Mi ha insegnato il pieno piacere – 4

di | 9 de Dicembre, 2022

Dirò qui la fine prima di continuare la storia tra me e Sonia. Con diverse decisioni prese, il mio rapporto con María Paula non ha funzionato. Ho cambiato scuola, sai, e lì ho incontrato un’altra ragazza. E mi stavo allontanando sempre di più da María Paula. Per la ragazza che ho conosciuto e per gli studi. Il nostro tempo stava finendo. Perché nel pomeriggio ho iniziato a dare lezioni extra al gruppo di matematica più debole. Questa università mi ha permesso di trascorrere l’intera giornata lì. Era un mondo nuovo, i miei genitori erano tranquilli, lì ho anche litigato, poi la nostra associazione si è raffreddata. E non volevo più vedere María Paula, si sentiva esclusa, abbiamo litigato e alla fine il rapporto si è sciolto.

Continuo perché dopo l’esperienza con Sonia… mi sono stancato di Maria. Veramente. Non ho mai cercato di essere il bravo ragazzo. Io non sono. Non lo sono mai stato. Ma mettiamo da parte questo drammatico discorso. Passiamo alla parte divertente, hahahahahaha!

Se ho imparato qualcosa in questa vita, è che è estremamente breve. E se non ti diverti, ogni tanto, non stai vivendo. L’ho visto in un film. Forse è per questo che Sonia non ha esitato a barare. Almeno allora, ero tutto ciò che contava per lui. E non c’è niente di più avvincente di una donna esperta!

Sonia: Bene, una bella spremuta d’arancia! Fai il pieno di vitamine, perché stamattina non ti lascerò finché non mi sarò dissetato.

A poco a poco ho preso la pompa da Sonia. Tra un sorso e l’altro, qualche carezza, qualche bacio, non volevo che questa mattina mi lasciasse il ricordo. In pochi minuti, la bomba ha infuriato nel mio sangue e il mio impavido guerriero ha risposto alle carezze della mia ex suocera.

Sônia: Un adolescente va bene, dopo una bella scopata si alza ancora come se niente fosse. Guardate il dipinto, gente. Invidio mia figlia, sai?

Io: invidio tuo marito.

Sonia: Approfitta di tutto quello che posso offrirti oggi. Potrebbe non esserci un’altra possibilità… di avere un altro… appuntamento, disse tra due caldi baci.

Con il membro già sollevato, Sonia mi ha fatto un altro pompino. Il modo in cui usava la lingua per giocare con le mie palle mi eccitava in modo speciale. Con il mio potere in mano, ha succhiato come una puttana affamata lungo la strada. Gli ho chiesto di rimanere al 69, che ha rispettato immediatamente. Lì, ho abusato delle leccate sul collo e persino sul collo. Emise un lieve gemito e mi succhiò più forte. Si è rotolata sulla mia faccia e ha ricevuto più lingue nella sua vagina.

Sonia: Dai, voglio altro cazzo, bastardo! Mangiami come ti ho beccato tu e Maria, mangiami delizioso!!!

Quel culetto bianco, consegnatomi, mi ha provocato istinti primitivi come quando mi sono scopato Maria, anche di più. Ho sistemato la sua figa da dietro e ho iniziato una spinta lenta e profonda. Ad ogni spinta, lei rispondeva positivamente, sorprendendomi dichiarando che la forma del mio sesso era perfettamente disegnata per riempire una donna.

Sonia: Amico, non puoi immaginare quanto mi faccia impazzire! Metti quel cazzone dell’umore giusto, prendilo…quello, puttana, mettilo dell’umore giusto…oh merda! Che delizia, coraggio!!!

L’accordo tra noi era perfetto. Ad ogni spinta sentivo le forze tornare e colpirmi con la voglia di aprire tutto. A Maria piaceva quando la stringeva forte. Qualcuno doveva sparare. Il suono del mio bacino che colpiva le sue natiche era l’unico suono melodioso che accompagnava i suoi gemiti. I nostri gemiti. E il meglio: senza preservativo. Se n’era andato o non si ricordava. Troppo tardi o troppo tardi!

Ho continuato a metterlo su di lei finché non ha raggiunto un altro orgasmo, e siccome mi ci vuole più tempo per godermelo dopo il primo, l’ho messo su di lei senza pietà, solo che lei continuava a gemere di piacere ea chiedere altro cazzo. Quando è arrivato il mio seme, era inzuppato di sudore. Si è scusato per non aver acceso l’aria condizionata. In 10 minuti l’atmosfera gelida ci ha fatto riposare aggrappati gli uni agli altri. Improvvisamente, si voltò verso di me e mi chiese senza mezzi termini:

Sonia: Lipe… hai mai mangiato un asino!?

Io: Beh… io…

Sonia: Dì solo sì o no!

Io non.

Sonia: Ma a te piace succhiare il culo, vero? Mi sorprende che tu non abbia ancora mangiato.

Io: sono sempre stato curioso, ma quando sono in dubbio se mi farò male o meno, non mi offro nemmeno di chiedere.

Sonia: Vuoi imparare oggi?!

io davvero?

Sonia: Preparando bene la ragazza, non la traumatizziamo alla prima esperienza. Visto che hai un cazzo meraviglioso (wow!) e non vedo l’ora di dartelo dal momento in cui ti sei svegliato mio piccolo reguinho, ti meriti il ​​premio. Ah, ti faccio una domanda: ho notato che tu e Maria vi stavate facendo la barba. Perché lo fanno? Un po’ di feticismo!?

Io: In realtà, non ci piace sputarci i capelli, ci piace davvero succhiarli prima dei preliminari, quindi…

Sonia: Ho pensato che fosse carino. Vedi come mi sono rasato anch’io!?

Io: è stato meraviglioso. Delizioso.

Sonia: Il problema di vivere con qualcuno per molto tempo è che non ti importa più né di te né di loro. Valter non ha mai dovuto nulla al letto, ma è stato negligente proprio con una cosa così semplice. Ha un cazzo molto più grosso del tuo, quando facciamo l’amore è una follia. Ma darle il culo è difficile. Ci stiamo divertendo, ma… ci sono momenti in cui non si prende cura di noi. Non importa con chi sei, se è Maria (potrebbe non essere tua moglie), se è qualcun altro, non forzare mai nulla. Ci sono molti modi per mangiare gustoso.

Ho capito.

sonia: si? Capisci (ha corso lungo il mio corpo finché non ha raggiunto di nuovo il mio cazzo) oh, cazzo delizioso… ummm, um…

Mi ci è voluto un po’ di più per indurirmi mentre mi spingevo fino allo sfinimento. Ma ho chiuso gli occhi, rilassato, e presto il mio cazzo era duro nella sua bocca. Sospirò dicendo: “Ah, gioventù! Delizioso! E sono andata a prendere qualcosa dal cassetto del suo comò. È tornato con un altro preservativo e un po’ di lubrificante. Ha sostituito il preservativo con la bocca. Ha succhiato in modo gustoso, poi ha aperto il lubrificante e si è fatto una bella sega.

Sonia: Vado a sdraiarmi a pancia in giù e poi ti prendi cura di me teneramente. È passato molto tempo, ok? – disse affettuosamente.

Mi sono riempito le mani e con le dita pienissime l’ho preparato con molta cura. devo provare. Non era male. Dopo aver passato le dita, non mi sono trattenuto dal dirle di alzare le natiche per ricevere il mio bacio greco.

Sonya: Oh mio Dio! È delizioso, che bocca ricca! Ora rimarrò dalla mia parte e inizieremo a fare il cucchiaio, perché all’inizio è la posizione che fa meno male. Ogni prima volta è molto caldo. Non a tutti piace, e non tutti gli uomini sanno come gestire questo momento. Se ti guadagni questo diritto, anche senza questo passo dopo passo, sei un signore a letto. So solo come usare quello che hai!

Rotolò su un fianco e appoggiò la gamba sopra la mia, per adattarsi meglio. Ero arrapato e con un cazzo forte come una roccia. Avvicinai volentieri la testa, mi chiese di calmarmi, di prendermela comoda perché non era un gatto.

Sonia: Il tuo cazzo è bello, delizioso, ma è stretto, se lo forzi puoi rompere le pieghe e può uscire molto sangue. Mettilo bene… Che… così… sei bravo, amore mio… Ah! Peccato che non mi interessi… ma sta andando bene! Inizia inserendolo lentamente… uh… whoop!

faccio danni!?

Sonia: No, mi ci sto abituando, è bello… complimenti, hai superato la prima tappa! Ecco, delizioso, mettilo così, mettilo!

Mi prese la mano e mi insegnò a suonare una siririca mentre la indossavo. Sonia iniziò a gemere deliziosamente e il suo sedere si allargò, si rilassò e iniziò a muovere i fianchi verso il mio bacino. Questo buco stretto era troppo gustoso, troppo buono per essere messo in una tazza.

Mi chiedeva più vigore ea poco a poco l’ho aumentato, mi ha solo elogiato e accarezzato le mie mani che erano già bagnate della sua figa. Gli ha chiesto di sdraiarsi a pancia in giù perché era delizioso. Ho risposto alla richiesta, ma era difficile penetrare perché era un angolo più stretto. Ho usato più lubrificante. Quando tutto è scattato, è stato ancora più delizioso.

Con il suo sedere rivolto verso di me, sentendo il suo sedere completamente davanti a me, l’ho afferrata sotto le braccia e l’ho immobilizzata, controllando i suoi movimenti avanti e indietro.

Sonia: Questo, Lipe, è così delizioso… colpiscimi con quel cazzo, colpiscilo, gnam… oh, figlio di puttana!

Io: Siete tutti Desiderabili, Sonia! Come avrei voluto nascere nel tuo tempo e incontrarti per primo!

Sonia: Ma tu hai mia figlia! Io e lei ci assomigliamo!

Io: Sei unica, Sonia… accidenti, voglio mettermi di più! non voglio smettere!

Sonia: Allora fottimi nel culo! Mettilo sulla tua cagna, mettilo su! Sono stato pazzo di te Da quando ti ho visto. Ero così geloso di Maria per questo!

Io cosa?

Sonya: Molto serio. Vuoi essere più volenteroso, vero? ?

Voglio!

Amico, sono andato fuori di testa quando ha inserito 4. Ha chiesto più lubrificante e sono passato senza registrare. Ti ho riempito il culo di schiaffi vigorosi. Ha sorriso spudoratamente e ha detto che le piaceva vedermi farlo con María Paula. Ha detto che immaginava di essere tenuta così tutta la notte da me.

L’ambientazione era unica. Gli ho dato uno schiaffo sul culo. Ora la sessione è stata una pura lotta, proprio come piace a me. Sbattendo con decisione la mazza in quello stretto buco, i due impazzirono, scambiandosi imprecazioni.

Sonia: Colpiscimi nel culo come hai colpito Maria, colpiscila… che bontà! Merda, mio ​​galudo, merda tutto!!!

Gli ultimi 5 minuti, non ne sono sicuro, sono stati i migliori. Siamo venuti duro e lei mi ha chiesto di togliermi il preservativo e di farle un bagno di latte alla fine. Ciò che restava del latte si portò alle labbra. Mi baciò con entusiasmo. Quando ci guardiamo, cerchiamo l’orologio… wow! Quasi mezzogiorno. Un’intera giornata scolastica sprecata. Per la borsa sotto, hahahahahahaha, era la mia scuola. Ha preparato un delizioso pranzo, abbiamo mangiato insieme e, a metà del pasto, è arrivata María Paula ed è stata sorpresa di vedermi.

Maria: Wow, che tipo di regalo è quello! ?

Io: sorpresa!

Dato che era in uniforme, non sospettava nemmeno nulla.

Sonia: L’idea era di farti una sorpresa, tesoro!

María: Pensavo che non ti avrei più rivisto. Ha litigato molto con te?

Io: Abbiamo avuto una conversazione molto produttiva. Ha promesso di non dirlo ai miei genitori e… continueremo a vederci! Ma ha chiesto di stare attento, perché potrebbe essere suo padre.

Sonia: Lei mi conosce, Lipe, sa che sono una donna moderna e liberale. Costruisci il tuo piatto, mangia e riposa. Oggi il ragazzino torna a casa. Oggi ho avuto una mattinata impegnativa!

María: Ma mamma, ha già perso tutta la mattinata di lezione!

Sonia: Di notte torna. Troverò un modo per tenere lontano tuo padre, gli mando un messaggio.

Maria: Oh mamma! Ti amo!

Sonia: Ti amo anch’io, piccola!

Io: Tesoro, ora me ne vado. Ho finito il mio pranzo, che tra l’altro era delizioso, Sonia. E grazie, davvero. Per tutto quello che mi hai insegnato.

Maria: Come mai?!

Io: Come ci ha visto se… Beh, mi ha dato degli indizi. Questo è tutto.

Sonia: Sei stata sbadata e distratta in alcune cose. Ricorda di cosa abbiamo parlato. Ho anche parlato con lui. Spero che abbiano imparato. Col tempo, piegherò anche tuo padre ad accettare la tua corte così com’è adesso. Comunque, vai a mangiare.

Maria: È il mio amore! Eri preoccupato.

Salutai María con un tenero bacio e lasciai il mio numero a Sonia.

Di notte è stato confermato che Sónia uscirà con suo marito. E Maria Paula e io abbiamo passato una notte calda. Troppo caldo. Ti dico!? Se vuoi, lascia un sì, commenta.

Per oggi è tutto, bastardi! Ahahahahahahahahaha

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *