Lo regalo a mio nipote – Racconti erotici

di | 26 de Novembre, 2023

Ebbene mi chiamo Mariana, ho 31 anni, ma sembro più giovane, ho sempre ricevuto tanti complimenti per il mio aspetto, sono sempre stata magra…piccola, una vera ninfa insaziabile a letto e nella mia fantasia.
La storia che sto per raccontare è iniziata quando avevo 29 anni, nonostante una relazione difficile, ero ancora sposato, vivo in un giardino dove vive gran parte della famiglia del mio allora ex marito, e il personaggio principale di questa storia è Rodrigo . , mio ​​nipote, ex marito, fin da quando aveva 19 anni era inevitabile non vedere la trasformazione che stava vivendo da ragazzo a uomo, e molte volte mi ritrovavo ad ammirare il suo corpo e

Continuavo a immaginare com’era il suo cazzo, se era davvero così innocente, se si stava masturbando e cosa pensava mentre giocava con il suo cazzo, che ero sicuro fosse delizioso, e mi eccitava moltissimo, dopo aver provato così tanto piacere. con la fantasia e più volte mi sono divertito, giocando con la mia figa immaginando il bacio, lui mi è caduto dentro e ho pensato: è pazzesco, smettila di pensare a quelle pagliacciate Mariana, ma lui era più forte di me… quindi, nel fine Un anno dopo essermi addormentata di nuovo, sentendomi eccitata nella figa pensando a lui, ho fatto un sogno in cui eravamo dannatamente caldi e mi sono svegliato gemendo e con la figa bagnata da quanto era appiccicosa. Eravamo tutti in vena di Capodanno, tutti a casa di mia suocera e in un momento di follia gli dissi che lo avevo sognato, poi lui cominciò a insistere e a chiedermi cosa avevo sognato e ogni volta lui mi chiese, mi sentii bruciare la faccia dalla vergogna, mi chiese come se sapesse già cosa avevo sognato e volesse sapere di me, ma questo giochino alimentò ancora di più la mia voglia, cominciammo a scambiarci messaggi e lui mi convinse a raccontarlo lui. sul sonno, conversazioni da

Altre storie erotiche  Loving Horn - Racconti erotici

Cominciarono a diventare caldi e non riuscivo a fermarmi, l’unica cosa che volevo era sentire il suo cazzo entrare nella mia figa, non pensavo a nient’altro, era vergine e questo accese ancora di più la mia immaginazione. Volevo così tanto vedere le dimensioni del suo cazzo, quindi gli ho chiesto di scambiarsi delle foto e finalmente me le ha mostrate, quella notte ho dormito a malapena, era così vicino ad accadere, e non potevo pensare ad altro che fottetelo per bene. Gli ho chiesto se voleva scoparmi e se aveva il coraggio, senza pensarci troppo ha detto di sì. Cominciammo ad andare d’accordo, ma la paura, mia e sua, si metteva parecchio in mezzo, dopotutto aveva 18 anni e non potevamo andare da nessuna parte, doveva essere mia o sua quando eravamo soli. Lo scambio di messaggi si è fatto sempre più acceso e finalmente sono riuscita a restare sola, l’ho chiamato a casa e nonostante la sua determinazione era molto imbarazzato, abbiamo concordato che sarebbe andato direttamente in bagno e sarebbe rimasto lì ad aspettarmi. Con le luci spente non potevo credere che fosse arrivato quel momento, che l’adrenalina era tanta e non volevo fermarmi, sono andata in bagno e come concordato non ho detto niente, indossavo una gonna e mi sono semplicemente arrampicato sulle sue ginocchia e mi sono seduto sopra.un cazzo delizioso, scendendo molto lentamente finché non l’ho sentito tutto dentro, il mio desiderio era di non sopportare quella voglia di gemere forte, sentendo il suo cazzo tutto dentro di me, ho montato questa hot rod e gli ho chiesto di toccarmi, volevo che mi sentisse le tette, il culo… tutto… credo che questa prima volta sia stata molto più piacevole per me che per lui, perché nonostante tutto questo desiderio, avevamo entrambi paura che qualcuno ci vedeva e per questo non riusciva a finire, ed è diventata la scusa per farne un altro. Una volta, e prima di volergli dare il piacere di sentire la mia bocca sul suo cazzo, ho succhiato quel cazzo deliziosamente, ho fatto scorrere la mia lingua sulla testa di quel cazzo e sentendo il suo mormorio di piacere, il mio desiderio di succhiare questo cazzo è aumentato. Ancora. Abbiamo iniziato a pianificare la prossima e quando è venuto con me ho capito che era la migliore scopata che avessi mai fatto. Ho iniziato a voler realizzare tutte le mie fantasie sessuali con lui, mi sta perfettamente bene, ho sempre avuto un appetito sessuale molto alto, ma con lui è qualcosa di incontrollabile, solo il contatto mi fa tremare e la mia figa lampeggia, implorandolo delizioso. cazzo. Nonostante le deliziose sveltine, mancava qualcosa, volevo stare da sola con lui senza paura che qualcuno lo vedesse, così ho chiesto in prestito la casa di un’amica, vive da sola e questo sarebbe perfetto visto che lui non lo farebbe. per ora non entrare in nessun motel, quel giorno ho iniziato a lavorare più tardi, lui ha saltato le lezioni e siamo partiti, che bella scopata spensierata, ogni spinta che ha fatto nella mia figa era un gemito che spingeva, meravigliosamente soddisfatto di quello che sentivo, Il giorno mi masturbò anche per la prima volta e mi fece venire così bene al punto che le mie gambe erano deboli per il tanto piacere che mi procurava il suo contatto, stavo per compiere 18 anni e quel giorno fu la dimostrazione di come nonostante fossimo capaci di soddisfarsi a vicenda Quando eravamo insieme al motel, contavamo i giorni fino ai suoi 18 anni. Quando io lavoravo e facevo stage e lui frequentava un corso, ci incontravamo sempre vicino a una scuola per uscire, ma eravamo entrambi felici, non c’era il momento buono o buono per essere coinvolti, e un giorno, dopo tante prese in giro da parte di lui e io, proprio lì per strada, andavamo al parcheggio della scuola e scopavamo lì, e quando tornavo dal tirocinio alle 23, lui mi aspettava sempre, pieno di lussuria, andavamo sempre. fino al tetto e scopato bene. E quando finalmente ha compiuto 18 anni, il mio regalo di compleanno per lui è stato lingerie rossa con reggicalze e un intero pomeriggio passato in un motel, è stato fantastico, e abbiamo provato il più possibile, apportando cose nuove alle nostre esperienze, in un . delle nostre gite al motel, gli ho detto che volevo che mi legasse, senza pensarci molto, lui mi ha legato, mi ha dominato come una cagna in calore, mi ha tirato i capelli e mi ha scopato la figa alla pecorina e dopo avermi soddisfatto e facendomi venire, ha versato i fagioli con un getto caldo del suo latte dentro la mia figa, gli chiedevo sempre di venirmi dentro al culmine della sua eccitazione, era meraviglioso.
La seconda parte continua…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *