l’ultima riunione III

di | 9 de Dicembre, 2022

– Merda, Ercolano! Sei di nuovo duro? …Thelma ringhiò senza fiato mentre entrava nella stanza d’ospedale e si trovava faccia a faccia con il ragazzo che sfoggiava la voluminosa erezione mattutina.

-Eh eh! Sì! Ha indovinato che stavi arrivando! Herculano ha risposto beffardamente “Sa che è l’ora del bagno!”

-Hmph! Da quello che vedo, stai molto meglio ora, vero? – commentò l’infermiera con tono beffardo – Penso che puoi farti la doccia da solo… allora torno subito!

Durante il bagno, Herculano aveva ancora ricordi di Laura, anche se si rammaricava della distanza che li separava, poiché era stata un’avventura da coltivare a lungo, soprattutto perché con la gravidanza di Celia e il conseguente trasferimento di devozione e affetto per la loro figlia appena nata , la relazione della coppia affrontò un pericoloso periodo di prolungata siccità. Tornato a letto, Herculano prese la medicina che gli aveva portato Telma e si assaporò la sua magra colazione guardando le informazioni sul suo tablet.

Poco prima di pranzo Celia venne a visitarlo con notizie del suo stato di salute che, secondo il medico curante, aveva mostrato un notevole miglioramento con possibilità di essere dimesso in pochi giorni; si scambiarono una mezza dozzina di frasi e lei se ne andò; appena se ne fu andata, un’altra infermiera entrò nella stanza; era una bella donna di colore con un sorriso intrigante che era venuta a misurarle la pressione sanguigna e la temperatura; purtroppo hanno avuto appena il tempo di scambiare molte parole perché il professionista sembrava avere fretta.

Poco dopo la sua partenza, gli venne in mente un altro ricordo: quello di Jesuína, una bella e attraente donna di colore che lo aveva incontrato qualche tempo dopo che lui e Laura si erano separati; Jesuína era la tipica donna i cui attributi fisici tornavano a qualsiasi uomo, ma che sceglieva gli abiti di una brava moglie, evitando così le molestie che la circondavano; aveva sposato Aparício, un negro rude e rozzo che non sapeva cosa ci fosse in casa sua quando era ancora giovane; Faceva il benzinaio e la sua unica preoccupazione era quella di essere un buon sostentamento per la famiglia composta da lui, sua moglie e Júlia, la figlia della coppia.

L’incontro tra Herculano e Jesuína non è avvenuto per caso, in quanto l’aveva vista in una certa occasione uscire da un negozio di alimentari vicino alla casa dei parenti e si era subito sentito attratto da lei; Da quel momento Herculano cerca subito di “provocare” incontri informali con la donna di colore dal sorriso accattivante, aspettando sempre l’occasione per molestarla più intensamente; e questa opportunità è arrivata inaspettata. In una mattinata piovosa, Herculano stava camminando per la zona mentre tornava a casa dal lavoro quando vide Jesuína in piedi sotto il tendone del negozio di alimentari, in attesa che smettesse di piovere per poter tornare a casa.

Agendo in modo inappropriato, Herculano scese dall’auto e le si avvicinò, offrendosi di accompagnarla a casa; Jesuña dapprima guardò l’uomo con espressione esitante e altrettanto sorpresa, declinando cortesemente l’offerta; ma l’insistenza di Herculano finì per sortire l’effetto sperato e lei finì per accettare il viaggio. Pendente il viaggio di corte, ils n’ont eu que du temps pour des choses agréables et quelque peu distanceas, mais la confianza de Jesuína de nurrir un enorme desiderio di tornare aux études to été le déclencheur pour Herculano de trouver un moyen de se rapprocher d ‘lei. Non avendo lei i mezzi per mantenere i contatti quotidiani, si offrì di portarle libri e documenti che le sarebbero stati utili, oltre a chiarire eventuali dubbi che potessero sorgere; naturalmente i dubbi si trasformarono presto in lezioni private da lui offerte.

Craignant d’être incomprise par son mari, dont l’ignorance était monumentale, Jesuña sues à Herculano that the “cours” aient toujours lieu le matin, très tôt, a moment où elle était seule à la maison avec Aparício au travail et Júlia à casa. ; Herculano non ebbe difficoltà a riorganizzare il suo programma di lavoro per accogliere la richiesta di Jesuña e così iniziarono a studiare insieme. Approfittando di alcune insinuazioni dell’amica, Herculano si è intromessa nella sua vita intima, scoprendo ben presto di essere una donna insoddisfatta a letto, poiché il suo compagno, oltre ad arrivare stanco dal lavoro, non sapeva come fare. .

-A volte l’Aparicio non sa che anche la donna ne trae beneficio! “Wow! Scusate!

-Lascia stare così – rifletté il ragazzo, fiutando un’opportunità che poco a poco si stava delineando – Pochi uomini si preoccupano di dare piacere alle donne… ma lui può imparare, no?

-L’apparenza? Certamente no! – È stupido! disse con tono esasperato. Testardo! L’uomo che pensa di sapere già tutto della vita!

– Ma penso che tu trovi un modo per liberarti, vero? chiese Herculano, correndo un rischio pericoloso.

Jesuína non rispose, preferendo evitare l’argomento; aprì un quaderno e fece una domanda sulla chimica; mentre rispondeva a Herculano, non mancò di notare che l’argomento precedente aveva messo a disagio la donna, che si alzò a sedere sulla sedia e lo guardò con ansia. Il tempo concordato stava volgendo al termine quando, finalmente, Jesuña si appoggiò allo schienale della sedia, arrendendosi.

– Sai cosa mi hai chiesto? “L’idea di venire da solo…beh…non ha funzionato per me!”

-Perché no? Quello che è successo? chiese Herculano, cogliendo l’occasione.

-Ci ho provato, sai… ma non ha funzionato! “Ho usato il mio dito… e anche un cetriolo!” …mi sono appena fatto male! Quindi… ci ho rinunciato!

Herculano represse il desiderio di scoppiare a ridere, e traendo un profondo respiro cercò di spiegargli come avrebbe dovuto comportarsi per ottenere un godimento solitario; Jesuína ha prestato molta attenzione (forse più che in classe!), e quando ha finito di spiegare, ha fatto un timido sorriso e ha riflettuto su quanto aveva sentito. “Va bene!…, proverò una di queste volte e se funziona… beh… non so se avrò il coraggio di dirtelo!”, commentò dopo aver riflettuto su quello che aveva fatto. Sentito.

-Nessun problema, no! – disse con tono sommesso – l’importante è che tu riesca a fiorire come donna.

Dopo aver salutato, Herculano se ne andò pieno di enorme frustrazione, immaginando di aver perso l’opportunità di conquistare Jesuína; e nei giorni che seguirono l’argomento non si ripresentava, costringendo Herculano a non insistere a rischio di perdere la fiducia della moglie. E quale fu la sua sorpresa quando, pochi giorni dopo, fu Jesuína a decidere di affrontare la questione. “Sai cosa mi hai insegnato? … beh … ha funzionato! “Ha commentato con un tono eccitato pieno di sorrisi a dimostrazione di quanto aveva detto.

-Buono a sapersi! Ed era buono? – Che cosa ? rispose l’uomo con tono esasperato incapace di nascondere la sua ansia.

– È stato bello ? …, è stato fantastico! – Era la mia prima volta, sai? rispose, ancora più eccitata. Non sapevo potesse essere così buono!

Jesuína ha cercato di raccontarle i dettagli, ma lei si è tirata indietro, cambiando espressione come se fosse preoccupata che il suo sfogo potesse dare un’idea sbagliata di lei; Herculano non ha insistito, ma era felicissimo di immaginare che presto avrebbe potuto saltare! La verità è che da quel momento in poi divennero più intimi e Jesuína si sentì libera di fare scherzi maliziosi al suo “maestro”. E pochi giorni dopo accadde qualcosa che cementò il desiderio del maschio per la femmina.

Come al solito, Herculano si stava dirigendo verso la casa di Jesuína anche se si era accorto che si stava avvicinando un temporale e che la zona circostante era soggetta ad allagamenti; appena entrato nella residenza studentesca, la pioggia cadeva con furia incontrollata; Il ragazzo si guardò intorno e non trovò Jesuña; L’edificio, che si componeva di tre stanze, dove la cucina condivideva un ambiente con il soggiorno di fortuna, sembrava abbandonato, finché la porta del bagno non si aprì e lei ne uscì avvolta in un asciugamano, senza fiato.

Furono entrambi sorpresi dall’evento, ed Herculano si sentì pulsare il cazzo dentro i pantaloni mentre immaginava le delizie nascoste sotto quell’asciugamano; Gesù, invece, si sentiva a disagio nel cercare un modo per alleviare una situazione che si faceva sempre più tesa… improvvisamente, per un gesto distratto, l’asciugamano cadde a terra, rivelando la nudità del sogno davanti al occhi di un uomo avido. .

Un paio di seni generosi con capezzoli già gonfi che coronavano areole dai toni un po’ più rosati e un ventre piatto leggermente sporgente contornato da cosce grosse, componevano un’immagine che lasciava Herculano agitato al punto da avanzare verso il suo abbraccio, massaggiandolo. lei con un braccio mentre la mano dell’altro si occupava di accarezzare e massaggiare i capezzoli della femmina, i cui lo sguardo sbalordito non ha resistito.

E il primo bacio fu così ardente e voluttuoso che entrambi si donarono anima e corpo, Jesuína cedendo a un desiderio che la divorava da tempo. Herculano strinse i seni della donna, desideroso di averli in bocca, cosa che presto accadde su richiesta del suo compagno; Succhiò i capezzoli con enorme voracità al suono dei gemiti della femmina, accarezzandogli i capelli mentre con l’altra mano palpava e strizzava il rigonfiamento prominente nell’inguine del maschio.

Con gesti quasi goffi aiutò Herculano a spogliarsi e insieme andarono al letto matrimoniale che li aspettava; Tra baci e carezze, Jesuína lasciò andare il suo compagno, serpeggiando attraverso il suo corpo fino a raggiungere con la bocca il membro grosso e duro, prendendolo per un glorioso e desiderato pompino. Jesuína ha spiegato tutte le sue voglie di succhiare un bastone, anche se in seguito ha confessato di non averlo mai fatto con suo marito, il che ha causato un grande clamore a Herculano, che ha emesso rauchi grugniti denunciando il piacere che provava.

Non ci volle molto perché uscissero a un nove e mezzo dove il maschio si dilettava ad assaporare la grotta morbida, calda e umida che gli versava lo sperma sulla lingua al suono dei gemiti soffocati di Jesuña, che stava anche succhiando e leccando il suo cazzo. albero apprezzandone la rigidità e le dimensioni. Sotto una tempesta furiosa, Herculano e Jesuína si compirono.

Ad un certo punto, la coprì con il suo corpo, lasciando che il suo albero trovasse la strada nella caverna senza aiuto; quando il glande ruppe la vulva, Jesuína sussultò come se si sentisse piena di virilità; Herculano sorrise e continuò a speronare col membro la sua compagna, la quale fu felicissima di sentire il bruto riempirla tutta; e quando iniziò i movimenti pelvici, tirando e reintroducendo il suo arnese all’interno della femmina, lei non esitò a festeggiare con urla e gemiti, afferrando la vita di Herculano come se avesse intenzione di dettare il ritmo delle penetrazioni che si intensificarono in una spirale inebriante che si conclusero in successivi orgasmi che scuotevano il corpo della donna in preda all’estasi delirante.

Herculano si sforzò di dare a Jesuína tutto il piacere di cui il marito l’aveva privata per tanto tempo, e lo sguardo languido della femmina e i suoi baci, ogni volta più lunghi e profondi, con lingue che lottano all’impazzata, testimoniano il successo del maschio nel saziare la lussuria del donna; la copulazione prese un corso sempre più veemente, ed Herculano si sforzò di fare del suo meglio affinché Jesuína potesse sperimentare il sale della vita.

-No! Divertiti con me! “Sto per operarmi e… Ahhh! Voglio sentire la merda dentro! Ahhh!”

Herculano le sorrise e accelerò ancora di più i suoi movimenti finché uno spasmo accompagnato da involontarie contrazioni muscolari pose fine al delirio carnale con lo sperma caldo che inondava l’antro della femmina che urlava di tanto piacere sentendo quell’onda scorrere dentro di lei. E mentre la pioggia non smetteva, la coppia è rimasta a letto abbracciandosi e scambiandosi baci. Poiché si avvicinava il momento in cui Jesuína non sarebbe più stata sola in casa, chiese a Herculano di vestirsi prima di uscire. “Sì! Sì! Sì, lo voglio!”, rispose quando il ragazzo le chiese se voleva ancora che la rivedesse… ed Herculano se ne andò felice e contento.

E tornò, più volte, e in ciascuna di esse la coppia godette di un sesso focoso che lasciò Jesuína esausta, ma piena di piacere e soddisfazione, arrivando persino a negare i rapporti con il marito che ruminava ma finiva per lasciarlo; Un giorno, mentre si stavano accoppiando in posizione da “cucciolo”, Herculano fissò lo sguardo sulle natiche carnose del compagno e le aprì per apprezzare il solco tra di esse e anche il piccolo foro nascosto. Seguendo il suo istinto maschile, ha toccato il piccolo foro e poi ci ha salivato sopra, immergendovi anche il dito indice.

Jesuña emise un rauco ringhio, ma non respinse il gesto; Herculano allora gli estrasse il membro e dopo alcuni colpi vi si gettò sopra, spezzando la sua resistenza e provocando l’invasione del glande provocando un’enorme sensazione nella femmina che lanciò un urlo isterico senza alcun segno di arretramento; Il maschio continuò finché riuscì a sentire tutta la sua asta dentro il suo partner e senza perdere tempo iniziò una vigorosa sequenza di spinte che fecero tremare il corpo di Jesuína mentre lei gemeva, urlava e sospirava, provando l’indescrivibile sensazione. interrotto il rapporto anale. Ancora una volta ha ricevuto il carico di sperma ora nel suo retto rallegrandosi del piacere goduto.

I ricordi di Herculano su Jesuína non tardarono a dissiparsi, così come il loro rapporto quando Aparicio, suo marito, perse il lavoro e decise di tornare in patria con la promessa di un lavoro e l’abbraccio della sua famiglia; ed è successo tutto così in fretta che Herculaneum lo ha scoperto solo quando è arrivato per una nuova classe e ha trovato il cartello “affittasi” appeso davanti alla proprietà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *