Matrigna arrapata II

di | 12 de Dicembre, 2022

Come stai? Questa è la mia seconda storia, continuerò con la prima, quindi se non l’avete ancora letta, tornate a controllare per scoprire come sono arrivata qui.

Sono tornato a casa scioccato da ciò a cui avevo appena assistito… PQP Ho fatto esplodere la mia matrigna! Amico, che situazione fantastica, che figa deliziosa e che pompino! Non c’è niente di meglio che flirtare con una nuova ragazza e scoparsi la madre cinquantenne… Mi sono fatto una doccia con il sapore di quella meravigliosa fica in bocca e ho finito per rendere un altro omaggio a questa donna…

Il giorno dopo ero all’università nel pomeriggio quando Carmen mi ha chiamato…

– Ciao Pierre, come hai passato ieri?

– Sto pensando a te ea quello che abbiamo fatto.

Quindi dobbiamo parlarne…

– Ok, ho lasciato la macchina con mia sorella e sono venuta in autobus all’università, se vuoi vedermi dopo la scuola sarebbe fantastico, possiamo parlare.

– Ok, lascio pilates alle 16:00, passo, baci. Addio.

– A dopo ciao.

Mi sono chiesto di cosa volesse parlare, ma mi sono rilassato dato che ora eravamo entrambi complici.

All’ora concordata ci è venuto a prendere, ci siamo allontanati un po’ e lui ha fermato la macchina nell’ombra e si è voltato per parlare con l’auto in movimento.

– Peter, quello che abbiamo fatto è stato molto sbagliato, mi dispiace molto. Le cose vanno male con mio marito e mia figlia, ieri non ho potuto parlare con nessuno di loro…

E se seguiva un lungo discorso di pentimento, lui la lasciava parlare e quando finiva diceva che aveva capito, che se voleva non tirava su questo argomento e la vita che segue.

Altre storie erotiche  piccoli peccati

Ma ha anche detto di essere stato il primo fidanzato di sua figlia e che, sebbene ci piacessimo, sarebbe stato difficile che il nostro rapporto andasse molto lontano, poiché avevamo grandi incompatibilità che, nel tempo, avrebbero posto fine alla nostra relazione giovanile.

Ha zitto, ha detto che era una follia e che non sarebbe successo di nuovo.

Quando è andato a casa mia, siamo rimasti in silenzio e ho iniziato a notare che piangeva piano. Rimasi in silenzio con aria amichevole.

Arrivato a casa, gli ho chiesto di venire a calmarsi un po’ prima che tornassi a casa, è venuto a servire l’acqua e abbiamo chiacchierato.

Quando mi sono calmato gli ho detto che me ne andavo, mi sono avvicinato e sono andato a baciarlo sulla guancia e lui mi ha dato un bacione. Poi ha detto che era un arrivederci e quando se n’è andata l’ho abbracciata e le ho detto che visto che era un arrivederci avremmo fatto bene.

L’ho afferrata per la vita e le ho sentito le tette e il culo e sollevando quel vestitino leggero che le copriva il corpo, le ho tolto le mutandine, l’ho adagiata sul divano e sono salita a terra succhiandole deliziosamente quella figa.

Dopo aver sborrato, l’ho portata nella mia stanza dove le ho semplicemente tolto il vestito e sono salito su di lei con grazia come un cavallo, penetrandola in un colpo solo. Questa donna si contorceva dappertutto e gemeva con un’erezione a cui non aveva mai assistito prima.

Mi ha chiesto di mangiarla a quattro zampe, perché non aveva mai fatto l’amore in questa posizione.

L’ho mangiato deliziosamente guardando quel bellissimo anello gonfio che pulsava proprio davanti a me.

Altre storie erotiche  Racconto erotico di tradimento: una domanda innocente

Sono entrato e sono rimasto con il mio cazzo dentro, sentendo ogni battito di quella fica lussuriosa.

Carmen si sdraiò e rimase immobile per diversi minuti, io mi sdraiai accanto a lei accarezzandola finché non si alzò, andò in bagno, si lavò, mi baciò e mi disse che era il miglior addio che potessimo fare, che la nostra relazione era finita là. .

Mi sono detto… Sì, certo! Hahaha

La domenica il mio patrigno mi ha chiamato per invitarmi a pranzo, sono andato a socializzare normalmente con tutti ea fine pomeriggio sono riuscito comunque a scappare per fare un tiro veloce con il mio amico.

Quando l’ho lasciata di nuovo, mia suocera ci ha salutato e ha visto il viso imbarazzato di sua figlia, le ha detto di entrare, si è voltata verso di me e ha chiesto:

– Hai fatto sesso?

– Sì, è stata una sveltina, ma non buona come la nostra.

– FDP cinico, vattene, ti avevo detto di non toccare questo argomento.

Ho salutato e me ne sono andato.

Qualche settimana dopo, sono andato a una festa con la mia ragazza e i suoi fratelli e siccome siamo tornati a casa molto tardi, sono finito a dormire da lei…

Ho sempre avuto l’abitudine di alzarmi molto presto e fa schifo quando dormi fino a tardi dopo un’abbuffata, passo la giornata con i postumi di una sbornia.

Siamo arrivati ​​verso le 3 del mattino, quando erano le 7 ero già sveglio, con una sbronza mostruosa e pronto per tornare a casa a dormire ancora un po’, sono uscito dalla mia stanza con la mia ragazza e ho trovato Carmen che preparava il caffè…

Altre storie erotiche  Racconto erotico diretto - Servi e fatti servire

Da seguire…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *