mi ha trasformato in una stronza

di | 8 de Dicembre, 2022

La mia vacanza era quasi finita, era stata una bella vacanza, ho scopato, mangiato e bevuto molto. Ma mancava qualcosa, il mio culo si contorceva dalla voglia di essere fottuto. Ho anche provato a trovare ragazzi ma senza successo, ho già accettato che non avrei avuto questo piacere in vacanza quando tutto è cambiato grazie a Climax.

Un grande autore qui mi ha contattato. Flor de Lotus ha detto che le mie storie le sono piaciute molto… Chiacchiera, chiacchiera, abbiamo iniziato a chiacchierare e mi ha eccitato troppo. Sa come stuzzicare un uomo, mi ha lasciato con un cazzo duro e un culo lucido.

Mi restava ancora una settimana di ferie e dopo 3 giorni di discussioni con la mia Bela Flor, ho deciso di andare nel Nordest a trovarla. Poche ore di aereo ed eccomi in aeroporto. Avevamo concordato un albergo nel centro della città, un luogo semplice ma discreto dove potevo soggiornare e ricevere le sue visite.

– Sono arrivato in albergo, stanza 46. – Ho mandato un messaggio.

– Ottimo, ora voglio che tu ti faccia una bella doccia calda, poi ti spogli e mi aspetti con addosso solo le mutandine bianche che ho ordinato di comprare.

Non ha chiesto, ha ordinato. Sotto la doccia il mio cazzo non scendeva nemmeno per tanta eccitazione, mi chiedevo che tipo di puttane stessi cucinando. Ne ho approfittato per togliere i pochi peli rimasti nella borsa e nell’occhiello, sapevo che gli piaceva molto morbido.

Indossavo biancheria intima bianca che creava un piacevole contrasto con il mio corpo scuro. Lo stava aspettando come aveva ordinato, in piedi sul letto guardando verso la porta. Ho lasciato la porta aperta e la reception aveva già il tuo nome per farci salire. Un’ora di attesa e niente, due ore di attesa e niente, sembrava fatto apposta per rendermi ancora più ansioso.

La porta si apre lentamente e lei entra silenziosamente. Indossava un vestito rosso scollato che quasi lasciava intravedere il seno, rossetto rosa, tacchi alti che la rendevano più alta di me, e io non sono bassa. È arrivato con una piccola valigia su ruote “deve essere piena di giocattoli” ho pensato. Mi squadrò dall’alto in basso, con aria soddisfatta.

“Inginocchiati ora davanti a me.” ordinò con voce fredda.

Il ginocchio mi faceva male sotto il mio peso, ma rimasi come aveva ordinato. Flor mi dava le spalle mentre apriva la valigia, solo una scusa per farmi ammirare il suo enorme sedere.

Dovevo trattenermi dallo stringere quel culo che mi stava sbattendo in faccia, mi accontentavo dell’odore della sua figa bagnata. Tirò fuori un enorme dildo viola con una strana base che non aveva mai visto prima.

“Succhialo ora,” ordinò. Non riuscivo a trattenere una piccola risata, pensavo che succhiare un dildo fosse un po’ sciocco. Senza perdere tempo, Flor mi diede uno schiaffo violento in faccia. Ho iniziato a leccare il bordo del dildo senza molto entusiasmo ma guardandola tutto il tempo. Un fiore dal nulla mi infila in bocca questa cosa enorme fino a farmi soffocare. “Ti ho detto di succhiare e non leccare come un cane magro.”

Comincio a succhiare goffamente mentre lei mi forza sempre di più in gola, qualcosa mi dice di bagnare davvero questo dildo. Il mio cazzo stava già sbavando di desiderio, segnando le mie mutandine e tirando fuori. La punta della scarpa, Flor comincia a giocare con la testa del mio sesso, impazzendo di gioia.

Mi fa cadere il dildo in bocca e mi fa cenno di alzarmi. Respiro affannoso attraverso il naso con un dildo che mi riempie tutta la bocca. Mi strinse forte le palle con una mano e con l’altra strofinò la testa bavosa del mio sesso, quando sentì che il mio respiro si faceva troppo veloce si fermò. Il mio cazzo faceva male per il desiderio di venire.

“È ora di giocare con il tuo sedere” disse togliendomi il dildo dalla bocca e schiaffeggiandomi la faccia. “Resta il 4° a letto cane mio” ho obbedito.

Flor si è tolta le mutandine e mi ha sbattuto la testa della consolle contro il mio culo, un tocco al centro, un paio di scosse solo per farmelo desiderare. Il mio cazzo rimbalzava mentre il mio culo brillava. Con l’unghia ha aperto ogni fessura nel mio culo, come se li contasse uno per uno.

Ho sentito il suo corpo allontanarsi e il rumore della valigia che veniva trascinata attraverso la stanza. Sono stato arrestato e mi sono fermato sono rimasto. Non ho nemmeno osato voltarmi indietro. Sentivo un brivido nel cielo, avevo lubrificato la consolle e ora l’avevo sistemata nel corridoio.

Ogni mano premuta contro la mia vita, per non lasciarla andare. Mi ha messo lentamente questo ferro caldo sul sedere, il dolore acuto mi ha fatto urlare forte e ho cercato di scappare ma le sue mani si sono chiuse intorno alla mia vita. Le sue unghie affondarono con forza nella mia pelle, rilasciandole solo quando sentì il suo inguine toccarmi il sedere.

– La brava ragazza ha resistito bene al mio cazzo.

– Disse accarezzandomi affettuosamente sulle natiche. Respiravo a fatica, i brividi mi correvano lungo la schiena fino alla nuca. Le unghie affondarono profondamente nella mia schiena. Mi tolse immediatamente il conforto, tirandomi un sospiro di sollievo e piacere. Flor mi ha aperto il culo con 2 dita. – È ancora molto chiuso, dovrò espanderlo di più.

Senza chiedermelo, spinse ancora ma questa volta non si fermò, iniziò un ritmo intenso di spinte, veloci e profonde. La pressione era tale da farmi crollare sul letto con Flor sopra di me. Niente fermerebbe questa donna, gemeva nel mio orecchio mentre abusava del mio culo.

Lo sfregamento del mio cazzo duro contro il letto mi ha lasciato crudo, ho perso la cognizione del tempo mentre il mio culo veniva massacrato. Ho sentito arrivare un forte orgasmo. Ho morso il cuscino per soffocare il mio grido mentre mi avvicinavo coprendo il letto e il mio stomaco.

Quando ha capito che ero venuto, ha tolto lo strap-on che mi stava divorando, ma ha lasciato il dildo ancora nel mio culo. Arrabbiata, mi ha fatto voltare.

– Puttana cattiva, chi ti ha mandato qui?

– Con il mio cazzo tutto appiccicoso e pieno di sperma, mi ha stretto forte le palle e ha iniziato a pulire tutto lo sperma con la bocca. Quando ha visto che il mio cazzo era pulito, mi ha tirato la testa e mi ha sputato tutto il mio sperma in bocca, è stata molta umiliazione, un sapore amaro, ma mi è piaciuto servire questa dea.

– Dato che eri una puttana disobbediente, ora mi farai venire.

– Si è seduta sulla mia faccia con la sua figa e mi ha massaggiato. Più lui lottava, più lei diventava eccitata. Stavo prendendo fiato quando finalmente mi è venuto in faccia. Si staccò da me, si sdraiò accanto a me e mi baciò teneramente il collo mentre riprendeva fiato.

Rannicchiata contro il mio petto, cominciò a masturbarmi dolcemente come se fosse un affetto innocente. Presto si addormentò tenendo ancora il mio cazzo duro. Non avevo nemmeno la forza di togliermi il piumone dal cazzo, finii per dormire così, con il sorriso sulle labbra e la soddisfazione di aver trovato la mia regina.

Se ti è piaciuto, commenta, vota. Mi aiuta e mi incoraggia a scrivere di più. Se vuoi parlare, lodare o criticare segui il mio whatsapp 031994115021, se sei timido segui la mia mail lazarusmg@gmail. Con. Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *