Mi sono mangiato il culo ma non ho visto la faccia della donna sposata

di | 9 de Dicembre, 2022

Questa è una delle storie più strane che mi siano capitate. Mesi fa, in uno dei social network in cui ho un profilo, un uomo mi ha invitato. Ho guardato il suo profilo, sposato da due anni, impiegato statale, senza figli, ecc. Ho deciso di accettare. Qualche giorno dopo mi ha chiamato in privato e ha cominciato a chiedermi della mia vita familiare, lavorativa, ecc.

Ho risposto a quello che pensavo di dover rispondere e lui era soddisfatto. Ancora qualche giorno e lui, che qui chiamerò fittiziamente Marcelo, mi ha detto che voleva conoscermi di persona. Quindi ho iniziato a diventare un po’ sospettoso! Ma abbiamo preso un appuntamento in una food court nel centro commerciale e sono andato.

Marcelo è stato gentilissimo, ha ordinato due birre alla spina e dei panini che ci siamo gustati tra un sorso e l’altro. Ad un certo punto si è aperto: si è scusato per avermi molestato, vedendo chi erano gli altri miei amici, il mio lavoro, i miei vecchi messaggi, ecc. E mi ha detto che mi aveva scelto per fare una cosa a tre con sua moglie, anche qui fittiziamente chiamata Clara.

Ma c’erano due condizioni. Era solo per fare sesso anale con lei. È tutto. E non potevamo vedere i nostri volti oi nostri corpi. Marcelo mi ha spiegato che prima di sposarsi, la donna ha fatto sesso anale, con amici e un ragazzo con cui non ha funzionato, e le mancava molto che le desse il culo, cosa che non le piaceva per niente, quando le piaceva esso. Disse che non gli era mai piaciuto, perché lo trovava malsano e per altri motivi legati anche alla rigida educazione religiosa che aveva ricevuto.

Ma ho anche posto una condizione: che Clara mi succhiasse il cazzo così che io mi eccitassi di più prima di fotterla nel culo. Marcelo mi ha guardato dritto negli occhi e mi ha confessato di essere molto geloso di sua moglie, di non aver mai immaginato che almeno avrebbe baciato un altro uomo sulla bocca, “immagina di succhiargli il cazzo”.

Ha confessato di avere una “genuina riverenza” per la donna, ma che ha pensato e parlato molto con Clara. Ci siamo scambiati i numeri di WhatsApp e ci siamo salutati. Una settimana dopo, mi ha inviato un messaggio vocale.

Disse che aveva riflettuto molto e parlato molto con Clara, e poiché non ci saremmo visti in faccia, la mia controparte si calmò. Poi siamo entrati nei dettagli, mi ha portato nell’appartamento di un amico che era in viaggio e gli ha consegnato le chiavi, bendato. Anche Clara sarebbe allo stesso modo, ad aspettarci.

Il giorno e all’ora stabilita, Marcelo è venuto a prendermi nel luogo concordato, con la sua macchina dai vetri oscurati, mi ha chiesto di salire sul sedile posteriore, dove mi ha bendato. La benda, per quanto strana, non faceva male, era comoda ma molto efficace, non mi faceva vedere niente, nemmeno il raggio di luce più brillante. Questo, del giorno prima, mi ha già emozionato molto. Era qualcosa di diverso, qualcosa di nuovo per me.

Entriamo nel garage del palazzo ed entriamo subito in un ascensore. Una volta nell’appartamento, Marcelo era la mia guida. Mi ha portato nella camera da letto della coppia, mi ha messo sul lato del letto e mi ha chiesto di spogliarmi. Una mano femminile toccò la mia e si presentò.

Altre storie erotiche  corona spettacolare

– Clara, piacere di conoscerti.

– Piacere mio.

La coppia ha quindi iniziato a giocare e mentre ascoltavo e capivo cosa stava succedendo, il mio cazzo già mezzo pompato è diventato ancora più duro. Marcelo ha succhiato molto la donna, fino a quando lei è venuta con forti gemiti, quasi piangendo. Tuttavia, non ha smesso di succhiare la figa di Clara, ed è venuta di nuovo, il suo corpo tremava molto, come ho potuto vedere, e questa volta ha urlato con un forte orgasmo.

Allora Marcelo non si è arreso, ha messo Clara a quattro zampe e ha cominciato a fotterla forte, a colpi duri, finché la donna non è tornata. In quel momento mi stavo masturbando dalla mia parte, ascoltando tutto, quando Marcelo me lo disse.

– Ora tocca a te, amico mio.

Mi mise in mano un tubo già aperto di gel lubrificante, mentre Clara rimase a quattro zampe. Ho lubrificato bene quel culo, ho infilato un dito, due dita, tre dita lì dentro, lasciando l’anello raggrinzito pronto per essere penetrato, mi sono girato e ho offerto il mio cazzo da succhiare come concordato.

Clara mi ha succhiato il cazzo come pochi idioti sanno fare. Quasi mi divertivo in questa meravigliosa bocca che sembrava volesse mungermi. Marcelo ha visto tutto e si è masturbato accanto a noi. Ho colto l’occasione per sentire il corpo della donna e ho cominciato a toccarla. Poiché il marito non aveva dimostrato il contrario, l’ho preso come un semaforo verde.

Come un vero cieco, ho sentito le tette medio-dure, la pancia definita, la figa carnosa, il dirupo più grosso del normale, poi ho capito gli orgasmi intensi nel sesso orale, e il culo, medio e duro, al centro della che era il mio obiettivo. Immediatamente, ho anche lubrificato il mio cazzo e ho cominciato a inserirlo in questo culo, che aveva sete di cazzo da poco più di due anni, quando si sono sposati.

La donna diede la sua approvazione con un sospiro di piacere e il suo sedere salì ancora più in alto. Sono andato in profondità, ho iniziato a entrare e uscire, all’inizio lentamente. Poi ho accelerato ancora un po’. Cara ha iniziato a tremare, l’ho afferrata per la vita e ho iniziato a scopare quel culo con spinte e ritiri veloci e duri.

Altre storie erotiche  Storia erotica del cornuto - Sposata con un cornuto + (4) maschi alla locanda (parte 2)

Clara ha iniziato a perdere il controllo ed è arrivato il suo primo orgasmo anale. Il retto femminile di Marcelo sembrava mungermi il cazzo. Ha urlato e detto.

– Meraviglioso, meraviglioso, voglio di più, molto di più.

Siccome non ero ancora arrivato, continuavo ad accarezzare il sedere di Clara. Il cellulare di Marcelo squillò e lui scese, chiuse la porta della camera da letto e andò a rispondere in soggiorno. Per la terza volta, la donna mi ha parlato.

– Wow, sai come leccare il culo, sono più di due anni che non provo questo piacere. Non venire più, non venire, per favore – chiese dicendo – voglio venire ancora nel mio culo, scopami, leccami il culo forte.

Ho rallentato le spinte, ho preso quel culo molto lentamente, finché non è tornato a respirare normalmente, e ne ho approfittato per ricompormi, perché cominciavo a stancarmi anch’io. Successivamente, ho gradualmente aumentato la velocità della penetrazione anale. Clara ha ricominciato a cavalcare il mio cazzo, suo marito è tornato nella stanza e lei gli ha parlato.

– Sono venuto una volta, amore mio. Sono venuto per il culo, ma voglio di più.

Ho aumentato la velocità degli affondi e Clara ha rotolato ancora di più chiedendo.

– Mi colpisce, mi colpisce nel culo, forte, e mi tira i capelli, mi insulta.

Rimasi in silenzio, aspettando cosa avrebbe detto Marcelo dopo questa richiesta.

– Fai quello che ti chiede, per favore – disse – voglio che tu le dia tutto il piacere anale che io non le do. Gli piace anche. Tenni saldamente Clara per i fianchi e la tirai contro il mio corpo, spingendo forte.

La donna ha cominciato a sbattere il culo contro il mio pube e sono arrivate le prime sculacciate. Le ho sbattuto forte la mano sulle natiche, l’ho avvolta tra i suoi lunghi capelli, l’ho tirata forte e ho urlato.

– Dannazione, puttana – dando un altro schiaffo all’altro lato del culo di Clara. E ho parlato ancora.

– Che culo, cagna calda e birichina. Cavalca sul mio cazzo, cagna.

– Fottimi il culo, figlio di puttana, fanculo, lasciami un culo sbucciato, scroto. Dannazione, dannazione! – Ha urlato chiaramente mentre cavalcava sul mio cazzo.

Continuavo a schiaffeggiare Clara, imprecando, tirandole i capelli e spingendo forte, stavo per venire ma mi sono trattenuto per farla tornare.

– Caralhooooo, corro già. Corri con me, divertiti, figlio di puttana, riempimi il culo, riempilo. – E ha lanciato un ululato, accompagnato da un altro mio ululato, che anch’io non ce la facevo più e sono venuto anch’io. Anche a Marcelo, lì accanto a noi, non dispiaceva masturbarsi.

Ho chiesto di fare una doccia e Marcelo mi ha portato in bagno, dove mi ha tolto la benda sotto la doccia. Anche la donna. Una volta rinfrescati, abbiamo bevuto dell’acqua e poi qualche drink servito da Marcelo, ancora bendato e noi tre a letto. Con il consenso del marito, Clara ha cominciato ad accarezzarmi il cazzo, che ha risposto allo stimolo ed è diventato duro in pochi secondi. Gli cadde in bocca e mi regalò di nuovo una pipa fatta con grande corruzione. Accanto a lui, Marcelo si è masturbato di nuovo. È stato allora che ho fatto un suggerimento.

Altre storie erotiche  Innamorato di suo cognato - Racconti erotici

– Amico, diamo a tua moglie un doppio piacere, in modo che finisca bene. Si sdraia sul suo petto e le scopa la figa.

Ho sentito, dai suoi movimenti, che lui, pur non rispondendo, ha accettato la proposta e, in pochi secondi, era già dentro la donna, che lo stava cavalcando lentamente. Quindi, sono andato da dietro, ho lubrificato di nuovo il culo di Clara e il mio cazzo e ho spinto tutto in una volta. Abbiamo cominciato a muoverci dentro Clara, che ha cominciato a gemere forte, forte, con il respiro pesante.

Sincronizziamo i leggings e allo stesso tempo togliamo quasi tutto e lo mettiamo nella figa e nel culo di Clara, che ha smesso di gemere e ha iniziato a urlare con entrambi i cazzi che la scopano vigorosamente. Le ho tirato di nuovo i capelli e l’ho schiaffeggiata sulla schiena. imprecare

– Ti piace, puttana? Ti piace, vero piccola stronza, prenderti cazzi nella figa e nel culo?

– Sì, figlio di puttana, amo il tuo cervo, scroto. Fottimi, miei macho, fottimi, dannazione!

Dopo più di 15 minuti di doppia scopata, frustate e insulti. Clara iniziò a respirare pesantemente in modo incontrollabile, a volte imprecando anche, a volte piangendo di piacere, a volte gemendo… Finché non scoppiò in un potente doppio orgasmo, attraverso la sua figa e il suo culo, che la lasciò svenire sul suo petto.Marcello, che anche più tardi è entrato nella donna mentre le riempivo anche il culo di sperma.

Marcelo uscì da sotto Clara, che in realtà era svenuta. Ho preferito lasciarlo così, così. Ho fatto un’altra doccia, mi sono preparato, mi sono vestito e siamo partiti. Il marito di Clara mi ha lasciato dove ci siamo conosciuti e se n’è andato.

I giorni successivi non mi ha chiamato su WhatsApp e non l’ho costretto a ricontattarmi. Una settimana dopo, sono rimasto sorpreso dal fatto che le foto fossero state inviate. Erano immagini del sedere di Clara, estremamente rosso e gonfio. Marcelo mi ha ringraziato molto, mi ha ripetuto gli innumerevoli complimenti che, secondo lui, Clara mi faceva. Mi ha ringraziato per averle dato così tanto piacere. Mi ha salutato e mi ha bloccato su WhatsApp e sul social attraverso il quale ci siamo conosciuti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *