matrigna arrapata

di | 12 de Dicembre, 2022

Mi è sempre piaciuto leggere storie erotiche, ho sempre voluto scriverne alcune, ma non ho mai avuto il coraggio, finché non ho deciso di condividere con voi alcuni casi, tutte le storie sono reali e sono accadute prodotte ad un certo punto della mia vita, ve le racconterò non in ordine cronologico, ma come ricordo più vividamente i casi nella mia memoria.

A 17 anni ho avuto la mia prima relazione seria, una gatta rossa, ancora vergine nel pieno dei suoi 17 anni. Parlerò della nostra prima volta in un racconto di prossima uscita. Oggi vi parlerò della cassetta che avevate per vostra madre che finì per essere una scopata fenomenale allora.

Uscivo con Amanda da circa 6 mesi, avevamo appena fatto sesso per la prima volta, erano passati circa 3 giorni dalla nostra prima relazione, essendo la sua prima volta. Abitava in una fattoria molto vicino al paese, era una domenica pomeriggio, dopo un’intera giornata di barbecue. I suoi fratelli minori uscivano con gli amici, suo padre andava a letto, lei faceva la doccia e faceva un progetto universitario, e io e sua madre uscivamo in piscina a parlare e a bere le ultime bottiglie di birra. .

Quindi dopo qualche sorso mi ha detto che sapeva che ero andato a letto con sua figlia e mi ha fatto una bella ramanzina dicendo che ero una ragazza di famiglia e che mi consideravano un figlio e che dovevo rispettare molto sua figlia, ho accettato con tutto. e le ho detto di assicurarsi che amasse moltissimo Amanda e che sarebbe stata in buone mani quando fosse stata con me.

Dopo la predica mi ha chiesto se fosse anche per me la prima volta, le ho detto di no, lei ha sorriso e mi ha chiesto cosa ne pensassi, io le ho detto ok. Poi ha chiesto dettagli.

Altre storie erotiche  Mi sono mangiato il culo ma non ho visto la faccia della donna sposata

Fino a quel momento non avevo mai parlato molto con mia suocera, solo battute. Mi sembrava molto strano che chiedesse dettagli, era sempre gentile ma non diceva mai sciocchezze, era sempre molto rispettosa.

Ho sorriso imbarazzato e gli ho chiesto esattamente cosa voleva sapere.

Poi si è liberato e ha chiesto:

Amanda ti ha succhiato il cazzo?

Sì, non era la prima volta e sta migliorando di giorno in giorno.

L’hai succhiato?

Sì, mi piace succhiare una donna, mi piace il sapore della fica. (ho già risposto dicendo sciocchezze)

In che posizione hai fatto sesso?

Mamma e papà erano la posizione in cui si sentiva più a suo agio e io sono venuta con lei sopra di me.

Sei entrato?

Sì, ho cercato di evitarlo ma non ci sono riuscito.

A quel punto ho avuto un’erezione e ho deciso di interrompere l’interrogatorio.

Perché vuoi sapere tutto questo? Dove vuoi andare?

Poi ha detto che pensava che sua figlia somigliasse molto a suo padre e suo marito non le aveva mai fatto sesso orale e nemmeno a lui piaceva riceverlo e aveva paura che sua figlia rimanesse bloccata come suo padre, mi ha chiesto che gliel’ho mostrato come scopare bene per provare i piaceri della vita, poi si lamentò un po’ del matrimonio e cambiò argomento.

Aveva 51 anni all’epoca e il mio patrigno ne aveva 62, era una corona molto calda, tette piccole e un grosso culo rotondo e duro. La bruna gaucho con i capelli lunghi fino alle spalle e una vita magnifica, in bikini, ha attirato più attenzione di sua figlia.

Poi l’argomento si è calmato, sono andato a mettermelo in testa, gli ho dato una cannuccia dura pensando alla conversazione.

Mercoledì pomeriggio avevo del tempo libero all’università e sono andato a casa della mia ragazza perché sapevo che i suoi genitori avrebbero lavorato e sarebbe stata l’occasione per fare di nuovo l’amore.

Altre storie erotiche  Ho allattato mia suocera di 93 anni.

Sono arrivato e ho visto che la macchina di tua madre era in garage, mi sono sentito scoraggiato ma sono entrato.

Ero solo, la mia ragazza era andata al college per lavorare con i suoi amici ei suoi fratelli minori erano senzatetto. Mi ha versato una tazza di caffè e mi ha detto di aspettare, presto sarebbero tornati tutti a casa.

Davanti al caffè, non ho resistito e ho affrontato l’argomento della domenica.

Doña Carmen, sono ancora imbarazzata dalla nostra conversazione, sono venuta oggi pomeriggio perché non volevo incontrarti.

Ha riso e ha detto che andava bene, per assicurarsi che se non l’avesse detto a nessuno, nessuno lo avrebbe saputo.

Poi è stato il mio turno di domandare:

Hai detto che a Luiz non piace il sesso orale, non ti manca?

Non ricordo nemmeno come ci si sente, non ci manca ciò che non sappiamo o ricordiamo.

Quindi ho deciso di andare oltre:

Rispetto molto Luiz, ma lui non sa cosa si perde, hai un bel corpo e ti prendi cura di te per come sei, devi avere una figa deliziosa, se ne avessi la possibilità te lo succhierei tutti i giorni .

È diventata viola, è rimasta in silenzio e ha voltato le spalle.

Ho pensato, HO FATTO BUTT, quindi ho iniziato a scusarmi per essere stato imbarazzante e che non ne avrei mai più parlato.

Si voltò e disse di no, non sapeva cosa dire ed era vecchia e nessuno le aveva mai detto una cosa del genere.

L’ho inondata di complimenti e le ho detto che quello che aveva detto era vero.

Si avvicinò e sussurrò, oh mio Dio, perdonami.

Altre storie erotiche  festa con sesso di gruppo

E mi ha dato un bacio caldo, mi ha quasi inghiottito.

Ho succhiato la mia bocca sul cazzo gigante, ho stretto il mio cazzo in un modo che nessuno aveva mai fatto. Si chinò e mi succhiò come se non ci fosse un domani, goffamente ma con un’erezione mostruosa.

Mi ha schiaffeggiato il cazzo in faccia e in uno di quelli ho schizzato.

Quindi ho detto che ora toccava a me.

L’ho gettata sul tavolo della cucina, le ho allargato le gambe e ho visto una bella fica ben rasata con labbra carnose e uno stufato di rapa spalmato che trasudava miele.

Sono caduto nella mia bocca e ho succhiato deliziosamente, iniziando lentamente e accelerando, infilando due dita in quella bella fica e strofinando la fica con un dito.

Mia suocera è nata lì, urla e geme come una cagna, che scena incredibile.

Dopo aver sborrato, è crollata sul tavolo ed è stata consegnata, quindi ho forzato il mio cazzo in quella bellissima figa, ma lei si è tirata indietro e ha detto di no, per oggi ci siamo spinti troppo oltre.

Se si riprendesse e mi chiedesse di andarmene, che non saprebbe come reagire al ritorno della sua famiglia, sarebbe meglio se non ci fossi.

Sono uscito e ho fatto altre due seghe a casa pensando a quella figa.

Dopodiché, ero sicuro di aver trovato un’amante, la madre della mia ragazza.

E non c’era altro…

Ho già ricevuto una tua chiamata il giorno dopo.

Ma lo racconterò nella prossima storia…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *