ladro affamato

di | 10 de Dicembre, 2022

da Cesare

È stato il weekend senza figli per la coppia Silvio e Carmen. Una volta al mese i figli stavano dai nonni e andavano nella casa al mare, in un condominio riservato ed elegante, un lusso lecito, visto che i due lavoravano alacremente nell’impresa che avevano creato insieme. Si sono sposati giovani, hanno dedicato la loro vita ai figli e agli affari, ma ora, a quarant’anni, si concedono il piacere di stare da soli almeno un fine settimana al mese.

Era venerdì, alla fine della giornata, tornavano a casa, facevano le valigie, lasciavano i bambini dai nonni e si mettevano in viaggio. Già in viaggio, anticipando un fine settimana pieno di amore e sesso, Carmen accarezza il cazzo del marito, lo tira fuori ea volte gli dà anche un bel ciuccio, incurante dei veicoli che passano. Dopotutto, l’inibizione non era il loro forte, dato che amavano andare sulle spiagge per nudisti.

Carmen è una bionda platino, con i capelli lunghi e lisci, i seni sollevati dalla chirurgia plastica che ha subito, non molto alta, in fondo è quella che si potrebbe definire tenera, senza essere grossa, carne soda, e un culo opulento, formano un bel tutto con cosce spesse. Lavora sodo per mantenere i peli della figa dello stesso colore dei suoi capelli. Silvio, come sua moglie, non era un esempio del dio Apollo, ma formavano una bella coppia, soprattutto perché la loro simpatia affascinava.

Carmen è sempre stata molto più calda del marito, ci sono state diverse occasioni in cui, anche dopo il sesso, ancora insoddisfatta, si masturbava e si divertiva accanto al marito che la guardava passivamente. In questi momenti, stava giocando con lui:

– Un giorno troverò un maschio che mi fotterà fino a quando non ce la farò più.

Nonostante le minacce non ha mai avuto il coraggio di metterlo in pratica, anche se sulle spiagge nudiste non perde occasione per commentare i cazzi degli altri uomini, soprattutto quando ne vede uno grosso, visto che Silvio, in quel senso, non c’era . altamente privilegiato.In queste occasioni, dice semplicemente:

– Sei una stronza ninfomane.

Quando sono arrivati ​​alla casa sulla spiaggia, eccitati per aver giocato lungo la strada, si sono tolti i vestiti e hanno scopato selvaggiamente. Poi si fecero la doccia e uscirono a cena. Sono tornati a casa molto tardi. Carmen, come al solito, indossava una camicia da notte corta, di pizzo e trasparente, senza mutandine, perché la notte era calda e Silvio andava a letto solo in mutande.

Poiché la casa si trova in un condominio che ha sempre dato valore alla sicurezza, era comune per loro dormire con la finestra aperta e addirittura, in diverse occasioni, le porte venivano lasciate sbloccate. Tuttavia, come ogni cosa nella vita c’è una prima volta, quella notte la sicurezza fallì ed era mattina presto quando Carmen si svegliò di soprassalto, vedendo una figura all’interno della stanza. Terrorizzata, chiama il marito, che cerca di alzarsi, ma sente qualcosa di minaccioso:

– Stai calmo.

La stanza era illuminata dalla fioca luce lunare proveniente dalla finestra aperta, che la lasciava buia, con scarsa visibilità, soprattutto agli occhi appena aperti. A poco a poco la coppia si abituò e ora potevano vedere, anche se con qualche difficoltà, il carnefice che li teneva prigionieri.

Era seduto su una sedia ai piedi del letto. Era un giovane uomo di colore e aveva un pugnale in mano, e mentre lo alzava, verso la coppia, disse:

– Non ho intenzione di farti del male, a patto che tu non me lo costringa.

Silvio era calmo e disse:

– Non abbiamo armi in casa, né molti soldi, ma prendi quello che vuoi e vattene, non fare scandalo.

Il giovane sorride e mostra i suoi denti, incredibilmente perfetti per un ladro. Dice con calma:

– Non voglio niente di tutto questo, signore.

Sentendo questo, Carmen si dispera, immaginando presto che sarebbe stata violentata, ma mantenendo una certa calma, chiede:

– Allora cosa vuoi?

– Cibo signora, ho fame, non sono un assassino, ma questa vita miserabile mi ha portato alla pazzia stanotte, la fame, sa cosa vuol dire morire di fame?

In quel momento, Carmen sentì una certa compassione per questo giovane disperato. Si mise comodo sul letto, si sedette e chiese:

– Quanti anni hai?

Altre storie erotiche  Ho fatto venire un uomo in webcam con sua moglie

– Venti, signora.

– E la tua famiglia, dov’è?

– Famiglia, mi piacerebbe, non ho mai saputo cosa sia, signora.

L’adrenalina iniziale della coppia si era dissipata, si accorsero che il giovane non era pericoloso, almeno così sembrava, così Silvio suggerì:

– Che ne dici di andare in cucina e preparare qualcosa da mangiare?

– E’ quello che voglio, signore.

Quando la coppia si alza e cerca di mettersi qualcosa addosso, il giovane non glielo permette:

– Puoi restare così, senza più vestiti.

Poi vanno in cucina, la coppia davanti e il giovane dietro, sempre con il coltello in mano. In cucina dice:

– Non accendete le luci, restiamo così, con solo la luce che entra dalle finestre, altrimenti attirerà l’attenzione.

Carmen inizia a ordinare alcune cose per la merenda e dice:

– Non abbiamo piatti pronti, ti preparo dei panini.

– Ok signora, il cibo è lo stesso.

Quindi voleva sapere:

– Come ti chiami giovanotto?

– Controlli signora.

– Va bene Marcos, ma smettila di chiamarci signore e signora, io mi chiamo Carmen e mio marito Silvio, chiamateci così, ok?

Con la coppia che voltava le spalle al giovane, lui prestò attenzione a questa donna lì davanti a lui, finché non fu abbastanza calda, che Silvio dovette tenere tra quelle belle gambe. Questo pensiero libidinoso ha agitato gli ormoni del giovane, facendogli indurire il cazzo.

Quando gli sposi hanno finito di preparare i panini, li mettono in tavola, aprono una cassetta di succo e la servono al cameriere, che ordina:

– Adesso siediti di fronte a me.

Il ragazzo ha divorato il cibo, aveva molta fame. Carmen provava già compassione per questo povero essere umano. Era sbrindellato e puzzava come l’inferno, ha offerto:

– Non vuoi fare la doccia?

Il marito era d’accordo con la moglie, ma già pensava alla possibilità della loro fuga. Il ragazzo guardò la coppia con diffidenza, ma alla fine acconsentì.

Quando arrivarono in bagno, il ragazzo ordinò:

– Entra anche tu, non pensare di restare fuori per scappare.

L’intenzione di Silvio è andata in pezzi. Il ragazzo si è sbarazzato dei suoi vestiti e quando si è tolto le mutande è saltato fuori un enorme rullo. Quando Carmen vede questo disco, guarda suo marito e fa un lieve sorriso tra le labbra e gli sussurra all’orecchio:

– Merda, non ho mai visto niente del genere, è enorme.

– Nemmeno io, tesoro.

– Cosa stai sussurrando lì, non fare cose stupide.

“Non pensarci nemmeno, Marcos,” disse a Carmen.

Il ragazzo entra nella scatola e non sa cosa fare con i dischi. Guarda la coppia con sospetto e dice:

– Adesso che ci penso, signora Carmen, è meglio che venga qui con me, dopotutto non riuscirò a lavarmi bene con questo coltello.

Guarda il marito, che subito le consiglia di obbedire, sarebbe meglio così. Entra nel box, ma senza togliersi la camicia da notte, apre i cancelli e l’acqua scorre sui corpi. Prendi la spugna, il sapone e inizia a strofinare il corpo del ragazzo. Il suo cattivo odore scompare e comincia ad avere una strana sensazione riguardo alla situazione, si stava agitando. Guarda il marito che si è seduto su uno sgabello che era lì, è rimasto calmo. Ha massaggiato la schiena del ragazzo che ha detto:

– Accidenti signora Carmen, che sensazione deliziosa, non ricordo nemmeno quando è stata la mia ultima doccia così.

– Allora rilassati amore mio, oggi sarai pulito.

La sua paura era completamente svanita, era sicura che non avrebbe fatto niente di stupido. Quando lei si pulisce il culo, lui dice:

– Dona Carmen, calmati, non sono frocio.

– Non preoccuparti, non ci penserei. Non farlo mai per te, ma devo lavare tutto.

Si inginocchia, si massaggia le gambe e, quando ha finito, gli chiede di guardarla. Quando lui si gira, lei guarda immediatamente il cazzo del ragazzo che era completamente duro, che arrivava a toccarle lo stomaco, oh liscia giovinezza virile, pensò. In quel momento guarda suo marito e si stupisce di vedere che lui stesso gli sta accarezzando il cazzo, si ecciterà anche lui per tutto questo? Determinata, inizia a insaponare il petto del ragazzo e lentamente si fa strada fino alla pancia e presto si avvicina al suo cazzo. Prima di prendere l’iniziativa di lavargli il cazzo, guarda di nuovo suo marito e ora la sorpresa è stata completa, l’aveva tirato fuori e gli aveva fatto una sega ritmica.

Altre storie erotiche  La moglie dell'amico non si tocca!

Poi si inginocchia e inizia amorevolmente a insaponare quel tronco duro. Il ragazzo non disse nulla, ma si rese conto che stava accadendo qualcosa di strano, tanto che lasciò cadere il coltello e si appoggiò al muro. Carmen lasciò cadere l’asciugamano e usò solo le mani, divertendosi a toccare, per la prima volta dal loro matrimonio, un cazzo diverso da quello del marito. Sentì la sua figa pulsare, la sua erezione intensa. Quando l’acqua lava via tutto il muschio dal bastoncino, puoi dire quanto è forte quel tronco. Enorme, spesso, pieno di vene sporgenti, come un cazzo di queste dimensioni che dovrebbe essere penetrato, pensò. Riprende la spugna e finisce di lavarsi le gambe. Prende lo shampoo e si lava i bei capelli ricci. Guarda suo marito e vede la sua mano macchiata di sperma.

Porge al ragazzo un asciugamano e ne prende un altro per sé. Rendendosi conto che suo marito era stato complice di questa follia, disse al ragazzo:

– Andiamo in camera mia, ti metto una crema sul corpo.

Il ragazzo era talmente coinvolto da non ricordare nemmeno il coltello, lasciandolo in bagno. In camera da letto Carmen lo fa sdraiare al centro del letto e chiede al marito di andare a prendere la crema dalla credenza. Quando Silvio gli porge la pentola, dice:

– Tesoro, meglio togliersi quei vestiti bagnati, potresti avere freddo.

Senza aspettare risposta, lui stesso sfila la camicia da notte della moglie, lasciandola nuda davanti al ragazzo, che stavolta compare.

– Merda, quanto sei sexy.

Gli chiede di sdraiarsi sulla pancia e inizia ad applicare la crema sul suo corpo. Sulle spalle, sulla schiena, sui glutei, di cui questa volta non si lamenta, sulle gambe e sulle punte dei piedi. Arrotolalo e applica la crema davanti. Avvicinandosi al club, è ancora una volta ipnotizzata da quel bastone, che ha raggiunto il punto di pulsare perché era così duro. Impulsivamente le prende le mani, ma prima di toccare il sesso guarda il marito che, con un leggero movimento del capo, fa segno di appoggiare l’atteggiamento della moglie. Poi gli tiene il cazzo con entrambe le mani e applica una leggera pressione, volendo sentire tutta quella durezza. Marcos guarda la donna e dice:

– Può servirsi da sola, signora.

Già quasi fuori di sé da tanta lussuria, passa un dito nella punta del bastoncino, dentro quel buco dove già scorreva una grande quantità di miele. Passa il dito sulla testa del piccione e giù fino alla borsa del ragazzo. Sente un brivido e il suo corpo si contorce. Si rende conto dell’effetto causato e piena di desiderio porta la sua bocca a questo cazzo eccitato. Bacia, lecca e succhia la grande testa nera. Il contrasto di colori, lei bianca e lui nero, era eccitante e Silvio si masturbò di nuovo, guardando solo l’esibizione della moglie, che ora aveva la bocca avvolta intorno all’intera testa del cazzo.

Stava succhiando e spingendo più che poteva nella sua bocca, ma era troppo grande, così grande che stava soffocando e sbavando molto. La sua bava scorreva per tutta la lunghezza della borsa, dove una mano accarezzava le enormi palle. Era un giovane maleducato e spensierato, motivo per cui aveva molti capelli, che erano raccolti sulla gola della donna assetata. Il giovane, che non aveva mai immaginato una cosa del genere, gemette delirante:

– Fanculo questa bella signora, succhia il tuo cattivo gustoso cattivo.

Carmen ama il sesso libero spudorato:

– Ti succhierò un omone, ti piace una troia puttana?

– Amo Madame, ma non ho mai visto un marito emozionarsi solo vedendo sua moglie giocare con un’altra.

Silvio, che taceva, ora parlò:

– Non lo sapevo nemmeno Marcos, ma mi piace vedere mia moglie diventare la tua puttana, ha sempre voluto un grosso cazzo.

Marcos fece girare Carmen e iniziarono un delizioso 69. Glielo avevano già succhiato diverse volte, ma lì, in quel momento, c’era qualcosa di diverso, la sensazione di fare qualcosa di proibito, qualcosa di sporco e con essa la sua erezione. così che poco dopo che Marcos le ha leccato la figa, lei stava delirando:

Altre storie erotiche  Il collega cattivo

– Accidenti, vengo, vengo, succhio forte, figlio di puttana, infila quella lingua nella mia figa, vengo, vengo, comeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee

Marcos ha tenuto la bocca incollata a quella deliziosa figa, mettendo Carmen su per il culo e succhiando tutto il suo sperma.

Quando scende dal ragazzo, si sente un po’ imbarazzata, ma scompare rapidamente, mentre il ragazzo la tira più vicino al suo petto e preme la sua bocca contro la sua. Le labbra spesse che assaporavano la sua figa, riaccesero la sua erezione e ora voleva qualcosa che aveva sognato a lungo: un grosso cazzo dentro di lei. Lei sta sopra il ragazzo, gettando una gamba su entrambi i lati, una mano tenendo il suo cazzo e guidandolo verso l’ingresso della sua fica. Ordinò la penetrazione e quando il giovane impetuoso cercò di entrare con la forza, disse:

– Facile ragazzone, ora sono io che do gli ordini.

Strofina il testone sulle labbra, sulla crescita dura che sporge un po’ e quando si sente pronta, lascia andare un po’ il suo corpo e la testa va nella figa, dato che è grande, la spingono . quella figa mai invasa da una taglia del genere. A poco a poco si sentirà a suo agio con l’invasore e con movimenti brevi e continui abbasserà il suo corpo e permetterà al cazzo di essere avvolto nella sua figa. Lei gemette dicendo:

– Oh amore mio, quanto è grande, mi penetra nella figa, ma è troppo bello.

Quando sente che tutto è tornato, si siede per un momento e poi inizia a rotolare. Il giovane la afferra per la vita e la aiuta a muoversi, colpendo profondamente la dama bianca. Sentì la testa del suo cazzo colpirla profondamente dentro di lei e la sensazione di essere completamente riempita era indescrivibile.

Poggia le mani sul petto del giovane e, prossima a un altro orgasmo, gli chiede:

– Dai cane, fottimi forte, mangia la tua ricca cagna.

Marcos è completamente pazzo per l’insolito, spinge forte, ma con ciò il suo sperma diventa inevitabile e quando annuncia che sta per venire lei gli chiede:

– Goditi figlio di puttana, riempimi la figa con quella merda bollente.

Quando il giovane esplode, lei sente potenti getti inondarle le viscere e contemporaneamente raggiunge il suo secondo orgasmo, facendole tremare il corpo in continuazione. È sdraiata sopra il bambino, che la tiene dolcemente.

Rimangono così a lungo, finché lei non si lascia andare e si sdraia accanto a lui. Era l’alba ei primi raggi di sole invadevano la stanza. Silvio si siede accanto alla moglie, le accarezza il viso e le chiede:

– Ehi amore mio, hai ucciso il desiderio di un grosso piccione?

– Solo un po’ d’amore, solo un po’.

Esausti, i tre finalmente si addormentarono e dormirono fino a mezzogiorno.

Quando si sono svegliati, sono andati a fare una doccia e sono andati in cucina, dove hanno preparato qualcosa da mangiare. Sedendosi a tavola, Marcos raccontò un po’ della sua storia e la coppia concluse che la vita non era stata gentile con lui. Alla fine della conversazione, ha confessato:

– Ti dirò una cosa, mi vergogno di aver invaso casa tua.

Carmen lo abbracciò per rassicurarlo:

– Lascia perdere tesoro, stiamo bene.

Il giovane ancora seduto, lei, già del tutto disinibita, allarga le gambe e si siede sulle ginocchia, strofina il culo contro il suo cazzo e dice:

– Inoltre, quella sotto il mio sedere era l’arma migliore che hai portato.

Silvio propose di tornare in camera da letto e lì Mauro mise Carmen a quattro zampe e se la fissò a fondo nella figa, nello stesso momento in cui infilò un dito nel culo di Madame. Vengono nello stesso momento in cui Silvio fa di nuovo la stessa cosa con la cannuccia. Il giovane è stato con la coppia tutto il fine settimana, dove ha scopato più volte Carmen e domenica, quando si sono salutati, lei ha detto:

– Tra tre settimane torniamo, venite a trovarci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *