Mi ha insegnato tutto il piacere – La fine

di | 9 de Dicembre, 2022

Bene gente, questa bella storia sta per finire. Dal momento che ho dato un attacco spoiler, non credo di dover entrare nei dettagli qui. Per quelli di voi che sono appena arrivati, leggete

“Mi ha insegnato il pieno piacere”, in modo che tu lo capisca meglio.

Maria mi ha chiamato nel pomeriggio, non ha nemmeno lasciato raffreddare il mio corpo per scoprire la conversazione con il mio amante… Ops! Sua madre.

Maria: Allora, com’è andata?

Io: Non chiedermelo nemmeno amico, ero fregato prima di venire a casa tua. Non ho nemmeno dormito bene.

Maria: Oh, poverino! Ma io voglio sapere tutto, dimmi.

Io: Beh, prima di tutto mi ha offerto la colazione, non si alzava da molto tempo.

Maria: Sì, di solito dorme molto tardi e si alza dopo di noi.

Posso!?

Maria: Oh, scusa, parla.

Io: grazie, ehehehe! Avanti: ha fatto una spremuta d’arancia molto gustosa, mi ha riempito la pancia di cose deliziose, come se stesse preparando un agnello per il macello. Non ho mai mangiato così tanto come oggi. Dopo questo ulteriore rinforzo, ha confessato che pensava che il nostro sesso fosse bellissimo.

Maria: COSA?

Io: Beh, se non te l’ha detto, l’ha detto a me. guardava tutto

Maria: Oh, che peccato!

Io: Cavolo, mi ha messo in imbarazzo, poi mi ha chiesto tanto quanto tempo era passato, se ci stavamo proteggendo, se eravamo stati in un motel…

Maria: Oh, è orribile, ha esagerato!

Io: Sto scherzando, hahahaha, non l’ha chiesto lei, no.

Maria: Pagliaccio, hahaha!

Io: Ma quello che ha chiesto è stato davvero invadente e ho resistito a rispondere.

Maria: Mio Dio, che è successo? !

Io: mi hai chiesto se… avevo mai fatto sesso anale con te!!

Mary: giuro! ? Amico, la ucciderò.

Io: Non ucciderà niente! È finita, tua madre mi ha sorpreso ogni minuto che passava.

Maria: Perché dici così?

Io: Era una madre che… penso che qualsiasi uomo o ragazza vorrebbe avere. In quel momento, fui grato che non fosse stata mia madre. Spiega ma non sa dire bene le cose, è un po’ un’orchessa. Mio padre parla in modo divertente, fa ridere tutti a casa.

Maria: Ah, ma non doveva chiedertelo!

Io: Se te l’avessi chiesto, saresti stato onesto con la risposta?

María: Il fatto è che mi vergogno a rispondere a qualcosa di così personale, e…

Io: Dai tesoro, parla.

Maria: Non ne abbiamo mai parlato.

Io: Sì, questo è il problema. Non siamo ancora arrivati ​​a questo argomento. Ma probabilmente hai pensato…

Maria: Non pensavo a niente…

Io: vedi…

Maria e tu!?

Io: Ah, hahahahaha, divertente…

Maria: Ho amici che dicono che è disgustoso e offensivo. I suoi amici sono molto ossessionati da questa parte, gli ho detto che sei bellissima, che non mi hai mai proposto una cosa del genere…

Io: non ho avuto tempo.

Maria: Non ci posso credere, Lipe, tu…

Io: pensi davvero che non ci abbia mai pensato!? Non l’hai visto nei film!?

Maria: ah, non lo so…

Io: Guarda, non ha senso dire che è brutto, solo perché i tuoi amici dicono che lo è. Devi provarlo per scoprirlo. Hai una madre a casa che può insegnarti tutto. Anzi, dille che sarebbe fantastico avere una madre intelligente e comprensiva come lei. Ogni bambino vorrebbe averne uno.

Maria: Wow, quindi questa conversazione ha davvero cambiato il modo in cui vedi mia madre…

Io: Totalmente. Mi sbagliavo. Tua madre è una persona straordinaria. E se assomigli a lei, sarai anche una donna straordinaria.

Maria: Oh, che gentile da parte tua! Ma voglio ancora sapere perché chiedi qualcosa di così personale.

Io: Perché sei preoccupato per un ragazzo che le fa del male, non conoscendo la procedura corretta per curare una donna? E lei, come sai, ha visto il nostro sesso. E ha anche cambiato quello che pensi di me. Lei… ha visto come andavamo d’accordo.

Maria: Troppo, amore mio.

Io: E lei mi ha insegnato passo dopo passo come darti la migliore esperienza della tua vita.

Altre storie erotiche  Andare in discoteca durante la quarantena

Maria: non credo! Lo ha fatto lei!? sono nel panico! Come ha fatto?

Io: Certamente non è stata una lezione oggettiva, vero Maria? Mi ha mostrato passo dopo passo, mi ha mostrato alcuni prodotti che facilitano il processo, mi ha mostrato alcune posizioni su Internet che facilitano la penetrazione per chi non l’ha mai fatto, ecc.

Maria: Scommetto che dovevi essere molto emozionato.

Io: Oh, mi… mi è piaciuto, sì.

Maria: E tu vuoi usarmi come cavia, vero!?

Io: il pollo o la capra del vicino che non funziona, eh! Ma… solo se vuoi. Non ti costringerò a fare niente.

Maria: Ma vuoi davvero farlo oggi, vero!? Se potessi lo faresti!!!

Io: Ok, l’ho sempre voluto. L’ho sempre voluto perché abbiamo un rapporto molto forte, andiamo d’accordo, tu sei la mia prima donna a letto, e non meno importante: ti amo. E non credo che tutto il tempo che abbiamo passato insieme sia sufficiente per dire che ti conosco. Ti amo ogni giorno di più.

maría: che bello Va bene, possiamo provarlo. Ho un po’ paura, ma… dipende da te, e… ti piace già giocare con il dito e la lingua accanto, eh… già sospettavo che un giorno me lo avresti chiesto . Ecco perché l’ho detto ai miei amici.

Io: Che non ti hanno insegnato niente. Continuo a parlare della nostra intimità con chiunque.

Maria: Non parlo, idiota, sto zitta ad ascoltarli…

Io: avrei potuto ascoltare la brava donna. Non dimenticare di dirgli i miei ringraziamenti.

Maria: Puoi. Va tutto bene, amore mio, riposati. Cucinerò qualcosa di molto gustoso da mangiare nella nostra stanza, dopo aver ucciso questa voglia che ho di te.

Io: sono pazzo anche perché mi piaci caldo.

Maria: Promettimi che se fa male ti fermerai?!

Io: Quando la ami, non vuoi nient’altro. Ti prometto che ti piacerà.

Maria: Oh, sono curiosa!

Io: Il mio cazzo sta diventando duro solo a pensarci…

Maria: Cattivo… Hehehehe!

Io: Ciao amore mio, spero che tua madre possa portare il tuo vecchio in un posto tranquillo.

Maria: Sì. Spero anche io. Ne hanno davvero bisogno e… sì, ne hanno bisogno.

Io: L’ha detto con voce lontana, pensando a qualcosa che lo preoccupa.

Maria: Forse te lo dirò.

Sono buono. Ma non penso. Lascia che siano loro a risolvere i problemi. Non possiamo fare molto.

Maria: Esatto. A dopo amore! Grazie per avermi affidato la conversazione. Si è chiarito molto.

Di notte ricevo un sms da Sonia:

“Merci pour les paroles adressées à ma fille. Vous pouvez y aller et vous amuser. J’ai aussi adoré être avec vous. Et voyez si vous ne me cherchez pas ou ne m’appelez pas. Laissez-moi faire ça. Embrassez- voi.”

“Non posso credere di aver tradito mio marito con il fidanzato di mia figlia. La mia coscienza mi pesa molto adesso!”

Quest’ultimo l’ho ricevuto pochi minuti dopo. Mi sono preparata, ho messo un Kaiak per avere un buon profumo, ho preso i preservativi, anche le caramelle per tirarci su il morale durante le pause. Quando sono arrivato, sono stato accolto da María Paula, sensualmente vestita con un top rosso a punto smock con maniche lunghe e spalle scoperte. Mi è piaciuto principalmente per aumentare le dimensioni del tuo seno. E dei pantaloncini di jeans stupidamente corti, che mostrano metà del tuo culo. Il suo bacio di benvenuto è stato il primo piatto principale. Afferrai Maria per le natiche e le passai la mano sui seni, ricambiando il gesto appena arrivata.

María: Wow, che gusto, eh! Si è emozionato per la conversazione di oggi o è l’angoscia di provarmi il culo, mascalzone!?

Io: Un po’ di ciascuno. Wow, sei molto sexy con questo vestito.

Mary: ti è piaciuto? Proprio così, niente di grave, era solo stare a casa. Vuoi mangiare qualcosa!? O preferiresti andare a… sai, la classe in cui avresti dovuto insegnare, la mia insegnante sexy!

Io: In questo corso, chiedi un promemoria!

Altre storie erotiche  Succhio il cazzo duro del mio capo

Maria: Ehi, lo so! Mi piacerà davvero?

Io: Lascia che sia… lascia che rotoli.

Si abbandonarono a un bacio caldo e succulento, le loro lingue si rincorrevano implacabilmente. Gemette piacevolmente mentre la mia bocca succhiava la base del suo orecchio, giù per il collo e raggiungeva i suoi seni che pizzicavano sotto la mia carezza.

Maria: Non vuoi andare in un posto più accogliente e più gustoso! ? Per come stanno le cose, sembra che mi avrai qui. stesso!

Io: A questo punto, la posizione non ha importanza. Ma andiamo!

Arrivando in camera, chiudiamo la porta in modo che il Purtroppo non accadrà più. Le tolsi la camicetta superiore in due passi e affondai la bocca nei seni arruffati di Maria. Scendendo sul suo addome, ho già slacciato il bottone dei suoi pantaloncini di jeans, toccandole l’ombelico con la lingua, come se stessi assaggiando un bicchiere di vino. Era senza mutandine. La sua figa era profumata e bagnata, con quell’odore di troia che mi riempiva il naso. Le sollevai le gambe, tirando lentamente il piccolo panno che mi separava da quel corpo bianco rasato. Le baciai i piedi e spostai lentamente i baci e le carezze delle mie mani sulle sue gambe e cosce finché raggiunsi il centro del suo piacere. Baciai avidamente la sua vulva e lentamente penetrai la sua vagina con la lingua, inseguendole le viscere come se le stessi baciando la bocca.

María: Buonissimo, stai molto bene oggi! Non fermarti, è troppo… ah! Che diavolo!!!

Fu allora che entrai insieme nel suo dito, avanti e indietro lentamente e profondamente, succhiandole la clitoride. Emise un gemito acuto e mi strinse la testa tra le gambe, proprio come Sonia. Le infilai un altro dito nella fica e accelerai le spinte finché lei rabbrividì e venne nella mia bocca. Il suo respiro era disordinato, le sue mani mi tiravano forte i capelli, rovinandomi l’acconciatura con il gel, hahahaha.

Quando riprese i sensi rubati da quell’ondata di piacere, mi tolse la camicia, sollevandomi in alto le braccia. Aprendo la mia guardia, mi leccò maliziosamente i capezzoli e corse sul mio petto, sulla mia pancia, sul mio bacino, sul mio membro con le sue labbra, sui miei pantaloncini. Quando si è sbarazzato di lei, si è inginocchiata, si è sottomessa e mi ha fatto il miglior pompino che abbia mai fatto da lei: ha succhiato tutte le mie palle, succhiandole una per una, poi baciato ogni centimetro quadrato del mio membro finché non l’ha preso. in bocca succhiandomi il glande come se stesse provando una pallina di gelato. Mi ha guardato sporco, mi ha sputato sul cazzo e l’ha inghiottito lentamente fin dove poteva arrivare la sua bocca. Ho sollevato María Paula da terra e ho assaggiato il mio cazzo in un altro bacio voluttuoso. Lei non gli toglieva le mani di dosso, continuava a masturbarsi ea giocare con le sue morbide dita sul mio glande.

L’ho messa a quattro zampe sul materasso e le ho succhiato di nuovo la figa bagnata, aggiungendo un bacio greco e penetrandole il culo… wow, quando l’ho penetrata con la lingua, è stato così bello! Ancora di più con lei che emette un gemito timido e si contorce davanti alla mia faccia.

Ha chiesto il mio cazzo dentro di lei immediatamente. Sempre a quattro zampe, ha ricevuto tutto il mio potere nella sua figa, seppellendolo finché non è rimasto solo il mio bacino a schiantarsi contro le sue natiche. Spinsi forte, al suo comando, aggiungendo un po’ più di velocità del solito. Maria strinse forte le lenzuola tra le dita e morse la federa, ansimando nel cuscino. Mi guardò, i suoi occhi avidi, mordendosi il labbro, dicendo che era delizioso, ma stava già esplodendo con un altro orgasmo.

María: Wow… che esplosione sei oggi, eh! Mi ha fatto venire due volte!?

Io: salva il meglio di stasera, hehehehe!

A casa avevo il succo d’arancia con la catuaba, l’ho comprato tornando a casa, hahahahaha! Mio padre lo guardò, scosse la testa perché sapeva già cosa sarebbe successo. Ma torniamo all’essenziale: Maria era senza fiato, ha chiesto un po’ di tempo per mangiare un dolcetto e riprendere le carezze preliminari. Mi sdraiai su un fianco con lei, nella stessa posizione che Sonia mi aveva insegnato prima, continuando a baciarla ea giocare con le mie dita dentro la sua fica depilata. L’ho interrotto brevemente per cercare il lubrificante che avevo anche fornito (niente a che fare con il prestito di sua madre, che ovviamente avrebbe sollevato seri sospetti). L’ho versato generosamente nelle mie mani e l’ho passato sul mio cazzo coperto di preservativo. E poi, ho messo la sua gamba sul mio corpo e ho riempito il suo ano con il lubrificante, penetrandolo delicatamente con le dita.

Altre storie erotiche  mia moglie ad una festa

Io: fa male!?

Maria: Suona bene… hmmm… una sensazione diversa!

Avevo più lubrificante, abusavo delle carezze sul suo cazzo ancora vergine. Gli ho fatto chiudere gli occhi e rilassarsi, mi sono guadagnato la sua fiducia.

Allora puntai la mia testolina verso la porta della gioia e cominciai a spingere piano, ricordandomi di suonarci sopra una siririca. Quando la testa è entrata, ha chiuso il culo stretto. Ero spaventato, normale. le sussurrai all’orecchio di rilassarle lo sfintere. Ha rispettato e la registrazione è stata completata. Se il culo della matrigna era stretto e bello da sculacciare, immagina il culo vergine della figlia!

Io: fa male, piccola! ?

Maria: Hai un cazzo enorme! Ma brucia un po’. Non era come dicevano le ragazze.

Io: Non puoi insegnare quello che hai imparato male.

Maria: Hmm.

E ho cominciato a metterlo dentro lentamente, masturbandogli il culo. Il ritmo accelerò e Maria perse la paura e si rilassò ancora di più in modo da poter entrare facilmente. Cominciò a gemere di piacere. E ho continuato a renderlo gustoso, ora aumentando la velocità. Amico, che culo meraviglioso! Ho premuto più forte, ha iniziato a gemere più forte. Il suo dolore ora era un piacere e presto i suoi fianchi iniziarono a muoversi, schiantandosi contro il mio bacino.

María: Oh, Lipe, fanculo con il desiderio… è fottutamente delizioso! Ehi! Che dolore delizioso, è molto buono, non si ferma!

Con le sue pieghe che si allargavano, l’odore di puttana che permeava la stanza e aumentava il ritmo, non le ci volle molto per annunciare un altro orgasmo. Quindi non mi sono trattenuto neanche io. Amico, che culo ricco!

Maria: Wow… cos’era quello, ragazzi! Adoro questo è delizioso! Mi piace! C’è risentimento per un altro!?

Io: ho fame hahahahahaha!

María: Lo sapevo, anche dentro di me.

Va bene ragazzi, qui ho finito. Dopo che siamo andati ad assaggiare le deliziose tagliatelle alla bolognese con sopra salame piccante e parmigiano, la scopata è durata altre due ore. L’ho ancora scopata nel culo, anche sotto la doccia. Quando sono tornato a casa, ho ricevuto un nuovo messaggio. Era di Sonya.

“Ti è piaciuta la serata, cara!?”

Io: “Grazie a te, è stata la migliore notte con lei della mia vita.”

Sonia: “Ti fa bene. Mi rende felice.”

Io: “Ma non posso fare a meno di dire una cosa.”

Sonia: “E cosa sarebbe?”

Io: “Sto morendo dalla voglia di fare di nuovo l’amore con te!”

Sonia: “Spericolata! Ho tradito mio marito, insegnandoti a scopare mia figlia, ho la coscienza sporca e tu, con questo cazzo scorticato dalla felicità, pensi ancora alla puttana!?”

Ho deciso di non provocare più. Spengo le luci e vado tra le braccia di Morfeo. Nel cuore della notte, mi sono svegliato per cambiare i liquidi: bere acqua e sciacquare l’acqua già impura dal mio grembo. Al ritorno, noto che la luce sul telefono lampeggia. Segno di messaggio. L’ho aperto e sono andato a vedere cosa fosse.

sonia

“Quando ci rivedremo?” Potrebbe essere nel mio ufficio?

La fine

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *