Lolita e i suoi sapequices – fine

di | 12 de Dicembre, 2022

Hanno trascorso mesi con Lolita vivendo una tragedia personale confinata nel suo silenzio; Senza nessuno a cui rivolgersi, figuriamoci qualcuno con cui sfogarsi, si ritrovò coinvolta nel vortice che era diventato la sua vita; la parte delle vittorie universitarie che erano la sua unica felicità, la routine di presentarsi al lavoro, sopportare sguardi di disapprovazione e sorrisi beffardi per servire da riserva di sperma per il capo alla fine della giornata, la rendeva sempre più triste e più triste. depresso. Stava visibilmente perdendo peso, nonostante Djanira si preoccupasse di darle da mangiare e alcuni commenti dei suoi compagni di classe, il suo martirio le stava prosciugando le energie.

Un venerdì, dopo la fine della giornata, Lolita entrò nell’ufficio di Alfredo pronta a servirlo come desiderava. Non fu sorpresa di vederlo completamente nudo mentre manipolava la sua erezione. “Togliti i vestiti, piccola puttana!” E vai sul divano a quattro zampe! Sono così eccitato oggi! ordinò duramente e senza indugio. Lolita obbedì e presto sentì che il membro duro le penetrava la carne in modo alquanto doloroso poiché non era lubrificata per questo momento che rappresentava più sacrificio che piacere; Ben presto Alfredo iniziò a colpire con il bacino, introducendo ed estraendo il membro con gesti brutali, ringhiando e mordendo il collo della giovane donna che chiuse gli occhi e cercò di astrarsi da questa situazione umiliante.

-Oh! Sporca puttana! Che figa calda che hai! “Ecco perché ci sono così tanti maschi che sguazzano in questo corpicino, non è vero?” Scommetto che ce n’erano diversi…

-Uhhh! Per favore, se Alfredo… finiscila! “Puoi avermi quando vuoi,” implorò Lolita. Per oggi… wow! Lui viene!

– Aspetta… aspetta… ancora… no! “Devo venire oggi… ma lo farò… Uhhh! Nel tuo culo! Ahhh!

-OMS? NO! NON NEL MIO CULO! “TU, ALFREDO! urlò con tono spaventato. NO! PER FAVORE! NON IN CU!

Alfredo rimase ignaro delle suppliche lamentose di Lolita, tirando fuori il suo membro e massaggiandosi il glande nella piega tra le sue natiche in un’apparente dimostrazione che aveva reali intenzioni di mettere in atto la sua minaccia. Lolita gemeva e singhiozzava, vedendosi sull’orlo dell’umiliazione totale come donna e come donna…, e in pochi minuti tutto sarebbe finito.

-LASCIA ANDARE MIA FIGLIA, SEI VERGOGNA! – urlò Alonso subito dopo aver preso a calci la porta invadendo l’ufficio di Alfredo – TOGLI LE TUE ZAMPE SPORCHE DALLA MIA LOLITA!

Riprendendosi dallo shock iniziale, Alfredo si voltò, sfoggiando un sorriso sarcastico che presto scomparve dal suo volto quando vide che il padre di Lolita era armato. “Rilassati, Alonso! Siamo amici… e lei lo amava! mormorò il ragazzo cercando di controllare i tremori che presero il suo corpo, zoppicando a caso. Alonso si avvicinò all’uomo nudo e lo afferrò per il collo con una mano mentre usava l’altra per prendere la pistola alla sua cintola. Spinse Alfred contro il muro, inchiodandolo a sé e conficcandogli la canna della pistola nel petto.

– Figlio di puttana! Non mettere mai più il dito contro Lolita”, ringhiò Alonso con un’aria di furia non corrisposta. LUI CAPÌ????

Alfredo tremò in modo incontrollabile e riuscì solo ad annuire con la testa, mostrando un’espressione terrorizzata; mentre era ancora sotto il giogo del padre arrabbiato, soffriva di incontinenza urinaria; Alonso guardò il ragazzo e lo liberò. “Dai, ragazza… vestiti e andiamo!” ordinò Alonso senza guardare Lolita, anche lei tremante e vestita alla meglio. Ed entrambi se ne andarono.

Tornato a casa, Alonso mise via la sua arma e si sedette sul divano in una triste prostrazione; Lolita si fermò di fronte a lui, non sapendo cosa dire o fare. E un silenzio inquietante riempie la stanza, appesantindoli come un fardello inimmaginabile. “Padre! Ti prego perdonami! Sono squalificata, ma tutto quello che ho fatto è stato perché ero spaventata… spaventata e…” balbettò la giovane donna inginocchiata davanti a suo padre. Alonso, che fino a quel momento aveva guardato per terra, alzò lo sguardo e rimase immobile ancora un attimo.

-So tutto, figlia mia! “So di quell’Heitor…, so di tuo fratello così come so di quel bastardo di Alfredo…, e ora devo fare qualcosa…, qualcosa che avresti dovuto fare molto tempo fa… vai nella tua stanza e togliti quei panni sporchi e aspettami lì… fallo, adesso!

Presa da un misto di sorpresa, stupore e anche paura, Lolita si alzò e andò nella sua stanza; si tolse i vestiti e cominciò ad aspettare suo padre, che presto gli uscì incontro, tenendo tra le mani una spessa cinghia di cuoio. Poi le ordinò di sdraiarsi sulla schiena in tono minaccioso. Tremando e piangendo, obbedì e temendo anche la punizione a venire, accettò il suo destino, perché sapeva che era ciò che si meritava. E il primo colpo gli spaccò la pelle provocando un dolore immenso; una lacrima le rigava il viso, ma non emetteva alcun suono… Lolita sapeva di meritare la punizione inflittale dal padre.

E altri colpi caddero senza che lei facesse un suono o una parola, finché un gesto improvviso del padre le provocò una grande sorpresa. La prese tra le braccia, se la mise in grembo e si sedette sul letto. Alonso l’abbracciò forte e affettuoso, controllandosi per non piangere neanche lui.

– Perdonami, mia dolce Lolita! “Non sei colpevole!” sussurrò con voce strozzata. È colpa mia! ME! Non mi sono mai preso cura di te come avrei dovuto e come meritavi… perdonami, tesoro!

– No, papà! Non piangere ! – sussurrò appoggiando la testa sulla spalla del padre – ero una stronza che non conosceva limiti e questo ti faceva vergognare molto e…

In quel momento, Alonso ha tenuto il mento di sua figlia, guardandola in viso con gli occhi pieni di lacrime e senza pensare alle possibili conseguenze, ha avvicinato le sue labbra alle sue, chiudendo un bacio che è iniziato con l’innocenza, ma rapidamente ha preso la forma di pura lussuria. Lolita, che in un primo momento ha cercato di evitare il gesto paterno, non ha resistito, cedendo a un torrente di sentimenti che le hanno travolto la mente e lo spirito. E alla prima ne seguirono altre ancora più piene di voluttà e abbandono con le mani del padre che calpestavano il corpo nudo della figlia.

Altre storie erotiche  Orge a Paraty - 2

All’improvviso, Lolita si rese conto di cosa stava facendo e saltò dalle ginocchia del padre, che reagì alzandosi dal letto e guardando il viso spaventato della figlia; Alonso mantenne un’espressione mista a sorpresa e imbarazzo per non sapere come comportarsi in questo momento di disagio; il padre ha scrutato il corpo nudo della figlia e poco dopo è uscito dalla stanza senza poter proferire parola. Lolita rimase dov’era, rannicchiata e ancora stordita da quello che era successo tra lei e suo padre. Sì, c’era la paura del bacio inaspettato, ma allo stesso tempo c’era un’emozione inspiegabile come se questo gesto provocasse una sensazione di piacere!

La mattina dopo, Lolita fece il bagno e si vestì con abiti comodi, andò in cucina dove Djanira aveva già apparecchiato la tavola della colazione; mentre gustava il cibo, apparve suo padre, seduto a tavola, ancora senza il coraggio di affrontare la figlia. “Appena tutto sarà finito, andiamo nell’ufficio di Alfredo a saldare il tuo contratto!” disse Alonso, sempre a testa bassa; Lolita annuì in silenzio. All’interno dell’auto del padre, la giovane non ha detto nulla, pur provando un enorme desiderio di commentare il bacio di ieri sera, temendo che l’accoglienza non sarebbe stata gradita. In agenzia, padre e figlia sono stati accolti da una segretaria apparentemente neo-assunta, che ha presentato i documenti di licenziamento unitamente ad un assegno di importo rilevante. Lolita ha provato a commentare che quella cifra era esorbitante, ma suo padre l’ha afferrata per un braccio, dicendole di stare zitta.

Alonso ha portato sua figlia all’università dove l’ha baciata sulla fronte; Lolita scese dall’auto e continuò un altro giorno di scuola senza riuscire a dimenticare il bacio del padre. E questa sensazione di disagio continuò per i giorni successivi; Lolita non riusciva a dimenticare il bacio, così come non riusciva a capire perché fosse stato così difficile; non ha mai visto suo padre come un uomo e ha sempre avuto affetto fraterno per lui. Stanotte era diverso con lei che sentiva il suo corpo riscaldare i muscoli di suo padre e il sapore del suo bacio affamato come se non avesse avuto un’esperienza del genere da molto tempo.

Ogni volta che erano insieme, non riusciva a smettere di guardare suo padre, notando che era un uomo con un corpo atletico e lineamenti attraenti; Anche vicino ai sessant’anni, Alonso emanava un vigore maschile che attraeva le donne, inclusa Lolita, che catturava sempre gli sguardi ansiosi dei suoi colleghi e delle donne con cui era in relazione.

-Sei babbana, Lola! – borbottò un caro amico quando ebbe il coraggio di raccontare tutto quello che stava succedendo con suo padre – Non c’è uomo migliore al mondo per essere nostro! uomo di nostro padre!

-Questo è pazzesco! – Non è possibile ! Lolita rispose con tono irritato. Lui… lui… lui è mio padre!

– Ma è anche un uomo! “Senti, figlia mia… tuo padre è un uomo… un uomo! Più premuroso, amorevole e molto più preoccupato per te di qualsiasi altro uomo!

– Sembra che lo dici per esperienza! “, scherza Lolita, scherzando con la sua amica.

-Tesoro… è un po’ che dormo con mio padre! – rispose con orgoglio nella sua voce – Sono tua moglie, tua figlia e tua moglie! E non ho problemi a gestirlo… e sai una cosa? Lo vuoi anche con il tuo! Quindi smettila di fare il santo e vai a combattere!

Lolita mostrò stupore per l’affermazione dell’amica e non poté dire altro; tornò a casa pensando ancora a cosa fare al riguardo. Eppure il desiderio femminile risuonava nel suo cuore ogni volta che era solo con suo padre; Era un sentimento indomabile che la consumava così tanto che una notte si ritrovò a masturbarsi pensando ad Alonso; e c’era una delizia rumorosa che la faceva sussultare per paura di essere sentita dalla casa.

-Papà? Papà? Sei sveglio? — Lolita ha chiesto di una certa notte fredda e piovosa in cui ha invaso la stanza di Alonso.

-Ehi? Sì! È successo qualcosa, mia piccola principessa? – Che cosa ? rispose suo padre con tono allarmato.

– Ho paura, papà! – Rispose lei, fermandosi davanti al letto di Alonso – Posso dormire con te?

-Paura? … Sì, naturalmente ! …, puoi ! “Vieni a sdraiarti qui con me,” rispose esitante.

Lolita si sdraiò accanto ad Alonso abbracciandolo forte, che a sua volta fu sorpreso di sentire la nudità della figlia. “Lola, sei nuda?” chiese, conoscendo già la risposta.

– Non dire altro, padre! – rispose, abbracciando ancora di più il corpo del padre – Abbracciami, per favore!

Dopo un po’, Alonso sentì che le labbra di sua figlia cercavano la sua richiesta di bacio; L’uomo stava ancora elaborando una reazione che svanì quando sentì il respiro caldo e morbido dalla bocca di sua figlia. Ed è stato il primo di una serie scoraggiante di progetti ancora più audaci, più umidi e che richiedono tempo. Alonso non resisteva più, accarezzava la pelle calda e morbida di sua figlia, esplorando ogni dettaglio che lo faceva impazzire.

Sentendo la bocca avida del padre succhiarle i capezzoli turgidi, Lolita impazzì per sempre, abbandonandosi anima e corpo al desiderio che le pulsava nel ventre, infilando la mano nelle mutande di Alonso e assaporando quella stuzzicante sensazione. l’albero grosso e rigido di mio padre, che palpita sinistramente. “È tutto per me? Per me ? chiese, brandendo la robusta bacchetta paterna mentre guardava il viso di Alonso, cercando il suo sguardo ardente.

-Sì, mia piccola principessa… lo sei sempre stata – rispose Alonso con tono insicuro, sorridendo con gli occhi puntati sulla figlia – Assomigli molto a tua madre… infatti… lo sei, è molto più carina !

Altre storie erotiche  Storia di incesto erotico - A casa di mia sorella

-Oh! Papà! Dimmi che non è giusto! – implorò la ragazza trattenendo le lacrime – Ha detto che sono una stronza! …, quanto sono stupido! … quanto ho voglia di mio padre! Puniscimi per favore!

– Non posso farlo, amore mio! – rispose il padre con un filo di voce – non posso e non voglio!

Alonso ha poi ripreso la carezza orale dei seni lussuriosi della figlia, che a sua volta era incaricata di spegnere l’attrezzo del padre, manipolandolo in una morbida masturbazione; In preda a un’estasi incontrollata, Lolita scivolò dal suo corpo fino a riuscire ad avere il membro del padre a portata di bocca, cominciando a succhiarlo con enorme voracità al suono dei gemiti soffocati di Alonso, che sembrava sotto il controllo della figlia.

-Uhhh! Cosa… cosa… delizioso, mormorò accarezzando i capelli di Lolita, hai la boccuccia più deliziosa del mondo! Ahhh! Quindi hai chiuso con me!

– Non lo voglio, papà! – Ti amo ! rispose lei, interrompendo la carezza orale. Sono tutto tuo! Ora e sempre!

Queste parole suggellano la parentesi tra padre e figlia con Lolita sdraiata con le gambe aperte che si accarezza la vulva in un gesto invitante; Alonso la coprì con il suo corpo e si lasciò guidare il suo membro verso la caverna, strofinando il glande nel suo prolungamento prima di chiederle di entrare; Alonso fece dondolare il bacino con una spinta vigorosa, immergendo tutto il suo membro nella vagina della figlia, che non contenne un gemito prolungato che esprimesse tutto il piacere che provava in quel momento.

Alonso scatenò un susseguirsi di spinte pelviche sempre più intense, facendo esplodere un torrente di orgasmi attraverso il corpo di Lolita, che si contorceva sotto la vibrazione provocata in tutti i suoi sensi; Alonso ha mostrato una prestazione incredibile, provocando ondate e più ondate di piacere nel corpo di sua figlia, che non riesce più a trattenersi di fronte a tanto piacere che le è stato dato. Gemiti, sospiri e singhiozzi contenuti riempirono la stanza immersa in un’ombra tenue che permetteva agli innamorati di guardarsi l’un l’altro godendosi quel sentimento di complicità che li rendeva qualcosa di più che padre e figlia.

Sentendo che il suo climax era molto vicino, Alonso avvertì sua figlia, con l’intenzione di strapparle il membro; Lolita lo abbracciò forte come se volesse che venisse mentre scaricava il suo carico di sperma dentro di lei; gli occhi si contrassero e Alonso pensò per un momento di cedere al desiderio di sua figlia; tuttavia si rifiutò di farlo, tirando finché non riuscì a far uscire il suo membro dalla calda e bagnatissima vulva della figlia.

Immediatamente Lolita lo spinse sul letto, accoccolandosi tra le sue gambe, portandosi il cazzo alla bocca con la ferma intenzione di finire quello che aveva iniziato; Lei leccò e succhiò il membro con estrema cautela e, notando le contrazioni muscolari che affliggevano il corpo del padre, si preparò a ricevere in bocca il suo seme. Alonso si contorse in uno spasmo e Lolita sentì il membro pulsare più forte nella sua bocca prima di raggiungere il suo apice, eiaculando massicciamente nella sua bocca. Nonostante si sia sforzato di trattenere in bocca il carico di sperma, purtroppo non ci è riuscito, poiché il volume era di tale entità che ha finito col gocciolare, macchiando il viso di Lolita e anche la pancia del padre. Sono rimasti senza fiato ed esausti prima di un combattimento strabiliante e inebriante.

Mentre il luminoso sole mattutino inondava la camera da letto di Alonso, trovò una coppia nuda abbracciata sul letto come se non fossero più padre e figlia, ma amanti. Lolita fu la prima ad aprire gli occhi a metà guardando il volto del padre che dormiva ancora profondamente. Per un attimo volle alzarsi e lasciare la stanza prima che fosse troppo tardi; tuttavia qualcosa dentro di lei le impediva di farlo, pensando che in quel momento si trovava tra le braccia di un meraviglioso amante e protettore che non le avrebbe mai augurato del male, in piedi davanti a lui per proteggerla.

-Quello che abbiamo fatto non ha ritorno, piccola principessa – sussurrò rauco il padre senza aprire gli occhi come se potesse leggere i pensieri di sua figlia – siamo legati gli uni agli altri in un modo che non possiamo e non voglio sfidare. . .

– Ma, papà… come sarà? – Che cosa ? chiese ansiosa la ragazza.

-Sii il mio amore! – interruppe Alonso, aprendo gli occhi e guardando con affetto il volto di Lolita – se vuoi possiamo andare… tu…

Lolita non lasciò proseguire il padre, sigillandogli le labbra con un bacio e riaccendendo un incontrollabile desiderio di appartenere a lui, sentendo il desiderio del maschio sbocciare in una nuova e vigorosa erezione; In men che non si dica, Lolita era sopra papà, infilandogli il cazzo dentro la vagina e cavalcandola in un frenetico avanti e indietro stimolato da gemiti e sospiri; Alonso teneva i seni di sua figlia tra le mani, stringendoli mentre le pizzicava i capezzoli prima di sollevarle il seno in modo da poterli tenere in bocca.

La copulazione indotta si tradusse presto in orgasmi che percorsero il corpo della femmina che continuò a salire e scendere sull’asta paterna, a volte dimenando, a volte rotolando, godendosi l’enorme attitudine del maschio e procurandogli un piacere strabiliante. che la fece rabbrividire e chiedere di più. Alonso sorrise a Lolita, tenendole ancora i seni tra le mani, e mostrò che la sua esibizione delirante aveva una ragione d’essere a causa del suo partner, pieno di esuberanza e sensualità.

-Papà! Aspettare! Voglio chiedervi qualcosa! “Voglio che tu mi renda tuo…, tutto tuo…, solo tuo…

Senza ulteriori spiegazioni, Lolita si rannicchiò tra le gambe del padre, dilettandosi a leccare e succhiare l’albero, le cui dimensioni mostravano che c’era molto di più da offrire. Un attimo dopo, era a quattro zampe sul letto e guardava da sopra la spalla il volto sbalordito di suo padre.

Altre storie erotiche  Storia mista: ho scopato la moglie di Cruzeirense dopo il classico.

– Vieni, papà… vieni a fare di me la tua femmina per sempre! – Che cosa ? chiese supplichevole, offrendole il unico orifizio intatto nel suo corpo.

A quelle parole, Lolita seppellì il viso nel cuscino, sollevando ancora di più le natiche, assumendosi il compito di allargare le natiche, mostrando la piega tra di esse e dentro di sé il piccolo spacco ondulato che vibrava provocatoriamente. Alonso guardò la scena che si stava svolgendo davanti ai suoi occhi e sentì una vibrazione involontaria invadergli il corpo. Seppellì il viso tra le sue natiche con la sua lingua assetata esplorando l’area fino a raggiungere la sua destinazione finale.

Lolita ne pouvait pas contrôler les gémissements qui éclataient dans sa bouche, ni ne contrôlait plus le tremblement qui la faisait vibrer sauvagement, désirant donner à son pere quélque chose de si special qui n’avait never été offert à quelqu’un d’autre comme lei. desiderio di suggellare il rapporto con l’uomo della sua vita. Presa da questi pensieri, lanciò un grido isterico quando sentì l’indice di Alonso perforare il buco, provocandole una sensazione mista di dolore ed eccitazione; continuava a fare movimenti circolari come per rompere il sigillo, preparandolo a ciò che doveva venire…, e non appena fu in posizione, Alonso si lanciò con forza, colpendo con movimenti pelvici veementi finché riuscì a strappare la resistenza con il suo glande, superando l’ostacolo e sistemandosi all’interno della femmina.

Immediatamente, Lolita lanciò un urlo che fece fermare Alonso, per paura di fargli male. “Oh! Patata! Non fermarti! Lui viene! Strappa la tua femmina! sussurrò esitante; il padre ha proceduto a introdurre il suo palo lentamente, prendendo sempre degli intervalli affinché il suo compagno si abituasse all’intruso. Conquistata, Lolita fece un respiro profondo e si lasciò sfuggire una risata maliziosa.

Fottimi papà! …fanculo tua moglie! … sua moglie ! – Che cosa ? chiese di nuovo implorante.

Alonso fece un respiro profondo e iniziò una sequenza di spinte pelviche piene di piacere al suono dei gemiti e dei profondi sospiri della ragazza che era felice di essere abbracciata da suo padre che ora era anche il suo padrone. Lolita si vedeva pienamente realizzata come donna e come femmina, sentendo che quest’uomo poteva darle tutto quello che gli altri non avrebbero mai potuto darle: affetto, affetto, desiderio e soddisfazioni carnali senza limiti. I suoi occhi si strinsero e si lasciò trasportare dai potenti colpi di suo padre che scuotevano il suo corpo provocando una vigorosa vibrazione che la eccitava ancora di più, desiderando di non perdere mai più suo padre.

Infine, Alonso emise un gemito rauco mentre il suo corpo si contorceva involontariamente in spasmi che culminarono in una fragorosa e copiosa sborrata che inondò le viscere della ragazza, fuoriuscendo dai bordi provocando un’inebriante sensazione di piacere in piccole onde che andavano e venivano… Alonso resistette mentre il suo cazzo perdeva il suo tono scivolando fuori dal corpo di sua figlia.

– CAGNA! PRIVATO! HO FINITO CON TE! “Djanira irruppe nella stanza urlando come un pazzo.

Alonso saltò giù dal letto, afferrando forte il braccio della donna e guardandola in viso con un’espressione di furia incontrollabile. “Ascolta, degenerato! Se fai qualcosa per porre fine alla nostra felicità, ti manderò in un manicomio, proprio come hai fatto con tuo marito e tuo figlio! capisci? suo padre urlò in un impeto di risentimento che sorprese anche sua figlia. Djanira tacque e abbassò la testa. Alonso la trascinò fuori dalla camera da letto e di nuovo a letto, tenendo sua figlia contro di sé.

-Mai! Non ti lascerò mai più soffrire, mia piccola principessa! – Che cosa ? le sussurrò all’orecchio, accarezzandole i capelli.

Per la prima volta nella sua vita, Lolita si sentì al sicuro e protetta accanto a un uomo che la desiderava sopra ogni cosa e con il cuore pieno di gioia cercò le labbra di Alonso, suggellando un’altra serie di baci ardenti. . E da quel giorno padre e figlia vissero insieme come se fossero marito e moglie, sempre al sicuro da occhi indiscreti e lingue taglienti che potessero separarli.

Lolita non ha mai trovato suo fratello, anche se lui le inviava messaggi con una certa regolarità, perché aveva paura di confidargli il suo rapporto con suo padre, come fece all’università dove si laureò qualche tempo dopo. Godeva di una deliziosa frenesia di abbandono sessuale con Alonso che sembrava ringiovanire ogni giorno, mostrando un vigore che non aveva mai visto in un uomo. Ottiene una buona posizione professionale e la vita della coppia progredisce, in particolare con Alonso che diventa un piccolo imprenditore.

E ogni notte finiva nel letto della coppia dove Lolita era sempre pronta ad accogliere suo padre dentro di sé; Aveva appena lasciato il lavoro e stava già tornando a casa, non prima però di essersi fermata in un negozio e aver comprato della nuova lingerie per mostrarla agli occhi infuocati di Alonso, che non si stanca mai di dichiarare un uomo felice e benedetto in ogni modo. Djanira morì qualche anno dopo, e la coppia decise di trasferirsi in una casa discreta in un condominio chiuso, dove alcuni pomeriggi si permettevano di nuotare nudi in piscina, o addirittura di prendere il sole senza vestiti nei fine settimana. Una notte, mentre cavalcava suo padre come un abile cavaliere, Lolita gli impedì di dondolarsi su e giù, guardando con tenerezza il viso di Alonso.

-Mi hai reso la donna più felice del mondo! – Sua moglie ! confessò con tono felice.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *