l’ammiratore anonimo

di | 9 de Dicembre, 2022

Quella sera c’era una festa di matrimonio e Simone era stata assunta per truccare alcuni invitati. Mentre lavoravo sui volti delle donne, sono stato coinvolto nel tema che ruotava attorno ai fidanzati. Amava ascoltare i pettegolezzi, soprattutto quelli che ruotavano attorno alla sua vita personale, perché le uscivano sempre con storie piccanti. In serate come quella, tutto era reso più interessante facendo amicizia con lo sposo. Simone si interessò e incoraggiò queste donne sugli incontri sessuali dell’uomo in questione. Sentire parlare di un uomo feroce con una presa forte l’ha eccitata.

Simone non si è limitato ad ascoltare. Dopo anni passati a prendersi cura della bellezza delle donne in occasione di eventi simili, aveva sentito tutti i tipi di storie e la sua personalità estroversa gli rendeva impossibile limitarsi ad ascoltare. Simone ha continuato a parlare della vita degli altri suoi clienti. Mai su se stessa.

Queste conversazioni tra donne le hanno lasciato la testa piena di idee e Simone è andata in un negozio di abbigliamento prima di tornare a casa. Nella sua camera da letto, davanti allo specchio, si prova i capi appena comprati: mutandine e camicetta blu scuro. La parte superiore era stretta intorno alla metà del seno, il tessuto sottile rivelava i capezzoli duri e il piercing sul seno sinistro. Passarono lunghi minuti ad ammirare come questo pezzo si adattava al suo fianco. Era orgoglioso del suo sedere e degli sguardi che disegnava. Con il telefono, ha scattato foto del suo corpo senza mostrare il suo volto.

Con l’arrivo del marito, Simone ha provato a sfilare per casa in mutande. Amava prenderlo in giro e amava ancora di più la sua reazione. L’uomo impazzirebbe e la mangerebbe ovunque in casa. Quella notte l’ha lanciata contro il muro del soggiorno e l’ha sbattuta forte nella sua figa. Simone le ha tirato fuori il culo mentre il suo uomo la teneva per i capelli. Le piaceva essere virilmente dominata e mangiata mentre si crogiolava nel potere di far impazzire quest’uomo.

Era delizioso, ma non del tutto. Più tardi, mentre il marito dormiva, Simone continuava a giocare con il fuoco che doveva ancora ardere. Ha tirato fuori il telefono, ha aperto un social network e ha visto le innumerevoli foto del suo viso. I capelli neri lunghi fino alle spalle incorniciavano il suo bel viso in infinite facce e bocche che mettevano in mostra il suo lavoro di trucco. Non era questo il posto in cui voleva andare. È passata a un altro profilo, uno segreto, dove apparivano foto del suo corpo con indosso solo le mutandine che si era tolta in precedenza. Foto da dietro, che mostrano le sue natiche, foto di loro quattro a letto e infinite immagini del suo corpo senza volto postate in un profilo segreto di cui nessuno sapeva nulla. Nemmeno tuo marito. Ogni foto sfacciata presentava una serie di commenti da profili altrettanto anonimi, molti dei quali parlavano nel modo più volgare. Simone è stata chiamata puttana da uomini che non sapevano nemmeno chi fossero e la cosa l’ha eccitata. Ha letto di come questi uomini la volevano, spesso descrivendo le cose che le avrebbero fatto. Simone si masturbava mentre leggeva tutto questo, perché fantasticava di fare tutto quello che scrivevano. Le piaceva mettersi in mostra, stuzzicare gli uomini e raccogliere il loro desiderio sotto forma di commenti casuali. Il tutto protetto dall’anonimato.

Era la routine di Simone. Lavorando di giorno, di notte abbandonava il marito e all’alba entrava in un mondo di piaceri virtuali che non erano consentiti nel mondo reale. Una volta, ha aperto il suo profilo segreto e ha visto tutte le sue foto commentate dallo stesso profilo. Erano belle frasi, alcune senza senso, altre audaci, ma alla fine era impossibile capire l’intenzione di questa persona. Simone lo ignorò e rivolse la sua attenzione ad altri commenti, quelli a cui era abituata. Ben presto, guarda di nuovo i commenti intriganti del follower e finalmente si rende conto che tutti i commenti che aveva scritto, se messi in ordine, formavano un poema erotico.

Nessun follower era mai stato così attento ad esprimersi con lei e Simone si è ritrovata con una figa più appiccicosa del solito. Quindi ha fatto quello che non aveva mai fatto prima, lo ha chiamato per una chiacchierata. L’alchimia è stata immediata, i due si sono scambiati per ore confidenze e segreti. Simone ha rivelato che le piaceva essere sottomessa, essere umiliata, dominata dal suo uomo, ma anche se suo marito era molto duro con il sesso, aveva bisogno di trattenersi in modo che i vicini non potessero sentirla. L’uomo misterioso ha parlato del suo desiderio di dominio e della sua timidezza, che gli ha impedito di esercitare le sue fantasie, portandolo a cercare soddisfazione nello spazio virtuale. La conversazione tra i due è durata tutta la notte, con il risultato che Simone ha dormito pochissimo e poi ha avuto una giornata molto difficile. Di notte, all’alba, i due tornarono a parlarsi. Con una crescente intimità, i due iniziarono a suonare. Hanno simulato il sesso tra conversazioni con lui virile e violento e lei sottomessa. Ogni volta che l’uomo misterioso descriveva un’azione violenta, descriveva l’oscillazione dei suoi fianchi per indicare che voleva di più. Simone ha lottato per scrivere un singolo no mentre l’altro era sepolto nelle sue mutandine.

Simone ha rivelato i suoi desideri e le sue paure per il sesso anale. C’era il desiderio di donarsi completamente mentre temeva che la mascolinità di suo marito l’avrebbe ferita. Le descrizioni di questa persona anonima le hanno fatto dimenticare la sua paura mentre descriveva quanto potevano essere belle le dita e la lingua prima di deflorare il suo ano, portando Simone a stimolarle l’ano con le dita durante queste conversazioni o anche in bagno.

L’intimità tra i due è cresciuta e il testo scritto è diventato un fottuto scambio audio. La fica di Simone sbavava quando sentiva quella voce profonda chiamarla puttana, in un modo che sembrava forzato. Una volta che Simone si è masturbata mentre le parlava, è uscita dalla camera da letto e si è chiusa in bagno per registrare i suoi gemiti quando è venuta.

Il piercing al capezzolo era l’unica cosa che nascondeva dal suo corpo oltre al viso. Preso dalla lussuria, Simone ha promesso all’anonimo che gli avrebbe mostrato una foto di qualcosa che solo lui avrebbe visto. Allora ha fatto una richiesta: se doveva mostrare qualcosa, che la foto fosse in un luogo pubblico. Questo tipo di esibizionismo era impensabile per Simone, ma fu allora che capì di essere la sua puttana. Non poteva negarlo, anzi, si commuoveva all’idea e l’accettava senza discutere. Aspettò un altro giorno, uscì di casa molto presto e andò in Praça do Bairro Velho in un orario che sapeva essere vuoto. Su uno dei percorsi, si è guardato intorno finché non si è sentito abbastanza sicuro da alzare la maglietta per scattare una foto. Temendo di essere vista, le foto uscivano sempre sfocate o mostravano il suo volto. Simone ha impiegato quaranta minuti cercando di ottenere lo scatto perfetto mentre cercava, con il cuore in gola, di trovare un posto lontano dai primi passanti della giornata. Mandò la foto a quest’uomo e aspettò tutto il giorno una risposta che arrivò solo all’alba con l’ultima frase che si aspettava di leggere.

“Conosco anche questo posto. Sono andato al centro storico. Abiti vicino?

Simone non rispose subito. Le sue avventure virtuali erano protette dall’anonimato e dalla certezza che nessuno avrebbe saputo chi fosse. All’improvviso scopre che si stava mettendo in mostra con qualcuno molto vicino. La spaventava, ma la eccitava anche immaginare che queste fantasie avessero maggiori possibilità di uscire dai messaggi di testo del cellulare.

— Vivo vicino a questo posto.

Simone prese il sopravvento, temendo che le chiedesse l’indirizzo. Ero curioso di incontrare quest’uomo, ma allo stesso tempo avevo paura. L’anonimo non ha subito chiesto il suo indirizzo né fissato un appuntamento, facendo capire che anche i loro timori erano reciproci. In una delle conversazioni, l’anonimo ha espresso interesse a mandargli un regalo e gli ha suggerito di aprire una cassetta della posta per non mostrare dove abita. Lei accettò e ricevette da lui una scatola di mutandine, un vestito, un butt plug, del lubrificante e un invito a una festa con l’ordine di indossare l’accessorio solo quando lo avesse detto lui.

Il coinvolgimento tra i due era già forte al punto che Simone non pensò nemmeno di rifiutare la richiesta. Nel pomeriggio della festa, ha detto a suo marito che c’era un evento a cui avrebbe lavorato, un evento comune per lei. Afferrò la borsa dei trucchi e si diresse verso la strada deserta più vicina alla festa. Il capannone accanto all’università ha ospitato diverse feste nel Bairro Velho ed era un luogo molto noto. A pochi isolati di distanza, Simone parcheggiò l’auto e saltò sul sedile posteriore. Si tolse i pantaloni e la camicetta. Si spogliò e indossò le mutandine di pizzo che le erano state regalate. Con tutta questa storia, Simone si sentiva più cattiva ed era solo in mutande sul sedile posteriore dell’auto mentre cercava di truccarsi. In ginocchio, si sporse sul sedile posteriore, cercando il lampione che arrivava fino al lunotto posteriore. Quando si è rivolto a Truccandosi al buio, Simone ondeggiava i fianchi mentre immaginava il suo anonimo ammiratore che si crogiolava alla vista del suo delizioso sedere. Ha fatto il trucco di base il più possibile nelle condizioni e indossava un abito corto e attillato che le lusingava davvero le gambe e il sedere. Il tappo era ancora nella borsa, in attesa dell’ordine del suo maschio anonimo.

Simone era esuberante, ma si nascondeva in un angolo per paura di essere riconosciuto. Furono lunghi e strazianti minuti di attesa, timorosi di esserci andati invano, che quell’uomo misterioso si fosse arreso, fosse scappato, o fosse solo un bambino che si divertiva a sue spese. Il passare del tempo ha moltiplicato le possibilità e l’ha resa più nervosa, ma alla fine è arrivato un messaggio da lui.

“Inserisci la spina e mandami una foto.

Simone, sollevato, andò in bagno e si nascose in una cabina. Per la sua tranquillità, il bagno era vuoto. Sollevò il vestito e scostò le mutandine. Cadendo su un ginocchio sul gabinetto chiuso, le sollevò il sedere alla massima altezza e fece scivolare un dito imbevuto di lubrificante sul sedere. Avevo già fatto questo scherzo e non era complicato. Il momento di inserire il tappo è stato più complicato, perché anche con il lubrificante non c’era una buona posizione, tanto meno adatta a questo. Ci sono voluti alcuni tentativi per riuscire finalmente a guidare ciecamente la spina nelle sue pieghe. Con un certo sforzo, lo spinse via, suscitando un gemito che era insieme di dolore e di piacere proprio mentre le donne entravano in bagno. “Amico, dammi un po’!” – Che cosa ? disse una voce beffarda, seguita da una risata che imbarazzò Simone. Avevo ancora la foto. Goffamente, Simone ha inclinato il cellulare per fotografare il culetto di pezza, ma non ce l’ha fatta. Per finire, i suoni dei clic della telecamera hanno rivelato che le loro attività in quella cabina non erano affatto comuni, provocando commenti più maligni da parte delle altre donne. Dopo alcuni tentativi imbarazzanti, Simone ha finalmente completato una foto del suo ano. Lo ha inviato, ma ha aspettato per assicurarsi che quelle donne non fossero lì prima di lasciare la cabina.

Libera, Simone controllò di nuovo il telefono e vide i nuovi comandi.

‘Felicità ! Ora fai questo: sul retro di questo capannone, c’è una porta, nell’angolo. Puoi andarci, è aperto. Esce in un corridoio. Entra nell’ultima porta a destra e guarda il muro in fondo alla stanza. Non muoverti finché non lo dico io.

Simone fece come le era stato detto, facendosi strada attraverso la festa e verso la porta nell’angolo del capannone. Era una porta pesante che si apriva su un corridoio scarsamente illuminato. Mentre camminava, il suo cuore batteva all’impazzata e la musica della festa svanì. Quando sei entrato dalla porta in fondo al corridoio, riuscivi a malapena a sentire la festa. Simone si spostò verso il muro in fondo alla stanza e aspettò. Questa volta, non passò molto tempo prima che i passi diventassero sempre più forti. Con la porta di questa stanza chiusa, questa festa non sarebbe stata ascoltata. Si sentiva solo il suono dei passi e del respiro, che si era avvicinato al suo corpo.

“Devi essere una vera stronza per venire qui.

Simone non ha risposto perché era bendata. Ora poteva solo ascoltare quella voce grossa, incapace di vedere nulla.

” Fammi vedere.

Simone alza il vestito mostrando il culo e le mutandine da lei inghiottite. Viene schiaffeggiata.

“Oh! Simone piange.

– Nessuno ti ascolterà qui, dannazione! Puoi urlare quanto vuoi.

L’uomo la schiaffeggiò di nuovo e Simone le lasciò cadere il vestito, coprendosi parte del sedere.

“Fammi vedere quel culo dritto.

Simone tenne l’orlo del vestito e se lo sollevò fino al seno, scoprendo la schiena ei glutei. Ha ricevuto un altro schiaffo.

“Owww!” Fa male!

“Vuoi che mi fermi?

Simone non disse nulla, solo ondeggiò leggermente i fianchi e si morse il labbro. La mano l’afferrò per i capelli e nuovi schiaffi esplosero sulla sua carne, lasciandola in fiamme. Il corpo di quest’uomo si avvicinò lentamente fino a quando la massa dura fu all’anca di Simone, che continuava a dondolarsi. Anzi, sentendo questo volume, Simone iniziò a muoversi lentamente cercando di sentire tutto questo nel suo corpo.

Con una mano tra i suoi capelli, l’uomo costrinse Simone a mettersi in ginocchio e le infilò il cazzo in bocca. Solo la testa. Simone avrebbe voluto ingoiare tutto, ma la mano che la teneva non glielo permetteva. La nappa le scivolava sulle labbra come rossetto. Bendata, poteva solo sentire il tocco di quella testa indurita mentre lottava per avvolgerla ulteriormente nella sua bocca sul punto di sporgere la lingua. Quando quel cazzo le è stato strappato dalle labbra, la mano le è esplosa in faccia.

“Oh!

Simone urlò mentre la pelle delle sue guance si riscaldava dopo che lo schiaffo le aveva generato un forte schiocco sul viso. Appena avuto il tempo di respirare dopo il primo, è arrivato il secondo. Poi il terzo. Simone è stato preso a pugni in faccia, continuando a emettere un gemito furbo dopo aver urlato. Quando sentì di nuovo quel cazzo duro vicino alla sua faccia, allungò il collo e finalmente afferrò quel cazzo. Ha succhiato quel cazzo forte, strofinando la bocca e la lingua sul cazzo venoso per tutta la sua lunghezza mentre cercava tutto nella sua bocca. Un gemito soffocato accompagnava i suoi movimenti. Una mano le stava ancora sollevando il vestito, ma l’altra era già sulle mutandine.

“Puzzi come una puttana.

“Adoro i piccioni!

“Ti piace questo posto?

La voce grossa fece la domanda mentre tirava fuori il cazzo dalla bocca di Simone e poi le sbatteva in faccia. Si limitò a gemere in un assenso positivo mentre il cazzo viscido si strofinava contro il suo viso. Simone succhiò ancora, ma l’uomo non glielo permise, la sollevò per i capelli, conducendola dall’altra parte della stanza, dove c’era un tavolo. Simone era stato gettato sopra di lei, a faccia in giù. Il suo vestito e le mutandine erano strappati, lasciando solo il tappo nel suo corpo. Preso ancora una volta.

“Oh mio culo! Fa male!

“Vuoi che mi fermi, puttana?”

“No… dai!

“Non è così che ti ho insegnato a chiedere…

Simone tacque e riprese a dimenarsi come avevano fatto prima e l’uomo le sculacciò più volte il sedere. La sua figa si inzuppava sempre di più e ad ogni schiaffo urlava più forte. La sua faccia è stata spinta contro il piano del tavolo e quel cazzo è finalmente entrato nella sua figa.

“Oh merda! Metti quel cazzo nella mia figa!”

Il solido tavolo di legno si trascinava con i suoi movimenti. Simone è stato fottuto duramente. Con il corpo incollato al piano del tavolo ghiacciato, fu punita da quell’anca che le sbatteva contro il sedere con movimenti improvvisi e sempre più accelerati. Simone, invece di gemere, urlò, approfittando dell’isolamento della stanza.

“Quello, bastardo, mi sta fottendo! Fanculo la mia figa! Fanculo la fica della tua puttana!

“Ho sempre voluto tradire una puttana come te!”

“Tienimi, figlio di puttana. Maledetto cazzo caldo!

Simone urlava di desiderio a quest’uomo che la stava scopando come lei aveva sempre desiderato, ma a un certo punto quel cazzo le è uscito dalla figa e non è più tornato. Il silenzio riempie di nuovo la stanza. Incapace di vedere nulla, Simone temeva di non sapere cosa sarebbe successo dopo. All’improvviso, le sue braccia furono tirate indietro e le sue mani legate. La corda è ruvida e il nodo diventa sgradevole. stretto. I palmi delle sue mani scivolano sulle sue natiche e Simone aspetta il prossimo schiaffo, che non arriva. Invece, la spina viene estratta dal sedere e poi spinta indietro. Con un respiro caldo contro le sue parti più intime, lo immagina inginocchiato dietro di lei, ispezionando il pene che le infila nel culo. L’accessorio viene rimosso per sempre e il suo respiro riscalda ancora di più la tua figa. Il tocco morbido e umido di questa lingua esplora le sue parti intime mentre la barba graffia la pelle attorno ad essa.

“Cazzo, che lingua calda! Yummmm.

Simone è stato succhiato come un frutto, uno dei più buoni. Quella bocca le inghiottì la figa come se volesse succhiarne tutti i succhi, e non era un’impresa da poco. La lingua contratta esplorò ogni angolo della sua figa come se stesse cercando i punti che la portavano ai suoi gemiti. Simone geme. Gemette forte, spinta dalla lingua invadente ed esplorante, che non stava solo esplorando la sua figa. La punta della sua lingua si mosse verso l’alto, tracciando le sue labbra carnose, mandandole un brivido finché non trovò le pieghe del suo sedere. Simone gemette più forte e il brivido la fece pungere il suo pene più in alto e sulla punta dei piedi.

“Che diavolo è quella lingua?” Huuuummm!

Ciò che sembrava richiedere molto tempo era che la lingua di questo l’uomo si strofinava per tutta la lunghezza le pieghe di quel culo. Tutto in una leccata. Simone gemette altrettanto lentamente, mordendosi il labbro mentre la punta della lingua si incurvava sulle sue pieghe. Movimenti circolari, lenti, che andavano dalla zona più esterna a quella interna, fino a raggiungere il centro. al tuo culo La punta della lingua è retratta. Simone emise il suo gemito più forte.

“Oh, che bontà! Hmmmm! Per favore, mangiami presto il culo!

Simone si ricordò dell’espressione del suo corpo e iniziò a rotolare sulla lingua di questo strano uomo, chiedendogli un giro nel culo. Il tocco della lingua cessò. Il calore del suo respiro lasciò le sue parti intime e il calore delle sue mani tornò sulle sue natiche, scivolandole lungo la schiena. Le prese i capelli, ancora una volta. Le sue pieghe iniziarono ad espandersi.

“Oh, fermati, fermati! il mio culo!

A differenza delle precedenti proteste, Simone non è stato schiaffeggiato. Il gallo ha smesso di entrare non appena lei ha protestato. Il calore delle sue mani le era salito lungo le cosce e le natiche, lungo la schiena, evitando le mani legate. Il contatto dei palmi lasciò il posto alle punte delle dita, che le graffiavano delicatamente la pelle. Il tocco di quest’uomo a poco a poco ha fatto dimenticare a Simone la testa del cazzo nel suo ano. Quando i primi gemiti deboli le sfuggirono dalla bocca, spinse più forte.

“Dannazione, mi stai aprendo la porta!” Fa male!

Si fermò ancora una volta. Le mani ora andarono dietro il suo collo, accarezzandole. Simone si è abituata più velocemente a quest’uomo sul culo. Legata, inculata da uno sconosciuto in una stanzetta nascosta dove nessuno poteva sentirla urlare, Simone si sentiva una puttana, abbandonandosi come aveva sempre desiderato, donandosi anima e corpo a chi la possedeva come doveva. . Il dolore era ancora lì, ma c’era qualcos’altro in questo gioco che le dava un piacere indescrivibile, qualcosa che non le era mai stato permesso di fare prima. Con metà del suo cazzo infilato nel suo culo, Simone ha tentato uno strattone discreto. Questo cazzone è entrato.

“Dannazione, culo mio! Mi romperai il culo, figlio di puttana!

“Sono venuto qui per fotterti il ​​culo, puttana.

“Ti piace il mio culo, vero?”

“Da quando ho visto la prima foto, volevo scopare quel culo. È uno spreco per una donna che non le dà il culo con un cazzo così.

“Sono pazzo a dare via il mio culo. Questo gruppo di uomini mi sta fissando e ho pensato che volessero fottermi il culo e questo mi ha fatto venire voglia.

“Ti piace dare il tuo culo, cagna?”

“Fa male come l’inferno!” Il mio culo sarà tutto arrotolato con questo grosso cazzo che lo fotte. Mi piace dare il mio culo.

I due si scambiarono oscenità mentre il gallo entrava lentamente. Simone non si è nemmeno reso conto di quando è successo tutto. Paralizzata e bendata, se ne accorse solo quando quel cazzo le uscì completamente dal culo e poi entrò molto più velocemente di prima. Simone era raggomitolato.

I viaggi di andata e ritorno erano lenti. Le pieghe del culo vengono strofinate su tutto il cazzo con lubrificante. Non c’era più dolore, solo piacere. I gemiti di Simone si alzarono di nuovo e dissero a quest’uomo che la merda poteva essere più forte.

Simone cominciò a farsi scopare più forte, non così forte come prima, ma abbastanza da sentire la pressione dei fianchi del suo stallone contro il suo culo. Ha urlato in modo incontrollabile mentre dava il sedere a uno sconosciuto in quella stanza. L’Uomo ancora una volta la dominò completamente, afferrandola per i capelli e prendendola a calci senza pietà. Simone continuava a urlare, a chiedere di più, a voler essere fottuto più forte, e lo sconosciuto obbedì. L’ha scopata più forte e ha ascoltato le sue urla diventare più forti finché le diverse urla non sono diventate una. Lungo ed estremamente forte al punto da far venire lo sconosciuto solo con l’espressione di piacere di questa donna che gli eiacula nel culo.

Per un minuto, nella stanza si udì solo un respiro stanco. Quando l’uomo si è separato da Simone, le ha rimesso la spina nel culo. Lo slegò e se ne andò. Nuda e sola in camera da letto, Simone si stava divertendo. I suoi vestiti erano stati strappati dalla brutalità di quest’uomo, ma accanto al tavolo c’era una scatola con un asciugamano da pulire e alcuni vestiti. Niente di tutto questo era diverso dalle varie conversazioni che i due avevano nelle prime ore del mattino mentre fantasticavano l’uno sull’altro. Mentre faceva scivolare l’asciugamano sul suo corpo, asciugandosi le macchie di sperma, notò le macchie rosse sul suo sedere e la sensazione di bruciore nel sedere. Ha aperto un sorriso malizioso sul tuo viso con la sensazione di essere divorato come hai sempre desiderato.

Mentre usciva dalla festa verso la sua macchina, Simone si rese conto che mentre l’uomo si lamentava, si era dimenticato di nascondere la voce. Più ci pensava, più era sicura di conoscere quella voce da qualche parte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *