Nel nome di madre e figlio

di | 22 de Giugno, 2023

Con questa situazione causata dal coronavirus, la maggior parte delle persone è andata in pausa, provocando uno shock psicologico, costringendo le persone a prendere misure estreme. William, un ragazzo normale che vive con la madre Irene, una donna matura prossima alla menopausa, vedova da quasi 10 anni e che all’epoca non aveva mai avuto una relazione con un uomo, da allora soffre di depressione, che si aggiunge al lavoro e problemi familiari, costrinse cure psichiatriche per curare la sua malattia e occasionalmente ebbe brevi ricadute. Soffre anche di un dilemma interiore: ha paura di vivere da sola. Il loro figlio, che è già un uomo, presto andrà all’università, vivrà da solo o conoscerà qualcuno, e Irene dovrà vivere da sola in casa. Con tutto questo problema della pandemia, Irene e suo figlio non escono da mesi a causa della pandemia. Non esce più molto, solo da casa al lavoro, e quando suo figlio è riuscito a portarla al centro commerciale, con poche eccezioni.

Lo scorso sabato sera, Irene si è chiusa nella sua stanza, molto preoccupata per l’abbandono, depressa, ha deciso di andare nella stanza del figlio per parlare un po’ e ha trovato la porta socchiusa. Ha notato che suo figlio era raggomitolato nel letto a masturbarsi, la mano destra sotto il lenzuolo e la mano sinistra che teneva il cellulare. Irene è tornata in camera sua, si è stupita di vedere suo figlio in quella situazione, lo fanno tutti, ma era la prima volta che lo vedeva in flagrante delitto. Ripensando a quanto aveva appena visto, Irene immaginava come fosse cresciuto il suo bellissimo bambino, che ora non era più un maschietto ma un bell’uomo, e che presto avrebbe avuto la

la sua prima volta con una donna. Pensando di più a queste domande, a lui che va al college, e lì lo porta in un bordello e suo figlio perde la sua bottiglia d’acqua a causa di una prostituta, wow, non riesco a immaginare una prostituta che la dia a suo figlio, o che incontrerà una che sarà la sua prima moglie. Durante tutto questo, Irene si toccava la vagina, immaginando come sarebbe stato con un’altra donna. Si sentiva sporca a pensarci, ma questi feticci l’hanno eccitata, e la sua testa è quasi scoppiata, le è venuto in mente un pensiero: come madre, non posso lasciare che succedano cose del genere, lo farò da sola, anche . Ma fare sesso con il proprio figlio è sbagliato, sarebbe praticare l’incesto, un peccato, cosa potrebbe succedere dopo? Come sarebbe il loro rapporto tra madre e figlio? E se lo dicessi a qualcuno o se qualcuno lo scoprisse? Passò quasi un’ora a pensare all’argomento e senza pensarci troppo si alzò e si diresse verso la porta della stanza di William.

Altre storie erotiche  pagina non trovata

Aprì la porta e spaventò a morte William, che sobbalzò e cercò di nascondere la situazione. Le chiese cosa stesse facendo, ma notò che sua madre non aveva un aspetto diverso da quello a cui era abituato. Qualsiasi madre in questa situazione litigherebbe con suo figlio o gli darebbe consigli in merito, ma Irene ha fatto diversamente, si è seduta accanto a lui sul letto e con un bel sorriso ha accarezzato suo figlio. William aveva ancora paura, perché c’era sua madre che era lì, mentre lui le accarezzava la pancia, cercando di capire cosa volesse questa donna, doveva essere un favore, ma non aveva idea di cosa sarebbe successo.

Irene, con atteggiamento più audace, passa la mano sul lenzuolo dov’era il cazzo duro del figlio. Lui, non capendo nulla, è rimasto immobile per vergogna e paura, allora Irene tira questo telo ed espone l’albero maestro del figlio. Suo figlio, che non ha risposto, ha continuato lo stesso, così Irene, con la sua mano morbida, comincia ad accarezzare quel membro. Era così eretto da sembrare un palo, e la sua testa era rossa come una mela candita. Con una carezza molto piacevole, lo accarezza più intensamente e con sorpresa di suo figlio, si mette questo palo in bocca. Ora stava ricevendo un pompino molto gustoso, che solo una madre sa fare, ed era molto meglio di una sega, ha continuato a succhiare a lungo. William guardando Irene negli occhi, era ancora sotto shock, succhiato da sua madre. Irene si alzò e trascinando il figlio lo portò nella sua stanza, come un toro portato al macello, queste mura sarebbero state le testimoni dell’amore tra i due.

Altre storie erotiche  Storia erotica etero - Ho incontrato un gattino su Tinder

Quello era il suo territorio, e chiuse la porta, chiudendola a chiave e gettandola in qualsiasi angolo dove non potessero trovarla. Irene si tolse la camicia da notte e si rivelò al figlio. A questo punto, William non la vedeva più solo come una madre, ma come una donna, e come un uomo e una donna avrebbero eseguito il rito dell’accoppiamento. Seduto sul suo letto, fece sedere Irene sulle sue ginocchia per baciare quei meravigliosi grossi seni. Era da tanto che suo figlio non si allattava lì, pensò Irene, e ora toccava a lei ricevere il latte di suo figlio. Dopo aver banchettato con il seno di sua madre, William alza il collo verso la bocca di sua madre. Non li giudico, credo che qualsiasi tipo di amore tra un uomo e una donna sia valido, anche se è tra madre e figlio. Metti Irene sdraiata sul letto e sdraiati a

sopra di lei, baciandola sulla bocca, volle assaggiare sua madre. Irene ancora in mutandine, l’ultima barriera che impediva loro di essere felici, sfilandole molto lentamente, svelando i segreti più intimi di sua madre. Irene con le gambe aperte, spalancate proprio davanti a suo figlio, non avrebbe mai immaginato di vedere sua madre così un giorno, aprendo di più le gambe, si incamminò verso la sua figa. Era un luogo sacro e proibito dove non poteva guardare, figuriamoci toccare. Dare baci e lingua, succhiare la figa di sua madre.

Irene non aveva mai provato qualcosa di così meraviglioso in vita sua, farsi succhiare dal proprio figlio, con orgasmi intensi, facendola contorcersi di tanto desiderio. William si mosse molto lentamente, baciandola su tutto il corpo, dove le succhiò ancora un paio di seni e ancora una volta sulla bocca, facendo assaporare a Irene la sua stessa figa.
Entrambi sembravano vivere un sogno da cui nessuno voleva svegliarsi, vivere una bellissima fantasia, qualcosa che avrebbe cambiato le loro vite per sempre, non credevo nell’incesto finché non ho sentito della loro storia. Irene e William, il rapporto tra madre e figlio non sarebbe più stato lo stesso. Erano su un sentiero senza ritorno ed erano arrivati ​​troppo lontano per tornare indietro, e ora tutto ciò di cui avevano bisogno era la penetrazione per suggellare questo momento di amore proibito.

Altre storie erotiche  Dopo aver scopato, sono diventata una piccola troia cattiva.

William col suo cazzo eretto puntato verso l’entrata della madre, segnalò il peccato che stavano per commettere e cominciò a strofinarsi contro la sua entrata. Irene molto arrapata gemeva molto mentre suo figlio giocava con la sua vagina. Non poté più sopportare il piacere, e prese quel membro e lo pose alle porte del paradiso. William spingeva lentamente, perché questa donna, nonostante l’età, era molto tesa, spingeva fino in fondo. Come un

buon figlio la casa ritorna, Guillaume era di nuovo nel grembo di sua madre. La migliore prova d’amore che un figlio può dare a sua madre è fare l’amore con lei. Al di là della crisi esterna, la cosa più importante è che i due abbiano vissuto una storia d’amore tra quattro mura. Ora che erano una coppia in luna di miele, la penetrazione sarebbe stata l’alleanza tra i due, erano innamorati e, guardandosi l’un l’altro, erano disposti ad andare alle ultime conseguenze. Suo figlio stava per sborrare, così lei spinse più forte, mentre il suo cazzo pulsava dentro di lei, annunciando l’arrivo di milioni di spermatozoi, Irene lo sentiva dentro di sé, e voleva ricevere tutto il latte dal suo caro figlio. Li avevamo

fare sesso senza preservativo, e Irene non era ancora in menopausa ed era a rischio di rimanere incinta. William non riuscì più a trattenersi ed eiaculò nel grembo di sua madre.
Ogni uomo vuole fare sesso con la propria madre, ma molti non hanno ancora suscitato questo desiderio. Se la ami e la rispetti come madre e moglie, la più grande prova d’amore che puoi darle è fare sesso con sua madre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *