Nel culo del mio amico

di | 9 de Dicembre, 2022

Ciao, mi chiamo Maurício (nome fittizio), ho 28 anni e vengo da Juiz de Fora – MG. Ho avuto molte esperienze sessuali nella mia vita, anche perché penso che il sesso sia molto importante, ho sempre letto queste storie, stavo morendo di lussuria e oggi ho deciso di condividere tutte le belle storie per uccidere anche te con lussuria lol.

Ho sempre trattato bene le donne, in termini di amicizia, sai? Così ho avuto diversi amici che, perché erano belli, caldi e anche impegnati, non mi sono mai sognato di mangiare. Li aiutavo sempre con problemi di relazione e cose del genere, quindi stavo chattando su Whatsapp con un mio amico che aveva appena rotto con lei, spiegando e dicendo alcune cose su come sarebbe andata e lei avrebbe trovato qualcuno altro.

Ad un certo punto dopo aver parlato molto (salto la parte noiosa lol) ha iniziato a parlare di cosa fosse il sesso, di quanto le mancasse, delle cose che le piaceva fare con lui e mi stava facendo arrapare. questi messaggi audaci. Ma non stavo ancora sognando cosa sarebbe successo, pensavo stesse solo postando delle cose. A volte rispondevo con “Mi piace davvero” o “È il mio sogno farlo” e cose del genere, ma non mi veniva in mente niente con lei o niente del genere.

Le cose sono cambiate quando ha chiesto di cambiarsi i vestiti a casa mia. Si allenava lì vicino e ha lasciato l’università, ha detto che ha lasciato l’università a causa di un’emergenza che ha appena affrontato ed è per questo che non è cambiato lì. L’ho lasciata, non avevo motivo di rifiutare e nemmeno la vedevo da molto tempo.

Arrivata lì, ha lasciato la sua borsa in soggiorno, ha preso solo i suoi vestiti ed è andata in bagno a cambiarsi.

Lei è una ragazza magra, con un gran bel culone da palestra, tette piccole ma carine, dure e a posto. All’epoca doveva avere 23 anni, quasi la mia età.

Sono rimasta in soggiorno ad aspettare che lei (che chiamerò con il suo nome fittizio Mariana) finisse di cambiarsi. Ho sentito la porta del bagno aprirsi e ho pensato che stesse per prepararsi, invece è uscita vestita solo dalla vita in giù, mostrando il seno. Sono rimasto sorpreso, eccitato e confuso allo stesso tempo e ho parlato.

Io: come va, marito! Perché sei con le tue tette?

Lei: Ho dimenticato il top e la maglietta nella borsa, scusami, lo cerco.

E mi è passata davanti con i seni come se niente fosse.

Io: Ma non puoi continuare a mostrarmi il tuo seno!

Lei: I miei seni non sono nemmeno così belli, puoi gestirli (sorride). Il mio culo è ciò che non puoi vedere, quindi non puoi farne a meno.

Io: è una sfida? Posso vedere perfettamente il tuo culo e stare ancora in piedi.

Lei: ne dubito.

Dandomi le spalle, mentre tornava in bagno, si fermò e si abbassò i leggings e le mutandine, rivelando lentamente quel dolce culetto. Dai suoi vestiti, sapevo già che aveva un sedere, ma quando si è tolta i pantaloni e ho visto quel sedere e quel culetto, sono rimasto persino sorpreso.

Lei, con le mani sulle caviglie che si stringevano i pantaloni, con il culo sollevato, senza paura di mostrarmi il culo e la figa, ha girato il viso verso di me e ha detto “Riuscirai ancora a resistere?” Io, già arrapata, ho detto “certo che posso, quante volte pensi che abbia visto una donna nuda? Se stai lontano, posso farcela!”

Sembra che fosse quello che voleva sentire, si tolse le pantofole (il cane non le aveva nemmeno allacciate per poterle togliere più facilmente), si tolse i pantaloni e le mutandine, camminò all’indietro, afferrato per la vita, bloccato Il mio cazzo sopra di me, si è alzata in punta di piedi (perché non c’era quasi altezza) e si è rotolata sopra il mio cazzo, strofinandosi molto gustosa.

Lei: riesci ancora a resistere?

Io, che già le avevo le mani sui seni e li accarezzavo, le dicevo: “Non ce la faccio più”.

Lei, più piccola, ha appena girato la testa all’indietro e in alto, abbiamo iniziato a baciarci lo stesso, in quella posizione in piedi strofinando bene e lei già gemeva piano con i miei massaggi sulle tette (mi aveva già detto cosa le piaceva, quindi sono andato dritto al suo punto debole).

L’ho portata nella mia stanza mentre lasciavo i miei vestiti per strada. Il nostro desiderio era così grande che questa volta non c’è stato sesso orale, l’ho girata, l’ho buttata sul letto, le sono venuto sopra e l’ho messa nella sua figa. Era così bagnato che all’inizio non ho nemmeno dovuto rallentare, sono andato forte e l’ho morso e baciato il collo.

Abbiamo fatto così, abbiamo cambiato posizione più volte fino a trovarci a faccia in giù, spingendo forte, sentendo quel culo premuto contro di me, e io l’ho afferrata per i capelli e ho parlato.

Io: so che ti piace quel culetto e non c’è modo che tu possa avere un culetto così ricco e gustoso e pensare che non lo mangerò!

Lei: Mi mangerai il culo solo se lo renderai forte, non mi piace l’affetto, mi piace che faccia male!

Io: Quindi non ti lamenterai, non importa quanto sia rumoroso e violento?

Lei: Dammi solo qualcosa da mordere così non grido.

Con il bastoncino tutto appiccicoso della sua figa, ho messo la testa proprio all’ingresso del suo culo, mancando qualcosa da darle da mordere, le ho dato il braccio (mi sono sempre piaciuti i morsi deboli, ho lasciato anche quello).

Lei già con la bocca mi baciava il braccio, io con il cazzo contro il suo culo le chiedevo se era pronta e lei acconsentiva di sì.

Non ci ho pensato due volte, ho forzato e mi sono tuffato all’improvviso, ho sentito le mie palle appoggiarsi su quel culo caldo e mi sono fermato. Quando l’ho fatto, mi ha morso forte il braccio ed ha emesso un urlo che, sebbene soffocato, è uscito forte.

L’ho guardato in faccia e ho detto, hai detto che non ti saresti lamentato.

Lei, respirando affannosamente, mi ha strappato i denti dal braccio e ha parlato con voce che appena usciva “Non mi sono ancora lamentata, mi lamento se rimani ferma”.

Poi ho iniziato a indossarlo, ho iniziato già molto forte, ha iniziato a stringere i denti sul mio braccio, faceva male, ma l’emozione era troppa. Più mi mordeva, più forte spingevo nel suo culo, più forte urlava e mi mordeva e io spingevo ancora più forte in quel culo caldo. Quindi mi ci sono voluti circa cinque minuti prima che non ce la facessi più e le sono venuto duro nel culo mentre lei si contorceva dal piacere.

Quasi esausto e con molto dolore all’addome, mi alzai. Ci è voluto un po’ di più, ma quando si è alzato ho visto la pozzanghera che ha lasciato sul mio letto quando è venuto. Si è alzata un po’ stordita, è andata in bagno, si è vestita e ha iniziato a indossare abiti normali, non sportivi.

Io: Ehi, Mari, non vai più in palestra?

Lei: Ho a malapena la forza nelle gambe per camminare, non avrò la forza per allenarmi e anche se lo facessi, non potrei sedermi perché mi hai fottuto il culo!

Essendo entrambe molto soddisfatte, lei andò a casa sua e io rimasi nella mia.

Ha ripetuto più volte la dose e io, ovviamente, ho sempre accettato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *