Mr. Diário 22- L’attenzione era sul mio culo

di | 9 de Dicembre, 2022

Ad ogni modo, questo fine settimana con Rafa è stato fantastico per tutto quello che è successo. Alla fine della giornata siamo tornati e siamo andati direttamente al tuo AP. Mi chiede se voglio uscire con lui. Sebbene avessi caldo e molto caldo, non ero dell’umore giusto per legarmi.

Dopo aver incontrato alcuni uomini esperti e innamorati, non sarebbe la persona che mi fa pensare agli appuntamenti.

È stato molto bello per me, non so quanto tempo. Ma c’era qualcuno che mi sorprendeva ad ogni incontro, quindi è stato bello.

-* Senti, Rafa, penso che tu sia fantastico, ma non sono dell’umore giusto per un impegno serio in questo momento.

– Va bene, che ne dici di avere una relazione aperta?

-* Cosa vuoi dire, cos’è una relazione aperta per te. Ho chiesto.

– Puoi continuare a uscire con mio zio, nessun problema.

-* Chi? Rafa, la mia vita non si basa sull’uscire con tuo zio. Rispondo io, oltre ad essere uno dei motivi per cui “mi sento così”.

– Hai qualcun altro? Lui chiede.

-* No, di più se appare. Non posso uscire con tuo zio per un po’. Se mi impegno con te, non uscirò con nessun altro. Rispetta la questione. Completare.

– Relazione aperta che ti ho detto è seria. Puoi andare.

-* Così? Cosa vuoi da Raffaele?

-* Avere una ragazza sapendo che può uscire o qualcosa del genere con qualcun altro. Completare.

– Sì, ma voglio dire, esci solo con me. Ma se vuoi uscire con qualcun altro, tutto deve andare in un modo.

Non ho capito bene cosa volesse dire, ma ho continuato la conversazione.

– * Dove Rafa?

– Prometti di non dirlo a nessuno, anche se non accetti le mie condizioni?

-* Si, lo prometto.

– Venga con me. Dice portami in camera da letto.

Entrando, sono rimasto colpito dal suo enorme letto e dalla sua enorme parete di specchi. Continua a guidarmi dietro questo muro dove in realtà è un armadio.

Si apre una porta scorrevole e dietro i vestiti un’altra porta, che dà accesso ad uno spazio con una sedia.

Ho iniziato a dare di matto e sono tornato nella stanza.

-* È pazzo Rafa. Sono molto impaurito.

– Calmati, ti spiego. Voglio solo vedere tutto.

-* Così?

-* L’hai fatto con altri amici?

-* Quante persone hai visto fare sesso. Le mie domande erano molte.

– Non ho mai avuto una ragazza che pensasse che l’avrei fatto.

– C’erano poche persone, solo pochi amici.

-* Lo sapevano? Li hai visti?

– No.

-* Sei matto così?

– Mi hanno chiesto un alloggio con le loro amiche o fiocchi e ho prestato loro l’AP.

– Ma non sapevano che fosse lì.

-* Hai registrato qualcuno Rafa?

– No, non lo farei mai.

-* È pericoloso sai.

– Si, lo so. È solo per guardare, tutti hanno dei difetti e il mio è questo.

-* Guarda film porno dal vivo. risposi sorridendo e un po’ più calmo.

– Diciamo di sì. Anche lui risponde con un sorriso.

Mi chiedevo se chiunque fosse lì potesse davvero essere visto. Mi dice che le plafoniere accanto allo specchio, che solo lui può spegnere, illuminano la stanza ed è impossibile vedere qualcuno dentro.

L’ho inviato e non riuscivo davvero a vederlo, quindi sono andato lì. Dietro lo specchio con le luci accese, ho visto bene la camera da letto e cosa c’era sul letto.

Tornammo in camera da letto e mi sedetti sul letto, e lui si allungò per cercare di convincermi a tornare nella sua bocca calda con un bacio.

– Non sei tu che mi hai detto di avventurarmi fuori?

– Che ne dici di vivere questo? Egli parla.

-* Perché pensi che lo accetteresti.

– Dopo tutto quello che è successo dopo la spiaggia, penso che potrebbe essere la fidanzata perfetta.

-* Sei un po’ pazzo. Rispondo, ma ammetto che è affascinante.

Gli ho detto che avrei pensato di chiedergli di portarmi a casa. Ho continuato a pensare a quello che mi aveva detto per il resto della notte finché non mi sono addormentato. Nemmeno il lavoro ha distratto i miei pensieri su cosa sarebbe potuto succedere se l’idea di Rafa fosse stata presa sul serio.

Lunedì sera, Vitor e Rafa erano online. Uno per vedere se avrei accettato la relazione aperta e l’altro chiedendomi cosa pensavo della notte in spiaggia. Ho trovato scuse per entrambi, per parlare con uno, poi con l’altro.

Bene, prima rispondo a Rafa:

-Ciao Rafa, come stai?

– Sì tutto e con te.

-* Va bene.

– Quindi! Hai considerato la mia proposta?

-* Sì, non mi viene in mente altro.

– Penso anche direttamente a cosa potrebbe accadere.

-* Si, lo so. Io darei e tu guarderesti. Sono andato direttamente e non c’è stata alcuna risposta da parte sua. Solo risate.

-* Dopo tutto Rafael. Cosa ti entusiasma di più?

– Rispetto a cosa?

-* Vedere la tua cosiddetta ragazza che lo dà a qualcuno o vedere qualcuno che ci gioca. chiesi e, a seconda della risposta, ci sarebbe stato altro a cui pensare.

🇧🇷 Sarò sincera, entrambe le situazioni mi entusiasmano.

Sì, c’era altro a cui pensare. Questo tizio mi stava nascondendo qualcosa, ma non ero ancora sicura di voler sapere cosa fosse. Ho detto che avrei fatto qualcosa e ti ho salutato, ma avrei pensato alla tua proposta.

Volevo parlare con Vitor senza fare altre conversazioni secondario.

-*Ciao Vittorio, come stai?

– Bene e tu.

-* Eccellente.

– Voglio chiederti cosa hai pensato della notte in spiaggia.

-* L’ho adorato, è stato tutto perfetto. Rispondo come se fosse tutto ciò che speravo, ma in realtà potrebbe essere molto meglio. E certamente per tutti e tre.

Potevo continuare lì o altrove, pensavo addirittura che avrei avuto entrambi in me. Volevo chiedere, ma non volevo dimostrare che avevo bisogno di altro per soddisfare il mio desiderio. Ma volevo averli più lunghi, questo è sicuro.

Anche se il mio fine settimana è stato fantastico, non ho condiviso nulla di ciò che avevo fatto. Più disposta a ricominciare tutto da capo se le fosse concesso un po’.Per caso lei voleva ricominciare tutto da capo e questo lo avrebbe fatto impazzire.

Altre storie erotiche  la mia prima volta con un ragazzo

Le mie conversazioni msn registrate finora mi hanno portato a dire cose che personalmente non avrei il coraggio di fare. E i nostri messaggi non erano più sciocchezze, erano solo sciocchezze, idee, suggerimenti.

-* Mi fai abituare alle tue idee, Vitor lo sapeva.

– Non io, il pazzo sei tu.

-* Scommetto che ti piace vedermi impazzire per le tue avventure. L’ho commentato.

– Non solo quello! Mi ecciti solo a parlarne con te.

-* Sei eccitato ora? Chiedo.

– Sì molto. Il mio desiderio è di andarci, prenderti in braccio e fotterti molto bene.

-* Mmm, oggi non posso fare più di un mercoledì così. Potresti?

– Certo.

– Dovrò farmi una doccia fredda o farne una per addormentarmi.

-* Poi fatti una doccia, tieni tutto per mercoledì. Rispondo.

– Proverò il tuo cattivo. E quarto, dove stiamo andando? Hai qualche suggerimento?

-* In quei momenti, hai il controllo e decidi, dopotutto, che le idee ti appartengono.

-* Obbedisco, se mi dici di sedermi di nuovo sullo sgabello, mi siedo lì. Va bene. Ho risposto con un suggerimento su dove poteva portarmi.

– Allora stai impazzendo.

– Con il culo per aria, guardando indietro con quella faccina birichina? Lui chiede.

– Vado con le peggiori intenzioni, eh. Finito.

-* So che te ne vai con i peggiori pensieri, ancora di più se ti dico che me ne vado con quei pantaloncini che ti piacciono.

– Non riesco a dormire così.

– Mi fermo qui, non posso più. Sta partendo.

-* Prima di andare dimmi cosa farai con me durante la giornata.

– Tutto.

– Posso dirti cosa volevo davvero fare?

-* Per favore, ha detto.

🇧🇷 Sei mai uscito con l’intenzione, il desiderio o anche il desiderio di riaverlo?

-* Che bastardo! Uscire con un solo desiderio di dare culo?

– Sì. Rispondigli.

-* Non sono mai uscito con solo questo vantaggio.

– Quindi! Che ne dici di fare questa vera tara.

– Certo, i preliminari sono da non perdere.

-* Come sarebbero quei preliminari. chiedo con una certa innocenza. Volevo i dettagli.

– Tutto. I tuoi vestiti, il tuo modo di camminare, le tue posture, la tua bocca che sbava sul mio cazzo e ovviamente! La mia lingua entra a tutti i costi nel suo culo, lasciando dentro la mia saliva.

-* Ops, ora vado a farmi una doccia. risposi, emozionato solo a pensarci.

-* E il mio gattino, poverino. Niente per lei?

– La mia lingua fa visita, più l’attenzione va a quel culo gustoso.

-* Perché questo è per il mio culo, Vitor.

– Sono ossessionata dai culi e il tuo, oltre ad essere bellissimo, è figo.

-* Allora andiamo a letto in modo che tutto questo non accada oggi. Commento con il mio corpo che si illumina.

– Ops! Vedo che ti piace l’idea.

-* Buonasera Vittorio. Domani sistemiamo i dettagli, baci.

– Bacio, a domani. Buona Notte.

Ancora una notte e un giorno al lavoro con pensieri folli. All’ora di pranzo sono andata in un sexy shop, volevo comprare qualcosa che mi aveva sempre attratto. Un plug anale, di quelli con una pietra luccicante. Ho sempre voluto comprare e indossare, ora sarebbe il momento.

Martedì sera a casa ho deciso di non indossare pantaloncini per via della spina, ma avevo già un’idea di cosa mettermi.

Vorrei andare con il vestito del liceo che mi ha dato Luiz. Ti ricordi dove l’ho usato?

E con le modifiche alla gonna, la volevo molto più corta e tagliata al centro.

Siamo di nuovo online, oltre a tante discussioni, volevo chiarire alcuni dettagli. E rispondere ai messaggi di Rafa.

-* Vitor, solo perché tu lo sappia, dove stiamo andando?

– Sapere come uscire di casa.

– Potrebbe essere un motel? Lui chiede.

-* Perfetto. Rispondo.

-* Victor, fumi? Chiedo.

– No perchè.

-* Ma potrei fare qualcosa per rendere l’atmosfera perfetta.

– Discorso. Rispondigli.

-* Volevo che indossassi un completo e fumassi un sigaro.

– Feticismo? Lui chiede.

-* No! Mi piacciono gli uomini in giacca e cravatta, dà un’aria di superiorità. Perfetto anche se hai un cappello.

-* E un’altra cosa.

– Chi? Lui chiede.

-* Puoi solo toglierti il pantaloni e biancheria intima e indossare solo una camicia con cravatta. Se indossa un cappello, non riesce a toglierselo e continua a fumare un sigaro. Completare.

Dopo alcune sue risate:

– Molto bene, Al Capone ci sarà.

-* Ok, non dimenticare il sigaro e il cappello. Rispondo con più risate al paragone.

– Di certo non dimentico. Sotto vado anche con una canzone di samba.

-* Perfetto, baci, a domani.

– Ci vediamo, tesoro, bacio.

È mercoledì sera, esce di casa in abito lungo, gipsy, bustier, tacchi alti e nient’altro, è vero con niente sotto. Nella borsa la gonna e la camicia da scolaretta.

Mi viene a prendere davanti alla casa, vestito con un abito nero. Dopo i saluti, commenta che sono bellissima. Non vedo l’ora di prepararmi a sorprendere.

Arriviamo al motel e gli dico:

-* Vitor, più tardi entro e mi preparo, ti chiamo.

-* Tu entri, voltami le spalle così che io possa uscire.

-* Allora ti siedi da qualche parte, accendi la sigaretta e io entro nella stanza.

– GIUSTO. Rispondigli.

Entrai in camera da letto e mi tolsi l’unico capo d’abbigliamento, il vestito. Ho indossato la mia camicia bianca abbottonata e l’ho annodata davanti. Ho messo la gonna che era come volevo, dalla lunghezza ai glutei. Mostrerebbe bene la pietra del tappo in un semplice allevamento di bestiame. Un po’ di gel al profumo di fragola.

Un po’ sul culo e sul puntone ed era ora di incollare la sfera e lasciare il campione di pietra. Mi sono legato i capelli in una coda di cavallo e basta. L’umile era pronto a divorare ed essere divorato dal focoso bastardo.

Altre storie erotiche  Per una buona causa!

Indossai un accappatoio che era disponibile e andai alla porta per salutarlo.

-* Puoi entrare seduto sul divano.

-* Non guardarmi, sto uscendo.

Quando sono tornato a casa, ho lasciato cadere l’accappatoio ai miei piedi, cullato dalla musica che suonava alla radio a capo del letto.

Ho continuato a camminare, dimenandomi per non fargli perdere nessun dettaglio.

Ho messo lo sgabello davanti alla sedia dove era seduto. Mettiamoci al lavoro, mi sono accucciato e ho ballato lentamente, esibendomi in posizioni erotiche.

Ballando gli andai incontro, in piedi con le mani sulla sua coscia lo baciai sulla bocca.

Il gusto e l’odore del sigaro ti facevano sentire come se fossi da qualche altra parte. A parte la stanza con alcune luci spente e l’ombra del cappello, non riusciva a vedere il suo viso. Lo immaginavo come qualcun altro. E il posto è una stanza da cabaret d’altri tempi, dai vestiti e dal cappello che indossava.

Baciandogli dolcemente la bocca, gli toccai il pene dentro i pantaloni, lo sbottonai e lo tirai fuori. Con una mano ha massaggiato tutto il suo cazzo, iniziando con le sue palle morbide e ben rasate, masturbandosi esponendo il suo glande. Il mio desiderio era di lasciare il bacio e cadere sulla sua bocca, ma volevo provocarlo.

Smisi di baciarmi e ricominciai a ballare, ora voltandogli le spalle. Metto una gamba sullo sgabello, allargando il sedere e tirando fuori i pugni con una mano. Finché non mi siedo lì a saltellare con il culo.

Si alza e viene verso di me, mi mette la sigaretta in bocca e mi chiede di fumare. Con il sigaro tra le dita, lanciai e soffiai il fumo in aria.

– Ho adorato il tuo giocattolo.

– Sempre più cattivo. Parla con la bocca vicino al mio orecchio.

-* Ti piacciono le ragazze cattive? Chiedo.

– Insegnante! Soprattutto quelli che sanno già cosa vogliono. Lui risponde con una mano sul mio sedere toccando il plug.

-* Voglio? chiedo passando le mani sul suo corpo.

– Il mio cazzo al posto di questo giocattolino. Rispondigli.

Lui davanti a me, prende la sigaretta e continua a fumare, mettendo le mie mani sulla sua vita. Il suo cazzo grosso e duro fuori dai pantaloni era puntato contro di me. Piego il mio corpo, aggrappandomi alla sensazione dei suoi pantaloni, spingendoli lentamente verso la mia bocca.

Lentamente, assaporo ogni morso della colomba che mi ha fatto impazzire.

Mi prende per mano e mi conduce alla sedia, invitandomi a sedermi. Ero davanti a lui, che si inginocchia, tirandomi in avanti il ​​corpo, facendomi sdraiare.

Mi solleva le gambe lasciandole aperte, comincia a leccarmi volentieri la figa bagnata, infilandomi la lingua dentro. Le tue dita continuano a tirare e girare la spina senza rimuoverla dal mio culo.

L’intero scenario mi ha reso ancora più eccitato, desiderando qualcuno che potesse farmi qualsiasi cosa.

Volevo davvero farmi scopare, sentire tutto quel cazzo dentro di me. Stavo per chiedergli di scoparmi quando, toccandomi le gambe, ho capito che dovevo stare a quattro zampe.

Sulla sedia con entrambe le mani sullo schienale, aspetto che si spogli, lasciandomi sola come concordato. Camicia con cravatta e il tocco vezzoso del cappello.

Levigando il suo meraviglioso cazzo con la sua saliva, mi tocca la figa. Indossalo lentamente finché non lo sento tutto dentro di me. Grato che non fosse solo il mio culo che voleva.

Scopandomi lentamente, ricomincia a giocare con la spina, giocando con l’accessorio finché non si stacca. Con una mano tira la mia coda di cavallo, spingendomi indietro la testa. Parlandomi all’orecchio mentre si infila lentamente nella mia figa.

– So che ti piace essere fottuto dal tuo cazzo.

-* Sì mi piace. risposi, desideroso di colpi duri.

– Questa figa calda ama essere scopata da questo cazzo.

-* Sì, le piace, scoparla gustosa.

– Vado a scopare.

– E quel culo delizioso. Volere qualcosa? Lui chiede.

-* Hmm. Fottimi, vai avanti. Rispondo con un gemito, quasi implorando un nastro.

– Voglio sapere di quella boccuccia. Dove vuoi quel cazzo oggi? Completalo con il tuo cazzo dentro la mia figa bagnata di desiderio.

-* Dai, rendilo davvero gustoso. Ho risposto, dal momento che la mia figa aveva ricevuto tutto il suo cazzo.

– Domanda birichina, so che sei matto per averti fatto rimboccare quel culo. Disse tirando più forte la mia coda di cavallo riccia nella sua mano.

-* Vitoooor, mangiami il culo.

-* Per favore prendimi, non ce la faccio più. Parlo spingendo forte la mia figa sul suo cazzo che non mi ha fottuto.

– Sei arrapato cattivo? ti faccio impazzire, No?

-* Mangiami il culo Vitor, per favore. Mettilo molto gustoso.

– Questo mascalzone, chiedi al tuo maschio. Dice di continuare la tortura.

Se lo toglie e con entrambe le mani mi apre il culo. Con la lingua lo tocca, si fa strada nel mio culo, inondandolo con la sua saliva.

Dopotutto, sapevamo entrambi che la serata sarebbe stata dedicata in particolare al mio sedere. Non me ne vado mai solo con la voglia di “fotterlo nel culo”, ma sapevo che stava arrivando ed ero lì. Per essere ambito, apprezzato da quei matti mangiaculi e Vitor era uno di loro.

È sempre stato quel culo mostruoso più di ogni altra cosa. Io a quattro zampe con le mani sullo schienale della sedia, lui la tocca col suo cazzo che sta per schiacciarmi.

Volevo anche essere derubato da questo cazzo delizioso, sapevo che sarebbe successo e tutto mi faceva desiderare di più.

Mi ordina di spingere il mio culo contro il suo cazzo, che entra lentamente. Il mio desiderio di quel cazzo mi ha reso facile sentire ogni pezzo entrare nel mio tanto agognato culo, che a poco a poco ha ceduto.

Poso una mano sulla sua pancia, in modo che lei ci vada dolcemente. Non capita tutti i giorni di prendere un cazzo come questo nel culo.

Lentamente, inizia un avanti e indietro che mi toglie il fiato, ansimando, sempre con un’erezione che mi fa gemere e dire cose che gli dimostrano che voglio di più.

Altre storie erotiche  Scopata dopo il lavoro - Storie erotiche

lui si ferma. Tiralo fuori facendomi impazzire, chiedendomi di sedermi sullo sgabello.

Vado alla mia borsa e prendo lo spray lubrificante. Lo do a chi spruzza il suo meraviglioso cazzo guardandomi col suo culetto da porcellino seduto sullo sgabello.

Dietro di me, con una mano sulla mia spalla, la rimette lentamente a posto. Lo sento approfondire aumentando il mio senso di piacere. Adesso con un giro di andata e ritorno che mi fa notare che entra in gioco il Vitor che conoscevo.

Spingi caldo per alcuni minuti, non muoverti così lentamente. Mi aggrappo allo sgabello come meglio posso mentre lui fa quello che vuole col suo cazzo nel mio culo.

Lentamente si ferma, senza rimuoverlo, mi aiuta a scendere dallo sgabello. Torniamo insieme finché non si siede sulla sedia.

Con la mia schiena contro il suo petto, mi fa rotolare. Non solo ho cavalcato, ma ho cavalcato quel cazzo su e giù, spegnendo tutto il mio desiderio di farmi scopare il culo.

Era la puttana di questo farabutto, quando mi sono fermato a togliermi le scarpe, non volevo bucare il tessuto della sedia.

Ci salii sopra e mi voltai per affrontarlo, piegando le gambe. Con una mano mi ha tenuto dietro il collo, con l’altra ho tenuto il suo cazzo e mi sono seduto per sentirlo ovunque.

-* Adoro scopare quel culo d’amore. Esatto, l’ho chiamato amore.

Un’altra cosa che ho imparato da Lu. Quando esci con più di una persona, scegli un nome accattivante in modo da non cambiare nome a letto.

– Sì, fottilo sul mio cazzo caldo.

-* Colpiscimi in faccia vattene. Parlo mentre cavalco lentamente su e giù per il suo grosso cazzo.

-* Dai, picchiami, chiamami puttana.

-* Parla amore, sono la migliore puttana che tu abbia mai mangiato.

– Sì, il migliore. la mia cagna

-* Sì, sono tutto tuo. Puoi fare ciò che vuoi.

– Quindi al diavolo quella merda, puttana.

-* Posso fare quello che voglio con lui?

– Tutto dipende da te.

Al galoppo ho preso a calci in culo questo club, volevo sentirlo spalancato. Volevo di più, volevo essere sbattuta forte, dare il mio culo in ogni modo.

Sono impazzita, ero una puttana qualunque e lo sapevo, stavo giocando dritto ma in quel momento volevo la massima soddisfazione. Quando sono sceso da lui e mi sono inginocchiato tra le sue gambe.

Tenendolo tra le mani, mi misi in bocca il suo cazzo duro e lo succhiai senza alcuna vergogna. Ho succhiato dappertutto, sbavando, lasciando che la mia saliva scorresse nelle sue palle. Conosceva il sesso di Vitor, era diverso, sembrava avere più vene. Aveva un ottimo controllo sull’eiaculazione o aveva preso qualcosa.

È ora di riprendersi quel cazzo. Volevo stare a quattro zampe, con le ginocchia a terra, appoggiando il corpo sul sedile della sedia. Gli ho chiesto di aggiungere altro, di mettersi a quattro zampe.

Lo rimette nel mio ambito culo, che accetta senza sforzo il suo grosso cazzo. Sento la saliva delle tue palle toccarmi la figa con i movimenti avanti e indietro.

Con le mani sui braccioli del divano dietro di me, mi sussurra all’orecchio parole che alla fine ho sentito gemere per la maggior parte del tempo. E ha ripetuto con quel cazzo che mi ha colpito il culo.

Parole per molte donne date come offensive, sporche, che mi collocano tra le più comuni. Quando ascoltava, provava più piacere, desiderio per tutto ciò che faceva e per coloro che sceglieva. In questo momento era Vitor, un cattivo come gli altri che mi sorprendeva ogni volta con i suoi desideri.

-* Fanculo Vitor, non fermarti.

-* Scopami, fottimi.

-* Mangiami il culo.

Era ora di implorare il cazzo, cosa che lo eccitava di più. Ha spinto la mia testa contro il sedile della sedia, nello stesso momento in cui ha spinto il suo grosso cazzo nel mio culo.

Non potevo sopportare tutti questi piaceri e un orgasmo scosse il mio corpo, lacrime soffocate dal tessuto della sedia. Mi porto una mano sulla figa per aumentare la mia sensazione di piacere.

Poco dopo i miei gemiti incontrollabili, ha rallentato e senza togliermelo ascolto e sento il suo sfogo di piacere. Il tuo cazzo pulsa dentro di me, il tuo corpo sudato tocca il mio e le parole accanto al tuo orecchio sono giuste, fanculo quel culo caldo e sporco.

Quando si riprende mi prende, mi prende la mano aiutandomi ad alzarmi.

– Lui viene. Egli parla.

– Siediti sullo sgabello, voglio vederti nella stessa posizione. Disse sedendosi sulla sedia.

Mi sono seduto dandogli le spalle. Lo vedo con le gambe divaricate che gli accarezza il cazzo e mi guarda. Forse immaginando cose o aspettandomi qualcosa che non potevo evitare a causa della posizione.

Il suo seme che esce da me mimetizzato sul fondo bianco.

– È delizioso, colpisci quel culo delizioso. Me lo dice quando mi vede sorridere.

– Sei molto sexy.

– Vieni qui vieni. Mi chiama, seduto sul bordo della sedia.

Davanti a te mi sono accovacciato, forse per darmi un bacio. Ma le sue mani guidarono la mia bocca al suo membro più morbido.

– Mostra perché è la migliore troia di tutte.

– Questo, sì, ti dà il titolo di migliore di tutti.

– Delizioso schifo.

– Sarai sempre quella stronzetta? Mi chiede di togliere la bocca dal suo cazzo in modo che io possa rispondergli.

-* Sì . Rispondo.

– Mi farò una doccia. disse dirigendosi verso il bagno.

Dopo che anch’io mi sono fatto la doccia, abbiamo fatto le valigie e siamo partiti. L’altro giorno abbiamo parlato e mi ha detto che stava partendo per un viaggio, che sarebbe rimasto via per un po’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *