merda da ricordare

di | 9 de Dicembre, 2022

Stavo tornando a casa con le cuffie come al solito dopo un lungo viaggio dal lavoro. In piedi davanti alla mia porta, ho visto la sua sagoma già familiare che non vedevo da molto tempo, anzi, ho evitato a tutti i costi di rivederla! Come ho detto in altre occasioni, non mi piace svegliarmi, ma di solito ho buoni rapporti con alcuni dei miei “ex”. Ci eravamo lasciati qualche mese fa ed entrambi avevano già iniziato un’altra relazione, lei è stata più fortunata di me e hanno già festeggiato il loro primo anno insieme! Io… beh… sono un tipo complicato!

🇧🇷

Mi ha salutato timidamente, se non l’avessi incontrata mi sarei sbagliato di grosso! L’ho invitata a entrare e, naturalmente, l’ho lasciata passare davanti a me nel corridoio in modo che potesse guardare quel culo delizioso. Mi conosceva bene quindi si dondolava fino in fondo e anche senza voltarsi sapevo che sorrideva mentre camminava! Si sedette al tavolo della cucina e accavallò le gambe, mettendo in mostra le sue cosce voluminose:

🇧🇷

– Vi, il mio ragazzo è andato in viaggio d’affari ieri. Avevo voglia di uscire a bere qualcosa, ma la compagnia è difficile da trovare! Vuoi venire in un bar con me?

🇧🇷

– Oddio, sono appena tornato a casa dal lavoro! Sono stanco e ho urgente bisogno di una doccia, non so se avrò l’energia per farlo! ” Ho risposto !

🇧🇷

– Andiamo, devo parlare con qualcuno! Per favore!

🇧🇷

Quella bella voce del cazzo e quell’accento carioca che trasformava la “s” in una “x” riuscivano sempre a convincermi a fare delle cose! Per non parlare del fatto che vederla mi ha sempre dato un’erezione così folle che non riesco a spiegare perché lo sento. Alla fine mi è venuta l’idea di chiamare una cantina vicino casa e bere lì, e ovviamente c’erano già secondi fini dietro questa proposta… E senza dubbio c’era anche lei con lo stesso pensiero!

🇧🇷

Le bevande sono arrivate pochi minuti dopo e non ci è voluto molto per bere e recuperare le nostre conversazioni. Non sorprende che l’alcol diriga sempre la conversazione verso bei ricordi e le avventure che viviamo quasi quotidianamente! Stavamo già parlando pericolosamente vicini e toccandoci di tanto in tanto, spesso più a lungo e più maliziosamente di quanto avremmo dovuto. Prima di finire di fare l’inevitabile, ho deciso di andare a farmi una doccia! Ho lasciato la porta del bagno aperta, era una scommessa che avevo fatto con me stesso, speravo che tu venissi presto ad unirti a me in questa doccia… E avevo ragione!

Altre storie erotiche  Sesso all'alba - Racconti erotici

🇧🇷

Avevo la testa appoggiata al muro del bagno e lasciando che l’acqua calda mi cadesse sul collo, non mi accorsi della sua presenza finché le sue unghie non mi graffiarono la schiena iniziando dalla nuca e finendo con una pressione sul sedere! La voce slanciata con il suo accento carioca che mi sta facendo impazzire è arrivata subito dopo e automaticamente ha fatto rizzare tutto quello che avevo in mano quando l’ho vista esplodere all’improvviso!

🇧🇷

– Ci ho messo tanto tempo in bagno, leoncino! Sono venuto a cercarti!

🇧🇷

– E chi ha detto che stavi uscendo adesso?

🇧🇷

Mi rivolsi a lei che si stava già mordendo le labbra come faceva sempre quando era eccitata, le passai le dita lungo le costole fino ai seni e massaggiandole e imprigionando i capezzoli tra loro ed esercitando una forte pressione! Il lungo respiro perse il suo piacere, inarcandole la testa all’indietro esponendole il collo, e io non persi tempo a prenderlo con l’altra mano. L’ho preso contro il muro opposto e ho aumentato la forza del suo collo, sorridendo mentre si passava la lingua sui denti e mi tirava in modo che i nostri corpi finalmente si scontrassero! Ci siamo baciati come se stessimo per divorarci, già consapevoli che i graffi e i morsi che davamo al nostro corpo avrebbero lasciato ricordi deliziosi!

🇧🇷

Ho abbassato le labbra sui suoi seni, mordendo e tirando i capezzoli con i denti, circondando le areole con la lingua e poi mordendo con pressione. Le sue unghie scavarono e graffiarono la mia schiena e gemiti echeggiarono nel bagno mentre la forza del suo morso aumentava. Con la punta della lingua ho tracciato la mia strada lungo il suo addome fino al suo inguine, ho sollevato una delle sue gambe tenendola dietro il ginocchio e l’ho messa sopra la mia spalla e mi sono inginocchiata davanti a lui, inserendo la mia faccia in quella deliziosa fica carnosa!

Altre storie erotiche  Il cameriere e mia moglie.

🇧🇷

Solo toccandolo con le labbra potevo già sentire il suo caldo miele che le attraversava, l’ho pulito con la lingua per sentirne il sapore delizioso e poi ho voluto assaggiarlo direttamente alla fonte. L’ho superata dall’apertura vaginale fino a toccarle il clitoride, alzando lo sguardo l’ho vista gemere ad occhi chiusi tra sorrisi e parolacce che mi hanno eccitato ancora di più e sono andata avanti! La sua coscia mi stava toccando il viso e ho sentito la trama dei suoi capelli rizzarsi per il piacere, ho affondato la punta delle dita facendola gemere rumorosamente e tirandomi i capelli, lei si è girata rapidamente per strofinare il suo cuoio capelluto sulla mia lingua fino a quando non mi sono sentito sbavato . . nel tuo miele!

🇧🇷

Mi sono alzato velocemente e l’ho baciata di nuovo, lei ha divorato le mie labbra e ha assaporato il suo sapore con me come se avesse fame! La sua mano afferrò saldamente il mio cazzo e lo strattonò lentamente, facendo scorrere dolcemente il pollice lungo il canale uretrale, spargendo il liquido spermatico che fuoriusciva da esso. Tutto questo “riscaldamento” mi ha eccitato e lo sentivo battere forte nella sua mano! Le afferrai i capelli per la nuca e la voltai verso il muro, con l’altra mano la presi, lasciandole il viso premuto contro il suo. La sua figa era così lubrificata che mi sono infilata all’improvviso senza sforzo, in profondità e ad un ritmo frenetico, facendo eco al suono dei nostri corpi che si scontrano in bagno!

🇧🇷

– Fottimi! Scopami come solo tu sai fare!

🇧🇷

Quelle erano le parole che urlava tra i suoi gemiti, spingendo il suo corpo contro il mio e stringendo il mio membro duro dentro di lei con i muscoli della sua figa! Le mie mani scricchiolarono rumorosamente mentre colpivano il suo sedere, rendendolo sempre più rosso. Con il pollice, le toccò e le penetrò il culo, riempiendolo completamente, cosa che sapeva la stava facendo impazzire. Presto eravamo sincronizzati e le nostre voci erano una cosa sola, eravamo vicini al climax e lui stava riprendendo i movimenti!

Altre storie erotiche  Mia moglie mi ama, lo dà a un altro

🇧🇷

– In bocca, vieni in bocca, figlio di puttana!

🇧🇷

Si è girata velocemente, si è inginocchiata e ha ingoiato il mio cazzo in gola, succhiandolo e spremendolo tutto in un modo che non posso descrivere a parole in questo testo finché non ha rilasciato il suo primo getto di sperma accompagnato dal mio urlo di piacere. ! Rilassò la pressione e iniziò a tremare e stringere mentre il resto gli si versava in bocca finché l’ultima goccia non veniva asciugata sulla punta della lingua!

🇧🇷

Rimanemmo in piedi senza scambiare parole sotto la doccia, il nostro respiro era già normale prima di ansimare, e il nostro corpo freddo stava già indicando dove avrebbe fatto male il giorno dopo. Ci siamo vestiti e mentre aspettavamo l’Uber, lei ha rifiutato un’altra delle tante chiamate del suo ragazzo!

🇧🇷

– Sono troppo rilassato per parlargli adesso! Disse con un sorriso malizioso!

🇧🇷

Ho scosso la testa e gli ho riso di rimando e l’ho accompagnato alla porta, baciandomi prima di salire in macchina e sorridendogli. Non ho capito fino a quando non ho guardato il mio letto e ho visto le sue mutandine sopra, un messaggio è arrivato pochi secondi dopo:

🇧🇷

“Al prossimo incontro, tornerò a riprendermi le mutandine! »

🇧🇷

Ho solo sorriso e ho risposto:

🇧🇷

“Lascia che te lo prenda io stesso!” »

🇧🇷

Io spero tu ti sia divertito!

🇧🇷

INSTAGRAM: @lionheartvictor

🇧🇷

E-MAIL: vincitore. Lionheart@hotmail. Insieme a

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *