Le lampadine di Doña Carla

di | 12 de Dicembre, 2022

– Te la ricordi, Augusto, tre anni fa, vero?

-Quello di Sobrado, nel condominio Emas?

– Est. signorina Carlo. Caldo Carlo.

– No, è stato circa quattro anni fa Tino. Carla noiosa vuoi dire. Immangiabile.

– Quattro ! Tutto questo, Augusto?

– Era Tino. Molto noiosa questa donna, molto, molto molto noiosa.

– Arrogante, wow! Come ci arriviamo?

– Oh! Ooooo… Ragazzo, portami un’altra birra alla spina. È stato questo tuo amico, Toni, che ha organizzato la ristrutturazione della casa. Se il rimpianto potesse uccidere. Cruzes, che piccola donna disgustosa. Non c’è da stupirsi che suo marito non abbia passato il lavavetri.

– Ma fu proprio per questo che la corona quella settimana era così. Ha dimenticato?

– È stato? Non ricordo, non ho mai visto una donna urlare così tanto.

– Inoltre… ho preso tre fiale in una volta. Alla fine, era dolce, dolce. Ma era quello che voleva. Ha fatto di tutto per provocarci, specialmente tu.

– Oh! L’uomo di cui ricordo molto poco, ricordo solo le grosse tette che mi tremavano in faccia ei suoi gemiti. Abbiamo mangiato insieme noi tre?

– Era Augusto! Hai dimenticato, era l’ultimo giorno. Suo marito aveva viaggiato e lei era venuta a pagarci il servizio.

– Ricordo che si è lamentata per tutta la settimana, quella voce stridula, quella faccia da culo. Riempi la borsa!

– Ah, ma era carina. Una corona molto bella. Quelle tettone, quel nostro culo! Che asino!

– Riempito di plastica.

– Ma buona fortuna. Ed è andata per la giornata vestita con questo completo di quelli che vanno in palestra solo per provocare, è venuta senza mutandine, senza reggiseno, i lati della figa visibili, i seni segnati. È venuto apposta, voleva vedere se stavamo facendo qualcosa.

– Ricordo solo il suo sperone. Quel culo enorme, quelle cosce spesse, le sue scarpe da ginnastica e le sue urla che non avrebbe mai più assunto persone come noi. Questa voce, uh, uh, uh… fottutamente fastidiosa!

– Ma sei stato tu a cominciare, sei stato tu a diventare duro davanti a lei. Ricordo che stava ridendo quando ha visto com’eri. Era come se avesse vinto alla lotteria.

– ME! Giuro, sono stato io ad avere un’erezione. Non era Klebinho?

– Eri tu Augusto, perché te ne sei dimenticato! Ci ha pagato e poi è arrivato l’ultimo sprone prima che tutto accadesse.

– E lei ha detto?

🇧🇷

– Dio perdona! Ascolta, non voglio più sentirti, ascolta! È quello che chiami un lavoro ben fatto? Sì, nessuno se lo merita, nessuno! Non me lo aspettavo, soprattutto perché mi erano stati altamente raccomandati. Soprattutto a te, Seu Augusto, dicevano che eri un ottimo pittore.

– E cosa manca, signora Carla?

– Cosa manca !? Tutto, tutto, signor Augusto!

– Potrebbe essere che non hai bisogno di prendere le fiale per calmarti?

– Chi? Ridicolo, ridicolo. Cosa ne pensi, chi mi intimidisce a parlare così?

Ricordo che rideva, rideva quando ti vedeva con un cazzo duro. Il suo pennello si stava sollevando ed era orgogliosa di vedere che funzionava come voleva. E ancora più provocato, che donna cattiva!

– Pensi di intimidirmi, pensi che scapperò di qui, solo perché diventi così? Sono una donna di rispetto. Rispettami uomo!

Altre storie erotiche  Sono andata a vedere un film porno con mio marito.

🇧🇷

– ME! Ho avuto un’erezione davanti a questa cagna? Sono stato io Tino?

– Era Augusto, lo era! Come hai fatto a dimenticare, non ricordi quello che ti ha detto?

🇧🇷

– Vieni fuori se sei un uomo! Tirali fuori tutti e tre, voglio vedere! Dubito che tu possa mostrarmi quei… quei ciondoli che hai sui pantaloni.

🇧🇷

– E l’abbiamo fatto, vero?

– Kleberson l’ha messo per primo. Quando l’ho visto il ragazzo era nudo e afferrava la donna per il collo. Pensavo che avrei fatto più rumore, che non lo volevo affatto. E ha fatto un’altra provocazione.

🇧🇷

– Ecco signora Carla, lo tenga per vedere se è quello che vuole.

– E’ tutto quello che hai da offrirmi? Un “gallo” testardo è il signor Kleberson?

– Una fiala piena di sperma, signora. Pronto a sporcarsi dentro.

La ricordo ridere, mordersi il labbro e accarezzare il cazzo di Klebinho.

– Cheianha… ne dubito. Alle tre?

– Vuoi prendere tre fiale alla volta, vuoi Doña Carla?

🇧🇷

– Klebinho l’ha detto a sua moglie, il ragazzo è pazzo! Questo ragazzo è ignorante.

– disse l’uomo, nudo, e lei esaminando il bastone, intendo il suo bulbo. È stato allora che ho iniziato a rimuovere la corona.

– Eri tu Tino, non io?

– Sono stato io, ho fatto il primo pompino a quelle fottute tettone e poi le ho leccato la figa. Wow che figa deliziosa, vecchio stronzo! Carnoso, ha un buon profumo, diventa appiccicoso. Ma è grazie a te che la donna era eccitata. Ero molto interessato alla tua verga Augustus. Anche con uno di loro, il mio amico… Klebinho ed io siamo venuti a brindare.

🇧🇷

– Aaaa tre insieme, non lo so, posso prenderlo?

– Completo, piacerà alla signora. Allarga le gambe e bevi.

– Solo le gambe?

– Vuoi anche Doña Carla in bocca? Hai sete?

– Aaaaa… Aaaaaa… Per Tino, smettila di succhiarmi amico.

Lei tiene il cazzo di Klebinho e io bevo il brodo dalla corona. Che succo dolce, non era ancora arrivato e la melassa era bollente. Questa donna aveva bisogno, cioè. Ma non riuscivo a staccare gli occhi da te, Augusto.

🇧🇷

– Voleva il suo cazzo, intendo la sua lampadina.

– E quando sono entrato Carla?

🇧🇷

– Prima lui, prima Augusto. Ehi Augusto? Mettimi giù.

E l’hai fatto. Si spogliò, si sdraiò per terra e la donna gli salì sopra, ci salì sopra. Ne raccolse il gambo e iniettò la fiala. Si vedeva la rachona di Doña Carla che mangiava il suo bastone. Non ho mai visto una donna cavalcare con tanto entusiasmo. Questo sapeva come scopare un uomo. E la cosa migliore era il piccolo segno di filo interdentale, quel culo bruciato dal sole che si muoveva su e giù. E io e Klebinho ci masturbavamo, il mio cazzo pulsava e tu stavi mangiando la corona. Che figa meravigliosa, fino ad oggi faccio fatica a ricordare la scena. E la parte migliore era la loro melassa gocciolante, che ti inzuppava il culo. Che puttana era donna Carla! Mio Dio!!

🇧🇷

– E quando hai mangiato la corona di Tino?

– Era lo stronzo, e che stronzo da parte mia! Mentre ti cavalcavo, vedevi arrivare l’asino nero, quasi implorando. E lei era lì che gemeva come una matta. non potevo sopportarlo.

Altre storie erotiche  La cameriera di un amico eterosessuale - Racconti erotici

– Sto iniziando a ricordare. Io sdraiato e lei che va su e giù. E poi ha urlato quando ti sei seduto su di lei. Non eri Tino?

🇧🇷

– Aaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa! Il tuo Tinoooo, piano, piano, piano. È così largo!

– Ecco, Doña Carla, qui ti piacerà.

– Il mio amico Deeeuss!!! AAAaahhh… È così stupido Tino. Posso gestirne due?

Cinico, con un culo così che finge di non averlo mai dato a nessun altro. Ha fatto finta di non averlo mai fatto, ma le ha sollevato il sedere quanto basta. Stava appena allargando i fianchi quando il suo buco del culo con il piercing è apparso chiedendo un cazzo. Era solo questione di adattarsi… e trapanare il cazzo della signora.

– Eh si, tutto qui, Tino! Il tuo bulbo è molto spesso, amico!

– Che bel culo, signora Carla, ce ne sono pochi come il suo. E ascolta, sono un esperto.

– Non parlare così, bastardo. Non sono così, sai?

– Ma il tuo culo è una signora. Il tuo culo è una puttana, Doña Carla.

– Oh Gesù!! Due bastoncini insieme, aaahh! Non so se posso gestirlo ragazzi aaaahh… Oooohhh!

– Due bulbi pieni, Doña Carla, pieni di sperma per tenerti lubrificata dentro. Non era quello di cui aveva bisogno Madame?

– Aaaah! CEEEEEEEE! Maledetto uomo!!

🇧🇷

– Fu allora che venne la donna e venne come una cascata. Hai inzuppato tutto Augusto. Ho anche dovuto uscire e aspettare.

– Me lo ricordo, quell’acqua calda che ha rilasciato.

🇧🇷

– Aaaaaaaaaah! Aaaaaaaaah! Seu Augusto, Auguuuuuustuuuuu! Cos’è questo casino…

Tirò fuori la prima bozza. Una breve raffica e il cazzo è diventato ancora più veloce. Questa socialite ha urlato come una cagna. Tirò fuori il suo grosso cazzo e quella bocca sensazionale tra le sue gambe emise un getto potente, sembrava addirittura che la grana fine gli avesse pisciato sopra. Quanto è arrapata questa donna!

🇧🇷

– E abbiamo mangiato di nuovo la corona?

– Certo, siamo tornati. Lei la rimise al suo ed entrai anch’io. Il suo culo in fiamme, la sua figa doveva essere in fiamme.

– Faceva molto caldo. Ma che mi dici di Kleberson, dov’era?

🇧🇷

Le ha dato un pugno in faccia. Pensavo che la donna avrebbe negato l’incendio, ma niente. Quando si fermò, lei lo guardò e non disse nulla. Ha appena tenuto l’estremità e ha ingoiato la fiala del ragazzo.

All’improvviso eravamo in tre, ognuno di noi fotteva il buco di Carla. Chi l’avrebbe mai immaginato che il grano fine, pieno di buone maniere, con il naso all’insù, avrebbe accettato di essere mangiato da noi tre, solo noi.

🇧🇷

– Hai succhiato il cazzo a Klebinho?

– Wow e quanto è stato brutto! Ha lasciato sbavare il cazzo del ragazzo più di un barattolo di caramelle. Klebinho è andato fuori di testa, ha afferrato i capelli della donna e l’ha picchiata.

🇧🇷

– Bevi Doña Carla, ingoia tutto!

Non pensavo che se ne sarebbe accorto, ma stava già baciando di nuovo il ragazzo sulle palle. E scopa la faccia della borghesia.

– Serve per bere tutto, vedi? Bevi tutto, fino all’ultima goccia. Altrimenti, subirai un altro pestaggio con un bastone.

Altre storie erotiche  addio al nubilato con mio fratello

🇧🇷

– L’ha detto Kléberson! Per la signorina Carla?

– Ero pazzo, ma è bastato che la corona pisciasse di nuovo. E come è venuto, wow!! Mi stavo mangiando il culo quando ha ricominciato a tremare. Le sue gambe rimbalzano e miagola come un gatto. Era troppo, amico che pazzo! Non ho mai stimolato così tanto una donna, wow! Che donna incredibile, che culo delizioso. Ho rotto la lampadina nel culo di Carla, l’ho rotta davvero, ho preso zero, ho finito la merda. In gala come si suol dire.

– Sì, mi sono ricordato. Il cazzo di Klebinho in bocca ei gemiti di Carla. Mi ha bagnato di nuovo le gambe con quell’acqua calda.

– E che acqua. Non so quanta acqua esca. È stato un piacere vederlo. Queste donne fingono di essere prepotenti e finiscono per divertirsi come qualsiasi altra donna.

– E Klebinho, si è riempito la bocca?

– Lo stomaco era pieno. Ed è stata una lunga strada, è uscita anche dalla bocca di Doña Carla.

🇧🇷

Aveva gli occhi chiusi e lui le afferrò i capelli. Tutto bloccato e tremante. Quando è uscito il cazzo del ragazzo, tutto imbrattato di saliva, quella lunga goccia di bava che gocciolava sul pavimento, non ho visto uscire una goccia di sperma. La donna ha bevuto tutto, amico mio, ha bevuto tutto. Ha bevuto come un piranha!

🇧🇷

– E io, quando sono arrivato?

– Dirai che te lo sei dimenticato, Augusto! C’était l’heure du baiser, la femme mourait d’envie de t’embrasser, après avoir avalé ce putin de Klebinho, elle t’a attrapé par les cheveux et il n’a pas fallu longtemps pour que vous vous retrouviez tous Entrambi. Lei meno, tu amico mio… Sembrava persino un attore cinematografico.

Copriva le gambe e il sedere di Carla. L’ha rovinata ovunque. C’era il tuo seme che scorreva dalla fica, quasi un fiume. E lei ti abbraccia e ti bacia e il nostro sperma scorre lungo il suo corpo. Che donna meravigliosa pensare che uno di loro sia sposato con un cornuto come Valter.

🇧🇷

– E come ne usciamo?

– Wow, la donna sembrava diversa, sembrava una signora.

– Non ci hai minacciato, non hai detto che avresti chiamato la polizia?

– Qualunque! Voleva, voleva l’uomo! Eri più del necessario. Ci ha anche pagato il doppio, te lo sei dimenticato? Si è scusato, ha detto che stava “avendo dei problemi familiari” è quello che ha detto. Ha anche detto che ci ha consigliato. Caro! Come puoi semplicemente non ricordarlo? Era pazza di te. Non so come non sei tornato La corona era in te, amico mio.

– Dio perdona! Ancora di più con una cagna del genere. Ora che me lo dici, credo di ricordare tutto. Ma quello che non voglio più sentire sono i suoi rimproveri. Che piccola donna noiosa!

– Ragazzo, portami un’altra bottiglia.

– Da loro.

– Forse torneremo? Chissà se anche la chioma non ha bisogno di vesciche?

Nota: apprezzo i suggerimenti di MaÃÂsa Ibida.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *