L’alba di nonna Lúzia.

di | 12 de Dicembre, 2022

L’ultima storia della trilogia degli Anziani: Doña Vera, Ana e Lúzia. Tutto mio. Io spero tu ti sia divertito.

🇧🇷

Sono qui. Non posso credere che lo riferirò, ma devo raccontare questa storia a qualcuno. Mi chiamo Lucia; Ho 69 anni; 4 fili; vedova 21 anni fa e da allora vive da sola. Le mie giornate sono una normale routine per qualsiasi donna della mia età. Questa routine viene interrotta solo quando ricevo la visita di mio nipote, Caio. Mi piace che Caio venga a trovarmi, mi sento meno solo quando sono in sua compagnia.

Caio è un ragazzo di 27 anni, mi è sempre stato molto legato, e siccome casa mia è vicina alla sua università, trova sempre il tempo per venirmi a trovare, e ha anche dormito a casa mia quando usciva tardi da scuola .

La mia casa è molto piccola, l’unica che posso permettermi con la mia pensione e l’aiuto che ricevo dai miei figli. La casa dispone di una camera da letto con due letti singoli; Un bagno; cucina; e soggiorno.

La storia che sto per raccontarvi è accaduta circa 2 anni fa. Un giorno venne a trovarmi Caio, era un martedì, e mi disse che avrebbe passato con me il pomeriggio prima di andare all’università. Ero felice. Ho infornato una torta e, come faccio sempre nel primo pomeriggio, sono andata a fare la doccia -ricordo che faceva molto caldo quel giorno- ho lasciato Caio in soggiorno a leggere i compiti. La porta del mio bagno ha il famoso “buco della serratura” molto largo, un invito ai curiosi, è una vecchia porta di legno. Mi stavo togliendo i vestiti per entrare nella doccia quando ho sentito qualcosa muoversi dietro la serratura. Guardando in quella direzione, ho sentito uno scricchiolio di ginocchia e improvvisamente l’altro lato della porta era visibile attraverso il buco della serratura. Sono andato fuori di testa e ho messo un pezzo di carta nel buco, poi ho fatto una doccia. Caio non ha affrontato l’argomento, e nemmeno io ho detto niente, ho preferito lasciar perdere.

Passarono alcune settimane, Caio venne a casa mia e questa volta decise di pernottare. L’altro giorno mi sono alzato presto per fare il caffè, Caio dormiva ancora, era stanco per la maratona di studio. Sono andato in bagno a fare pipì e ho notato un odore familiare, ma non lo sentivo da molto tempo. Guardo nel bidone della spazzatura accanto al gabinetto e vedo un pezzo di carta bagnato e aperto. Lo raccolgo con un certo disgusto e quando lo metto al naso mi rendo conto che è lo sperma di mio nipote. Questo bastardo si è masturbato in casa mia, e probabilmente mentre dormivo. L’odore suscitava in me un misto di rabbia e di piacere; Non sento l’odore dello sperma da molto tempo, l’odore di un uomo. Ho buttato la carta nel gabinetto e ho fatto finta di non vedere niente. Caio era giovane ed era normale alla sua età.

La settimana seguente Caio tornò a farmi visita; Ha lasciato il college tardi ed era troppo stanco per affrontare il viaggio di ritorno. Gli ho preparato da mangiare, intanto mio nipote è andato a fare la doccia. In un raro momento di perversione, mi è venuto in mente di spiare mio nipote sotto la doccia, la stessa cosa che ha fatto con me settimane fa. Avevo già tolto la carta dalla serratura qualche giorno fa, e siccome il mio bagno non ha il box doccia, la serratura sarebbe un passaggio libero per spiare Caio. L’adrenalina mi prende. Mi accovaccio e presto ho una visione del cazzo di mio nipote. Era liscio, ma ho potuto vedere che anche se non era così lungo, lo spessore ha attirato la mia attenzione, immagino che la mia bocca non ci starebbe. Il mio corpo comincia a reagire al mio sguardo e l’erezione è inevitabile; Il desiderio che avevo era quello di alzare il vestito e colpire una siririca guardando il cazzo di mio nipote. Che vecchia puttana sono, come sono arrivata qui? Non so se Caio mi vide, ma il suo cazzo cominciò a salire e la vista che ebbi dell’acqua che cadeva sul suo membro grosso e duro, con la testa enorme che brillava su di me, fu un privilegio. . Chiude la doccia e io esco lentamente per servirgli la cena, sperando che mio nipote mi mangi.

Ci prepariamo per andare a letto. Il mio fuoco a quel punto si era già spento, ma i pensieri erano lontani. Indossai la mia solita camicia da notte, era discreta, arrivava sotto il ginocchio, sedurre Caio non mi era mai passato per la mente. Dato che faceva caldo, abbiamo dormito con una parte della finestra aperta per far entrare un po’ d’aria, e con la luce della lampada da terra attaccata alla finestra, ha lasciato la stanza buia. Non riusciva a dormire pensando a Caio sotto la doccia, pensando a quanto fosse brutto fargli questo, ma allo stesso tempo quanto fosse carino. Verso le 2 del mattino era sdraiato su un fianco, rivolto verso il muro; Nell’ambiente regnava il silenzio, quando sento un rumore provenire dal letto di mio nipote. Giro discretamente la testa quando, con mio grande stupore, Gaius si masturba sul letto accanto a me. Questa situazione mi ha reso molto eccitato, ma ho deciso di fingere di dormire.

Mio nipote gemette sommessamente, quando, al culmine della mia voglia maliziosa, decisi di sollevare la camicia da notte e poi sollevai il lenzuolo, come se avessi caldo -infatti lo ero-, il sedere che mostrava tutto a Caio, e sempre addosso in alto, non avevo le mutandine, di solito non le indosso quando dormo. Feci finta di essere di nuovo profondamente addormentato e, attraverso l’ombra del muro, vidi Caio alzarsi dal letto. Ho sentito il suono di questo rullo che ha manipolato molto vicino a me, il che è delizioso. All’improvviso sento il suo respiro sulle mie natiche, mi ha sentito; con entrambe le gambe ho stretto la mia figa bavosa in quel momento volevo sentire mio nipote dentro. Questo ragazzo cattivo ha iniziato a prendermi il sedere temendo che mi svegliassi, non sapeva che lo fossi già, mi ha aperto e ha iniziato a esplorarmi il sedere, poi mi ha toccato lentamente la figa. In calore si è fatto coraggio e ha iniziato a far scorrere quel cazzo su di me, ho sentito quella testa gonfia sfregare contro il mio culo; Caio cercava di non gemere forte e io cercavo di fingere di dormire; stava diventando sempre più difficile evitare di arrendersi a questo bambino.

Ad un certo punto mi è venuto in mente l’odore del suo seme, perché volevo sentire quel seme dentro di me. Ho approfittato del momento in cui Caio si è staccato e si è rotolato sulla schiena, mostrando la mia figa pelosa, e ho fatto finta di essermi riaddormentato, questa volta a bocca spalancata. Era quello che voleva. Ben presto si avvicinò e iniziò a far scorrere il dito lungo la mia calata; Ho annusato la figa pelosa della nonna e mi sono masturbato come un matto, sapevo che non sarebbe durato a lungo. Mio nipote si è eccitato, si è bagnato il dito e mi ha penetrato; il mio respiro era già un misto di sonno profondo e gemiti, non potevo più fingere e decisi di muovermi un po’ in modo che smettesse di colpirmi con il dito. Ha funzionato. Fu sorpreso e se ne andò. Sotto il lenzuolo tirai giù la camicia da notte in modo che i miei seni fossero scoperti; Tirai indietro il lenzuolo e mi coprii la figa. Caio aspettò che “riaddormentassi” e mi venne più vicino, ancora più vicino questa volta, il suo cazzo praticamente in faccia. Aprii un po’ gli occhi e lo vidi ammirare i miei seni già cadenti, e vidi quella grossa verga, che entrava appena nella mano di Caio. Horny si prendeva cura di mio nipote, lo guardava con tanto piacere; la paglia si faceva più forte, Caio arrivava da un momento all’altro.

In 67 anni di vita -la mia età a quel tempo- nemmeno nella mia immaginazione più depravata, immaginavo che avrei vissuto un momento simile; Stavo per afferrare il cazzo di mio nipote e fargli un regalo; questo club sarebbe stato infranto su una donna che non aveva fatto sesso, ormai, da quasi due decenni.

Respirando rapidamente, il sesso si avvicinò alla mia bocca aperta; poteva sentire l’odore del suo cazzo, che era un delizioso profumo maschile che non sentiva da molto tempo. Poi è arrivato Caio. Lo sperma caldo di mio nipote mi è schizzato in bocca; Dovevo essere paralizzato per non spaventarlo, e lui senza pietà mi ha fatto ingoiare tutto quello che avevo in gola. Il latte di mio nipote scorreva dalle mie labbra. Dopo che ebbe finito andò in bagno, e ne approfittai per ingoiare tutto quello sperma; Mi asciugai gli angoli della bocca e strofinai il suo sperma su tutto il cazzo, che era gonfio di desiderio. Tornò dal bagno, mi controllò un’ultima volta e tornò a letto.

Quella mattina ho aspettato che mio nipote si addormentasse, sono andato al suo portafoglio che era sul mio comodino e ho rubato un preservativo. Ero stato alla fiera quel giorno, quindi ho preso una banana dalla cucina, ci ho messo sopra il preservativo, sono andato in bagno e, seduto sul water, mi sono infilato la banana nella figa. Sono venuto molto pensando al cazzo di mio nipote; Come avrei voluto averlo in me.

Dopo la mia avventura in bagno, tornai a letto e finalmente mi addormentai.

Dopo quel giorno, Caio venne qui diverse volte. Non dormiva più con me, forse si sentiva male per quello che aveva fatto, ma continuava a spiarmi nei bagni. Mi hai visto battere siririca molte volte; e continuo a venire per lui. A 69 anni posso dire di essere diventata una vecchia puttana, ossessionata dal mio stesso nipote.

Il grosso cazzo di mio nipote con quella grande testa penetrerà mai nella stretta fica pelosa di sua nonna?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *