i suoi occhi vagavano verso il suo vicino. I due si salutarono con un abbraccio, dove lei si strinse al suo corpo come se fossero amici che non si vedevano da tanto tempo. Era come un sogno. Invitato ad entrare, la seguì, ammirando le curve di quel vestitino cortissimo e, allo stesso tempo, con l’impressione che non fosse la prima volta che la vedeva.

Altre storie erotiche  Storia mista: salvare le mie biciclette

Il nervosismo passò mentre cenavano con piacevoli conversazioni. Era strano quando parlava di lui e di lei sottintendendo che lei lo sapeva già anche se si parlavano per la prima volta, ma allo stesso tempo lo avrebbe fatto sentire più a suo agio se si fosse lasciato andare. andare oltre. Terminato il pasto, lo invitò a sedersi sul divano e gli passò accanto.

“Ti piace il mio vestito?

Cesar guardò le cosce grosse, esposte dal vestito che le copriva solo le natiche mentre metteva in risalto tutta la sua figura, i pantaloni diventavano sempre più aggiustato.

“Penso che gli convenga.

“Bene! Hai comprato una maglietta che mi piace, quindi volevi indossare un vestito che so che ti piace.

Cesare era confuso. Come faceva a sapere che la maglietta era nuova? Perché dovrebbe conoscere i suoi gusti nel vestire? La prima reazione è stata quella di cercare un prezzo dimenticato nei suoi vestiti, cosa che ha fatto ridere la sua vicina, che è andata alla sua borsa, dove ha tirato fuori una maschera e l’ha indossata. Cesar si è bloccato quando finalmente si è reso conto che la sua vicina era la prostituta con cui aveva parlato sul sito per alcuni giorni.

“Mi riconosci ora?

Sara salì sul divano e si sedette sulle sue ginocchia, di fronte a lui, si tolse la maschera e lo baciò. Sentì le sue mani sulla sua vita, stringendola più forte mentre ricambiava il bacio volentieri. Quando sentì quelle mani fermamente salde, le guidò dalla vita al fondoschiena, dove le strinsero ancora più forte. Il rosso sbottonò la camicia di Cesare mentre lo baciava, lisciandogli il petto dopo aver aperto tutti i bottoni. Ha lasciato che si togliessero la maglietta prima di indossare il vestito di Sara. Le prese saldamente i seni e li succhiò mentre faceva scivolare le mani sul suo corpo, il suo corpo premuto contro il suo mentre lui la succhiava. Il corpo di Sara stava già reagendo da solo, rotolando mentre cercava di strofinarsi contro l’addome di quest’uomo. Lo baciò di nuovo mentre le sue mani gli slacciavano abilmente i pantaloni e liberavano il suo cazzo indurito. Tirando di lato le mutandine bianche, si allinea con la testa di quel membro, scendendo lentamente. Guardando fino in fondo, fa oscillare i fianchi in un lento movimento a dondolo, strofinando quel sensibile rigonfiamento di carne su tutta la sua fica bagnata. Cesar gemette in modo incontrollabile non sentendosi completamente dentro il suo corpo, ma avendo ancora quelle labbra umide che si muovevano avanti e indietro sopra la piccola testa del suo pene. Sara le tenne il viso ei due si guardarono negli occhi gemendo.

Sara si alzò a sedere, inghiottendo il suo cazzo intero, ei due si abbracciarono. Le loro lingue si aggrovigliarono mentre i fianchi larghi di Sara si alzavano e si abbassavano a tempo con i loro gemiti soffocati. César gli strinse la carne come se volesse strapparne un pezzo. Quando i suoi movimenti divennero irresistibili, lui la strinse ancora più forte, attirandola contro il suo corpo mentre gemeva forte, penetrando dentro Sara.

Altre storie erotiche  Il giorno in cui ho tradito la mia sexy zia

“Sei già arrivato?

“Scusa, non doveva essere così veloce.

Nonostante l’imbarazzo di Cesar, il sorriso malizioso non abbandonò il viso di Sara, mentre si alzava dal suo grembo e rotolava sulla schiena. Guardò il ragazzo con il cazzo cadente e sorrise, tenendosi le cinghie laterali delle mutandine mentre iniziava una danza sensuale. Il suo corpo si muoveva, oscillando da un lato all’altro mentre le sue mani minacciavano di tirarle giù le mutandine. Dopo il breve ballo, le mutandine sono scese e Sara si è assicurata di guidarle fino alle caviglie, piegando il corpo in avanti, dando a Cesar un’ottima visuale. Rialzandosi in piedi, guardò con un sorriso malizioso il membro del ragazzo che mostrava i primi segni di rigidità. Sara si accovacciò e strisciò verso Caesar, strofinando il viso contro le sue cosce come un gatto furbo. Gli occhi puntati su di lui, leccò la testa del sesso, poi leccò dappertutto, poi morse senza toccarlo. Le sue labbra baciarono dolcemente quel membro e scivolarono lungo la sua lunghezza, avanti e indietro molto lentamente. A volte portava le labbra alla testa e le muoveva da una parte all’altra, guardando Cesar negli occhi. Con movimenti lenti e ritmici, la rigidità di quest’uomo le apparve lentamente dentro la bocca, lasciando tutto il sollievo di questo cazzo a contatto con le sue labbra sempre più sensibili. Il cazzo di César era di nuovo duro.

Sara fece scorrere dei baci lungo l’addome e il petto di Cesar, su per il collo fino alle labbra prima di sussurrargli all’orecchio.

“Rilassati! Se torna presto, lo renderò duro ancora una volta.

Ancora una volta Sara si è arrampicata su quel cazzo e ha lottato cercando di strofinare la testa del cazzo su tutta la sua figa. Questa volta i suoi occhi erano chiusi mentre il suo viso si animava mentre si concentrava su quel corpo duro e caldo dentro di lei. César le strinse i seni sentendo il tocco di quelle labbra proprio sulla sua testa finché finalmente si sedette. Sara ha quindi mosso i fianchi su e giù violentemente, sedendosi con forza sul cazzo di Cesar, che ha tenuto per la testa mentre faceva oscillare i fianchi su e giù con movimenti a scatti. I loro gemiti echeggiavano nella stanza mescolati al suono ritmico di corpi che si scontravano.

Con un sorriso malizioso sul volto, si alzò e si sedette di nuovo, voltandogli le spalle. Si alzò con forza come la prima volta, ora aiutata da César che la teneva per la vita tirandole giù il corpo. Quindi, appoggiò la schiena contro il petto di Cesar, girandosi sulle ginocchia. Tolse le mani e le mise una sul seno e l’altra sulla sua figa, guidando le dita verso la sua clitoride. Sara si dondolò toccata dalle dita di César finché non arrivò il suo orgasmo. Sara urlò, contorcendosi e premendo la mano di Cesar contro la sua figa. A poco a poco, si rilassò mentre le sue mani le accarezzavano il corpo. Sara si rannicchiò in grembo a Cesar ei due si scambiarono affetto.

“Quando hai capito che ero io?”

– Il giorno in cui ci siamo incontrati in ascensore e ti è caduto il telefono. Mi stava scrivendo in quel momento. I due rimasero lì, accarezzandosi, scambiandosi baci e ridendo per l’improbabile modo in cui si erano incontrati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *