l’amore incondizionato della madre

di | 12 de Dicembre, 2022

da Cesare

Negli anni certi avvenimenti vengono dimenticati, soprattutto quelli accaduti durante l’infanzia, ma ricordo bene, quando ero ancora bambino, che il matrimonio dei miei genitori non era uno di questi, i litigi erano costanti, tanto che in certe occasioni mia madre veniva a dormire nella nostra stanza, mia e di mia sorella. A volte dormiva con mia sorella ea volte con me. Mio padre era un idiota, mentre mia madre era una dolcezza. Vietato lavorare all’aperto, ha dedicato la sua vita alla sua famiglia. Anche negli anni ha insistito per lavarci, come diceva lei: non si sa lavare bene dietro le orecchie. Ovviamente, invecchiando, gli ormoni hanno fatto effetto e ogni volta che facevo il bagno avevo un cazzo duro come la roccia. Lo accarezzò affettuosamente e disse:

– Smettila di far volare quell’aquilone.

Quando ha dormito con me, perché era un letto singolo, non stavamo molto bene, ma lei ha detto:

– Dormiamo insieme, meglio qui che con il tuo inutile padre.

Ci sono state diverse occasioni in cui ci siamo svegliati bevendo. Mia madre è molto carina, una Jambo mora, con la vita stretta, i fianchi larghi e il culo grosso. Sono passati anni e nulla è migliorato per il matrimonio. Ogni volta che la lite si faceva più seria, mia madre veniva a dormire nella nostra stanza. Tuttavia, la sua preferenza era dormire con me.

Mia madre era sempre molto vanitosa, credo fosse anche uno dei motivi delle prese in giro di mio padre, perché una volta, d’impulso, gli sentii dire: “Ti vesti così solo per uscire con i tuoi maschi durante il giorno Poverina si prendeva cura solo di noi, ma in realtà si prendeva cura di se stessa, anche con i suoi pigiami, tutti sempre molto sexy e alcuni anche audaci, come un babydoll trasparente, era vestita in modo che ogni tanto entrasse la stanza piangendo, abbracciami e dimmi che non ce la faccio più, non sapevo che fare se non stare lì, vicino a lei e sentire il calore del suo corpo che mi tormentava, è vero, mi tormentava, perché invariabilmente io aveva un’erezione.

Anche se condividevo la stanza con mia sorella, dormivo solo in mutande perché, a parte mio padre, a casa abbiamo completa libertà. In una di quelle occasioni in cui mia madre è entrata piangendo, mi ha abbracciato, ha messo una gamba tra le mie e ha detto:

– Stringimi forte amore mio, la mamma ha bisogno di affetto.

Mio Dio, io ero lì quasi nudo e lei era con questa bambola magra, che tortura, l’eccitazione era inevitabile. Mentre si adattava, la sua coscia toccò il mio cazzo ed era impossibile per lui non sentire la durezza, ma non fece alcun movimento per allontanarsi, invece mi strinse ancora più forte. La luce della lampada oscurava la stanza e quando guardai mia sorella, lei sorrise e sorrise.

Abbiamo finito per dormire. Mi sono svegliato nelle prime ore del mattino e la camicetta di mia madre era alzata, rivelando un seno, con il suo capezzolo marrone scuro e il becco sporgente. Era comune vedere mia madre nuda, ma in quel momento, non so perché, la mia erezione si alzò di scatto e il mio cazzo, già duro per la voglia di urinare, iniziò a pulsare. Sono andata in bagno e quando sono tornata mia madre mi ha voltato le spalle e mi ha chiesto:

– Vieni qui, bacia mamma.

Ho provato a non toccarla ma lei ha insistito perché la tenessi e non ho potuto trattenermi, il mio cazzo duro le toccava il culo. Mi ha tirato il braccio per avvolgerlo intorno al suo corpo e siamo rimasti lì così, io che spingevo mia mamma e lei evidentemente si stava divertendo, perché di tanto in tanto muoveva il sedere, come se volesse sentire meglio la mia eccitazione. o

Altre storie erotiche  Il figlio ci ha provato ma il papà ha vinto

Quando mi sono svegliato la mattina, ero solo nel mio letto, perché mia madre era andata a preparare la colazione. Mia sorella sdraiata sul letto, con la testa appoggiata su una mano, sorride:

– Come va sorella, sei diventata un’idiota?

– Lo era, ma non era stupido.

– E così ?

– Mi sono bagnato quando ti ho visto scopare mamma, il tuo cazzo era duro?

– Ferma Lucia.

– Solo se ammetti di avere un’erezione.

– Sei davvero grande, okay, lo ero, ora sei felice.

– Sarò più felice se mangio la mamma, ha sicuramente bisogno di essere picchiata.

Stavo per rispondere, quando ci hanno chiamato per il caffè.

Mia sorella è molto cattiva e sapevo che si stava già scopando con i suoi compagni di scuola, sono amici veri, non uno solo. Incapace di rimanere sposata, la mamma ha chiesto il divorzio. Mio padre scalciava, litigava, si arrabbiava, ma non si poteva fare, mia madre diceva che se non fosse stato per il meglio, sarebbe stato per il peggio. Senza altra alternativa, ha accettato e subito dopo si sono separati. Non appena a casa eravamo rimasti solo in tre, mia madre ci abbracciò e disse:

– Miei cari, d’ora in poi avremo una vita serena senza litigi.

– E tu un lettone per dormire sonni tranquilli, mamma – disse mia sorella.

Lei sorrise e disse;

– Wow, è stato così brutto dormire con te?

– Non intendevo questo, ma non puoi negare che era stretto.

– Questo è tutto, ma anche molto bene, non so se mi abituerò a stare da solo in questo lettone.

– Ecco perché nessuna madre – continuò mia sorella – Rafael può dormire con te.

Sconvolto da questa idea, la guardai incredulo, ma ricambiai la gonna attillata:

– Se è così, mamma – le ho detto – il tuo letto è così grande che ci possiamo dormire in tre.

– Sono miei cari figli, uno di questi giorni potremo anche dormire insieme.

Abbiamo ristrutturato la stanza che mio padre usava come ufficio e ora io e mia sorella avevamo la nostra privacy. Una volta, sdraiata nella mia stanza a guardare un video sporco sul cellulare, mia sorella entra senza bussare e si butta sul letto accanto a me. Non ho avuto il tempo di nascondere l’erezione visibile. L’ho rimproverata per l’invasione della privacy, ma lei ha messo la mano sul mio cazzo duro e ha detto:

– Stai pensando alla mamma?

Volevo liberarmi, ma lei non mi ha permesso:

– Ammetti che vuoi scoparti la mamma.

– Niente del genere Lucia, stavo guardando video di merda.

– Scommetto che è il figlio che mangia la madre.

Questa puttana sembrava avere una sfera di cristallo, e lo era, e quando le ho detto di non farlo, mi ha tolto il cellulare dalla mano e ha acceso il video. Quando ebbe finito, disse:

– Ero sicuro, vai avanti sciocco, sono sicuro che ti sta bene.

Non mi ha dato il tempo di rispondere ed è uscito dalla stanza. A cena dice:

– Mamma, Rafael mi ha detto che gli manca dormire con te.

Stavo per dire che era una grossa bugia, ma mia madre è stata più veloce:

– Wow, che piacere sentirlo, mi manchi anche tu, allora dormiamo insieme.

Altre storie erotiche  Racconto erotico diretto - Il codice di Efesto

Ho guardato mia sorella, ma in fondo ero felice della sua bugia. Quando abbiamo sistemato tutto e siamo pronti per andare a letto, mia madre ha detto:

– Vieni qui Rafael, fammi vedere quelle orecchie.

Esaminandola, dice:

– Molto sporco, dai, lo aggiusterò.

Mia sorella molto cattiva ha detto:

– Scommetto che non lava neanche le altre cose Mamma, controlla tutto.

– Fammi fare mia figlia, oggi esce dal bagno pulita.

Andammo nella suite di mia madre e ci spogliammo spudoratamente. Già sotto la doccia inizia a massaggiarmi la schiena, le orecchie, dicendo che devo lavarmi meglio. Il tocco delle sue mani è stato eccitante e non ho potuto fare a meno di farmi venire un’erezione. Quando ci troviamo uno di fronte all’altro, vedendo il mio cazzo duro, lo accarezza e dice piano:

– Continui a far volare l’aquilone per mamma, bastardo.

Siccome non ho detto niente, mi afferra il cazzo e dice:

– È il ragazzo che Lucia ha detto che non ti sei lavato bene?

– Come va mamma, certo che mi lavo bene.

– Fammi vedere allora.

Avvolge la pelle intorno alla mia testa e anche se tutto è molto pulito, prende il sapone liquido e inizia a insaponare il mio cazzo. Leviga e premi leggermente, usando movimenti ritmici di accarezzamento della mano. Sto per esplodere di sperma quando mi sciacqua via. In ginocchio, mia madre esamina il mio cazzo in dettaglio e dice:

– Adesso è pulito, come piace alla mamma, ti fa venir voglia anche di baciarla.

Perdendo totalmente il senso di giusto o sbagliato, ho appena detto:

– Allora bacia la mamma.

– Finiamo di fare la doccia e ti do un bacio in camera da letto.

Sdraiato sulla schiena, il mio cazzo mi faceva molto male. Mia madre si inginocchia tra le mie gambe e dice:

– Ora la mamma bacerà questa piccola cosa deliziosa.

Tienilo in una mano e inizia a baciare la testa del mio cazzo. Abbassa la bocca e raggiunge la borsa, dove bacia e lecca, dicendo:

– Oh tesoro, la mamma voleva farlo da tanto tempo.

– Quindi succhialo mamma, succhia il cazzo di tuo figlio.

Si dedica all’arte della fellatio. Succhia, deglutisci più che puoi, perché avevi sete di piacere.

Volendo ricambiare l’amore Ho tirato mia mamma facendola stare in posizione capovolta ed è così che abbiamo iniziato un delizioso 69. Quando ho visto quella fighetta mulatta davanti ai miei occhi non ho resistito e con le dita ho aperto questa caverna di piacere, emergendo un bella rosa, dove ho infilato la lingua. La sua pelle dura sporgeva dalle sue labbra, come se invitasse la mia bocca a succhiarla, e lo feci. Ho succhiato e succhiato questo bocciolo di piacere di mia madre e lei non ha resistito:

– Quindi vengo figliolo, succhio forte, così, più forte, ora, ora, sto per venire.

È venuto forte, riempiendomi la bocca con il suo succo denso e viscoso come non avevo mai visto prima, ma l’ho preso tutto in bocca e l’ho bevuto come un delizioso nettare.

Parzialmente guarita dal suo sperma, mia madre si siede sul mio corpo, prende una delle sue mani sul mio cazzo, se lo strofina sulla figa e dice:

– Ora mamma vuole questa bambola dentro di me.

Padrona della situazione, si arrende e il mio cazzo comincia a penetrare. Quando è sazia, mi mette le mani sul petto e comincia a dimenarsi, sembrando un vero cavaliere. La seguivo per il culo e l’aiutavo nei movimenti, a volte cercando di rallentarla un po’, perché così com’era, presto sarebbe venuta. Ha sentito la mia angoscia e ha detto:

Altre storie erotiche  io sono il padrone

-Vuoi eiaculare mio figlio, vieni a riempire la figa di mamma di sperma, puoi eiaculare dentro, mi hanno avvertito.

Strofina il suo stomaco contro il mio, strofinando con forza la verga sui miei capelli e quando grido di piacere lei fa lo stesso, sentendo il suo nuovo orgasmo.

Dopo essersi divertita, mette il suo corpo sul mio, mi bacia sulla bocca e mi dice con le lacrime agli occhi:

– Wow, era tanto che non mi divertivo così tanto, tuo padre era un buono a nulla.

Le passai le dita tra i capelli, le accarezzai il viso e ammirai la bellezza della mia mano. Sfiorai le mie labbra sulle sue e dissi:

– Va tutto bene, ora sei libera di provare il piacere che desideri, sei ancora giovane e devi trovarti un ragazzo.

– È presto per pensarci, soprattutto con te che mi dai tutto questo piacere.

Il mio cazzo non si è ammorbidito ed è rimasto dentro mia madre, che ha ricominciato a dimenarsi come una gatta in calore. Col viso vicinissimo al mio, disse timidamente:

– Hai fatto sesso con le ragazze in giro?

– Comunque, sai che non ho una ragazza.

– Ora, c’è la mamma che può darti il ​​cambio quando vuole.

Mi bacia la bocca e la sua lingua si mescola alla mia. Il bacio bagnato alimenta ancora di più la nostra erezione. Incuriosita, voleva sapere:

– Gli hai mangiato anche il culo?

– Quelli con cui sono già stata non volevano darmela, ma Lucia ha un’amica che è buona con lei.

– Se ne va anche tua sorella.

– Come lo sai?

– Non essere sciocco figliolo, siamo donne, non abbiamo segreti tra di noi, lei mi dice tutto.

Questa mia sorella era birichina, frequentava i ragazzi a scuola, lo sapevo, ma non immaginavo fosse completa. Stavo pensando a Lucía quando ho sentito la mano di mia madre portarmi il cazzo nel culo. Lo strofina nelle pieghe e chiede:

– Vuoi mangiarmi il culo?

Non sono riuscito a pronunciare una sola parola, perché ho subito sentito che mia madre cedeva al suo corpo e il mio cazzo le invadeva il retto, sotto la sua direzione:

– Ecco, figlio mio, stai zitto, lascia che la mamma salga su questo ceppo in fiamme.

Quando ha sentito che tutto era dentro, ha cominciato a rotolare sul mio corpo e gemere:

– Oh, va bene, come mi piace fare il culo del figlio, fottere il culo della madre, arrotolare le pieghe.

Pieni di lussuria reciproca, non ci è voluto molto per raggiungere di nuovo l’apice del piacere e il godimento è esploso travolgente. Abbiamo tenuto duro finché il mio cazzo non si è ammorbidito ed è uscito da mia madre. Sdraiati restammo a scambiarci carezze e ammetto che non provammo sensi di colpa, anzi, solo intenso piacere. Quando rivolgo lo sguardo alla porta della camera che era socchiusa, vedo chiaramente mia sorella fuori, lei ha sicuramente assistito a tutto quello che è successo lì. Quando i nostri occhi si sono incontrati, lei ha sorriso brevemente, ha mandato un bacio e se n’è andata, avrebbe avuto molto da spiegargli il giorno dopo. Mia madre ed io ci siamo addormentati abbracciati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *