L’amico di mio marito mi ha scopato

di | 9 de Dicembre, 2022

Tutto è successo in modo incoerente, facendomi perdere completamente il controllo. Mi chiamo Maísa Ibida, ho 25 anni, sono molto felicemente sposata e sono sempre stata rispettata da tutti, Sandro, mio ​​marito, possiede un ottimo panificio molto frequentato nella città in cui viviamo.

A Sandro piace entrare nella mia ciambella, lasciandola spalmata e ben trattata. Ma il culmine sono le insinuazioni di Sandro che si atteggia a prostituta con una vip card del famoso club delle puttane sposate.

Non ho mai detto di no, non ho mai detto nemmeno di sì. Sandro però insisteva per ricevere corna enormi e succose, fantasie di infedeltà alimentavano le nostre infuocate notti di sesso.

Quindi ti racconterò come sono passata dall’essere una signora di mondo a una puttana di quartiere. Allora mettiamoci al lavoro…

Nella strada, davanti a casa mia, si svolgevano i festeggiamenti di São João, organizzati dagli abitanti. Sandro accetta di collaborare con i prodotti della sua pasticceria. Pane dolce, panini, tortillas, empanadas…

Era incaricato di preparare tutto in pasticceria, ma mi ha chiesto di fare i panini a casa. Tuttavia, il fatto che i bambini siano cresciuti in casa è stato il primo passo per lui per diventare un cornuto. Lo dico perché ha un amico che si chiama Átalo che viene spesso a casa nostra.

Mi ero già lamentato che Atalus mi stava prosciugando. Ma Sandro non ha fatto niente. Così, se l’uomo di casa non fa niente, mi sono abituato a “sfilare” in Atalo, in camicetta senza reggiseno e pantaloncini cortissimi.

Tuttavia, pensavo che i miei atti di ribellione non sarebbero andati oltre. Ma il problema è che il mascalzone vive nei dettagli.

Questa benedetta mattina mi ha chiamato Sandro dal panificio, chiedendomi come andava la preparazione dell’impasto. Ho risposto che sarebbero stati pronti presto.

Sandro però ha cambiato discorso dicendo che Atalo e sua moglie sarebbero venuti qui ad aiutarmi. Quando lo ha detto, stava immaginando che il suo amico sarebbe stato il primo uomo in un’enorme coda ad assaggiare la mia deliziosa ciambella?

Dopo aver spento il portatile, mi sono fatta una doccia, ho indossato mutandine e un top cortissimo, e sono andata a piedi nudi in cucina per assistere alla preparazione delle dolci ciambelle. Non ero preoccupato per l’arrivo di Átalo e sua moglie, perché avrebbero suonato il campanello perché avessi il tempo di vestirmi.

Ero distratto e all’improvviso mi ha afferrato da dietro. Ho visto nello specchio della cucina che era un terrapieno.

Ho provato a lasciarlo andare perché mi ha detto di prendermela comoda.

“Smettila o lo dirò a mio marito. Ho provato a parlare.

Ma ha fatto finta che mi avrebbe fottuto la figa e nessuno lo avrebbe saputo perché aveva chiuso a chiave la porta e sua moglie era alla festa.

“Calmati, Maisa, perché hai dovuto ingoiare un sacco di cazzi,” disse Atalo, accarezzandomi la figa.

Non avevo tempo per risposte aggressive, mentre Attalus si sbottonava i pantaloni, tirava fuori il suo cazzo lungo e spesso, poi mi tirava le mutandine fino alle ginocchia e mi portava al lavandino, dove mi sedevo con le gambe divaricate.

Avrei potuto urlare, ma quello che ho sentito non erano urla ma sussurri nelle mie orecchie.

“Lascia che ti scopi la figa? Andiamo, è solo un po’.

“Non farlo, il gatto è solo di mio marito. parlavo a bassa voce.

Ma Atalo è caduto con la bocca sulla mia figa, ho provato a chiudere le gambe, ma mi sono fermato quando la sua lingua calda e bagnata ha colpito il mio clitoride, il mio nervosismo ha lasciato il posto a un’eccitazione inaspettata e gli ho lasciato assaggiare la mia figa.

“Dai, Ibida, apri di più le gambe. “Atalus ha cercato di allargare le mie cosce, facendo scivolare le mie mutandine dalle ginocchia.

Mio marito ha sempre insistito per essere un cornuto, ma ci sono nette differenze tra le fantasie della buonanotte e la realtà.

Allora come ho fatto a non collaborare? Attale ha sollevato il mio corpo dal lavandino e ha spinto rapidamente il suo cazzo in profondità nella mia fica. Ammetto che mi è piaciuta la penetrazione. Tuttavia, ho cercato di nascondere che volevo farlo. Ha picchiato per circa due minuti e senza dire niente mi ha fatto girare e mi ha messo le mani nel lavandino e il suo atto successivo sembrava un comando.

“Apri quel culetto e mostra le tue fottute viscere, fammi vedere il tuo culetto flettersi e rilassarsi.”

– No, non sono una puttana, mi sono lamentato.

“Obbedisci sì, oggi sono il tuo macho e posso anche mangiarti il ​​culo”.

Nonostante le sue parole autorevoli, non ha mai cercato di aggredirmi fisicamente.

“Va bene, mi sto contorcendo, ma solo un po’,” sussurrai obbediente.

Ma insieme alla mia sottomissione, mi sono ammorbidita dicendo che era sbagliato da parte mia collaborare e che mio marito sarebbe potuto tornare a casa dalla panetteria e scoprire che stava dando la mia fica e tutto al suo amico…

Altre storie erotiche  ne vuole un altro: racconti erotici

“Non c’è niente di sbagliato nel fare sesso con gli amici.

“Perché no? Sono sposato.

Detto questo, Átalo mi ha dato l’opportunità di collaborare e tutto sarebbe finito in fretta. Ho dichiarato di essere una donna di rispetto. Ma gli ho anche detto che gli avrei fatto vedere le mie pieghe tirate, a una condizione, che non inserisse il dito e le mettesse solo il cazzo nella figa e non lo dicesse a mio marito.

“E non lo dirai nemmeno a mia moglie?”

“Certo che no. Ma per tua informazione, sono una donna di rispetto e lo faccio solo perché lo stai facendo a me,” dico in tono gentile.

Così ho sollevato il culo in alto e ho dato forti contrazioni, aprendo e chiudendo le pieghe tese del culo.

Nonostante il mio cinismo, da donna rispettabile non avevo niente. Mi sono comportato come un tuttofare da quattro soldi dietro l’angolo. Così ho aumentato la velocità delle aperture e delle contrazioni anali, come se mi riferissi alle penetrazioni di un grosso cazzo succoso.

“Fanculo Ibida, culo di cavalla, apri e chiudi, apri così posso vedere questo bellissimo tunnel. Atalo ha parlato in modo sgarbato per tutto il tempo.

Ovviamente l’ho aperto al massimo e, dopo dolci ammiccamenti, finita la mia azione da tuttofare professionista, italo mi ha aperto al massimo le natiche e ha spinto ancora più forte, allargandomi le labbra, lasciando la figa spalancata.

“Apri la tua figa sul mio cazzo, maledetta Ibida, non ho mai visto un’asiatica così troia con le pieghe belle come te, sei barcollante, barcollante,” disse Atalo disperato.

“Giusto. Mi sto dimenando solo per sbarazzarmi di te. Ho mentito palesemente perché quale sarebbe il divertimento nel tradire mio marito e non dimenarsi sul cazzo dell’uomo?”

Dopo un momento di dimenarsi, il suono di controllo, controllo e controllo, controllo era chiaro, tale era la quantità del mio sperma che riempiva la mia fica e lubrificava il cazzo.

«È finita?» chiesi, pensando che fosse venuto.

“Vieni? Voglio sborrare in fondo a quel culo goloso.

Me lo ha tolto dalla figa e mi ha portato in soggiorno.

“No, non il mio culo.” Ho provato a fingere che il nostro patto fosse diverso e che avrebbe fatto male…

“Andiamo per favore, non ho mai visto una donna aprire il suo buco anale come fai tu.

“Ma farà male”

“Lascia che te lo ficchi tutto su per il culo. Prometto che me la prenderò con calma.

“Ma farà male”

Ha visto la mia espressione preoccupata, ma mi ha calmato dicendo che era ora e nessuno lo avrebbe saputo.

Ma ciò che mi ha fatto desiderare di essere la troia anale è stata la mia sottile osservazione che la mia fede nuziale scintillava tra le mie dita.

Questa straordinaria realizzazione ha agito come un messaggio subliminale nella mia mente, spingendomi a offrirgli il mio culo. Il mio lato troia si è attivato e lasciandomelo prendere sul divano, mi sono dimenata come una donna che si diverte a tradire suo marito.

Mi sono inginocchiato sul divano, mi sono appoggiato allo schienale e ho tirato fuori il culo.

“Va bene, legalo, poi ficcamelo nel culo e ti aiuterò.”

“Cosa…? Come è? Non credo. Guardò incredulo.

“Nessun problema”, dissi risoluto. “Sono una papera. Il piacere del sesso anale per uomini e donne è farsi leccare, rompere e imbrattare l’anello con grandi quantità di latte morbido.

La mia promiscuità era esplicita. Ho dato carta bianca all’amico di mio marito per scoparmi.

Áthalo mi ha aperto le natiche e la sua lingua feroce ha toccato il mio buco. Da parte mia ho imparato guardando i video porno che bisogna rilassare le pieghe, in modo che si aprano spontaneamente, permettendo alla lingua o anche a due cazzi enormi di penetrare in fondo a qualsiasi culo.

Ma nonostante i preliminari, sapevo che mancava qualcosa.

“Aspetta, lascia che ti aiuti,” dissi, sputandomi sull’indice e spingendo prima uno e poi due dita nel mio buco anale.

Il mio lavoro di dissolutezza era svolto con la complessità delle mie dita, ma Talo doveva ancora recitare la parte del figlio di puttana. maschio.

Ho tolto il dito dall’ano, Áthalo ha posizionato il suo cazzo lungo e grosso e l’ha forzato e il mio culo si è aperto come un fiore.

La mia ciambella precedentemente stretta si è espansa permettendo al cazzo di entrare lentamente.

“Di cosa hai bisogno per rafforzare il tuo cazzo nel mio culo?” – dissi arrabbiato

“Dannazione, mia moglie non è così,” disse tristemente.

“Adesso smettila con le tue sciocchezze. Tua moglie è una puttana. Una donna che è una donna, che sia grassa o magra, può gestire qualsiasi cazzo nel culo.

Vediamo i lettori, il ragazzo viene a casa mia ed è triste che sua moglie non sopporti un cazzo nel culo? Bene comunque.

Altre storie erotiche  Guardando verso il bagno.

Ho rinunciato al mio corpo senza preoccuparmi del futuro. L’ho pregato di colpire più forte. Ho attorcigliato il mio spago, stringendo la grossa asta del tuo cazzo, sono venuto, affondando le dita nella mia fica mentre tiravo il mio cazzo. Solo allora Athalo venne a riempire le profondità del mio ano con il suo latte denso e pastoso.

Improvvisamente, il rimpianto ha colpito. Non si poteva tornare indietro, l’amico di mio marito mi aveva fottuto. Corsi in bagno, aprii la doccia e mi sedetti sul pavimento della cabina. Continuava a pensare alla cosa folle che aveva appena fatto.

Quando l’ho saputo, Talo era in piedi davanti a me con un cazzo semiduro. Potevo vedere spessi fili di sperma che pendevano dalla testa del pene.

“Cosa vuoi? Hai inculato la moglie del tuo amico e non sei soddisfatto? Perché non vai? – Cosa? chiesi un po’ arrabbiato.

Si allungò e mi accarezzò i capelli, “Non essere arrabbiato, ho sempre pensato che fossi un bravo succhiacazzi.”

Mi resi conto che si era allontanato dall’argomento, ma la sua dichiarazione affettuosa ruppe la mia resistenza. Inoltre, aveva ragione, sono un bravo succhiacazzi. Ho smesso di esitare e ho afferrato quel grosso cazzo e ho tirato fuori la lingua per bere il prezioso liquido. L’ho insaponato e poi ho lasciato che mi baciasse la bocca per diversi minuti aspettando con impazienza che mi riempisse la bocca di sperma.

Tuttavia, poco prima che arrivasse, l’ho guardato e gli ho chiesto se sarebbe rimasto tutto tra noi.

Sì, prometto di non dirlo mai.

So che la mia domanda era una stupida formalità, ma mi ha fatto piacere che tu l’abbia confermata.

Dopo quelle parole, sussultai e le misi le mani sulle cosce per mantenere la giusta distanza.

Ho guardato ipnotizzato mentre il suo cazzo schizzava flussi di sperma, coprendomi i capelli, le guance, le sopracciglia, gli occhi, le tette e infine il mio stomaco.

Dopo il mio battesimo con lo sperma, ho riso usando le unghie per pulire lo sperma dagli occhi e dalle guance.

Presto lasciammo il bagno e andammo in camera da letto. Fu allora che squillò il telefono, era mio marito che chiedeva se il bagel era pronto e se i suoi amici mi stavano aiutando.

È stata l’occasione perfetta per chiacchierare mentre recitavamo la parte della promiscuità.

Solo allora risposi che Atalo aveva provato la ciambella, ma mancava ancora un sapore.

Il mio culo pulsava e lampeggiava, non vedevo l’ora di continuare a stirare, ho messo le mani sul letto e allargato le gambe e ho usato una mano per coprire il cellulare e senza la minima vergogna ho chiesto a Talo di mangiare il mio bagel ancora una volta prima che arrivasse Sandro .

L’ho fatto per feticci extraconiugali. Dopotutto, una puttana che è una puttana non si calma finché non offre il suo culo dove dorme con il marito cornuto.

“Attalus, vuoi provare altre ciambelle?” Sandro torna a casa. — Ho parlato forte perché Sandro mi sentisse.

Sono tornato al cellulare per fare chiacchiere. Sandro non sospettava nemmeno che avrebbe smesso di parlare per gemere, girarsi e infilare il culo nel cazzo italiano. Mi sono comportata come una puttana da quattro soldi nel nostro letto matrimoniale, Sandro ha chiesto della moglie di Atalus, ma ho tradito, sono riuscita a parlare per diversi minuti, il tempo di prendermi il culo.

Atalus non tardò ad arrivare. Dopo l’eiaculazione ci siamo scambiati qualche bacio, non volevo e non intendevo provare sentimenti d’amore per lui, e non lo vorrei nemmeno in futuro.

Quando Átalo se ne andò, stava ancora parlando al telefono e dopo una lunga serie di domande, decisi di parlare di conversazioni tra puttane e mariti diplomati all’enorme club dei cornuti addomesticati.

“Sandro, è vero che so fare il cornuto? Saresti docile se scoprissi che ti tradisco? – Che cosa ? chiesi timidamente.

Ci furono momenti di silenzio finché Sandro non annuì.

“Finché so tutto…

Ho confessato a Sandro che l’ho preso solo nella fica, ho preso del latte e l’ho portato in fondo al culo, gli ho detto che il responsabile era il suo amico.

La confessione avrebbe potuto porre fine al mio matrimonio, ma secondo Sandro il suo cazzo si è indurito, confermandomi che il suo desiderio di un cornuto addomesticato era ancora vero.

“Mia bellissima figlia asiatica”, disse in fretta, “tutto quello che ti chiedo è di restare nuda e di non fare la doccia finché non arrivi”.

Tornare a casa. Voleva conoscere i dettagli della storia del latte e delle ciambelle.

Ha insistito per abbracciarmi in un bacio appassionato e poi per annusare la mia figa.

“L’ha davvero fottuta nel culo?” disse voltandomi le spalle

Non feci in tempo a rispondere, Sandro mi portò a letto dove si spogliò velocemente e iniziò a leccarmi l’interno della fica con residui di sperma.

Altre storie erotiche  Dallo al ragazzo Uber

“Ti ho tradito e il tuo primo atto è succhiarmelo. – Gli ho detto di vedere la sua reazione.

“Maïsa Ibida, mettiti in testa che io sono il tuo cornuto e che mi piacerebbe vedere lo sperma di un altro uomo uscire dalla tua figa.

“Ma lo sperma andrebbe sprecato? dissi ridendo.

Sandro mi ha sorpreso quando ha detto che il modo migliore per accontentare un marito dolce sarebbe che si vedesse sua moglie impalata in bocca, figa e culo e poi, per non rovinare tutto, si sedesse sulla faccia del cornuto in modo che può avere l’onore di leccare e assaggiare ogni latte pastoso.

“Davvero? ho chiesto.

“Sì. Adesso fai finta che le lecchi la sborra di un altro ragazzo dalla sua figa.

“Ma con cosa pensi che sia appiccicosa la mia figa?” Solo con il mio seme?

“Puoi chiamarmi…” Sandro sembrò esitare.

“Vuoi scopare e chiamarti il ​​mio cornuto, vero?”

“Certo che si.

“Cornuto, infilami il cazzo nella figa e senti il ​​danno che mi ha fatto il tuo amico, la sua puttana privata mi ha fatto e mi ha arrotolato, vai avanti cornuto, mettilo e guarda come va.”

Sentendo che questa richiesta suonava come un ordine, Sandro ha presentato il suo genere in un colpo solo. Ho urlato così forte che avrebbe potuto essere sentito da chiunque passasse per strada.

“Sì, fanculo il mio cornuto, scopa più forte. Fanculo la tua puttana, è appena stata tradita

“Sei venuto sul cazzo di qualcun altro, amore mio? Gli hai rovinato il cazzo?”

“Ho bagnato il mio sperma, l’ho dato al mio culo, ma lo apprezzerei di più se tu stessi guardando.

“Ecco? E cosa devo vedere?” volle sapere Sandro da bravo cornuto.

La mia risposta era spessa, tuttavia, vera;

– Chissà quanto mi piace il cazzo in culo, risposi grattandogli la schiena.

Sandro mi fece voltare e vide che il mio sedere si allentava un po’, leccò il contorno delle pieghe che avrebbero toccato il centro del minuscolo bersaglio, poi vi appoggiò la bacchetta. Non credo di aver mai pompato così forte, non ci sono stati problemi a far aprire il mio cornuto.

“Da oggi non ci saranno più segreti tra di noi…”

– Quindi mi permetti di essere una puttana di strada? è questo che vuoi?

“Lo farò, se vuoi…”

“Ora che so di avere un dolce marito a casa, faccio qualsiasi cosa.

Quella notte Sandro ha preso cinque spermatozoi. Il giorno dopo, alla festa di São João, Sandro assunse il ruolo del docile marito cornuto insinuando che dovessi invitare Átalo a casa nostra e che sarebbe venuto solo dopo che l’avessi chiamato.

– Una richiesta per un dolce sposo è subito accettata, dissi baciando Sandro.

Passai davanti a Ítalo e gli dissi che Sandro sarebbe rimasto fino alla fine della festa e che sarei tornato a casa lasciando la porta aperta.

Talo non ci ha messo molto ad entrare. Due ore dopo, ho suonato il clacson.

“Ti va di leccare la figa scivolosa? Torna a casa e ti mostrerò come è venuto fuori il filo di tua moglie.

Dopo che mio marito è arrivato e si è goduto il mio piccolo cazzo, è tornato a fare le tipiche domande da cornuto di un buon marito.

“Ma cosa hai intenzione di fare per farmi sembrare molto, molto più simile a me?”

Attaccherò i maschi. Mi fotteranno le tette e la figa, riceverò enormi quantità di sperma nella mia bocca, nella mia figa e nel mio culo, giuro alla regina delle troie che sarò tremendamente scopata e pronta a trattarti quando arrivi come il buon marito cornuto che aspiri ad essere.

” Questo è tutto ?

“Certo, marito mio, lo sperma degli altri uomini crea dipendenza.

Dopo quel giorno stavo già aspettando Átalo a casa per una sveltina, ma sua moglie l’ha scoperto, grazie a Dio mi ha confessato che Átalo era il cornuto più grosso della parrocchia. Così ho fatto l’apicoltore, mio ​​marito è andato al panificio, Atalo è tornato a casa e sua moglie è stata impalata dai suoi maschi. Tuttavia, Átalus ha dovuto viaggiare per lavoro.

Era bello dato che il mio era solo sesso. Dopo tutto, sono stato fottuto da altri uomini che ho conosciuto tramite la moglie di Atalus. Sono dipendente dal sesso anale nel mio giardino mentre faccio il bucato.

Sandro è d’accordo, ma ora impone delle condizioni, vuole essere come un guardone e che nessun uomo viva vicino a lui, gli dà tranquillità praticare il voyeurismo guardando fuori dalla finestra mentre si masturba in deliziose cannucce in mio onore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *