piccoli peccati

di | 12 de Dicembre, 2022

I piccoli peccati sono peccati minori che anche il diavolo cerca di ignorare! Nell’adolescenza, quando sbirciamo attraverso il buco della serratura per vedere le nostre madri o sorelle nude che scelgono i vestiti che indosserebbero quotidianamente, si adattano perfettamente al concetto. Lo stesso vale per le situazioni in cui promettiamo alla sposa ignara che le ficcheremo solo la “testina”, per poi disperarci quando dice che le mestruazioni sono in ritardo. O anche quando lasciamo che il nostro collega gay si masturbi o ci succhi il cazzo di nascosto e poi ignoriamo la sua vicinanza… sì… i piccoli peccati sono irrilevanti.

Almeno questo è quello che ho pensato fino al giorno in cui ho visto mia figlia nuda uscire dal bagno; Sono stato felicissimo di questa visione: seni giovani, bianchi, incredibilmente sodi, una vulva liscia e lussuriosa, oltre a un culo perfettamente scolpito con carne soda! Il mio cazzo pulsava dentro i miei pantaloncini e se non fosse stato per il fatto che mi ha visto scoperto, l’avrebbe tirato fuori e si sarebbe masturbato davanti a lei! Con un’espressione tra lo spaventato e il curioso, corse in camera sua chiudendosi la porta alle spalle…, per me non fu altro che un piccolo peccato… e niente di più!

Sfortunatamente, non era solo quello; qualche giorno dopo, l’ho visto fare sesso con un bambino in soggiorno, non conoscendo il rischio a cui erano esposti; Potrei anche presentarmi furioso e buttare fuori di casa il ragazzo maltrattato; tuttavia quello che ho fatto è stato rimanere nascosto dilettandomi nel fare entrambe le cose; lei gli aveva già tirato fuori il cazzo e lo stava masturbando amorevolmente mentre si baciavano avidamente. E non ci è voluto molto perché lui mettesse quel grosso bastone nella sua piccola bocca, facendo un pompino sfacciato al ragazzino opportunista. Alla fine, la depravazione ha persino inghiottito la merda del ragazzo!

Ho guardato tutto di nascosto, cogliendo l’occasione per sbatterne uno finché l’eiaculazione non mi ha investito. Rimasi dov’ero, in silenzio solo per vedere cosa sarebbe successo dopo; e non è che la piccola le ha tolto i seni dalla camicetta e si è messa a succhiarli al suono dei gemiti maligni di mia figlia. “Puttana! Che bontà! pensai, superando i limiti dei peccati. Cercai comunque di contenermi immaginando che fosse qualcosa di normale, con una donna che sentiva ribollire gli ormoni dentro di sé e si divertiva con un uomo nella stessa situazione.

Alla fine i peccatucci si sono interrotti quando ho scoperto che mia figlia era una piccola troietta depravata che adorava il cazzo di un maschio! E l’ho scoperto nel modo più duro, come verifica della realtà. Prima era il cibo che dava al portiere del palazzo dove abitavamo; Proprio lì nel corpo di guardia! E con la porta aperta! La troia in ginocchio tiene il cazzo del maschio e alterna leccate e succhiate ogni volta più voracemente, facendo sparire lo strumento nella sua piccola bocca. Lui, a sua volta, le teneva la testa come per impedirle di indietreggiare, cosa che non credo fosse sua intenzione.

In un’altra occasione la cagnolina si è offerta nuda al muratore che stava facendo una piccola ristrutturazione nell’appartamento accanto al nostro; e la spensieratezza era tanto maggiore perché lei non aveva paura di uscire di casa nostra nuda, di andarci a provocare il ragazzo, un negro alto e muscoloso che si precipitò a flirtare prendendola tra le mani. mettere il suo jeba nella sua figa.

-No signore! Non nella figa! – rispose, aprendo i pantaloni del ragazzo rivelando un cazzo colossale in tutte le direzioni – Lo lascio solo nel culo! Prendere o lasciare!

Il momento successivo, lei era china sul lavello della cucina con le gambe divaricate e il cazzo in aria mentre il ragazzo spalmava la saliva nel suo minuscolo buco, facendo lo stesso con il fondo del suo pene prima di piantare lì la sua verga con alcuni martellanti vigorosi fino a quando è riuscito a infilarlo in profondità nel culo di mia figlia, che ha iniziato a rotolare e gemere come una cagna godendo di essere inculata in pieno giorno in casa di uno sconosciuto con uno sconosciuto. Questo muratore ha preso a pugni molto forte mia figlia nel culo e non si è fermata fino a tardi quando si è dimenata e ha ringhiato denunciando che si stava divertendo; e potevo vedere lo sperma gocciolare dal suo piccolo buco mentre il bastardo strattonava il cazzo ancora mezzo pompante, macchiandole le cosce e schizzando sul pavimento.

E le cose sono andate ancora peggio quando, pochi giorni dopo, mi sono emozionata nel vedere mia figlia e una delle sue amiche baciarsi in camera da letto; le due ragazze nude che fanno una calza nove piena di urla e gemiti, seguiti da uno spettacolo di diteggiatura e un sacco di eiaculazioni fluenti. Osservando la scena, ho scoperto che avevo due alternative: ignorare o superare i limiti dei peccati.

-Livia! Vieni qui, dobbiamo parlare! “L’ho annunciato non appena mia figlia ha messo piede in casa qualche giorno dopo, quando stava tornando a casa da scuola.

-Ciao nonno! Sono qui! ” Di cosa vuoi parlare ?

Guardai questa bella e sensuale giovane donna che sedeva accanto a me e faceva uno sforzo per accavallare le gambe, sollevare il vestito, esponendo le sue cosce grosse e lussuriosi, mentre mi chinavo in avanti mostrando una parte del suo seno appetitoso; Potrei anche lasciarlo andare, o parlarne, ma ho scoperto che era troppo tardi per scappare… così ho fatto un respiro profondo e sono corso.

-Ragazza, ecco il punto – esordii con tono solenne ma esitante – ti ho beccato in casa a succhiare un cazzo…, poi a fare lo stesso con il bidello… , e infine dai la coda al muratore! …, Livia, fai la stronza! È giusto?

-Wow, nonno! Mi dispiace che tu abbia visto tutto questo – rispose lei con tono sommesso e dissimulato – non sono una stronza! Ma nonno… io amo i piccioni! Il solo pensarci mi fa bagnare!

-Livia! Come puoi? – chiesi senza nascondere il mio stupore – Lo capisco anche io, ma non puoi uscire e darlo a tutti!

-Sai cos’è, nonno, mi rispose, avvicinandosi a me con un broncio angelico.

– Ce l’hai a casa? Che cosa vuoi dire con questo? – Che cosa ? chiesi di nuovo, un po’ perplesso.

– Ah, nonno! Ancora non capisci? “Ti spiego allora… se ho un bravo ragazzo che mi scopa tutti i giorni qui a casa, perché dovrei andare a cercare?” … hai capito adesso, nonno?

Lívia strinse il suo inguine gonfio sentendo lo stato in cui mi trovavo e avvicinò il suo viso al mio, sfiorando le sue labbra contro le mie. “Dai, nonno… bacia la tua piccola puttana… sono stato pazzo per questo per così tanto tempo!” sussurrò con rabbia, aprendo un po’ la bocca; La prossima cosa che ho saputo, ci stavamo baciando appassionatamente.

Come un gattino giocherellone, mentre mi baciava Lívia cercava di sbottonarmi la patta esponendo il mio cazzo duro come la roccia che cominciava a scuotere lentamente usando il pollice per massaggiare il glande stringendolo di tanto in tanto. Lívia era al comando e mi aveva dove voleva che fossi: dominato da lei. “Sai una cosa, nonno? Morivo dalla voglia di succhiare il tuo rotolo spesso e duro da molto tempo… e oggi sarà il giorno in cui ucciderò la mia volontà! mi sussurrò all’orecchio, guardandomi negli occhi con desiderio.

Levia guardò il mio cazzo come in un film al rallentatore mentre io socchiudevo gli occhi in attesa del momento che sarebbe venuto. “Wow! Che bocca dolce! E com’è caldo e dolce! Ho pensato mentre sentivo Lívia afferrare il cazzo duro, iniziando un pompino ritmico con una delle sue piccole mani che teneva la base e l’altra che mi massaggiava le palle. La dannata sapeva allattare un piccione e lasciare un maschio dominato dalla sua abilità; di tanto in tanto teneva il glande tra le labbra fingendo di morderlo cosa che mi faceva impazzire di lussuria. Altre volte faceva lo stesso movimento accompagnato da una sega affettuosa.

Siamo rimasti fedeli a questa dieta strabiliante per molto tempo; Livia non mostrava segni di scolorimento; anzi! Fece del suo meglio per succhiarmi il cazzo con un ritmo sempre più intenso che, oltre a farmi tremare, mi costrinse anche a reagire verbalmente con gemiti e respiri affannosi. “Mmm! Oh! Che boccuccia deliziosa ha la mia bambina! Mamma più papà, mamma, mia mucca birichina! Balbettavo tra sospiri e gemiti, che funzionavano come un nuovo stimolo che faceva continuare a Lívia a succhiarmi il cazzo.

“Aspetta, figlia mia! Ahhh! Aspettare! Io… io… io… io verrò! Ahhh! Borbottai senza fiato, cercando di allontanare la testa di Livia dal prendere il mio carico, ma quando lei si rifiutò, finii per riempirle la boccuccia con il mio sperma caldo e soffice. Ed è stato davvero fantastico quando è riuscita a trattenere il mio sperma in bocca sollevando il viso e mostrando il contenuto biancastro prima di ingoiarlo con un sorriso malizioso.

Presto si è sdraiata sopra di me con la bocca che cercava la mia per un bacio. “Siediti, nonno! Senti il ​​tuo gusto in me piccola bocca! chiese prima che le nostre bocche si sigillassero in un lungo bacio caldo e umido in cui potevo assaporare il seme mescolato alla saliva di entrambi. Dopo un po’ Livia mi appoggiò la testa sul petto e si addormentò; Le accarezzavo i capelli ed ero felice… e il piccolo peccato era diventato una bestemmia!

Quando si è svegliata, Lívia mi ha baciato di nuovo e mi ha proposto di fare la doccia insieme; invito accettato andammo in bagno; sotto il getto dell’acqua calda, mia figlia giocò di nuovo con il mio cazzo, che presto sembrò funzionare; ci giocava decantandone le dimensioni e non ci volle molto per averlo di nuovo in bocca; Fu un altro pompino indimenticabile che mi fece gemere mentre le accarezzavo i capelli senza forzare la testa, lasciandola libera di fare di me quello che voleva. Ancora una volta sono venuto e ho eiaculato nella sua piccola bocca; dopo aver inghiottito di nuovo lo sperma, Livia mi guardò e sorrise.

– Allora, nonno? Sarai il mio maschio e io la tua cagna? – Che cosa ? chiese con insistenza mentre ci asciugavamo dopo la doccia.

– Figlia mia, quello che stiamo facendo non è giusto! “Cosa penseranno gli altri di noi? risposi, evitando una risposta diretta. E tu? Come sarà affrontare una relazione aperta con tuo padre? O terremo tutto allo strizzacervelli, lontano da tutti e da tutto? Dimmi! Cosa vuoi?

-Nonno! Ti amo! – rispose lei con tono angosciato – Voglio essere la tua puttana e nessun’altra! …non me ne frega niente degli altri…fanculo! E la nostra relazione sarà esattamente come vuoi tu… Per favore, nonno! Risposta ! Mi ami… come ragazza e anche come tua cagna?

dubitavo! Dentro di me, un tiro alla fune tra il bene e il male ha tenuto una feroce discussione lasciandomi incapace di prendere una decisione; Guardavo il visetto di Livia, il cui sorriso tenero e l’espressione quasi angelica indebolivano e dominavano la mia mente, il mio corpo e la mia anima. Pensavo a tutte le possibili conseguenze se avessi accettato o rifiutato la sua proposta, così come immaginavo di vederla posseduta da altri uomini; altre mani che accarezzano quei seni succulenti; altre bocche che la baciano; altri tacchini che le riempivano la bocca di sperma… e tutte quelle foto mi facevano impazzire.

-Sì! Sì, Lívia – risposi con tono di angoscioso sollievo – ti amo come mia figlia e anche come mia puttanella! Solo mio! Il cucciolo di papà!

– Poi arriva il nonno! “Vieni a scopare la tua puttana… Vieni a mangiare la figa che appartiene solo a te!”

Mettendo da parte la ragione, mi sono lanciato su Livia, coprendola mentre afferrava l’attrezzo, trascinandola verso il bersaglio. Ho colpito forte e al secondo tentativo ci sono riuscito, piantando parte del mio cazzo nella figa stretta di Lívia, che ha emesso un urlo isterico. “No! Non fermarti! Fa un po’ male sì… ma Vaffanculo!”, esclamò quando le chiesi se dovevo tagliare la cinghia, gemiti di Livia, la cui estasi culminò nel suo primo orgasmo vaginale.

“Oh! Padre! Sta arrivando il tuo cucciolo! Ahhh!” sussurrò tra i gemiti, guardandomi in viso con un sorriso enorme; Stimolato dai suoi gesti e dalle sue parole, continuai a punire questa piccola caverna calda, umida e ancora un po’ stretta, fornendo un susseguirsi di orgasmi deliranti che hanno scosso il corpo di mia figlia; ho approfittato del momento per prendere i suoi seni tra le mani e cadere con la mia bocca sui suoi capezzoli duri, aumentando ulteriormente il piacere di Lívia, che mi ha accarezzato i capelli incoraggiandomi a continuare succhiandole il seno.

“Oh! Papà! Divertiti nel mio culo! Riempilo con il tuo pirocao! “, mi chiese in tono supplichevole quando gli dissi che il mio godimento stava arrivando; Livia non attese la mia risposta, dimenandosi finché non fu abbastanza libera da voltarmi le spalle, mettendosi a quattro zampe; Lui le saliva sul culo e lo sfiorò con la punta del suo cazzo prima di spingerlo forte, seppellendolo fino in fondo e accelerando il ritmo con spinte molto dure che ben presto ebbero l’effetto desiderato sulla femmina che raggiungeva di più l’orgasmo. Alla fine, abbiamo urlato insieme quando il mio climax è arrivato con abbondanti flussi di sperma che hanno inondato il retto di Livia.

Ci accasciammo sul letto completamente sfiniti mentre Livia mi ricopriva di teneri baci. “D’ora in poi, sono il cucciolo del nonno!” E chiunque altro! E nonno… tu sei mio! Solo mio ! mi sussurrò all’orecchio, lasciandomi estasiato dalla felicità. Ci siamo riposati per qualche ora, poi sono stato svegliato dai baci di Lívia, che ha insistito per un altro bagno in cui mi ha fatto ancora una volta un nuovo pompino fino a farmi venire sul suo gonfiore.

Era buio con noi che ci coccolavamo nel letto con Lìvia che mi baciava finché non mi addormentai con la sua gamba sulla pancia. Ho guardato quel faccino angelico e ho accarezzato quella pelle morbida e calda pensando a un verso di una canzone: “Non c’è peccato al di sotto dell’equatore!” “.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *