L’inseguitore – 3 – Fine

di | 10 de Dicembre, 2022

A quel tempo Mel gestiva già l’ostello in riva al lago, a São Lourenço.

Come il lettore ricorderà, Mel ha circa 36 anni, bionda, occhi azzurri, capelli lunghi fino alle spalle, labbra carnose, vita piccola e fianchi medi, seno piccolo e sodo, gambe, glutei e cosce altrettanto sodi. Non è alta, ma il suo corpo può essere considerato molto sensuale.

Aveva deciso di vedere come andavano le prenotazioni e il servizio clienti. Indossò un abito leggero e discreto, controllandosi allo specchio, uscì dalla cabina principale.

Arrivato in amministrazione, ha avuto una buona giornata per Tânia, che era il suo braccio destro nella gestione dei locali. Rispondendo al saluto, Tânia informa che c’erano solo tre cabine occupate, una delle quali da una donna, infatti, aveva detto di essere un’amica di Mel. Si sarebbe già sistemata e avrebbe fatto colazione al ristorante.

Mel chiede da dove viene “l’amica”, come si chiama. Tânia risponde che “è di Novo Hamburgo Doña Melissa, si chiamava Cristina”…

Il miele deglutisce forte. Non volevo crederci. Pensò, come aveva scoperto di lavorare a São Lourenço e, peggio ancora, come aveva deciso di andarci?

Mel si precipitò fuori dalla reception ed entrò nel ristorante. In realtà era Cristina, “quella Cristina”. Era seduta e faceva colazione, che consisteva principalmente di frutta e un semplice panino. Indossava un pareo bianco semitrasparente. Con l’input di Mel, i due si guardarono. Cristina sorride.

Cristina aveva già circa 30 anni, single. Era una donna alta per i nostri standard, alta circa un metro e ottanta. Rossa, lunga fino alle spalle, capelli lisci, gambe lunghe e ben fatte che terminavano in un culo sodo e ben fatto. Era magro. La sua pelle bianchissima aveva delle lentiggini, un po’ sul petto, anch’esso piccolo, e chiare sul viso. Labbra carnose rosse, grandi occhi verdi completavano il suo aspetto.

Di professione Cristina faceva la modista, aveva conosciuto Mel qualche mese fa a Novo Hamburgo. C’è stato un rapido incontro tra loro due, che si è concluso in un pomeriggio di sesso bollente. Secondo Mel, aveva una personalità soffocante. Tutto qui, Cris non aveva accettato la questione come “prospettiva” sessuale, si era innamorata. Aveva provato a contattare Mel più volte, finché lei non aveva bloccato il suo numero sul telefono. Adesso c’era Cristina.

Cristina continua a sorridere, dice tendendogli la mano “Ciao Mel! Siediti con me amore mio, hai preso il caffè oggi?” Si dice come se fossero stati insieme ieri, come se non fosse successo niente.

Mel dice al barista di portarle il caffè e si siede di fronte a Cristina. Dice: “Come mi hai trovato qui Cristina? Credo di averti specificato dopo, se è così, potrei cercarti…”

Cristina adesso sorride con i suoi occhi parlanti: “guarda tesoro, ti ho telefonato, non hai risposto a nessuna. Sono giorni che non dormo pensando a te. Sono quasi impazzita! Così dopo qualche settimana ho mi sono ricordato che dovresti lasciare il tuo nome completo all’ingresso del mio palazzo. Ho messo il tuo nome su Internet…”, aggiunge tra le risate, “Ho scoperto chi era il nuovo gestore dell’ostello di São Lourenço, grazie a il giornale locale. È semplice. Ho chiamato, ho fatto il libro e sono qui. Dobbiamo parlare.”

Mel fa un respiro profondo, risponde: “Adesso non posso farlo. Sto lavorando, ma ne parleremo stasera. La ragazza alla reception, Tânia. Ti darà opuscoli sulla città e la zona .” . Abbiamo una piscina, puoi goderti la nostra piccola spiaggia o fare un giro in Stand Up, se ti piace remare. Il gilet è obbligatorio. Se non lo sai, guarda, Tania può darti una lezione per un’ora, ma non andrà molto lontano.” LA Cristina dice di aver visto una canoa motorizzata che pensava sarebbe uscita con Mel. Mel risponde che ” la canoa è per le emergenze, abbiamo un piccolo motore. Per gli ospiti, è la tavola e la pagaia. Voucher; tagliando? Poi vado a lavorare”.

In piedi. Cristina dice “Ti lascio lavorare, per ora…” Mel seriamente le dice di cogliere l’attimo. Cristina rinforza: “Sfrutterò il mio amore. So di essere nel tuo corpo, hai notato che il vestito che indossi, questo zingaro… l’ho anche disegnato io? Ma non preoccuparti .” giusto?” o ti metterò nei guai.”

Guardando fuori dalla finestra della cabina, prima di partire, Mel controlla che Tânia e Cris stiano mettendo le tavole in acqua. Cris indossa un perizoma che non nasconde nulla del suo corpo. Un culo delizioso. Pensare a loro durante il giorno, da soli, la rende un po’ gelosa. Devi ammettere che Cris era molto sexy. Speravo che Tania resistesse a questa tentazione. Ha scattato alcune foto, ha ingrandito il cellulare e le ha inviate a Sibele. Domanda, via Watsapp: “E adesso? È Cristina, quella, ricordi?”

Dopo mezzogiorno riceve una risposta da Sibele e iniziano a parlare del problema di Mel:

“SIBELE: …Se ti ha trovato lì come hai detto, sembra quella cosa dello ‘stalker’, una cosa da inseguimento, sai? Ma dalle foto, è una bomba. Ti invidio…

MEL: Non invidiarlo per niente, amore mio, sta soffocando, sembra delirare e vuole portarti dentro. Non ho la testa per questo, lo sai. Mi eccita, ma sento che se cedo all’impulso, cadrò in un incubo senza fine. Lascio che Tania la guardi. Onestamente non so cosa farò con lei, mi viene voglia di prenderla a schiaffi, svegliarla!

SIBELE: Anche Tânia è molto calda. Bene, all’improvviso l’hanno colpito. Ma poi perderai uno “schiavo”. O forse averne due. Quello che succede d’ora in poi dipende da te.

Io mangio?

SIBELE: Entrambi sono affascinati da te. Tu sei il mondo per Tânia e, inoltre, anche per Cristina. Ma questi atteggiamenti di Cristina, non so… Può essere molto pericoloso se è un disturbo mentale, rsssss.

MEL: Nessuna stronza. Cosa suggerisci?

SIBELE: Beh, da quello che ho sentito, sei già di nuovo eccitato da lei. Agisci quando si presenta la situazione. Ma non incoraggiare Tania con lei. Una donna con questa personalità può esplodere con il nostro gruppo. Non ne abbiamo bisogno… Fammi vedere…

🇧🇷

MEL: Ehi, è passata mezz’ora da quando hai “visto”, e allora?

SIBELE: Fai così, sii una donna diversa, sei molto brava a letto, ma sii diversa. Sai, odiatore? Può essere qualcosa come BDSM, questo, Bondage, quelle cose, disciplina, sottomissione… Non preoccuparti del loro piacere. Fottila, lasciala andare con i suoi pensieri, come se si fosse sbagliata su di te. Quindi o diventerà anche la tua schiava, in questa situazione puoi lasciarla nel limbo come punizione. Oppure, al contrario, continuerà nella sua ossessione, se la fantasia che ha sviluppato con te è più forte. Questo sogno di “amore perfetto”, di “anime gemelle”. Hai capito?

Altre storie erotiche  Ho vinto un regalo da Coroa Rico

Ce l’ho. Sto già pensando a cosa farne…

SIBILE: Amore, mi assomigli sempre di più, stammi bene, vedi? rsss.

MEL_ Puoi lasciarlo. e giglio?

SIBELE: Lei è già iniziata, il suo nome, detto tra noi, è diventato Lilith nel gruppo di Babbo Natale. Sei qui al mio fianco a ridere del tuo problema. Parte per la Repubblica Dominicana la prossima settimana. Il suo portoghese è più o meno, anche il suo francese. Ha fatto un’intervista con Folha, ha ottenuto un contratto di corrispondente per i Caraibi. Lei va lontano, rsssss.

MEL: Prima di partire, falle sapere che voglio vederla. Voi due, gnam. Ti mando un bacio sul culo, ok?

SIBELE: Molto bene, oxox…”

Nel tardo pomeriggio, Mel parcheggia all’ufficio amministrativo. Tania è ancora lì e chiede se la rilasciano. Mel dice di sì, chiede come si è comportata Cristina. Tânia sorride maliziosa e risponde: “Mi ha chiesto molto di te, cosa pensavo di te. Sapeva già come alzarsi in piedi, ma indossava il giubbotto come le avevo chiesto. Non è andato molto lontano, è rimasto nelle secche. All’ora di pranzo o verso l’una del pomeriggio si ritirava in camera, restava a bordo piscina fino a tardi. Ma all’ombra. È molto bianco, vero? Ha ordinato una pizza per cena e si sveglia con il ghiaccio. Vuoi che te li porti?” LUI…

Mel ricambia il sorriso, dice che non ne ha bisogno, ma manda Tânia a dirle che “la signora Melissa l’avrebbe portata più tardi, dopo le 20, quando ha chiuso con gli ospiti”. Tènia fissa gli occhi su Mel, risponde “quello che vuoi. Te lo farò sapere”. Sembrava volesse dire qualcos’altro, ma non disse niente. Mel dice che tornerà presto, liberando Tânia per andare.

Al tramonto, Mel si dirige all’amministrazione, passando il tempo fino alle otto di sera senza che un altro ospite lo chieda. Separa gli ordini di Cristina e un altro “kit” che aveva acquistato in città. Mette tutto in un carrello, il “kit” sullo scaffale in basso, in direzione della cabina occupata da Cristina.

Arrivata alla capanna, va a bussare alla porta, ma prima che ciò accada, Cristina la apre. lei è nuda Mel guarda Cristina dall’alto in basso, godendosi il suo corpo. Pelle bianca, petto sodo, becco rivolto in avanti, ventre piatto e pip. Le lunghe gambe di Cris, unite in cosce perfette, la sua fica e la sua fica invitanti. Mel si lecca le labbra e annuncia che il servizio in camera è qui. Completare. Spingendo il carrello, entra nella cabina.

Cristina chiude a chiave la porta, avvicinandosi velocemente per abbracciare Mel, che se non risponde non la respinge. Cris la abbraccia più forte, cercando la bocca di Mel. Mel riceve il bacio, ma non risponde calorosamente, sebbene sia avvolta dal profumo di Cris. Proprio questo, “Charlie”. Spinge Cris, dice che devono parlare prima…

Cristina fa quello sguardo infastidito, dice “parlare di cosa? Lo sai che ti amo. Sei la donna che ho sognato per tutta la vita, devi accettarlo, capisci? Rilassati e goditi chi ti ama, è semplice. Come? Quante volte devi ripetere?”

Mel sorride. Dice che non è così, che si conoscono appena. Aggiungere. “Senti Cris, non sai nemmeno cosa mi piace davvero, abbiamo fatto davvero bene, ma quello era in quel momento, essendo nuovo. Non credo che la mia vita sia definitiva, sai?”

“Cosa intendi?” Cristina ha detto “man mano che ci conosciamo, vediamo cosa piace all’altro, continua così, posso darti quello che vuoi. Lasciamo questo lavoro e vieni con me le foto che ho fatto con te oggi decori il mio appartamento che non ho “Non lo uso nemmeno al lavoro, lo metto nei quadri. Sei nella mia vista ogni giorno. Parlo anche con le tue foto sul muro. Sei nato per me! . .

Mel sente che le cose andavano peggio di quanto immaginava e decide di radicalizzare. Dice: “Guarda Cris, questo sesso che abbiamo fatto, che per me è corteggiamento, non è nemmeno sesso. Non sei nemmeno pronta per me”, cosa dirà di altre cose quotidiane. Sono controllante e a volte un po’ scortese, sai?”

Mel fissa Cris e continua: “…Sei molto viziata, abituata ad avere tutto. Non credo che tu possa sopportare di essere una delle mie mogli. C’è questo, ce ne sono diverse, no, no. Sono di proprietà da nessuno. Perché tu sia uno di loro, solo con una sottomissione assoluta, puoi godere e provare piacere, ma avrai anche dolore. Non ce la farai. E se non lo fai, sarei frustrato e stupido con te.”

Cris va al carrello, apre una birra, beve dalla bottiglia. Dopo qualche sorso, disse: “Oggi ti mostrerò che posso fare quello che vuoi, per amore. Non me ne vado senza portarti con me”. Così dicendo, lascia cadere la bottiglia e si avvicina a Mel, cercando di nuovo il bacio interrotto.

Ma ancora una volta Mel interrompe il bacio, dice “allora facciamo quello che voglio”. Mel si toglie il vestito, lasciando solo reggiseno e mutandine, nere. Gli occhi di Cris si illuminano, unisce le mani per aiutare Mel a spogliarsi. Mel le toglie le mani e la schiaffeggia sul viso, ma non troppo forte.

Piange, è sorpreso, è senza parole, gli fanno male gli occhi. Mel dice: “è così che mi piace”. Si siede sulla sedia e ordina: “Vieni qui, leccami sopra le mutandine, dai”. Cris si inginocchia e obbedisce, cominciando a leccare le cosce attorno alla vagina di Mel, dolcemente, seguendo lo schema delle mutandine, cerca di usare le mani per togliere le mutandine, ma riceve un altro schiaffo da Mel.

Mel le dice di usare le mani per appoggiarsi sul pavimento, lei dice “così a quattro zampe, stronza. Solo la boccuccia, leccami molto bene, sulle mie mutandine.” Cris decide di obbedire, quindi rimane nella posizione richiesta, seguendo gli ordini di Mel. Di tanto in tanto, Mel alza le gambe e i fianchi, chiedendo di farsi leccare anche il culo. Quando le mutandine di Mel sono già bagnate della sua stessa secrezione, ma anche della saliva di Cris, lei sospira. Alza lo sguardo, poi Cristina decide di continuare il suo gioco, che è stato piuttosto eccitante.

Altre storie erotiche  Un'amica porca mi ha fatto divertire davanti al suo ragazzo

Mel chiede: “Ti piace, cane? Se vuoi che restiamo qui. Ma se vuoi continuare, sarai il mio schiavo. Cosa preferiresti?” Cris anche dopo quello che aveva detto, aveva dei dubbi se voleva andare avanti. Ma non poteva negare che si stava divertendo a succhiare Mel, anche se non era come aveva sognato che sarebbe stato. Poi vedremmo cosa fare. Pagando per vederlo, ha detto: “Voglio di più, lo voglio come piace a te. Sarò quello che vuoi, amore mio”.

Mel le dice di andare a letto e sdraiarsi sulla pancia. Prende dal carrello l’attrezzatura appena acquistata, la posa sul letto. Dal set prende le corde dal carro, ordinando a Cris di tendere le mani, che lega. Cris, ancora un po’ preoccupata, soprattutto dopo essersi legata le mani alla testata del letto, chiama Mel e le chiede un bacio.

Mel le disse di stare zitta, di stare zitta, che tutto sarebbe andato come aveva deciso. Mel prende una benda e la mette a Cristina, che questa volta non protesta.

Osservando il bel corpo di Cris sul letto, a faccia in giù, Mel pensa che quello che voleva davvero era innamorarsi perdutamente del suo amante. Ma lei non lo fa, si toglie reggiseno e mutandine, prende la bretella, con un pene di 15cm, indossando questo pezzo. Prima di rivolgersi a Cris, prende anche una piccola frusta di cuoio.

Cris, solo sentendo i movimenti di Mel, si spaventa un po’, chiedendo “cosa succederà adesso?”. Sorridendo, Mel si avvicina e le sussurra all’orecchio: “Adesso, mia schiava sexy, comincerò a scoparti”. Dì a Cris di stare zitto e “godersi” il momento. Prende le sue mutandine appiccicose, le strofina sul viso di Cris, poi se le infila nel naso. Invia: “annusa, fai un respiro profondo, ti piace il mio odore?” Cris fa un respiro profondo e conferma: “Adoro l’odore della tua figa, delizioso”. Mel le dice di aprire bocca, quando lei obbedisce, mette le mutandine in bocca a Cris: “So che anche a lei piace il sapore, continua ad assaporarlo. Zitta, ora ci gioco io…”

Quando Cris cerca di pensare a qualcosa, Mel prima le colpisce il sedere, forse usando troppa forza mentre lascia il segno. Ma non ha rotto la pelle. Cris urla per metà dal dolore, ma la sua protesta è attutita dal morso del tessuto. Si morde le mutandine di Mel in bocca.

Mel non trova eccitante colpirlo, ma era determinata a spezzare la fissazione di Cris. Disse: “Guarda il mio schiavo, puttana… Quando vuoi arrenderti, devi parlare, per favore ferma la mia padrona! Allora mi fermerò, ok? Ma poi il sesso finirà. Avremo chiuso .” Quando Cris non risponde, Mel suona di nuovo, solo un po’ più leggero, dice “rispondi cagna!”

Mel si sdraia accanto a lei, facendo scorrere le unghie lungo la schiena di Cris, forte, impressionante. Le va dietro al collo, leccando e succhiando, facendo scivolare la bocca lungo il suo collo. Geme mentre Mel le morde la spalla. Mel prende di nuovo l’interruttore, girandolo ancora una volta, sempre sul sedere di Cris. Digli di metterci il culo. lei obbedisce Mel le infila due cuscini sotto, sdraiata a pancia in giù, legata alla testiera, il suo bel sedere già soffocato dalle frustate nell’aria.

Mel si china e morde una delle natiche di Cris, vicino alla sua figa. Cris gemette di nuovo, cercando di piangere. La risposta di Mel è un altro tocco dell’interruttore, dicendole di stare zitta.

Prendendo il suo kit, Mel tira fuori una bottiglia di lubrificante e un tappo anale questa volta. Versa del lubrificante e inizia ad accarezzare la scollatura di Cris, trovandole il sedere dopo un po’, fa delle mosse. circolare con un dito, massaggiando. Lascia che la tua mano scivoli lungo la vagina di Cris.

Mel massaggia lentamente la sua figa, inserendo una, poi due dita. Mentre le tue dita sono inserite, toccando le pareti interne della figa, massaggierai il brufolo con il pollice. Cris inizia a rotolare e gemere, cercando di spingerla ancora più a fondo con le dita. Mel è felice ma non vuole ancora lasciarlo venire. Con l’altra mano prende il tappo, lo appoggia al sedere di Cris e comincia a fare pressione per inserirlo.

Bendata, Cris non sapeva cosa stava succedendo, lo sentiva e basta. Sporge ancora di più il sedere, a quel punto Mel finisce di inserire la spina.

In quel momento urla, sentendo solo quello che stava succedendo, senza vedere nulla. Sentì una pressione continua allargarle il buco del culo. Non potevano essere le dita di Mel. Facendo un respiro profondo, decide di rilassarsi e divertirsi, accelerando l’oscillazione del suo corpo, dondolando il culo su e giù, per aiutare Mel.

La mano di Mel sulla sua figa la stava facendo impazzire. Dopo pochi minuti, il tuo respiro è molto veloce, il tuo cuore sembra che stia per esplodere. Alla fine riesce a sputare le mutandine dalla bocca. Nella sua figa si contrae e le sue secrezioni corrono contro la mano di Mel, così come il suo sedere, ma il carlino resiste al suo movimento. Finisce per avere il suo orgasmo urlante, con movimenti involontari delle gambe.

Mel, durante l’orgasmo di Cris, aveva accelerato il movimento delle dita, avendo già quattro dita nella sua vagina, ha forzato la mano, cercando di seppellire tutto nella figa di Cris, ma non ci è riuscita.

Precedente a Quando Cris finì il suo orgasmo, Mel si sdraiò sopra di lei, inserendo il pene di silicone, dondolandosi lentamente avanti e indietro. Alla fine del suo orgasmo, Cristina sapeva di essere penetrata, capendo presto perché. Domanda: “Mi stai fottendo con un bastone Mel? Fa caldo, mettilo come ti piace, vai avanti e entra nella mia figa, fottimi amore mio!”

A Mel piace, infatti, piace quasi anche avere il suo partner. Quando Cris le spinge ancora un po’ il culo, la schiaffeggia forte, le dice “chiudi le gambe, tienile insieme puttana”. Quando Cris obbedisce, sente la penetrazione di Mel e l’oscillazione del pene di silicone diventare davvero stretti. Mel allarga le gambe, una su ciascun lato del corpo di Cris, arrivando a metà delle sue ginocchia, inizia a penetrare più a fondo. Dopo pochi minuti, si rende conto che il suo amante è sull’orlo di un altro orgasmo. Mentre sta accadendo, stacca la spina dal culo di Cris, infilandoci facilmente due dita.

Altre storie erotiche  Buco della gloria.

Proprio mentre Cris ha un altro orgasmo, Mel infila il suo pene nel culo di Cris, a metà. Cris eiacula persino un piccolo pianto, dolore misto a piacere.

Cris dice “oh! mi rompe il culo, toglilo, toglilo…” . Una Mel sorridente prende il pene, afferra la vita di Cris e la mette in ginocchio. Quando è nella posizione ideale, Mel sale e inserisce il suo pene nel culo di Cris, che è ben dilatato. Muovendoti avanti e indietro questa volta, inseriscilo nello stelo. Cris cerca di uscire dalla posizione, cosa che non può perché è legato. Lei urla: “Smettila Mel, mi stai facendo male, smettila!” Ma Mel continua a spingere, schiaffeggiando il culo di Cris ogni volta, tutti i sei pollici di cazzo.

Ora Cris sta piangendo piano, sentendosi il culo spalancato. Spietato tesoro, quasi avere il tuo orgasmo è amarlo. Dice “Puttana, se vuoi davvero che smetta, devi chiedere come ti ho detto…” Cris risponde: “Fermati, fermati, accidenti, non ricordo!” Mel dice “quindi prendilo in fondo al culo, così, così”, fottendo il cazzo fino in fondo, ad ogni spinta.

Dopo qualche minuto, i fianchi e le gambe di Mel sono un po’ stanchi per la posizione in cui si trovava. Decide di prendersi una breve pausa. Togli il cazzo dal culo di Cris, togli il guinzaglio dal guinzaglio e slegalo. Anche la benda è stata rimossa.

Quando Cris si sdraia sulla schiena e sta per dire qualcosa, Mel si sta già riposizionando. Mette il culo contro la bocca di Cris, si mette a quattro zampe sul suo corpo, con una mano si appoggia al letto, con l’altra si infila nella figa di Cris. Disse: “vai avanti, ora succhiami, vieni a succhiarmi il culo, schiavo… inizia a leccarlo”. Cris obbedisce dicendo “Adoro il tuo culo, è delizioso …”. Cris inizia a leccare l’apertura di Mel dalla figa al culo, raggiungendo il suo culo, facendo movimenti circolari con la lingua, coprendolo di saliva. Mel le ordina di tirare fuori la lingua, a cui obbedisce Cris, che indurisce la sua lingua e cerca di entrare sempre più in profondità nel culo di Mel.

Mel ama la sensazione della lingua di Cris nel suo culo. Quando Cris lo spinge un po’ più a fondo, Mel forza il sedere contro la faccia di Cris. Ha detto “ora vai a prendermi a calci in culo, succhiamelo…”. Chris obbedisce. Quando Cris cerca di tornare nella figa di Mel, dice: “Una siririca mi tocca la figa, voglio la tua bocca sul mio culo, capisci cagna?” Mel prende la spina e la infila subito nel culo di Cris. Ha detto “Terrai sempre quella cagna plug fino a quando non ti berrò di nuovo il culo. Ora vai a succhiarmi il culo birichino” …

Cris continua a leccare e succhiare il culo di Mel, mentre lei si infila le dita nella vagina. Mel si gira, gli costringe il sedere in bocca, il suo respiro accelera, la saliva comincia a gocciolarle dalla bocca. Roteando gli occhi, ha un orgasmo lungo e intenso.

Dopo essersi sdraiata per qualche minuto, Mel mette una collana a Cris. La collana ha una catena d’oro. Cris protesta, ma Mel prende la frusta e decide di stare zitto. Mel disse: “Sono stanco, mangiamo la pizza. Stai gattonando, hai sentito?” Cris fa le lacrime agli occhi, ma si alza dal letto e si mette a quattro zampe, guidata da Mel verso il tavolo.

Mel si siede sulla sedia, stappa una birra, ne beve un sorso, mandando Cris a terra accanto a lei. lei obbedisce e così va il cibo. Di tanto in tanto Mel offre a Cris un pezzo di pizza, che viene mangiata a tavola.

Un Mel soddisfatto toglie il collo a Cris dicendo che è tutto per stasera. Lasciala riposare. Cris gli chiede di dormire lì. Mel rifiuta, dicendo che anche lei ha bisogno di riposare.

Mel si alza, raccoglie le cose nella sua borsa e consiglia: “È stato bello la prima volta, ma questo buttplug te lo tieni nel culo”. Voglio mangiare di più la sera, mi piace più grande. Il carretto che la governante porta la mattina. Se hai intenzione di lasciare la camera da letto, indossa i vestiti, segna la schiena e le natiche.

Cris chiede se sarà sempre così. Mel dice di sì, ogni volta che lo fanno di nuovo. Nella vita di tutti i giorni quando sono soli. Cris non disse altro, era ancora seduta per terra a guardare il suo partner andarsene.

Mel lascia la cabina degli ospiti e va in quella principale. Sul cellulare c’è un messaggio di Sibele che chiede “com’è andata?” Mel risponde e iniziano a parlare, è già l’alba.

“MEL: Ho fatto quello che mi hai suggerito, ma non mi sento molto bene in questo momento. Ho avuto pietà di lei.

SIBELE: È vero. Ma se ha acconsentito, nessun problema. Quindi amore mio, in misura minore lo stai già facendo con Tânia. Lei ama. Il problema è che vuoi farlo solo così, rssssss…

MEL: Non lo so, non credo ci sia questo rischio. Ma sono stanco, baci per te laggiù, buonanotte!”

Mel si sveglia già dopo le 9, ostello in funzione, con il rumore del movimento di auto e impiegati. Apri il frigorifero, bevi un succo, nota che c’è un foglio di carta sotto la porta.

Apri la nota, contiene un messaggio di Cris. Egli ha detto:

“Tesoro, mi piaci. Ma non credo di volerlo per me stesso. Mi prenderò un po’ di tempo per pensare. PS Sto prendendo la spina, per ricordare quella notte.”

Dopodiché, passò molto tempo prima che Mel avesse sue notizie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *