Lucas Henrique: Fraternizzazione

di | 9 de Dicembre, 2022

Lucas Henrique – Fraternizzazione.

Ciao a tutti, vi racconto un aneddoto accaduto durante la riunione di gabinetto. Fu concordato che avremmo avuto un incontro in una fattoria dove ci sarebbero stati piscina, sauna, barbecue e tanto cibo e bevande. Per avere il tempo di goderci tutto questo, abbiamo programmato una lunga vacanza, da venerdì a domenica. Molti colleghi hanno già avvertito che sarebbero andati. Nel gruppo c’erano diverse coppie, ma c’erano anche single.

Ci è voluto quasi più di un mese per organizzare l’incontro. Poi arriva il tanto atteso venerdì. Ci sono andato nel pomeriggio con una coppia che lavora nel mio stesso settore. Alcuni di coloro che avevano segnalato la loro presenza avevano già fatto sapere che potevano andare solo sabato pomeriggio. Quindi alle 16 erano già arrivati ​​tutti: quattro coppie e tre single, me compreso.

Nella tenuta c’erano due case, una più grande e una più piccola, che è più lontana, ma più carina, ben arredata, abbastanza elegante. Inoltre, siccome questa aveva meno stanze, solo quattro, erano molto più piccole, molto probabilmente la casa era più vuota rispetto all’altra, quindi non sarebbe stata così disordinata, come piace a me.

Vedendo che non sarei rimasto nella casa grande, alcune delle coppie e gli altri due single mi hanno chiesto perché, quindi ho semplicemente risposto che mi piaceva lì. Olivia e Renato, i single, non soddisfatti della mia risposta, hanno deciso di accompagnarmi a vedere il posto.

Quando l’hanno scoperto, hanno deciso di rimanere anche lì. Non era una cattiva idea, perché Olivia è una donna molto bella, è alta circa 1,67, pelle abbronzata con una linea bikini, che la fa sembrare più sexy, capelli castano chiaro che arrivano al centro da dietro, un corpo con tutto al suo posto. Un culo medio ma molto duro. I seni sono molto sodi, rotondi e appuntiti, una delizia. Quindi non sarebbe male condividere la casa con un gatto del genere.

Renato non era una persona da odiare. Molto educato, amichevole, parlava poco e quando diceva qualcosa erano solo bei argomenti. Inoltre, è bello da vedere. Ha un corpo standard e definito per un frequentatore di palestra. Deve essere alto un metro e ottanta, 200 libbre, la pelle scura e l’aspetto da nerd, soprattutto perché lavora nell’IT e porta anche gli occhiali. Anche Renato non sarebbe stato un handicap questo fine settimana.

Dopo esserci sistemati in ciascuna delle nostre stanze e una doccia tonificante, ci siamo diretti verso la grande casa per fare qualcosa di sociale e iniziare a bere. Interessante che tra loro tre si sia creato un certo legame, lì è nata una sincera amicizia. Prima in azienda gli agenti ci conoscevano appena, era solo un buongiorno o un buon pomeriggio nei corridoi. Ma già in fattoria, con qualche minuto di convivenza in casa, sembrava che ci fossimo già divertiti insieme. C’era un’atmosfera molto bella con loro.

Quando siamo arrivati ​​alla grande casa, le coppie avevano già preparato quasi tutto per il barbecue e le bevande. Dopo pochi minuti eravamo tutti seduti vicino al barbecue a parlare, mangiare e soprattutto bere. È stata una serata molto piacevole.

Nel tempo, a tarda notte, intorno alle 23:30, la prima coppia sopraffatta dalla stanchezza e dalla sonnolenza è stata una coppia, che si è alzata dicendo che non ce la faceva più e che andava a letto. Poco dopo, un’altra coppia ha chiesto la stessa giustificazione per uscire insieme in camera da letto.

Le altre due coppie, Renato, Olivia ed io, abbiamo parlato subito e hanno detto che stavamo ancora bene e che volevamo continuare a bere e parlare perché la conversazione era fantastica. Purtroppo, dopo un po’, una delle coppie ancora nel cerchio ha annunciato che sarebbe andata in cucina, ma non ha mostrato che sarebbe tornata.

Quindi eravamo i single più vicini e l’ultima coppia, che ancora resisteva, era sdraiata sull’amaca. Mentre la coppia era nello scambio di coccole e abbracci, lasciandomi imbarazzato, ho preso una bottiglia di bevanda e ho annunciato che stavo andando in piscina. Siccome non solo io mi sentivo a disagio con quei due sull’amaca che avevano quasi fatto sesso, Renato e Olivia si alzarono dicendo che l’avrebbero fatto anche loro.

A bordo piscina, sdraiati sui lettini e finendo la bottiglia di whisky, vi consiglio di entrare in piscina, giocare un po’ e scacciare il sonno. Renato acconsentì subito, perché anche lui cominciava ad addormentarsi. Olivia non era contenta di dire che l’acqua doveva essere molto fredda. Ho cercato di convincerla dissentendo con lei: che l’acqua non sarebbe stata così fredda. Detto questo, mi sono tolto la maglietta, sono corso fuori e sono saltato in piscina.

Ho avuto una brutta sorpresa, l’acqua era molto fredda e con il vento il freddo è peggiorato. Quindi Olivia mi chiede com’era l’acqua, come volevo che entrasse, le ho detto l’esatto contrario. Renato era ancora sdraiato sul bordo della piscina a bere ea guardare la scena.

Quando Renato finisce di bere va in piscina, Olivia, ancora riluttante, gli chiede anche lei, non avevamo sistemato niente, ma lui risponde che l’acqua era ottima.

Mentre ci rilassiamo in acqua, Olivia si allontana dal bordo della piscina, fuori dal mio campo visivo, deducendo che ha deciso di non entrare. Con sorpresa mia e di Renato, appare Olivia che scende le scale verso la piscina con indosso un bikini con dettagli neri, da piccola mi ha colpito, non l’avevo immaginata con un bikini così. A proposito di lei e del suo bikini, abbiamo appena detto che avevamo chiuso con lei.

Olivia è stata un’assoluta delizia. Io e Renato la “mangiavamo con gli occhi”, senza che lei se ne accorgesse, c’è stato un momento in cui stava scendendo le scale, ha mostrato quel bel culetto con il bikini dentro lo spacco. Che follia, nemmeno con l’acqua fredda mi andrebbe giù il cazzo. Una volta dentro l’acqua, Olivia ci guarda con quello sguardo che vuole ucciderci e ironicamente dice che “l’acqua è fantastica”! Ridiamo della situazione. Gli ho detto che il freddo sarebbe passato presto, che era solo che il corpo si stava abituando.

Abbiamo passato qualche minuto nuotando e parlando, Olivia aveva molto freddo, il mento le tremava e le punte dei seni sporgevano ancora di più dal bikini. Forse anche Renato ha notato la freddezza di Olivia e ha suggerito di giocare a “guardie e ladri”.

Abbiamo iniziato la battuta, che è stata commossa. Ogni volta che Olivia veniva catturata, urlava a squarciagola, molto divertente. Ovviamente ho approfittato della situazione, passandole la mano sulla figa, sul bikini e sui seni, ma erano tutti piccoli “incidenti”. Con questa battuta, il mio cazzo era ancora duro. Il freddo è passato e il gioco si è riscaldato.

Renato sembra proprio una “bestia”, approfittava anche lui della situazione, soprattutto quando tratteneva Olivia per farsi “arrestare”. Si stava strofinando contro di lei, tenendola stretta intorno alla vita. E ogni volta perdeva più timidezza nel gioco. Vederlo approfittare della situazione mi rendeva sempre più emozionato. Per un momento, mi è venuta in mente l’immagine di fare sesso con Olivia proprio lì in piscina, e con quella mi sono ricordata che eravamo solo noi tre in casa, forse potevo tirar fuori qualcosa. Non avrei problemi a condividere con Renato. A causa dei miei pensieri perversi, mi sentivo come se il mio cazzo stesse per esplodere nei miei pantaloncini. Vediamo se ho una possibilità quella notte comincio ad essere più audace quando lo suono e “mani stupide”

Siamo rimasti in piscina a giocare per quasi un’ora, dopodiché il vento si è alzato parecchio e il freddo era già insopportabile. Olivia si stava già lamentando troppo e ci chiamò nel cottage. Ho accettato e ho suggerito che dopo una doccia calda andassimo in soggiorno a parlare e bere ancora un po’. Renato era entusiasta dell’idea, Olivia ha acconsentito e sostenuto l’idea di bere un po’ di più.

Olivia è stata la prima ad uscire dalla piscina, dentro l’acqua eravamo più vicini alle scale, con quella Olivia ci regala un altro assaggio di sensualità, è salita lentamente, con quel bikini tutto infilato dentro. Ero chiaramente ipnotizzato, Renato, che era un po’ dietro di me, mormorò dei complimenti, ma tipicamente maschili, “che tesoro”.

Quando siamo arrivati, tutti sono andati direttamente nella loro stanza. Dopo pochi secondi Olivia grida aiuto, dato che ero la più vicina, sono andata ad aiutarla. Olivia aveva bisogno di cambiare la chiave della doccia e siccome ero già lì mi ha chiesto di slacciarle il bikini. I suoi seni erano ancora duri sopra, non segnavano troppo il tessuto. Non so se fosse eccitante o freddo o anche entrambi.

Sono uscita subito perché non si accorgesse della mia eccitazione che stava tornando, sono andata in camera a farmi una doccia, che è stata veloce, mi sono cambiata e mi sono messa dei pantaloncini molto larghi per non farsi vedere dal davanti e una maglietta, poi sono andato in soggiorno, che è molto spazioso, ha due grandi divani di cui uno è un divano letto, la cucina è combinato con la stanza, avendo solo uno di un unico pezzo come pezzo. una banca.

Renato era già sdraiato tranquillo sul divano letto, guardando la televisione. Andai in cucina, presi dell’acqua, bevvi un sorso e andai a sdraiarmi dall’altra parte del divano letto, lasciandolo mezzo vuoto. Ci siamo seduti lì a guardare la TV e ho iniziato a complimentarmi con le ragazze calde che si sono presentate, è entrato nell ‘”onda”.

Dal momento in cui ho visto Olivia in bagno fino ad ora, era passata più di mezz’ora, quindi già pensavo che sarebbe stata a letto a dormire, finché non è uscita dal corridoio, si è fermata davanti a noi a guardare la TV.

Olivia non si stancava mai di stupirci con la sua bellezza e sensualità, indossava una camicetta ampia e lunga senza reggiseno, ma non era così lunga, quanto bastava per coprirle la figa. Con ciò ci troviamo a immaginare che sotto la camicetta sarebbe stata completamente nuda e che di fronte a qualsiasi passo falso avrebbe mostrato qualcos’altro.

Quando si è rivolto a noi, ha subito capito cosa stavamo pensando. Poi urla che non indossava solo il top e solleva il top rivelando pantaloncini di lycra neri molto corti, aderendo al suo corpo, godendo di tutte le cose belle che ha.

Indignata per quanto accaduto, Olivia è andata in cucina, fingendo di ammirarla e creando “mille e una” fantasie. Nel frattempo, il mio cazzo pulsava nei pantaloncini perché erano abbastanza larghi da nasconderlo. Pazza di stare almeno vicino a questa bomba, l’ho invitata a raggiungerci sul divano letto, ancora irritata dalle urla, ha detto che se ne andava e che dovevamo aspettare un po’, quello non si è fatto attendere. divano letto e per provocare ancora di più si ferma di nuovo davanti a noi, posando con una faccia disinteressata.

La chiamai ancora una volta perché si sdraiasse con noi e finalmente si sdraiò su un fianco e si rivolse a Renato. Con la “coda dell’occhio” continuo a guardare Olivia con l’acquolina in bocca. Anche Renato, che aveva la vista migliore, non mi staccava gli occhi di dosso, non voleva saperne di più della tv.

Renato si alza dal nulla e va in camera sua e quando torna porta una coperta, faceva freddo, ma non era così freddo, quindi ho subito immaginato che la coperta servisse proprio a nascondere la sua erezione. Ad Olivia l’iniziativa è piaciuta, visto che si è anche coperta dicendo che aveva freddo. Si è potuto notare che quando Olivia si è rannicchiata sotto la coperta, ha avvicinato il suo corpo, toccando così Renato. Mentre lo guardavo e vedevo il momento preciso in cui i suoi occhi si spalancavano per lo stupore, rimase fermo, congelato, ma non disse nulla.

Olivia iniziò a girarsi, strofinandosi, stuzzicando ancora di più Renato. Sempre con quella faccia scioccata, ha appena visto quel culo strofinarsi contro di lui. Guardandolo serio, sul punto di lanciare un grido di gelosia per lamentarsene, Olivia con mia sorpresa comincia ad accarezzarmi la coscia, proprio mentre io ingoio le lacrime.

Mentre tutto questo accadeva, Olivia era lì tutta serena a guardare la tv, come se nulla fosse, si mette a parlare e durante la conversazione commenta che gli uomini sono molto birichini al punto che se possono prendono la signora e l’ufficiale. al letto. , mais après qu’on murmur quelques mots significant que ce ne serait pas une mauvaise idée, ella complète en disant que la pire chose que fait l’homme à la fin de l’histoire c’est la passe à deux c’est la Rabbia. Poi ci guarda chiedendo la nostra conferma.

Per “non mollare”, abbiamo sostenuto che con le donne non sarebbe stato diverso, nel letto per due hanno chiesto anche “sistemazione”. Arrabbiata per quello che abbiamo appena detto, si siede sul divano letto, dato che aveva già la sua mano sulla mia coscia, mi stringe il cazzo per renderlo più doloroso di quanto non fosse già, trattandoci come cani. Renato quindi salta giù dal divano, supponendo di aver ricevuto anche la dolorosa pressione di Olivia.

Mentre correva attraverso le plausibili argomentazioni che avevamo torto, mi accarezzò il cazzo. Osservando la sua posizione sul divano e guardando il viso di Renato, era chiaro che stava ricevendo carezze. Olivia alla fine del suo discorso dice che non siamo riusciti a soddisfarla. Io e Renato non sapevamo cosa dire, Olivia si rilassa sul divano e mentre ci accarezza ad occhi chiusi fa una smorfia maliziosa.

Non ho perso tempo, le ho dato un bacio appassionato, di quelli molto provocanti, le ho passato la mano sui seni. Renato le tolse la camicetta, lasciandole i seni completamente scoperti. Renato butta via la coperta e si toglie i pantaloncini mentre io facevo quel pompino ad Olivia, ora mentre mi tolgo i pantaloncini Renato si gode quelle tette.

Olivia con gli occhi ancora chiusi e una faccia birichina ci ha masturbato leggermente mentre la succhiavamo e leccavamo. Le tolsi lentamente i pantaloncini, lasciandola nuda, con la mano sinistra cominciai ad accarezzarle la figa, che era già molto bagnata. Lasciando Renato con quelle belle paia di tette, cade a capofitto nella sua deliziosa figa.

Dopo qualche secondo che le succhia la figa, si alza e chiede a Renato di sdraiarsi sul divano, senza nemmeno chiederle lui obbedisce e lei gli si mette sopra a quattro zampe con la bocca sul suo cazzo, dove comincia a dare lui un pompino. . Con quella figa e quel culo ora davanti a me, comincio a succhiarmelo in un modo molto gustoso, ma dovendolo dividere con Renato. Olivia adorava quella leccata condivisa mentre le sfuggiva di piacere dalla bocca sbavante.

Questa situazione è stata molto eccitante e folle allo stesso tempo. Mi sentivo come una porno star in un film. Mentre le leccavo il culo e le aprivo la strada con la lingua, Renato, mentre le leccavo la figa, inserì anche due dita facendo movimenti rapidi penetrandola, oltre a gemere, ora si contorceva dal piacere. C’erano momenti in cui Renato fermava tutto e chiudeva gli occhi, tante volte avrebbe dovuto trattenersi adesso, o non credere a quello che stava accadendo.

Anch’io volevo un pompino del genere, quindi ho rivendicato il mio diritto. Allora Olivia si siede sull’altro divano con i piedi alzati e le gambe divaricate, per stuzzicarla ancora di più in questa posizione, ci guarda con quell’aria maliziosa e inizia ad accarezzarle la figa. Renato si avvicina e lei gli tira il braccio facendolo piegare e con quello ricomincia a succhiarla. Mi avvicino poco dopo e alzandomi sul divano mi metto davanti a lei, facendole ingoiare il mio cazzo. È una bocca morbida e calda, una delizia, non ci è voluto molto e ho dovuto trattenermi dal riempirle la gola di sperma. In quel momento, emise un forte gemito, era il suo primo orgasmo.

Dopo questo gemito Olivia si alza di scatto, proprio quando stavo quasi per crollare immaginando che stesse per dirmi che era andata a letto, ma invece dice a Renato di sedersi sul divano e sopra di lui cade e nello stesso tempo abbracciando il suo cazzo lo posiziono e con quello lo inserisco lentamente dentro di lei. Mentre scendeva, emetteva piccoli gemiti di sforzo e piacere. Quando finisce di mettere tutto insieme, emette un altro gemito per aver concluso una tappa piacevole.

Aggrappandosi allo schienale del divano, iniziò lentamente a mettersi a cavalcioni su di lei. Renato le accarezzò i seni cercando di succhiarli, e ci riuscì per qualche secondo quando fu interrotto dal movimento avanti e indietro. Ero lì a masturbarmi guardando questa scena aspettando il mio turno ma chiedendomi anche se avrebbe acconsentito a liberare il culo o addirittura a fare una DP (doppia penetrazione).

A questo punto Olivia ha voltato le spalle a Renato e mi ha visto masturbarmi, ha cambiato posizione, facendo sdraiare Renato sul divano letto e prendendolo in braccio, ma ora di fronte a lui. Detto questo, mi sono avvicinato a lei e ho iniziato ad accarezzarle il sedere con il dito e ho chiesto se potevo entrare.

Olivia con voce emozionata risponde che forse mi sentirò a mio agio. Corsi in camera da letto per prendere il lubrificante e tornai velocemente. Poi si fermò un attimo. Mentre le lubrifico il culo per facilitarglielo, inserisco un dito, poi due, e quando sta per inserire il terzo gira il viso verso di me, questo con Renato che spinge, lui dice no, non serve, è ero abituato a dare culi e inoltre, stavo quasi per venire. Quando l’ho sentito dire che era quasi troppo presto.

Allora mi sono messa dietro di lei e, tenendola per le spalle, ho cominciato a camminare lentamente dentro. Rientra con qualche difficoltà, ma comincia a gemere e comincia a rotolare, muovendosi avanti e indietro sui nostri cazzi. Detto questo, è chiaro che ha davvero l’abitudine di fregarsene. Ho iniziato anche a fare spinte leggere, e noi tre abbiamo iniziato ad aumentare il ritmo, rendendo questa scopata davvero eccitante.

Olivia iniziò a gemere forte, mentre io le tiravo i capelli, Renato continuava a succhiarle i seni, disse tra due gemiti, quello era quello che voleva e voleva di più. L’atmosfera era fantastica, mi stavo trattenendo dallo sperma, perché non ce la facevo più, poi ho sentito Renato dire, mezzo balbettando, che non ce la faceva più e ha iniziato a ruggire e venire dentro come Olivia. , quando ha sentito il suo seme, la sua erezione è aumentata ancora di più, con ciò inizia a muoversi più velocemente, io che stavo oscillando dietro di lei ero quasi caduto, ma ho mantenuto l’equilibrio e ho continuato a fotterle il culo, e non potevo metterci altro tempo, ho urlato forte, che stavo per venire su quel culo delizioso.

La cosa era così buona che ho dato come quattro spessi scatti di cazzo. Dopo esserci divertiti, io e Renato avevamo ancora la forza per continuare a scopare, dando a Olivia abbastanza tempo per iniziare a gemere sonoramente dal suo fantastico orgasmo. Ho sentito il suo culo soffocare il mio cazzo a causa della contrazione muscolare.

Lui cade accanto a Renato, Olivia si stacca da lui con la figa e il culo che le gocciolano sulle gambe e cade dall’altra parte di lui, quasi addormentata per la stanchezza. Tutto ciò che riusciva a sentire era un respiro affannoso. Siamo rimasti così per circa 15 minuti, riposando finché Olivia non si è alzata dicendo che stava per fare la doccia.

Renato fu il secondo ad alzarsi, diede la buonanotte e andò in camera sua. Così mi sono fatta coraggio, mi sono alzata e sono andata a farmi una doccia. Il giorno dopo ci siamo svegliati solo alle 10:00, confusi e spaventati dalle persone che arrivavano alla fattoria. La giornata trascorse normalmente e noi tre eravamo come migliori amici. Tornati a casa dove eravamo, eravamo ancora solo in tre, quindi non ho perso tempo, ma quella storia sarà per un’altra storia.

Ti è piaciuta questa storia? Ti è piaciuto il modo in cui è stato scritto? Vieni, contattami, ho altre storie che potrebbero piacerti. Parliamo un po’, immagina una storia su un’avventura che hai avuto o forse potrebbe essere qualcosa che vorresti vivere. Ma anche se la storia non ti piace o se qualcosa non va molto bene, puoi venire a parlarne con me e ascolterò il tuo suggerimento. WhatsApp: (61) 9 9375-1232.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *