maledetto vecchio!

di | 12 de Dicembre, 2022

Beh, prima di tutto, mi dispiace di esserti mancato, avevo a che fare con questioni personali; Ebbene, alcune delle storie che racconterò d’ora in poi sono successe a me o ad amici.

Mia nonna possedeva un albergo in una cittadina rurale. La mia infanzia è stata molto buona. Quando ho compiuto 13 anni il mio corpo ha iniziato a cambiare, il mio seno ha iniziato a ingrossarsi e il mio corpo ha iniziato a prendere forma. Non era rimasto quasi nulla della ragazza magra di prima; capelli castano bianco fino alle spalle vita sottile, culo medio e cosce toniche 1.58 Ho già dato i segni della grande donna che sono diventata.

Un venerdì pomeriggio, dopo essere tornata a casa da scuola e mia nonna andata a sistemare le cose in albergo, sono arrivati ​​i vertici della fabbrica, ho raccontato loro le regole dell’albergo e gli orari dei pasti e tutto il resto, li ho portati nelle loro stanze e sono tornato a la reception. .

Sabato mattina mia nonna mi ha detto di andare a chiamarli per la colazione perché non si era presentato nessuno e dovevo pulire il tavolo, ho bussato alla porta e un omone mi ha detto di aprire senza maglietta e in pantaloncini giocando a palla che aveva La tenda era stata montata e siccome era grande, continuavo a guardarla. Non riuscivo a respirare. Non avevo mai visto niente del genere. Con difficoltà, dissi quello che mi aveva detto mia nonna e tornai al ricezione. Durante il pomeriggio è venuta da me e ha detto che il fazzoletto era sporco se potevo cambiarlo ho detto di sì e sono andato a prendere una nuova biancheria da letto e ho detto a mia nonna dove sarebbe stato.

Altre storie erotiche  Mia moglie con un altro ragazzo

– Stai attento fia e sii veloce tutto è in anticipo.

Mi ha parlato e mi ha visto camminare lungo il corridoio quando sono entrato nella stanza era buio sono andato alla finestra e ho aperto le tende ho sentito qualcuno entrare dalla porta e sono tornato era uno dei contadini per essere più precisi Mi manca un vecchio sconosciuto e brutto che mi ha preso le tette e mi ha storto e mi ha detto di stare zitto se avessi fatto rumore avrebbe detto a tutti quanto fosse brutto l’hotel e non avremmo più ospiti per la nonna, quindi sono rimasta tranquilla, mi ha sollevato il vestito e ha iniziato a succhiarmi i seni che stavano ancora crescendo così mi faceva un po’ male, si adattavano perfettamente alle sue mani che erano callose e doloranti ma non voleva smettere. Ho iniziato a sentire la mia figa tremolare e le mie mutandine. Bagnandomi gemetti, mi passò la mano sulla pancia e iniziò ad accarezzarmi la figa attraverso i vestiti, stavo ansimando per l’aria, il mio cuore batteva forte e ho iniziato a tremare. E così sono arrivato tremando molto.

– Vieni per me ragazza, puttana calda, succhierò tutto quel Melzinho piranha dall’interno.

Mi ha messo in ginocchio facilmente, ha tirato fuori il suo cazzo e me lo ha forzato in bocca, ho cercato di uscire e l’ho morso, mi ha schiaffeggiato bene in faccia, ho urlato e ha usato questa distrazione per spingersi in profondità nella mia bocca in questo modo disgustoso il cazzo peloso non era né troppo grosso né troppo spesso; mi teneva ferma la testa e continuava a muoversi avanti e indietro finché il mio naso non toccava i suoi capelli sempre più velocemente. Ho iniziato a vomitare, il che mi ha fatto venire l’acquolina in bocca e ha reso più facile per il cazzo entrare nella mia bocca. Qualcuno ha sbattuto la porta e ha urlato che sembravo un rompicoglioni e stavo guardando la mia figa pulsare molto e il mio culo tremolare; Mi venne a gocciolare tutto in bocca, ne inghiottii un po’ e mi gettai il resto in faccia.

– Quella puttana del cazzo non sa nemmeno succhiare bene.

Altre storie erotiche  Storia mista - La mia sorellastra mi ha proibito di masturbarmi.

Mi ha buttato sul letto a quattro zampe sotto le mie mutandine e mi ha infilato la lingua nel culo, infilandomelo fino in fondo e sbavando molto, infilando un dito nella mia figa vigorosa e massaggiandolo molto. Ho iniziato a tremare e gen si è fermato e ha iniziato a schiaffeggiarmi forte su queste fiche calde. Dato che ero molto bagnato, avevo pressione e bruciavo, sono venuto senza vergogna.

– Smettila di fare quel rumore, puttana. Woah, più rumore fai, più verrai colpito.

Il cazzo punta il suo cazzo nel mio culo infilandolo in profondità. Così forte che l’ho sentito strappare fino in fondo mentre picchiava forte e mi sbatteva il sedere con l’altra mano, il vecchio affondava le dita nella mia figa calda e appiccicosa tirandomi il clitoride, i dolori erano intensi. Ho iniziato a piangere. Smetto di usare il cazzo e comincio a picchiettare con il dito, il dolore è passato, ho iniziato a piacermi, ho quasi avuto un orgasmo violento. Sono salito e stavo per rimettermi dentro il culo, ma lui me lo ha rimesso nella figa. Ho iniziato a piangere e a chiedergli perché era malato. Lui belligerante al mio bozzolo e stretto.

– puttana non sente dolore, rotola capra o ti faccio male.

Mi ha tirato i capelli e mi ha morso il petto per dimostrare che non stava scherzando. Stavo ancora piangendo ho fatto quello che mi ha detto ma non è bastato che venisse le mie gambe tremavano e mi faceva male il corpo ho iniziato a supplicarlo di lasciarmi andare mi ha lasciato sdraiato sul pavimento e si è inginocchiato davanti a me e l’ho messo giù, mi ha dipinto di nuovo in bocca, sciocco e ho messo la mia mano all’ingresso della mia figa e colpisce e colpisce forte. Gli ho succhiato forte il cazzo ad ogni schiaffo e l’ho sentito tremare e un fiotto di sperma è uscito dalla mia bocca e l’ho succhiato tutto pulito, si è sdraiato sul pavimento e mi ha detto di ripulire il casino.

Altre storie erotiche  Safada giapponese 2° tradimento - 2° parte

Ho cambiato la biancheria da letto e sono andata in camera mia a piangere. Ho fatto la doccia e sono andato ad aiutare a preparare la cena. Più tardi quella notte, la nonna mi ha dato una scatola di caramelle e ha detto che questo era l’uomo che mi ha chiesto di toccare le lenzuola, lo ha ringraziato per la sua gentilezza e dedizione. Mi ha chiesto se andava tutto bene, ho detto di sì e sono andato a letto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *