Magia 14 – Fine

di | 12 de Dicembre, 2022

Lilith ha preferito aspettare Fernando in camicia da notte. Ho avuto una conversazione seria da avere con lui. Occupati prima del dovere. Quindi chissà, divertente?

Lilith e Fernando erano lì per fare questa conversazione, alla locanda di Paraty. Lì i due erano soci, con la moglie Alice, una bella haitiana. A chi è sorpreso da questo personaggio o da questo luogo, consiglio di leggere “Lilith e Alicia a Punta Cana”, soprattutto la parte finale.

Comunque, erano a Paraty e Fernando entra nella stanza con una bottiglia del suo whisky preferito. Aveva promesso di raccontare in dettaglio un episodio accaduto a São Lourenço. È in pantaloncini, si toglie la maglietta, si siede sulla sedia del balcone. Lilith si avvicina e si siede sul divano di fronte. Chiede: “Allora?”

Fernando beve un altro sorso, si appoggia allo schienale del divano, alza lo sguardo, poi la guarda e comincia: “Così, era fine settembre, ho ricevuto l’invito da Sibele e Rosa, poi anche da Mel, per andare a São Ostello Lourenço Anch’io ero interessato, avevo una proposta per farti conoscere per Rosa In qualche modo dovevo mettere Mel sulla strada giusta Sai che mi sono sempre preso cura di lei abbiamo ancora un legame molto sessuale.

Penso che ce l’abbiamo tutti, no? Penso che abbiamo un po’ di amore, affetto, attrazione, sembra che sviluppiamo questa cura per rispetto di tutti. Non ho mai visto niente di simile prima. Ebbene, quel giorno, nel tardo pomeriggio, arrivai alla locanda. Era un venerdì, sai, la locanda è vicino allo stagno. Era strano, nonostante l’arrivo della primavera, tranne la cabina principale, sembrava tutto chiuso.

Quindi ho parcheggiato proprio lì. Scesi le scale, bussai alla porta e mi rispose Rosa. Era bella come sempre. Quando sono entrato, Sibele si è avvicinata ed entrambi mi hanno abbracciato e baciato. Certo, mi sono sentito molto ben accolto lì.

Ho chiesto di Mel, mi hanno detto che stava preparando la festa con Tenia, nell’altra capanna, la “maestra”. Questa capanna era un po’ nascosta, nel bosco.

Ho pensato che fosse un buon momento per parlare con Rosa, visto che Sibele ha detto che si stava preparando per la festa, che sarebbe stata “fantasia”. Ma prima di andare a fare la doccia, mi ha detto di aprire la bocca e chiudere gli occhi. Sono rimasto sorpreso ma ho obbedito. Mi ha messo una pillola in bocca e ha detto “ingoiala”. Certo che ho ingoiato, vero? Con lui mezzo seccato, Rosa mi aiutò dicendomi di prendere un tè freddo.

Con Sibele sotto la doccia, Rosa mi ha invitato a sedermi accanto a lei. Fu allora che dissi che trasmettevo investimenti, che capii che la tua locanda era una buona compagnia. Parlò un po’ delle spese che aveva avuto fino a quella data. In meno di dieci minuti ho proposto di inviare abbastanza per costruire 5 capanne più semplici, oltre a un’altra capanna del Maestro.

Con ciò, avrebbe accettato Mel come partner, ovviamente dovendo nominare qualcun altro, se necessario, alla guida. Ha chiesto se Mel fosse a conoscenza di questa proposta. Ho detto no.

Rose non ha dovuto pensare troppo. Disse: “Fernando, posso accettare questa proposta, ma ho una condizione da rispettare, oggi. Non parleremo più di affari, visto che parteciperai alla nostra festa in maschera. Alla festa farai tutto chiediamo. No Non preoccuparti, non ti faremo del male.” Mentre lo diceva, rise. Ovviamente ho accettato.

Quando Sibele è uscita dalla doccia, hanno chiesto di te, se stavi bene a Paraty, se avevi intenzione di andare alla RGS, presentare Alice, quel genere di cose. Abbiamo iniziato a parlare e Sibele mi ha portato in bagno dicendomi di spogliarmi e di entrare in acqua, che lei e Rosa mi avrebbero “docciato”.

Continuo a chiedermi come ho accettato tutto ciò che mi hanno chiesto. Ma è stato così bello. Più tardi, il suo piccolo tè, sebbene amaro, era persino gustoso. Ho chiesto ancora, ho chiesto cosa fosse. Sibele rise, disse che era una specie di abbronzatura, che se non avesse “bevuto troppo, non sarebbe stato un problema”. Che fosse un afrodisiaco, che potesse persino pensare che fossero più carini. Entrambi ridono. “E la pillola è il Viagra Fernando, oggi ne avrai bisogno.”

Ti devo parlare del bagno?”

Sorridendo, Lilith disse: “Tè, alcuni giurano che sia la mandragora di Fernando, ma in realtà è una bevanda che Sibele sa fare. Ha studiato molto a riguardo. Tra gli altri. Ci sono anche erbe che vengono usate in questi culti, nella bevanda che chiamano Ayahuasca. Finisce per avere un effetto ipnotico, a dosi più elevate provoca allucinazioni. Questo è più o meno l’effetto. Ma nelle dosi sbagliate, questa combinazione è pericolosa…” Ma, conta. Amo tutti i dettagli…

Altre storie erotiche  Racconto erotico di tradimento - Boca Maldita

Fernando continua: “E’ vero. Dicevo sul serio. Sono entrato nella doccia, Rosa è già venuta a togliersi il vestito e ha detto che mi avrebbe fatto il bagno, che sarei rimasta solo sott’acqua. Sibele è andata a cercare il vestiti che erano Cosa mettere, gli asciugamani. Sotto la doccia, entrambi nudi, Rosa mi ha insaponato a lungo, collo in giù. Mi ha passato, un braccio alla volta, il collo, facendomi scivolare le mani sul petto, lodando la mia abbronzatura. Ha detto che ero diventato interessante dopo essermi rasato la testa, ma i capelli erano a posto, tutti bianchi. Cioè, ha parlato a bassa voce, ha detto apprezzato e mi ha toccato …

Quando ha raggiunto il mio stomaco e si è mosso verso il basso, il mio cazzo già leggermente duro si è trasformato in pietra, ancora di più quando ha preso la borsa con una mano, mentre con l’altra si stirava la pelle. Ha detto che ricordava quanto fosse bello succhiarmi. Volevo portarla al cibo, ma lei ha detto “non è ancora gustoso, aspetta”. Poi mi lavò le gambe, una alla volta, usando entrambe le mani, tastando i muscoli. Potrei dire dal suo respiro che era anche molto eccitata. Allora Rosa mi ha chiesto di girarmi, di appoggiarmi al muro, mi ha detto, “perché il pavimento era molto insaponato”. Ho obbedito, sapendo che sarebbe successo qualcosa di diverso…

Rosa ricominciò a salire, giù per la schiena, facendo scivolare giù le mani insaponate. Raggiungendo il mio didietro, prese una natica in ogni mano, tastando, lasciando che le sue dita scivolassero lungo la mia scollatura. Puoi accertarlo? Ha detto: “Sono sempre stata curiosa della tua reazione a qualcosa Fernando, vero?” In quel momento lo stavo già immaginando, ma le ho detto di fare quello che voleva, che presto l’avrei fatto anch’io. lei rise.

Già china continuava a lavarmi il culo, accarezzandomi con le dita, e con l’altra mano mi stringeva forte il cazzo. Beh, mentre lo faceva, mi ha infilato il dito insaponato nel culo, dentro e fuori, molto lentamente. Ho detto che era già uno scherzo, ha appena riso. Ho detto: “Bella troia Fernando, il tuo cazzo è diventato ancora più duro”. Si alzò, mi abbracciò, premette il suo corpo caldo contro il mio. Baciandomi ha continuato a succhiarmi la lingua. Ho risposto. Cominciai ad accarezzarle anche il corpo, facendo scivolare le mani lungo la sua schiena, quel sedere sodo e delizioso.

Raggiunto il suo culo, ho cercato di recuperare la banconota, infilandoci anche il dito, presto gliel’ho infilato tutto dentro. Lei gemette e mi abbracciò più forte.

Quando Sibele è tornata, Rosa era inginocchiata sotto la doccia e mi succhiava il cazzo. Ti dirò, a quel punto, le stavo tenendo la testa, muovendo avanti e indietro la sua piccola bocca. Sibele ha detto “ragazzi, non voglio interrompervi, ma abbiamo tutta la notte per questo”, ora asciugatevi. Prima tu, Rosa. Rosa, ridendo, si alza ed esce dal palco. Condividono un bacio bagnato. Sibele si asciuga il corpo, scherzano e ridono. Poi è stato il mio turno”

Lilith osserva che il cazzo di Fernando è molto duro, meglio togliersi i pantaloncini, mettersi più comodi. Lui è d’accordo, lei aiuta. Allora togliti la camicia. Racconta la storia per continuare. Lui continua:

“…Noi tre vestiti di mantelli neri, siamo usciti e ci siamo incamminati lungo il sentiero interno, entrando nel bosco, che separa la capanna del Maestro dal resto. Era una luna crescente, quasi piena, che schiariva davanti alla capanna, in una fontana. Nella radura avevano acceso un grande fuoco. Avevano anche messo diversi tatami e un materasso più alto, molti cuscini, avevano anche sistemato un tavolo basso e largo, c’erano tutti i tipi di frutta di stagione, cereali e altro. C’era anche un secchio con diverse bottiglie di spumante e cioccolata, ricordo perché ho mangiato un branzino…

C’era musica, qualcosa di celtico o altro. Batteria e archi. Era bellissimo, sempre la stessa bussola, lo stesso ritmo, ti entra in testa. Mi sono seduto lì con Rosa e Sibele, abbiamo parlato. Dopo un po’, Mel e questa ragazza sono uscite dalla capanna. Tania. Indossavano anche cappotti neri con cappuccio. Immagina, noi cinque lì in mezzo alla foresta, incappucciati. Hanno chiesto di te. Poi ho raccontato le basi di quello che avevi fatto lavorando nella Repubblica Dominicana, ma loro sembravano già sapere anche più di quello che avevo detto. Sibele e Rosa sono andate a provare alcuni passi di danza accanto al fuoco. è stato abbastanza carino

Altre storie erotiche  Ricordi (Parte 4)

Sono rimasto a parlare con Mel e Tanya. All’improvviso si alza, lascia cadere il cappotto, si spoglia. Lei è molto bella.”

In quel momento arriva Alicia, vedendo che Lilith e Fernando sono sul balcone, che è nudo. Bacialo, chiedi a Lilith se le aveva mai parlato di questo argomento. dice di no Alice si toglie il vestito, lasciandolo nelle mutandine. Si stiracchia e si siede accanto a Fernando. Approfitta del suo cazzo duro, allunga il piede, se lo strofina sul sesso. Mentre lo fa, sorride.

Lilith spiega che Fernando sta segnalando. Per farle prestare attenzione. Dice “continua così piccola…”.

Fernando chiede se Alice conosce Mel e Tania. lei dice di no

Continua: “Bene, Tânia e Mel, sono entrambe di statura media, Tânia ha gli occhi castani, quelli di Mel sono azzurri. Tânia è mora, con il seno medio sodo, con i capezzoli grandi. Abbronzata e muscolosa, ha una bella figa, un Grande rigonfiamento Mel, invece, ha un corpo un po’ meno sfarzoso, ma è anche calda, dalla pelle bianca, sia insieme che nuda, secondo me, erano bellissime.

Mi si secca la bocca solo a guardarlo. Chiedo da bere a Mel, lei mi porta questo tè freddo. Mentre bevo un sorso, i due si abbracciano e si baciano in modo dolce e molto affettuoso. Le mani scivolano sui corpi. Mentre Mel bacia Tânia, ora sul collo e le arriva al seno, Tânia chiude gli occhi, divertendosi. Quindi si sdraiarono entrambi accanto a me. Il mio cazzo ovviamente, in questo momento è duro, come un paletto.

Finisco il tè e li assaporo entrambi. Mel continua a baciare il corpo di Tania, la bocca che le scivola sul ventre. Si mette tra le gambe di Tania e le fa un bel pompino. Di tanto in tanto mette la bocca sulle cosce di Tania e le mordicchia. Poi ritorna, prendendo le labbra della sua figa una alla volta e succhiandole mentre spinge le dita dentro di lei. Quando la figa di Tania è completamente dilatata, Mel passa le dita attraverso la sua bocca, ora succhiando il suo bocciolo. Delizioso.

Ma non si sarebbe limitato a guardare. Mi avvicino, comincio a baciare questa deliziosa boccuccia, con la mano le accarezzo e pizzico leggermente i seni. Il miele esce tra le sue gambe. Tânia mi fa sdraiare, si siede sul mio corpo a gambe divaricate, strofinando la sua vagina sul mio sesso. Mi prende il viso e mi dice: “Ti ho conosciuto senza conoscerti, Fernando ti amava già. Mi trovi sexy?”… Io ho risposto che ero deliziosa. Lei sorrise e disse: “…Okay, ora mi darai tutto quel cazzo. Ho aspettato per un po’. Ci siedo sopra…”. L’ha fatto. Alzando i fianchi, si posiziona sopra il mio cazzo. Mel tiene il membro al centro, avvicinando la testa all’ingresso della vagina della coppia.

Tânia abbassa lentamente il suo corpo, mentre il mio cazzo la penetra. Alza gli occhi al cielo stellato. Sospira, inizia a rotolare, ansima, il mio cazzo entra ed esce. Lo sai che da questo momento le cose iniziano a farsi confuse? Ricordo Tânia che si girava, cambiava posizione, si sedeva e baciava Mel. Ricordo perfettamente quando è venuta urlando, ricordo anche che il mio latte è esploso, tutto, ho anche urlato che stavo per finire. Li ricordo abbracciarsi, sorridere, baciarsi.

Un altro ricordo che mi viene in mente è quando Mel mi allattò, Tania mi baciò e mi succhiò la lingua. Dopodiché, prendo Mel e la metto sul fianco, cosa che so che le piace. Presto viene anche su di me, quindi avendo il controllo, mi scopa gustosamente. Comincio a succhiarle il seno, infilando la mano nel suo buco, accarezzandole il culo, finisco per seppellire il dito. Poco dopo accelera i suoi movimenti, arriva anche lui.

Da lì le cose iniziano a diventare davvero confuse, dormo con entrambi. I tre si scambiano un abbraccio. Presto ci saranno anche Rosa e Sibele. Noi cinque sdraiati lì, tutti aggrovigliati, gemendo, scopando… Certo che me lo sono messo e ho scopato molto bene la figa di Rosa, a testa in giù. Ricordo anche Sibele, dopo l’arrivo di Rosa, che mi diceva di sdraiarmi sulla schiena, salire con il suo corpo e sedersi sulla mia bocca, strofinandoci sopra la figa e il cazzo, succhiandomi caldo. È venuta così, ricordo le sue grida.

Altre storie erotiche  Ho tradito il mio ragazzo con il suo amico

Da lì, i corpi nella mia memoria iniziano a diventare tutti bianchi, lucenti. So chi sono, ma la faccia non riesco nemmeno a vederla bene. Un ricordo che ti balza all’occhio, Sibele con un grosso bastone che se li mangia tutti, le coppie cambiate sul tappeto. A volte erano “trio”. Pazzo. Inoltre non ricordo quando sono venuto la seconda volta, ma dovevo venire, giusto?

Il giorno dopo, che era sabato, mi sono svegliato a metà mattinata. Ero sdraiato sul letto del Cabana Master, c’erano anche Mel e Tânia, che dormivano su un cucchiaio. Quando mi sono alzato sono andato a farmi una doccia e ho visto che il mio cazzo era tutto crudo, sotto la doccia ho visto uscire del sangue e poi ho capito che forse Sibele mi aveva scopato. Ecco da dove viene quello che ho detto sulla puttana…

Siamo andati a fare colazione al ristorante dell’ostello, gli altri erano già lì. Rosa ha detto a Mel che ora era una compagna. Hanno festeggiato tutti insieme.

Poi, separatamente, Mel mi ha ringraziato per aver risolto alcuni aspetti del nostro divorzio che aveva sempre ritenuto svantaggiosi. Ha colto l’occasione per dirmi che lei e Tânia si sarebbero sposate la settimana successiva, che se volevo potevo partecipare. Purtroppo non sono potuto andare perché ero in Uruguay.

Volevo condividere con voi la notizia che Tènia è incinta, che mi è stata annunciata a fine dicembre. Ecco perché ho comprato loro una casa, sai? È stato un regalo, ho sempre desiderato un maschio, ma sembra che sarà una femmina”.

Lilith guardò Alice, poi Fernando. Seriamente, ha detto: “Senti Fernando, nella seconda parte della conversazione, mi congratulo con te. Per quanto riguarda il primo, beh, Sibele è una strega. Non fare quella faccina, lo sei. strega. Fa parte di un gruppo a Florianópolis, da qualche anno ne ha allestito un altro, proprio lì con Mel, Rosa, Tânia. Mel è anche già una strega molto potente. Quanto a Rosa e Tânia, sono delle streghette. A proposito, Fernando, anch’io…” .

Continua: “Secondo te, quindi, non hai partecipato a una festa in maschera, ma a una festa che precedeva un sabato, piccolo, di inizio primavera. Quando sei svenuto, è stato allora che hanno davvero festeggiato. infranse una regola, che è d’oro, quella notte. In ogni caso, la magia deriva quasi sempre dall’uso di energia sessuale potenziata. La ricerca dell’orgasmo, il suo apice in questo momento promuove sempre la spiritualità. Anche la Wicca pone molte domande e trascende questa questione di genere. In effetti, cerca di superare questo, di trasgredire. Ecco perché forse Sibele ti ha fottuto davvero, ti ha mangiato il tuo prezioso culo.” Lilith sorride, ma presto si fa seria, dice:

“Se la bambina è una femmina, scommetto che la chiamerà Ostara, poiché credo che sia stata generata nel giorno di questa dea.” Con sorpresa di Fernando, confermando che il nome proposto era lo stesso, Lilith si alza, prende la camicia da notte.

Mette in mostra il suo corpo e finisce per passarsi la mano sullo stomaco: “Vedi? Ma si scopre che all’inizio di settembre eri con noi. Quanto a nostra figlia, nascerà con qualche settimana di anticipo. » Cos’è Alice? ha chiesto si riferisce al chi. Lei ed io ci sposiamo, ora alla fine di gennaio. Abbiamo bisogno di te, non per registrarlo, ma per organizzare un test, pronto. Vogliamo che il tuo nome appaia sul certificato di nascita. sia come madri. So che questo non è il tuo dominio, ma puoi fare causa per noi? »

Con questa affermazione, Fernando ha dimenticato tutta la sua emozione. Aprì la bocca, non sapeva se ridere o piangere. Dopo molte conversazioni riuscirono, non solo Fernando accettò di assistere al matrimonio, con Isabel, l’amministratore giamaicano della locanda, ma anche la ragazza, che sarebbe stata la prima figlia che avrebbe generato.

Non è difficile immaginare che da quella data il legame di Fernando con le quattro donne si sia rafforzato, sia a Paraty che a Porto Alegre. Ma lo diremo un altro giorno.

—– FINALI —–

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *