Mendingo Pauzudo, mia moglie l’ha adorato

di | 9 de Dicembre, 2022

Pauzudo Beggar A mia moglie è piaciuto molto

Ciao amici lettori, vi porto un’altra storia di eccitazione e divertimento.

Io António e mia moglie Josiane, io 42 lei 38, sposata da diciotto anni Il sesso era già caldo per l’epoca, quasi sempre l’uno o l’altro creava fantasie per riscaldare il tempo a letto, guardavamo alcuni film porno e lei si meravigliava quando Ator era Pauzudo, gli ho visto brillare gli occhi, visto che il mio era di misura standard, cioè commerciale, ho cercato di accontentarmi e ho comprato una consolle molto grande e spessa, l’abbiamo usata un paio di volte, ma non era la stessa cosa, lui mancava la vita, e le ho promesso che un giorno avrei trovato un vero ragazzo Pauzudo per questo, il nostro sesso si stava già scaldando ed è diventata la nostra fantasia, le ho chiesto se voleva un Pauzudo e le ho detto che le sarebbe piaciuto vederlo, il cattivo ha chiesto se voleva solo vederlo o indossarlo anche lui, ha detto che ha detto di sì, lo avrebbe tenuto perché lei lo succhiasse e anche lui lo ha succhiato. Ci siamo trasferiti in una zona molto centrale del paese, la casa era in una piazzetta con diversi negozi e c’erano dei mendicanti che erano sempre lì, mendicavano, bevevano o scherzavano, andavano sempre nelle case a chiedere cibo, vestiti o offerte di lavoro per guadagnare denaro Pinga, ce n’era una che sembrava diversa; corpo alto e snello, barba lunga e incolta, vestiti sporchi e logori, ma era più sereno degli altri, dall’aspetto calcolai che avesse 45 anni. Un giorno mi offrì di pulire e potare il giardino, io accettai e lui si mise al lavoro, io gli stavo vicino guardandolo e parlandogli. Si chiamava Weber ed era molto più giovane di quanto immaginassi 36 anni e l’altra settimana avrebbe compiuto gli anni Ero curioso di sapere qual era la sua storia e gliel’ho chiesto e mi ha detto che ha finito per dirmi perché Rua viveva; Dieci anni fa, un fratello e un complice lo rapirono e ne macchiarono il nome. Oltre a restare a Lona, pensava di uccidere suo fratello, ma ha preferito scomparire e non tornare mai più, ho cercato da dove veniva. che non gli piaceva nemmeno ricordare. Dopo che il lavoro fu finito, se ne andò e io ero incuriosito, sembrava una persona concentrata, ma la delusione lo gettò nel fango. L’ho detto a Josiane e le ho detto che potevo farle un regalo di compleanno e lei ha accettato, doveva pensare a qualcosa. Sono andato a lavorare e questa storia non riusciva a togliermi dalla testa. La sera ho detto a Josiane, Amore, cosa ne pensi di fare un’altra beneficenza, il suo compleanno era sabato così le ho offerto di passare la giornata con noi, le avremmo dato dei vestiti e l’avremmo portata a radersi e pettinarsi, Lei accettò purché si divertisse a fare il bagno, disse che gli avrebbe parlato, l’altro giorno ho chiamato lui e Propus, sospettava, ha messo la mano a Barba, ha pensato e guardato; perché l’ho fatto. Ha detto che era un regalo per il suo compleanno, aveva ancora almeno un giorno normale per un giorno.

Va bene dottoressa, ti porto perché mi sembri una brava persona.

Era stato concordato che sabato mattina sarebbe venuto a casa mia, gli avevo già dato vestiti e scarpe e sabato è arrivato in anticipo.

Salve dottore.

Ciao Weber, oggi è il tuo giorno, ti trasformeremo e ti regaleremo un giorno speciale, vai prima a farti una bella doccia.

L’ho portato nella stanza degli ospiti, Josiane aveva lasciato i vestiti e gli asciugamani. Sono uscito per non essere d’intralcio, dopo qualche minuto sono tornato mentre lui se ne andava e gliel’ho detto

I vestiti andranno bene?

Cercherò.

Si è tolto l’asciugamano e sono rimasto sorpreso dalle dimensioni del suo cazzo. Era estremamente morbido, l’ho immaginato duro, si è vestito e stava bene, l’ho portato dal barbiere e si è rasato e pettinato i capelli. È diventato un’altra persona; vestiti puliti, nuovi e un altro look senza quei capelli. Siamo tornati a casa e Janete era in soggezione per la trasformazione. ho detto

Pranziamo al Club, sei pronto amore?

Cercherò la borsa in camera da letto.

Gli ho chiesto di aspettare e sono andato in camera da letto.

Tesoro non puoi immaginare cosa ho visto

Che cosa?

Il suo bastone morbido è molto più grande del mio, un piccolo 23 cm.

Il nostro amore e come l’hai visto?

Quando è stato il momento di vestirmi, ero imbarazzato.

Sei cattivo, volevo vedere

Ah, è stato veloce e non ho potuto chiamarti. Mangiamo.

Al Club, ho cercato di mettere a suo agio Weber, beviamoci una birra prima di pranzo e siamo andati su un balcone con vista sulle piscine e lui mi ha detto…

Quanti anni sono passati da quando sono entrato in una piscina.

Quindi è ora – disse Josiane

Non oggi, forse un altro giorno.

Siamo rimasti a parlare e Josiane prestando la massima attenzione e cercando di attirare la sua attenzione e cercando di accontentare il più possibile, ha chiesto

Prima di andare a Rua, dove vorresti trascorrere il fine settimana?

Avevo una fattoria e mi piaceva andarci, mi piaceva fare il bagno in una cascata lì, ma mi hanno portato via tutto.

Ho percepito un accenno di ribellione nel suo discorso. E ho avuto l’idea di unire l’utile al piacevole, il fatto che mia moglie volesse vedere il suo bagel e la tristezza di parlare del posto.

Weber, ho una proposta per te. Conosco un hotel Fazenda qui vicino e stiamo programmando di trascorrere qualche giorno lì, Josiane continua a chiedermelo ed è un fine settimana favorevole, perché lavorerò solo mercoledì e non credo che tu abbia un impegno, possiamo goderci . fino a martedì e ti perdi la campagna.

C’è, ma è molto costoso e non mi piace abusarne.

Non è un abuso, sarà un piacere passare questi giorni con te – disse Josiane super emozionata.

È risolto, continua a parlare e ti chiamo per vedere se ci sono posti disponibili.

Strizzai l’occhio a Josiane e me ne andai, guardando da lontano. Josiane gli avvicinò la sedia e chiacchierarono animatamente come se fossero vecchi amici e io la vidi con la mano sulla sua gamba. ho pensato

“Safadinha” deve essere bagnato,

Sono tornato e ho detto che è tutto sistemato e prenotato, per fortuna l’hotel è quasi vuoto, possiamo partire ora se vuoi. E Josiane più che veloce…

Quindi andiamo, pranzeremo lungo la strada. Ha accettato

Va bene, ma non voglio essere un peso e ti ripagherò in un modo o nell’altro.

Ok, andiamo a casa a prendere alcune cose.

Abbiamo preso la strada, lui sul sedile posteriore e Josiane davanti, ma lui non ha smesso di parlare e di cercare cose per il nostro ospite, ha anche girato tutto il corpo all’indietro. Mi sono fermato a una stazione di servizio per fare benzina e degli snack, sono tornato in macchina e ho detto

Amore, perché non ti siedi sul sedile posteriore, mi infastidisci e distogli la mia attenzione dalla strada, poi puoi parlare piano e io sarò il tuo autista.

Mi è piaciuta l’idea.

Già fuori e sul sedile posteriore con Weber. Abbiamo continuato con circa 50km da percorrere e Josiane gli ha chiesto se si fosse innamorato prima di andare a Rua, ha detto di sì, ma quella era un’altra delusione, era fidanzato, ma quando. Sapeva di aver perso tutto, non voleva più conoscerlo, andò a cercarla a casa sua e lei e la sua famiglia lo deridevano, dicendo che non era nessuno e che non aveva soldi per un Moí. § uno che è così dotato e viene da una famiglia prospera. Josiane, vedendo la sua tristezza mentre ne parlava, lo abbracciò e lo tirò in ginocchio e iniziò ad accarezzargli i capelli senza lasciargli la mano, chiuse gli occhi e sospirò…

Mi fai molto bene, persone che si prendono cura degli altri. E tanta cura e affetto mi ricordano mia madre.

Dio ce l’abbia. Dicevo del volante. La convivenza è molto mancata, anche a noi, siamo solo noi due ea volte abbiamo bisogno di condividere conversazioni e altre cose con qualcuno.

Mi piace anche l’affetto e tu, sono sicuro che è passato molto tempo dall’ultima volta che l’ho fatto. disse Josiana

E si sdraiò sulle ginocchia e si girò su un fianco, accarezzandole una gamba.Lui era un po’ imbarazzato e ammirava Josiane; la sua scollatura rivelava un volume considerevole dei suoi seni, la sua camicetta sottile rivelava il suo delizioso ventre e i suoi pantaloncini lasciavano un paio di cosce da ammirare. Si mise una mano tra i capelli e disse…

Siete una coppia diversa e affascinante e siete molto carine e attraenti. Sono felice di conoscerti, spero di non deluderti.

Abbracciami, so che ne hai bisogno e mi piace ricevere abbracci. Ho rilasciato

Puoi fare Weber, ora siamo tuoi amici.

Le passò una mano tra i capelli, ma i suoi occhi non lasciarono mai i suoi seni. Josiane le prese una mano e se la mise sullo stomaco e iniziò ad accarezzarla dolcemente, spostò la testa in grembo e disse.

Hmmm, è delizioso, continua così.

Josiane sentì un enorme volume gonfiarsi sotto di lei. testa e si assicurò di stringere la testa più forte afferrando la sua cassetta. Lui era un po’ imbarazzato e voleva smetterla ma lei ha chiesto di continuare, gli ha preso la mano sotto la testa e l’ha posata sul suo cazzo che era davvero enorme e pulsante, mi ha guardato nello specchietto retrovisore spaventato, io ho sbattuto le palpebre. lui e disse

Le piace ed è anche bisognosa. Puoi farcela, mi piace vederla felice.

In quei momenti sapeva già cosa volevamo e tornava a Les Caricias, la mano dalla testa scendeva al collo e alle orecchie e la mano che era sulla pancia si faceva più ardita, andando sotto la camicetta e correndo sui seni, strappando sospiri a Josiane. che accarezzava dolcemente l’albero sotto la sua testa.

So che le carezze sono deliziose, ma ci stiamo arrivando.

Ma già – disse tristemente Josiane.

Si sedette sulla panca e guardò Weber e il suo volume. Ha detto

Grazie per l’amore, è stato delizioso.

Grazie a te, sono anni che non ricevo l’amore e l’attenzione che mi dai.

Josiane la baciò sulla guancia e le accarezzò i capelli…

Te lo meriti, chissà se riusciamo a riprendere da dove ci eravamo lasciati.

Sarò felice di accontentarti.

Siamo arrivati ​​e abbiamo scelto una baita in mezzo a tanti alberi e accanto a un lago, c’erano anche i pedalò, il posto era incantevole.

Webber ha detto

Che bel posto, profuma di pace.

Sicuramente mentre ti sistemi, guarderò le opzioni del tour e cosa puoi fare qui.

Josiane aiutò Weber a sistemarsi nella stanza degli ospiti e glielo chiese

Tu e tuo marito siete piuttosto liberali, eh?

Sì, siamo partner e compagni, ci piace soddisfare noi stessi.

Quando mi hai scelto, avevi già in mente di portarmi qui con precise intenzioni?

All’inizio l’intenzione era quella di offrire un compleanno diverso, ad António piaceva molto il suo stile, ma è successo qualcosa che mi ha incuriosito.

Che cosa?

te lo confesserò e te lo dirò; António e io abbiamo la fantasia di avere una relazione con un grosso cazzo. Non l’abbiamo mai fatto, guardavamo film e avevamo questa fantasia. Quando António ti ha visto cambiare, mi ha detto quello che ha visto, la tua enorme mazza e vederti pulito e profumato mi ha fatto venire voglia di vedere e chissà come sentire, prenderlo. E oggi dentro l’auto confermo che è uno strambo e non so se posso gestire tutto ma non vogliamo niente di forzato o obbligatorio, devi essere pronto a condividerlo con noi.

Entrambi volete?

Penso di sì, perché quando fantastichiamo, a entrambi piace e ne parliamo.

Sì, mi hai sorpreso e mi sto divertendo con questo gioco di seduzione.

Imprecare?

Josiane gli saltò al collo e si baciarono molto eccitati.

Voglio lasciarti desiderare di possederci, accetti di continuare il nostro gioco e fai sbavare me e António.

In alto, eccitati molto.

Si sedette sul divano e mi adagiò sulle sue ginocchia…

Continuiamo con le Carezze della Macchina, affinché Lui veda quando arriverà.

Si attaccò al Cacete e sentendo la sua mano sui suoi seni, accarezzandosi ora, prese la sua mano sulle sue belle e formose cosce e le accarezzò, traendo sospiri da Josiane, lui le afferrò la figa sopra i pantaloncini e li strinse, portandola a delirio.

Wow che delizia il tuo tocco, sono appena arrivato.

E accarezzò il Cacete in tutta la sua estensione. Arrivò Antonio e vide gli Affetti che si scambiavano e si sedette sulla sedia di fronte e li ammirò.

Wow amore mio, c’è qualcosa di fantastico qui, lo adoro, posso continuare?

Puoi… ti lascio.

Andiamo a farci una doccia così posso vedervi pulire, andare nella stanza sul retro e prepararci.

Si è alzato e il petto di Weber è quasi scoppiato attraverso i suoi pantaloncini, è andato nell’altra stanza e siamo andati in quella in fondo al corridoio, si è spogliato e io sono rimasto paralizzato, non potevo, non potevo staccare gli occhi fuori da questo monumento. Ho detto qualcosa per uscire dallo stupore..

È molto sexy, non credi?

È molto carina e affettuosa, togliti i vestiti e andiamo a fare il bagno, dai.

Mi sono spogliato e ho visto che la mia era metà di lui.

Non distogliere lo sguardo da me, ok?

Sì, è molto grande, mi piacerebbe averne uno così.

quindi senti

Posso?

Puoi, so che sei pronto

L’ho preso e l’ho lisciato con entrambe le mani, era venoso e aveva la testa grossa, solo questo contatto mi ha fatto venire…

Lavala bene per lei, vuoi vederla accarezzarmi il cazzo?

Lo voglio davvero, mi lascerai aiutare con le carezze.

Puoi aiutarmi a scoparla e fargliela prendere tutto?

Ti aiuterò.

Abbiamo finito il bagno e siamo andati a vedere cosa faceva, Weber è andato sul balcone e io in camera da letto, lei era nuda, si metteva il profumo, l’ho abbracciata da dietro, tutta affettuosa…

Wow, mio ​​marito ha lo strumento duro che meraviglia. Perché quel?

Ho solo preso uno strumento molto più grande.

L’hai preso? Mi piace?

L’ho adorato e sei pronto ad affrontare tutto questo?

Sto morendo.

È pronto e lo vuoi adesso o stasera?

Andiamo a fare una passeggiata, mangiamo e beviamo qualcosa, voglio sentirmi molto bene.

Siamo andati in Cantina, abbiamo mangiato e bevuto e fatto una passeggiata, in riva al lago ci siamo seduti in un belvedere e abbiamo ammirato il paesaggio e la pace del luogo…

Weber apprezza la marcia?

Lo sono, e ti ringrazio di tutto, mi dai quello che non ho da tanto tempo. Comprese le reazioni corporee.

Così?

Hard-on, non lo sentivo da anni, e oggi ti sei svegliato da questa parte.

È colpa mia?

Certo, sei molto bella e calda e la tua seduzione non è volgare, è sessuale. E António ha anche preso il mio cazzo per divertimento senza mostrare che era gay.

Josiane si inginocchiò con la mano sul gigante e lo accarezzò e lui le gonfiò ancora di più i pantaloncini. Quanto si è svegliato ricco. e lei ha chiesto

Mi amerai per tenermi duro?

Me ne vado, abbiamo molto tempo e Tesão mi sta aiutando. Sei tu che lo inghiottirai, per quanto puoi e vuoi.

Tesoro, vi lubrifico entrambi e vi aiuto.

Lo giuri caro? Aiuterai tua moglie a inghiottire questo gigante?

Aiuterò e mi divertirò a guardare.

Quindi sono pronto, il Gigante dice solo che lo vuole ed è pronto anche lui.

Posso quasi pensarci.

Siamo tornati indietro, ci siamo fermati alla Cantina, abbiamo bevuto qualche altro drink e Weber, che beveva solo superalcolici, ha bevuto due drink per riscaldarsi, dice Ele. António ha preso una bottiglia di whisky e del gelato e siamo andati a Cabana. Josiane ci ha già trascinati in camera da letto e lei ha spogliato Weber Abbracciando il suo corpo e ammirando la grandezza della mazza lo prese con entrambe le mani e cominciò a baciare e leccare quella testolina cercò di mettersela in bocca sembrava che non andava bene, lo costrinse e Sbavando finché non riuscì a infilarsi in bocca il testone e lo succhiò di piacere, Weber gemette e sospirò e tenne la testa di Josiane e le accarezzò i capelli. António, vitreo da un lato, guardava e si masturbava, Weber la adagiava ed entrava tra le sue gambe e cominciava a succhiarle la figa e a toccarle il clitoride, Grelo e infilava la lingua in profondità e lei veniva già la prima volta, tremando tutta. ordinò ad Antonio di lubrificare la sua clava, alla quale obbedì rapidamente, spalmando di crema tutto il Cacetão e la Vagina dell’Amato che sarebbe stata infilzata dal Mostro. Weber si sedette sul bordo del letto e Josiane gli si sedette in grembo, tenendosi il collo…

Sei tu che ordini la mia bomba, ingoia più che puoi, rilassati, hai tutto.

Aiutami piccola, voglio ingoiare tutto questo gigante, so che farà male, ma voglio tutto.

Andiamo tesoro, lo lubrifico.

Fece passare la Cabeçorra spalancandola e liberò il peso che la costringeva ad entrare, António applicò altra crema e la Cabeçorra entrò, provocando un urlo di Josiana che si trattenne in posizione accovacciata. Weber le baciò la bocca, il collo e il seno e parlò…

Dai, aspetta, voglio vedere tutto il mio cazzo dentro di te.

Sto per essere rannicchiato con questo mostro ma lo ingoierò intero.

Ha rilasciato il peso, era un altro pezzo, si è mosso per abituarsi, non per scendere e urlare e gemere e dimenarsi un po’. Weber l’ha appesa per le poppe e António l’ha oliata di nuovo, l’ha liberata e lei ha forzato anche tra tutto e disse…

Stai fermo e senti il ​​mio cazzo sepolto dentro di te.

Scusa, brucia come il fuoco ma lo adoro.

Ti scoperò caldo adesso.

Si è alzato con la sua fidanzata, l’ha messa a quattro zampe e ha iniziato a pompare lentamente, lei ha urlato, pianto e gemuto.

È così bello, lanciami quel cazzo delizioso, ho sempre sognato di averne uno, vieni qui amore mio, lascia che ti succhi il cazzo e te lo mordo così sentirai dolore con me.

António a mis la bite dans sa bouche qui a sucé et mordu et ils ont tous les deux crié, elle est venue sans arrêt et Weber a poussé un cri de baise versé depuis plusieurs années, remplissant in chatte qui s’est évanouie de douleur et Piacere. Suo marito allargò le gambe e pulì quella figa cruda e gocciolante, lasciandola pulita e facendo lo stesso con il Cacetão del macho che aveva appena scopato sua moglie e gli aveva leccato le palle del sacco. di nuovo duro. Il maschio lo schiaffeggiò e disse…

vuoi provare?

È troppo grande, farà molto male.

Josiane ha lisciato le natiche del marito e lo ha incoraggiato…

Puoi prenderlo, è un po’ più grande della consolazione che ho già seppellito in te, Weber si mangerà quel culo di Maridinho Corno e Viadinho, lo adorerà.

Quindi lubrificalo e mettiti a quattro zampe.

António ha messo la crema sulla coda e il Cacetão e il maschio hanno cominciato a seppellirla, dopo che il Cabeçona è entrato e gli altri sono stati lenti ma lui è entrato facilmente, ha lanciato qualche urlo ma lo hanno afferrato

C’è Corninho. Tu eri più straziato, hai già preso Consolo, ora è un vero idiota.

Ha pompato forte e il marito è sceso, Weber ha tenuto duro e ha continuato a pompare, quando ha visto che stava arrivando l’ha tirato fuori e ha messo in bocca la coppia per prendere un po’ di sperma, l’hanno bevuto entrambi fino all’ultima goccia. Andarono a fare una doccia e poi a rilassarsi con un buon Whisky, Josiane appoggiando la testa sul Mostro continuò ad accarezzare e baciare la sua Testa Grossa…

Che morso delizioso, ne voglio di più presto, puoi darmelo?

Ti mangerò il culo per farti i buchi nel mio calibro, poi Corninho te lo succhierà solo. Tu vuoi?

Voglio davvero. Tesoro, vai a prenderci qualcosa da mangiare più tardi, fammi uscire da solo con il mio Cacetudo, puoi solo immaginare Cacetão nel mio culo.

Benissimo amori miei, me ne vado e mi prenderò un po’ di tempo, possono risultare gustosi.

Se ne andò e Josiane si arrampicò sul suo nuovo stallone e le baciò e si strofinò la figa su quel tronco…

Prometti di scoparmi sempre, ora la ragazza di António non mi farà nemmeno più il solletico.

Decidi tu, io non sono nessuno, l’unica cosa che posso offrire è il mio Cacetao.

Ma è solo lui che voglio, e António si prenderà cura di noi.

Quindi ci metto entrambi quando mi chiamano.

Continuò a strofinarsi e aggiustarsi il cazzo e deglutire finché non lo sentì tutto dentro, ora veniva più facilmente anche se bruciava, cavalcò finché non venne e lo lasciò ben lubrificato si mise a quattro zampe e si spalmò la crema sul culo e Weber puntato e forzato dove è entrato il capo. Voleva andarsene ma lui la tenne per i fianchi e seppellì un altro bel pezzo.

Aiiiiiiiii il tuo cane sta soffrendo, calmati. ayyy

Aspettò qualche secondo e seppellì il resto, lei urlò e ricevette schiaffi sulle natiche e un altro, il dolore coprì l’altro e iniziò a rotolare lentamente e chiese.

Colpisci più forte Voglio godermi la sensazione della tua mano che mi colpisce il sedere.

Ha ricevuto altre due sculacciate e ha iniziato a pompare forte. Lei urlava, gemeva.

Gustoso cacetudo vado gonnnnddoooo e voglio di più, spingimi forte, fammi a pezzi, riempimi il culo di bataaaaa

Stava martellando dappertutto e spruzzando sperma caldo ancora e ancora.

Riempile il culo di sperma.

Il tuo caldo sperma caldo allevia il dolore,

António entrò ei due si abbracciarono appassionatamente e si scambiarono i voti.

Vieni a mangiare, ti ho portato da mangiare, un tonico per il nostro Macho ed Herbs per un bagno tonificante, in pochi minuti siamo pronti per un’altra seduta. disse Josiana

È bello, ci ho fantasticato a lungo, ora è reale, voglio godermelo, senza dolore.

Mentre mangi, io faccio il bagno.

Siamo andati in cucina come due innamorati, le ho messo del cibo in bocca e lei mi ha ricambiato. Andammo nella vasca da bagno e António stava già rinfrescando Rabo. Josiane entrò e Weber si sedette sul bordo guardandoci, António si stava prendendo cura di sua moglie per un’altra volta e disse

Sei adorabile, ne approfitto, dovrebbero esserci più persone come te.

Passammo quasi un’ora nel bagno alle erbe e andammo a letto, Antonio disse che era stanco e si addormentò.

Puoi andare, Amorzinho, beviamoci un altro whisky e andiamo anche noi. Godiamoci ancora un po’ di questo delizioso.

António è andato nell’altra stanza e mi ha fatto divertire, ci siamo sdraiati abbracciati e abbiamo cominciato ad accarezzarci e mi ha detto

Com’è divertente la vita, fino a ieri non avevo motivo di essere felice, l’hai cambiato, ora voglio farti piacere.

Vuoi farmi piacere? Quindi suonami quell’Hot Rod ora.

Si è tirato indietro e abbiamo iniziato un 69, mentre mi stava succhiando ho lubrificato la sua asta con crema, saliva e mi sono seduto sulle sue ginocchia, deglutendo dolcemente senza dolore e godendomi ogni pezzetto di questo tronco e ci siamo tenuti l’un l’altro finché non ho sentito i brividi salire e stavo arrivando come un matto mi ha messo nella posizione del pollo arrosto e ha seppellito tutto dentro e ha iniziato a fare più spinte e ci siamo uniti. Ci siamo addormentati sfiniti da tanto Piacere ed era solo il primo giorno…

Ci siamo svegliati con il sole già alto, con un delizioso pompino che ci ha fatto mio marito e Weber ha scherzato…

Guarda come Corninho si è svegliato con la voglia di latte.

Abbiamo fatto un 69 su tre, Weber me l’ha succhiato e mi ha messo le dita nei due buchini, massaggiandoli perché erano graffiati e bruciati, poi siamo venuti io e António e sono andato ad aiutare Picona a bere del latte nella mia bocca e non ha funzionato. Non ci volle molto perché uscisse il primo sorso, e molti altri che ingoiarono tutto, io e Weber andammo a farci una doccia e lui cominciò a lavarmi e non poté resistere a mangiarmi di nuovo, ora in piedi, mi ha appoggiato al muro e ha seppellito il suo cazzo nella mia figa e io sono delirante e mi diverto,

La domenica è iniziata divinamente. Furono altri due giorni di scopate e ancora scopate. Weber aveva il fiato di un elefante, non si stancava mai. Martedì torniamo. António ha offerto che se voleva lasciare la Rua potevamo aiutarlo, senza impegno, ha accettato e abbiamo preso una stanza sul retro della nostra casa, anche se ha dormito solo nella nostra. Abbiamo guidato molto, ma dopo tre mesi è scomparso senza lasciare notizie, il suo destino era vivere per strada. E ci ritroviamo senza il nostro Cacetao. Purtroppo ne stiamo cercando un altro… Chissà…

Gatto selvatico

27>

Ciao amici lettori, vi porto un’altra storia di eccitazione e divertimento.

Io António e mia moglie Josiane, io 42 lei 38, sposata da diciotto anni Il sesso era già caldo per l’epoca, quasi sempre l’uno o l’altro creava fantasie per riscaldare il tempo a letto, guardavamo alcuni film porno e lei si meravigliava quando Ator era Pauzudo, gli ho visto brillare gli occhi, visto che il mio era di misura standard, cioè commerciale, ho cercato di accontentarmi e ho comprato una consolle molto grande e spessa, l’abbiamo usata un paio di volte, ma non era la stessa cosa, lui mancava la vita, e le ho promesso che un giorno avrei trovato un vero ragazzo Pauzudo per questo, il nostro sesso si stava già scaldando ed è diventata la nostra fantasia, le ho chiesto se voleva un Pauzudo e le ho detto che le sarebbe piaciuto vederlo, il cattivo ha chiesto se voleva solo vederlo o indossarlo anche lui, ha detto che ha detto di sì, lo avrebbe tenuto perché lei lo succhiasse e anche lui lo ha succhiato. Ci siamo trasferiti in una zona molto centrale del paese, la casa era in una piazzetta con diversi negozi e c’erano dei mendicanti che erano sempre lì, mendicavano, bevevano o scherzavano, andavano sempre nelle case a chiedere cibo, vestiti o offerte di lavoro per guadagnare denaro Pinga, ce n’era una che sembrava diversa; corpo alto e snello, barba lunga e incolta, vestiti sporchi e logori, ma era più sereno degli altri, dall’aspetto calcolai che avesse 45 anni. Un giorno mi offrì di pulire e potare il giardino, io accettai e lui si mise al lavoro, io gli stavo vicino guardandolo e parlandogli. Si chiamava Weber ed era molto più giovane di quanto immaginassi, aveva 36 anni e l’altra settimana avrebbe festeggiato il compleanno. curioso di sapere quale fosse la sua storia e glielo chiesi e mi disse che finì per dirmi perché Rua viveva; Dieci anni prima un fratello e un socio lo avevano rapito e ne avevano macchiato il nome. Oltre a rimanere a Lona, ha pensato di uccidere suo fratello, ma ha preferito scomparire e non tornare mai più, ho cercato da dove veniva. Ha cambiato la conversazione e ha detto che non gli piaceva nemmeno ricordare. Dopo che il lavoro fu finito, se ne andò e io ero incuriosito, sembrava una persona concentrata, ma la delusione lo gettò nel fango. L’ho detto a Josiane e le ho detto che potevo farle un regalo di compleanno e lei ha accettato, doveva pensare a qualcosa. Sono andato a lavorare e questa storia non riusciva a togliermi dalla testa. La sera ho detto a Josiane, Amore, cosa ne pensi di fare un’altra beneficenza, il suo compleanno era sabato così le ho offerto di passare la giornata con noi, le avremmo dato dei vestiti e l’avremmo portata a radersi e pettinarsi, Lei accettò purché si divertisse a fare il bagno, disse che gli avrebbe parlato, l’altro giorno ho chiamato lui e Propus, sospettava, ha messo la mano a Barba, ha pensato e guardato; perché l’ho fatto. Ha detto che era un regalo per il suo compleanno, aveva ancora almeno un giorno normale per un giorno.

Va bene dottoressa, ti porto perché mi sembri una brava persona.

Era stato concordato che sabato mattina sarebbe venuto a casa mia, gli avevo già dato vestiti e scarpe e sabato è arrivato in anticipo.

Salve dottore.

Ciao Weber, oggi è il tuo giorno, ti trasformeremo e ti regaleremo un giorno speciale, vai prima a farti una bella doccia.

L’ho portato nella stanza degli ospiti, Josiane aveva lasciato i vestiti e gli asciugamani. Sono uscito per non essere d’intralcio, dopo qualche minuto sono tornato mentre lui se ne andava e gliel’ho detto

I vestiti andranno bene?

Cercherò.

Si è tolto l’asciugamano e sono rimasto sorpreso dalle dimensioni del suo cazzo. Era estremamente morbido, l’ho immaginato duro, si è vestito e stava bene, l’ho portato dal barbiere e si è rasato e pettinato i capelli. È diventato un’altra persona; vestiti puliti, nuovi e un altro look senza quei capelli. Siamo tornati a casa e Janete era in soggezione per la trasformazione. ho detto

Pranziamo al Club, sei pronto amore?

Cercherò la borsa in camera da letto.

Gli ho chiesto di aspettare e sono andato in camera da letto.

Tesoro non puoi immaginare cosa ho visto

Che cosa?

Il suo bastone morbido è molto più grande del mio, un piccolo 23 cm.

Il nostro amore e come l’hai visto?

Quando è stato il momento di vestirmi, ero imbarazzato.

Sei cattivo, volevo vedere

Ah, è stato veloce e non ho potuto chiamarti. Mangiamo.

Al Club, ho cercato di mettere a suo agio Weber, beviamoci una birra prima di pranzo e siamo andati su un balcone con vista sulle piscine e lui mi ha detto…

Quanti anni sono passati da quando sono entrato in una piscina.

Quindi è ora – disse Josiane

Non oggi, forse un altro giorno.

Siamo rimasti a parlare e Josiane prestando la massima attenzione e cercando di attirare la sua attenzione e cercando di accontentare il più possibile, ha chiesto

Prima di andare a Rua, dove vorresti trascorrere il fine settimana?

Avevo una fattoria e mi piaceva andarci, mi piaceva fare il bagno in una cascata lì, ma mi hanno portato via tutto.

Ho percepito un accenno di ribellione nel suo discorso. E ho avuto l’idea di unire l’utile al piacevole, il fatto che mia moglie volesse vedere il suo bagel e la tristezza di parlare del posto.

Weber, ho una proposta per te. Conosco un hotel Fazenda qui vicino e stiamo programmando di trascorrere qualche giorno lì, Josiane continua a chiedermelo ed è un fine settimana favorevole, perché lavorerò solo mercoledì e non credo che tu abbia un impegno, possiamo goderci . fino a martedì e ti perdi la campagna.

C’è, ma è molto costoso e non mi piace abusarne.

Non è un abuso, sarà un piacere passare questi giorni con te – disse Josiane super emozionata.

È risolto, continua a parlare e ti chiamo per vedere se ci sono posti disponibili.

Strizzai l’occhio a Josiane e me ne andai, guardando da lontano. Josiane gli avvicinò la sedia e chiacchierarono animatamente come se fossero vecchi amici e io la vidi con la mano sulla sua gamba. ho pensato

“Safadinha” deve essere bagnato,

Sono tornato e ho detto che è tutto sistemato e prenotato, per fortuna l’hotel è quasi vuoto, possiamo partire ora se vuoi. E Josiane più che veloce…

Quindi andiamo, pranzeremo lungo la strada. Ha accettato

Va bene, ma non voglio essere un peso e ti ripagherò in un modo o nell’altro.

Ok, andiamo a casa a prendere alcune cose.

Abbiamo preso la strada, lui sul sedile posteriore e Josiane davanti, ma lui non ha smesso di parlare e di cercare cose per il nostro ospite, ha anche girato tutto il corpo all’indietro. Mi sono fermato a una stazione di servizio per fare benzina e degli snack, sono tornato in macchina e ho detto

Amore, perché non ti siedi sul sedile posteriore, mi infastidisci e distogli la mia attenzione dalla strada, poi puoi parlare piano e io sarò il tuo autista.

Mi è piaciuta l’idea.

Già fuori e sul sedile posteriore con Weber. Abbiamo continuato con circa 50 km da percorrere e Josiane ha chiesto se si era innamorato prima di andare a Rua, ha detto di sì, ma è stata un’altra delusione, era fidanzato, ma quando. Sapeva di aver perso tutto, non voleva più conoscerlo, andò a cercarla a casa sua e lei e la sua famiglia lo deridevano, dicendo che non era nessuno e che non aveva soldi per un Moí. § uno che è così dotato e viene da una famiglia prospera. Josiane, vedendo la sua tristezza mentre ne parlava, lo abbracciò e lo tirò in ginocchio e iniziò ad accarezzargli i capelli senza lasciargli la mano, chiuse gli occhi e sospirò…

Mi fai molto bene, persone che si prendono cura degli altri. E tanta cura e affetto mi ricordano mia madre.

Dio ce l’abbia. Dicevo del volante. La convivenza è molto mancata, anche a noi, siamo solo noi due ea volte abbiamo bisogno di condividere conversazioni e altre cose con qualcuno.

Mi piace anche Cariño y Tú, sono sicuro che non lo facevo da molto tempo. disse Josiana

E si sdraiò sulle ginocchia e si girò su un fianco, accarezzandole una gamba.Lui era un po’ imbarazzato e ammirava Josiane; la sua scollatura rivelava un volume considerevole dei suoi seni, la sua camicetta sottile rivelava il suo delizioso ventre e i suoi pantaloncini lasciavano un paio di cosce da ammirare. Si mise una mano tra i capelli e disse…

Siete una coppia diversa e affascinante e siete molto carine e attraenti. Sono felice di conoscerti, spero di non deluderti.

Abbracciami, so che ne hai bisogno e mi piace ricevere abbracci. Ho rilasciato

Puoi fare Weber, ora siamo tuoi amici.

Le passò una mano tra i capelli, ma i suoi occhi non lasciarono mai i suoi seni. Josiane le tirò una mano e se la mise sullo stomaco e iniziò ad accarezzarla dolcemente, spostò la testa in grembo e disse.

Hmmm, è delizioso, continua così.

Josiane sentì un enorme volume gonfiarsi sotto la sua testa e si assicurò di stringere la testa più forte, afferrando la sua cassetta. Lui era un po’ imbarazzato e voleva smetterla ma lei ha chiesto di continuare, gli ha preso la mano sotto la testa e l’ha posata sul suo cazzo che era davvero enorme e pulsante, mi ha guardato nello specchietto retrovisore spaventato, io ho sbattuto le palpebre. lui e disse

Le piace ed è anche bisognosa. Puoi farcela, mi piace vederla felice.

In quei momenti sapeva già cosa volevamo e tornava a Les Caricias, la mano dalla testa scendeva al collo e alle orecchie e la mano che era sulla pancia si faceva più ardita, andando sotto la camicetta e correndo sui seni, strappando sospiri a Josiane. che accarezzava dolcemente l’albero sotto la sua testa.

So che le carezze sono deliziose, ma ci stiamo arrivando.

Ma già – disse tristemente Josiane.

Si sedette sulla panca e guardò Weber e il suo volume. Ha detto

Grazie per l’amore, è stato delizioso.

Grazie a te, sono anni che non ricevo l’amore e l’attenzione che mi dai.

Josiane la baciò sulla guancia e le accarezzò i capelli…

Te lo meriti, chissà se riusciamo a riprendere da dove ci eravamo lasciati.

Sarò felice di accontentarti.

Siamo arrivati ​​e abbiamo scelto una baita in mezzo a tanti alberi e accanto a un lago, c’erano anche i pedalò, il posto era incantevole.

Webber ha detto

Che bel posto, profuma di pace.

Sicuramente mentre ti sistemi, guarderò le opzioni del tour e cosa puoi fare qui.

Josiane aiutò Weber a sistemarsi nella stanza degli ospiti e glielo chiese

tu e tuo marito siete piuttosto liberale, eh?

Sì, siamo soci e soci, ci piace accontentarci.

Quando mi hai scelto, avevi già in mente di portarmi qui con precise intenzioni?

All’inizio l’intenzione era quella di offrire un compleanno diverso, ad António piaceva molto il suo stile, ma è successo qualcosa che mi ha incuriosito.

Che cosa?

te lo confesserò e te lo dirò; António e io abbiamo la fantasia di avere una relazione con un grosso cazzo. Non l’abbiamo mai fatto, guardavamo film e avevamo questa fantasia. Quando António ti ha visto cambiare, mi ha detto quello che ha visto, la tua enorme mazza e vederti pulito e profumato mi ha fatto venire voglia di vedere e chissà come sentire, prenderlo. E oggi dentro l’auto confermo che è uno strambo e non so se posso gestire tutto ma non vogliamo niente di forzato o obbligatorio, devi essere pronto a condividerlo con noi.

Entrambi volete?

Penso di sì, perché quando fantastichiamo, a entrambi piace e ne parliamo.

Sì, mi hai sorpreso e mi sto divertendo con questo gioco di seduzione.

Imprecare?

Josiane gli saltò al collo e si baciarono molto eccitati.

Voglio lasciarti desiderare di possederci, accetti di continuare il nostro gioco e fai sbavare me e António.

In alto, eccitati molto.

Si sedette sul divano e mi adagiò sulle sue ginocchia…

Continuiamo con le Carezze della Macchina, affinché Lui veda quando arriverà.

Si attaccò al Cacete e sentendo la sua mano sui suoi seni, accarezzandosi ora, prese la sua mano sulle sue belle e formose cosce e le accarezzò, traendo sospiri da Josiane, lui le afferrò la figa sopra i pantaloncini e li strinse, portandola a delirio.

Wow che delizia il tuo tocco, sono appena arrivato.

E accarezzò il Cacete in tutta la sua estensione. Arrivò Antonio e vide gli Affetti che si scambiavano e si sedette sulla sedia di fronte e li ammirò.

Wow amore mio, c’è qualcosa di fantastico qui, lo adoro, posso continuare?

Puoi… ti lascio.

Andiamo a farci una doccia così posso vedervi pulire, andare nella stanza sul retro e prepararci.

Si è alzato e il petto di Weber è quasi scoppiato attraverso i suoi pantaloncini, è andato nell’altra stanza e siamo andati in quella in fondo al corridoio, si è spogliato e io sono rimasto paralizzato, non potevo, non potevo staccare gli occhi fuori da questo monumento. Ho detto qualcosa per uscire dallo stupore..

È molto sexy, non credi?

È molto carina e affettuosa, togliti i vestiti e andiamo a fare il bagno, dai.

Mi sono spogliato e ho visto che la mia era metà di lui.

Non distogliere lo sguardo da me, ok?

Sì, è molto grande, mi piacerebbe averne uno così.

quindi senti

Posso?

Puoi, so che sei pronto

L’ho preso e l’ho lisciato con entrambe le mani, era venoso e aveva la testa grossa, solo questo contatto mi ha fatto venire…

Lavala bene per lei, vuoi vederla accarezzarmi il cazzo?

Lo voglio davvero, mi lascerai aiutare con le carezze.

Puoi aiutarmi a scoparla e fargliela prendere tutto?

Ti aiuterò.

Abbiamo finito il bagno e siamo andati a vedere cosa faceva, Weber è andato sul balcone e io in camera da letto, lei era nuda, si metteva il profumo, l’ho abbracciata da dietro, tutta affettuosa…

Wow, mio ​​marito ha lo strumento duro che meraviglia. Perché quel?

Ho solo preso uno strumento molto più grande.

L’hai preso? Mi piace?

L’ho adorato e sei pronto ad affrontare tutto questo?

Sto morendo.

È pronto e lo vuoi adesso o stasera?

Andiamo a fare una passeggiata, mangiamo e beviamo qualcosa, voglio sentirmi molto bene.

Siamo andati in Cantina, abbiamo mangiato e bevuto e fatto una passeggiata, in riva al lago ci siamo seduti in un belvedere e abbiamo ammirato il paesaggio e la pace del luogo…

Weber apprezza la marcia?

Lo sono, e ti ringrazio di tutto, mi dai quello che non ho da tanto tempo. Comprese le reazioni corporee.

Così?

Hard-on, non lo sentivo da anni, e oggi ti sei svegliato da questa parte.

È colpa mia?

Certo, sei molto bella e calda e la tua seduzione non è volgare, è sessuale. E António ha anche preso il mio cazzo per divertimento senza dimostrare che ero gay

Josiane si inginocchiò con la mano sul gigante e lo accarezzò e lui le gonfiò ancora di più i pantaloncini. Quanto si è svegliato ricco. e lei ha chiesto

Mi amerai per tenermi duro?

Me ne vado, abbiamo molto tempo e Tesão mi sta aiutando. Sei tu che lo inghiottirai, per quanto puoi e vuoi.

Tesoro, vi lubrifico entrambi e vi aiuto.

Lo giuri caro? Aiuterai tua moglie a inghiottire questo gigante?

Aiuterò e mi divertirò a guardare.

Quindi sono pronto, il Gigante dice solo che lo vuole ed è pronto anche lui.

Posso quasi pensarci.

Siamo tornati indietro, ci siamo fermati alla Cantina, abbiamo bevuto qualche altro drink e Weber, che beveva solo superalcolici, ha bevuto due drink per riscaldarsi, dice Ele. António ha preso una bottiglia di whisky e del gelato e siamo andati a Cabana. Josiane ci ha già trascinato nella stanza e ha spogliato Weber baciandogli il corpo e ammirando le dimensioni del bastone lo ha preso con entrambe le mani e ha iniziato a baciare e leccare quella testona ha provato a portarlo alla bocca sembra che non sarebbe in forma, lei lo forzava e sbavando su di lui finché non si mise la grossa testa in bocca e la succhiò con piacere, Weber gemette e sospirò e tenne la testa di Josiane e le accarezzò i capelli. António, vitreo da un lato, guardava e si masturbava, Weber la adagiava ed entrava tra le sue gambe e cominciava a succhiarle la figa e a toccarle il clitoride, Grelo e infilava la lingua in profondità e lei veniva già la prima volta, tremando tutta. ordinò ad Antonio di lubrificare la sua clava, alla quale obbedì rapidamente, spalmando di crema tutto il Cacetão e la Vagina dell’Amato che sarebbe stata infilzata dal Mostro. Weber si sedette sul bordo del letto e Josiane gli si sedette in grembo, tenendosi il collo…

Sei tu che ordini la mia bomba, ingoia più che puoi, rilassati, hai tutto.

Aiutami piccola, voglio ingoiare tutto questo gigante, so che farà male, ma voglio tutto.

Andiamo tesoro, lo lubrifico.

Fece passare la Cabeçorra spalancandola e liberò il peso che la costringeva ad entrare, António applicò altra crema e la Cabeçorra entrò, provocando un urlo di Josiana che si trattenne in posizione accovacciata. Weber le baciò la bocca, il collo e il seno e parlò…

Dai, aspetta, voglio vedere tutto il mio cazzo dentro di te.

Sto per essere rannicchiato con questo mostro ma lo ingoierò intero.

Ha rilasciato il peso, era un altro pezzo, si è mosso per abituarsi, non per scendere e urlare e gemere e dimenarsi un po’. Weber l’ha appesa per la poppa e António l’ha lubrificata di nuovo, l’ha liberata e lei ha forzato anche tra tutto e lui ha detto…

Stai fermo e senti il ​​mio cazzo sepolto dentro di te.

Scusa, brucia come il fuoco ma lo adoro.

Ti scoperò caldo adesso.

Si è alzato con la sua fidanzata, l’ha messa a quattro zampe e ha iniziato a pompare lentamente, lei ha urlato, pianto e gemuto.

È così bello, lanciami quel cazzo delizioso, ho sempre sognato di averne uno, vieni qui amore mio, lascia che ti succhi il cazzo e te lo mordo così sentirai dolore con me.

António a mis la bite dans sa bouche qui a sucé et mordu et ils ont tous les deux crié, elle est venue sans arrêt et Weber a poussé un cri de baise versé depuis plusieurs années, remplissant in chatte qui s’est évanouie de douleur et Piacere. Suo marito allargò le gambe e pulì quella figa cruda e gocciolante, lasciandola pulita e facendo lo stesso con il Cacetão del macho che aveva appena scopato sua moglie e gli aveva leccato le palle del sacco. di nuovo duro. Il maschio lo schiaffeggiò e disse…

vuoi provare?

È troppo grande, farà molto male.

Josiane ha lisciato le natiche del marito e lo ha incoraggiato…

Puoi prenderlo, è un po’ più grande della consolazione che ho già seppellito in te, Weber si mangerà quel culo di Maridinho Corno e Viadinho, lo adorerà.

Quindi lubrificalo e mettiti a quattro zampe.

António ha messo la crema sulla coda e il Cacetão e il maschio hanno cominciato a seppellirla, dopo che il Cabeçona è entrato e gli altri sono stati lenti ma lui è entrato facilmente, ha lanciato qualche urlo ma lo hanno afferrato

C’è Corninho. Tu eri più straziato, hai già preso Consolo, ora è un vero idiota.

Ha pompato forte e il Il marito è sceso, Weber ha tenuto duro e ha continuato a pompare, quando ha visto che stava arrivando lo ha tirato fuori e si è messo in bocca la coppia per prendere un po’ di sperma, l’hanno bevuto entrambi fino all’ultima goccia. Sono andata a farmi una doccia e dopo essermi rilassata con un buon whisky, Josiane appoggiata con la testa sul Mostro non ha smesso di accarezzare e baciare il suo testone…

Che morso delizioso, ne voglio di più presto, puoi darmelo?

Ti mangerò il culo per farti i buchi nel mio calibro, poi Corninho te lo succhierà solo. Tu vuoi?

Voglio davvero. Tesoro, vai a prenderci qualcosa da mangiare più tardi, fammi uscire da solo con il mio Cacetudo, puoi solo immaginare Cacetão nel mio culo.

Benissimo amori miei, me ne vado e mi prenderò un po’ di tempo, possono risultare gustosi.

Se ne andò e Josiane si arrampicò sul suo nuovo stallone e le baciò e si strofinò la figa su quel tronco…

Prometti di scoparmi sempre, ora la ragazza di António non mi farà nemmeno più il solletico.

Decidi tu, io non sono nessuno, l’unica cosa che posso offrire è il mio Cacetao.

Ma è solo lui che voglio, e António si prenderà cura di noi.

Quindi ci metto entrambi quando mi chiamano.

Continuò a strofinarsi e aggiustarsi il cazzo e deglutire finché non lo sentì tutto dentro, ora veniva più facilmente anche se bruciava, cavalcò finché non venne e lo lasciò ben lubrificato si mise a quattro zampe e si spalmò la crema sul culo e Weber puntato e forzato dove è entrato il capo. Voleva andarsene ma lui la tenne per i fianchi e seppellì un altro bel pezzo.

Aiiiiiiiii il tuo cane sta soffrendo, calmati. ayyy

Aspettò qualche secondo e seppellì il resto, lei urlò e ricevette schiaffi sulle natiche e un altro, il dolore coprì l’altro e iniziò a rotolare lentamente e chiese.

Colpisci più forte Voglio godermi la sensazione della tua mano che mi colpisce il sedere.

Ha ricevuto altre due sculacciate e ha iniziato a pompare forte. Lei urlava, gemeva.

Gustoso cacetudo vado gonnnnddoooo e voglio di più, spingimi forte, fammi a pezzi, riempimi il culo di bataaaaa

Stava martellando dappertutto e spruzzando sperma caldo ancora e ancora.

Riempile il culo di sperma.

Il tuo caldo sperma caldo allevia il dolore,

António entrò ei due si abbracciarono appassionatamente e si scambiarono i voti.

Vieni a mangiare, ti ho portato da mangiare, un tonico per il nostro Macho ed Herbs per un bagno tonificante, in pochi minuti siamo pronti per un’altra seduta. disse Josiana

È bello, ci ho fantasticato a lungo, ora è reale, voglio godermelo, senza dolore.

Mentre mangi, io faccio il bagno.

Siamo andati in cucina come due innamorati, le ho messo del cibo in bocca e lei mi ha ricambiato. Andammo nella vasca da bagno e António stava già rinfrescando Rabo. Josiane entrò e Weber si sedette sul bordo guardandoci, António si stava prendendo cura di sua moglie per un’altra volta e disse

Sei adorabile, ne approfitto, dovrebbero esserci più persone come te.

Passammo quasi un’ora nel bagno alle erbe e andammo a letto, Antonio disse che era stanco e si addormentò.

Puoi andare, Amorzinho, beviamoci un altro whisky e andiamo anche noi. Godiamoci ancora un po’ di questo delizioso.

António è andato nell’altra stanza e mi ha fatto divertire, ci siamo sdraiati abbracciati e abbiamo cominciato ad accarezzarci e mi ha detto

Com’è divertente la vita, fino a ieri non avevo motivo di essere felice, l’hai cambiato, ora voglio farti piacere.

Vuoi farmi piacere? Quindi mettimi quell’Hot Rod adesso.

Si è tirato indietro e abbiamo iniziato un 69, mentre mi stava succhiando ho lubrificato la sua asta con crema, saliva e mi sono seduto sulle sue ginocchia, deglutendo dolcemente senza dolore e godendomi ogni pezzetto di questo tronco e ci siamo tenuti l’un l’altro finché non ho sentito i brividi salire e stavo arrivando come un matto mi ha messo nella posizione del pollo arrosto e ha seppellito tutto dentro e ha iniziato a fare più spinte e ci siamo uniti. Ci siamo addormentati sfiniti da tanto Piacere ed era solo il primo giorno…

Ci siamo svegliati con il sole già alto, con un delizioso pompino che ci ha fatto mio marito e Weber ha scherzato…

Guarda come Corninho si è svegliato con la voglia di latte.

Abbiamo fatto un 69 su tre, Weber me l’ha succhiato e mi ha toccato i due buchini, massaggiandoli perché erano graffiati e bruciati, poi io e António siamo venuti e sono andato ad aiutare Picona a mettermi del latte in bocca e questo non ha funzionato. t funziona Non ci è voluto molto per la prima bozza, e molti altri che l’hanno ingoiata tutta, io e weber siamo andati a fare una doccia e lui ha iniziato a lavarmi e non ha resistito a mangiarmi di nuovo, ora in piedi, mi ha appoggiato al muro e ha seppellito il suo cazzo nella mia figa e io sto delirando e godendo,

La domenica è iniziata divinamente. Furono altri due giorni di scopate e ancora scopate. Weber aveva il fiato di un elefante, non si stancava mai. Martedì torniamo. António ha offerto che se voleva lasciare la Rua potevamo aiutarlo, senza impegno, ha accettato e abbiamo preso una stanza sul retro della nostra casa, anche se ha dormito solo nella nostra. Abbiamo guidato molto, ma dopo tre mesi è scomparso senza lasciare notizie, il suo destino era vivere per strada. E ci ritroviamo senza il nostro Cacetao. Purtroppo ne stiamo cercando un altro… Chissà…

Gatto selvatico

27>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *