Per una buona causa 3 – Finale.

di | 9 de Dicembre, 2022

Claudinha, totalmente esausta per le carezze che mi aveva dato, non credendo al motivo di tante esibizioni di un uomo che non era nemmeno vicino all’eiaculazione, acconsentì a farci mangiare qualcosa. Per me, le percosse continuerebbero. La moglie del mio vecchio amico Alexandre ha bisogno di una lezione di sesso con un vero uomo.

Abbiamo deciso di ordinare una lasagna alla bolognese, accompagnata da un vino rosso portoghese. Amava la selezione di bevande. Ma non ha distolto gli occhi dal mio cazzo, che non ho pompato nemmeno a metà.

Claudia: Oh mio Dio, è… è ancora così grande! Mio marito non aveva questo aspetto nemmeno nei suoi giorni migliori, cosa stai facendo!?

Io: mi dispiace tesoro. Non posso rivelare i miei segreti professionali, hahahahaha!

Claudia: Ain, non puoi nemmeno dirmelo?

Io: un sonno ben disciplinato, una dieta incentrata sul rifornimento di minerali, ormoni, tanto esercizio fisico e integratori alimentari… e, naturalmente, una donna che si muove davvero con te.

Claudia: Wow, che rigido controllo! Essere single ha i suoi vantaggi.

Io: vivevo con qualcuno, tesoro. Ho anche un figlio.

claudia: davvero!? Alexandre non mi ha mai detto che avevi già qualcuno!

Io: Di solito non parlo della mia vita privata, ma lui lo sa. Ho un figlio di 8 anni. Miguel. Ho incontrato sua madre a una festa di quartiere, ero un bambino piranha, ho preso tutto. E avevo un’amica che mi ha presentato la madre di mio figlio, anche lei era pazza, e avevo una ragazza brutta che, all’inizio, la infastidiva e le faceva anche degli scherzi. Sapeva scopare bene. E il mio amico è rimasto con la madre di mio figlio. All’inizio si è unito a lei e ha scopato lei e la sua amica più brutta.

Claudinha: Accidenti, hahahahahahaha, il tuo amico ha dormito con entrambi contemporaneamente?

Sono andato. All’inizio non volevo, perché a quel tempo erano entrambi molto al di sotto della media che avrei voluto. Quando l’ho scoperto il giorno dopo la festa, mi è dispiaciuto. Passò un po’ di tempo e lui si imbatté per strada nella ragazza cicciottella e birichina, si scambiarono un’idea, organizzarono una pausa dalla band e noi quattro andammo in un motel. Ho lavorato prima, ma all’epoca ero molto irresponsabile. Non mi importava del college o altro, volevo solo fare qualcosa per mettermi un po’ di soldi in tasca in modo da poter avere soldi per uscire con le ragazze nei fine settimana.

Claudia: Ma dimmi di più sull’avventura del tuo amico!

Io: Allora: le ha scopate tutte e due, e dopo un po’ ne ha trovata una, quando era fuori con la sorellina, così hanno rimandato la festa. Ma poi qualcuno si è ricordato di me, non so come, perché non erano entrambe molto belle e io avevo solo la più brutta. Questa volta ho capito.

Claudinha: Ragazzi, ma poi c’erano due puttane.

Io: Abbiamo fatto una prenotazione in un motel a 4 stelle, il che è bastato per pagare il disordine e il cibo. E poi ci siamo divertiti divertendoci. E ho finito per mangiare entrambi. Mi sono talmente lasciata trasportare che ho indossato anche quella paffuta. Se c’è qualcosa che vale la pena avere in una donna brutta, è fare del buon sesso. E i grassi sapevano essere gustosi.

Claudia: Wow, hahahahahaha! Io qui che voglio sapere le avventure che il mio amante ha avuto con altre donne, ma poi? Come siete finiti insieme tu e la madre di tuo figlio? Non l’ha mangiato anche il tuo amico?

Io: Pezzi che predicano la vita. Ha smesso di vederli, ma ho scambiato i numeri di telefono con Janaína in modo che potessimo continuare a vederci, perché ci siamo divertiti molto. Abbiamo continuato a frequentarci, fare sesso e baciarci perché non volevo niente di serio. Ma poi è arrivato Miguel. All’inizio era disperata, quindi non parla nemmeno. All’inizio, ho pensato che fosse la fine della mia vita. Sono stati i 9 mesi più intensi che abbia mai avuto, sgobbando, fine settimana e vacanze costruendo una casa, con mio padre, e risparmiando denaro per i materiali, dannazione!

Claudinha: Wow… e ti sei davvero presa cura del bambino. Si è guadagnato il mio rispetto per questo.

Io: la famiglia era la base. Ho vissuto una vita folle, ma non mi sono sporcato la coscienza. Lei e io abbiamo vissuto molto bene i primi due anni. È solo che… dopo tutto, non dovevamo stare insieme. Poi ognuno se ne andò per la propria strada e l’affidamento fu condiviso. Miguel passava poco tempo con lei, visto che anche lei cercava lavoro, e lui rimaneva all’asilo. La responsabilità è arrivata molto presto, avevo circa 22 anni. Ma non rimpiango mio figlio, no. Io do la mia vita per questo piccolo.

Claudia: Hai una sua foto?

Io: (ho aperto lo smartphone e ho guardato nella galleria) Vedi? Questo è Miguel, 7 anni. Adesso è più grande. E questo piccolo è suo fratello, il figlio dell’altro che era lì con il ragazzo che aveva. Io e lui andiamo d’accordo. Ma era solo una ragazzina per succedere a Janaña.

claudia: perché dici così?

Io: È uno stupido, non vale nemmeno la pena parlarne qui. Janaína lo incorna direttamente. Si lamenta di essere frustrata dalla sua vita di coppia, che se fosse potuta tornare indietro si sarebbe presa più cura di se stessa, che ora non può uscire a bere con i suoi amici e cose del genere.

Claudia: Wow, ma cosa voleva? Continuare a lamentarsi e lasciare i bambini con i genitori? Che stronza!

Io: Da calciatore quale sono, da uomo che ha le sue esigenze, sacrifico molto nei fine settimana per poter stare con mio figlio. La mia base era l’educazione che avevo. Dato che lavoro 12 x 36, approfitto di tutto quello che posso per divertirmi, istruire, essere il riferimento di Miguel, sai. Ma anche il tizio laggiù sta mangiando il pane che ha fatto il diavolo.

Claudia: Passa più tempo con te o…?

Io: Adesso vive con me. È lei che va lì a visitare. Raramente passava due giorni di fila con lei. Vivo nella mia casa, che ho costruito con mio padre. Vive con il ragazzo.

Claudia: Hai detto che lo tradiva subito, vero?

Io faccio.

claudia: come fai a saperlo?

Io: Hanno preso in giro anche me, Claudia.

claudia: dannazione. Dannazione, guarda! Come ti sei trovato?

Io: Amico, è una lunga conversazione. Non sono venuto qui per la terapia, no.

Claudia: Oh sì, lo ha fatto. Perché questo corpo qui è una medicina perfetta per guarire le tue ferite…

Io: ah si?

Claudinha: Aham… c’è del miele fresco nella ricetta, e fa caldo, e dosi alte non fanno mai male! E quel ragazzo finalmente si è calmato, eh!?

Io: Niente che non ti svegli più…

Un bacio leggero, un altro più lungo, poi la fiamma si alza e il mio guerriero si alza come un vulcano in procinto di esplodere. La sua bocca insegue violentemente la mia. La sua lingua scivola nella mia bocca, come per inghiottirmi. Ora vaffanculo. Prendi il mio cazzo, fammi una bella sega. Le sue mani che mi stringono il glande mi fanno impazzire. Claudia era diversa, ora si era trasformata in una leonessa.

Si è arrampicata sopra di me e ha iniziato a strofinare la porta della figa sul mio cazzo, solo per farmi impazzire ancora di più. Mi ha succhiato i capezzoli, mi è venuta la pelle d’oca. Si è mosso lungo il mio addome, mi ha leccato l’ombelico, mi ha baciato dolcemente l’inguine, girando a spirale fino a raggiungere il mio potere. Lui l’afferrò con intensità… wow, mi sto masturbando solo ricordando quella bocca che mi prendeva, dannazione!

Seni in lunghezza. Succhialo, prova a farmi impazzire Alla fine cavalca, sigillando lentamente il mio membro dentro di lei. Un bel avanti e indietro, contraendo le pareti della sua figa, torturandomi. Fallo. Maledizioni. Sono divorato da questa donna, che non è nemmeno mia.

Claudinha: Dimmi: c’è una puttana che lo rende gustoso come me?

Io: Anche il mio ex non era così intenso!

claudia: è così? Aaaaainnn, che nero sexy sei, Lucas! Come avrei voluto conoscerti prima, per diventare il tuo proprietario! Non meriti di essere solo l’altro! Hmmmm, è fottutamente pruriginoso!

Io: mangia quel bastoncino, cagna!

Su e giù sono diventati più veloci. Tra parolacce e confessioni, confessioni e parolacce pronunciate vicino al mio orecchio, Cláudia ora mi volta le spalle in modo che io possa vederle il culo e la figa. Non faccio il timido e comincio a scoparla con il dito nella sua ferita. Lei gemette ad alta voce. Rotola, rimbalza, accelera e poi sale e scende lentamente.

Claudia: Vuoi davvero fottermi il culo, vero?

Io: Il tuo desiderio, il mio corpo!

Claudia: Fammi sapere, amico!

Si trattava solo di estrarre il membro dalla figa e inserirlo lentamente nel buco del culo della mia amante e lei controllava il sesso a suo piacimento.

Claudia: Fa male, ma è così delizioso. Cos’è questo picco! Questo è tutto !

Io: Figlio di puttana, ordinario! Masticami il cazzo, fammi venire, dannazione!

Claudinha: Vuoi venire, mio ​​duro? Hmmmm…

E ha iniziato a muovere il culo, facendomi impazzire. La sua faccia era rossa come un pomodoro, la sua respiro affannoso. Poi ho sentito il mio cazzo pulsare, segnalando che sarei diventato un signore dello sperone. chiese con la bocca piccola. Scese da me e si mise in ginocchio, e io ero in piedi di fronte a lei. Succhiato, gustoso succhiato… aaaaaaaaaaahh! Che scatti intensi. Guardo Claudia. Il tuo viso rosso e pieno della mia essenza…

Claudia: Wow… caldo, consistente, intenso! È stato un piacere stare con te!

Io: quando proveremo?

Claudinha: Ho due uomini da soddisfare, quindi non lo sopporto, hahahahahaha! Ma quando sarò con la mia dolce metà, penserò molto a te, ok?

Io: mi mancherà… il mio cane preferito!

claudia: cattiva!

Due giorni dopo…

Era un mercoledì, avevo appena finito i compiti. Il cellulare squilla. Connessione sconosciuta. Rispondo. Quello che sento mi fa tremare i capelli fino ai piedi:

🇧🇷: Ti è piaciuta la serata divertente con mia moglie?

Ebbene, chi ha letto le storie precedenti lo sa già. Per quelli di voi che non l’hanno letto, correte. Ti prometto che non te ne pentirai.

La fine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *