Poliziotta – Fine

di | 12 de Dicembre, 2022

Old Town Chronicles 82 – Poliziotta – Fine

Dopo essere stata divorata da Rômulo e Renata davanti ad alcuni uomini durante questo barbecue, Patrícia non riconosceva più i limiti della sua relazione con Rômulo. Durante le visite del giovane all’alba, il suo culo era sempre richiesto e lei non aveva più remore a gemere e urlare mentre saliva sulla piazza all’alba. Patricia non avrebbe mai immaginato di donarsi così tanto a una persona, così come non avrebbe mai immaginato di fare sesso con un’altra donna. Il rimprovero di Renata la scosse. Era abituata alla rusticità di Rômulo e non avrebbe mai immaginato che un’altra donna l’avrebbe spinta a fare sesso orale come fa Rômulo. Inoltre, ha imparato di più su quest’uomo che le fa visita nelle sue notti solitarie. Avventure con due donne, surubas all’interno della commedia, cos’altro non sa di lui? La sua relazione con Renata ha instillato in lei un pizzico di gelosia, ma allo stesso tempo è eccitata dall’idea di inserirsi in mezzo a loro due e far parte delle loro avventure con qualcun altro. Ci sarebbero altre donne e altre avventure a cui potrebbe partecipare?

Rômulo è riuscito a uscire con Patricia un fine settimana. Una passeggiata al centro commerciale. Quando hanno deciso di incontrarsi lì, Rómulo è arrivato per primo. Fissò le vetrine dei negozi, camminando senza meta aspettando la sua principessa. Durante queste passeggiate, ha visto che qualcosa ha attirato la sua attenzione. Una donna con una tuta grigia attillata. La donna era voltata di spalle, ma la forma di questa calza perfettamente evidenziata da questo vestito gli dava l’impressione di aver già visto questa donna. Mentre guardava le vetrine dei negozi del centro commerciale, Rómulo le si avvicinò cercando di vederle il viso finché non fu molto vicino. Quando finalmente la vide, arrivò la sorpresa.

– Ciao lo so?

-Sai, ho pensato a casa tua, non ricordi?

L’espressione perplessa della donna si trasformò in un sorriso.

-Sì, tu sei Romulo. Certo che mi ricordo di te.

– Doña Berenice, pensavo di dimenticare.

I due si sono avvicinati e si sono scambiati due baci sulla guancia. Le mani di Romulo non le stringevano saldamente la vita, tenendola stretta.

– Come potrei dimenticare. Hai dipinto più della mia casa.

Un sorriso malizioso apparve sul volto di Bernice.

– Davvero, signora Berenice. Nemmeno io ho dimenticato.

– Non chiamarmi Doña, ragazzo. Te l’ho già detto.

– Come ti chiamo allora?

– Qui, solo Bernice. Altrove, come vuoi.

Con sorrisi furbi da entrambe le parti, la conversazione continuò.

– Abiti vicino? Ho lasciato questo appartamento e mi sono trasferito in questo quartiere.

– Non vivo lì. Lavoro in un cantiere vicino alla piazza, sai? Sto aspettando la mia principessa qui.

– Principessa, vero? Tu sei innamorato?

– Se la vedi, capirai.

– Se ti vede afferrarmi la vita in questo modo, la tua principessa diventerà una strega.

Vestita con jeans attillati e una camicetta gialla con spalline sottili, Patricia ha attraversato il centro commerciale alla ricerca di Rômulo. Sicuro che sarebbe arrivato prima, era strano non vedere il ragazzo che aspettava all’ingresso. Guardò ancora una volta l’orologio e dubitò che fosse più tardi di lei. Decise di entrare e vedere se aveva guardato le vetrine finché non lo vide. Rómulo parlava molto vicino a una donna, con la mano sulla sua vita, sembravano intimi. Dopo quello che aveva vissuto con Renata, era sicura che Rómulo si fosse già scopato quella donna, se non l’avesse già fatto. Le dava fastidio. Perché dovrebbe essere così intimo con questa donna il giorno in cui uscivano insieme? A poco a poco, il suo volto tornò all’espressione seria dell’ufficiale mentre si avvicinava ai due. Avvicinandosi, Rómulo presentò loro due, come se nulla fosse accaduto.

Altre storie erotiche  Storia mista: ho tradito Corninho il giorno del suo compleanno

– Ha detto che stava aspettando la sua principessa, ma non la immaginavo così bella.

– Grazie!

Guardandoli insieme, Patricia non immaginava che Rómulo avrebbe parlato a questa donna della sua principessa. E ancora meno si aspettava che lei lo lodasse così tanto. Le loro espressioni si trasformarono in sorrisi mentre Bernice guidava la conversazione tra loro tre. Bérénice è stata estremamente comunicativa e ha entusiasmato tutti. Non sarebbe diverso con Patricia, che dopo poco tempo non risentiva più all’idea di una eventuale intimità tra loro due. Tutta questa conversazione li ha portati a trovare cose in comune, come la necessità di comprare dei vestiti e il fatto che entrambi avessero un negozio preferito. Rómulo si sentiva fuori posto ad ascoltare queste donne che parlavano di vestiti e shopping. Li ha solo seguiti, in silenzio.

Nel negozio, i due andavano avanti e indietro, guardando modelli, cercando sconti e promozioni. Presero delle monete e andarono nello spogliatoio. Pezzi alla mano, Patría entra nello spogliatoio, ma è sorpresa di essere seguita.

– Ciao tesoro, posso stare qui con te? Ho bisogno di aiuto con la cerniera.

Bérénice gli volta le spalle per chiedergli aiuto con la cerniera sul retro della sua tuta. Patricia osservò Bernice gettare i suoi vestiti sul pavimento, rivelando le sue curve ora coperte solo da mutandine succinte. Berenice indossò una camicetta bianca attillata e si guardò allo specchio finché non notò gli occhi di Patricia.

– Cosa è successo dolcezza? Vuoi che vada?

-No, è solo…

-Romolo?

– Sì.

– Guarda, l’ho dato a lui e al signor João quando sono andati a dipingere la mia casa. E questo è tutto. La sua principessa sei tu.

Gli occhi di Patricia si spalancarono alla sincerità di Berenice. Ma poi è rimasto senza parole.

– Quel bastardo è pieno di energia, vero? Lo indossa così tanto che sembra una macchina.

-La verità.

Berenice fece sorridere Patricia, parlando apertamente con lei. Non aveva alcun interesse a rovinare la relazione di nessuno e inoltre gli piaceva Patricia. Berenice ha preso il secondo pezzo, pantaloni eleganti. Lo indossò e si guardò allo specchio il taglio sul retro dei pantaloni.

– È carino, vero?

– Era. Hai un bel culo. I pantaloni si adattano molto bene.

– Beh, me ne serve uno nuovo per lavoro.

Patricia si sbottonò i pantaloni e li sfilò a fatica.

– Guarda, sono io quello con il bel sedere.

Berenice si avvicinò a Patricia, toccandole leggermente il sedere.

– A Romolo deve piacere questo posto.

– Sì! Wow, è pazzo.

– Si è spaventato quando mi ha afferrato a quattro zampe. Con te, deve impazzire.

Berenice ha parlato dell’intimità di Rômulo con Patrícia mentre si aggiustava le mutandine. Patricia accolse questo gesto affettuoso e sollevò leggermente le natiche, facilitando il movimento delle dita di Berenice sul suo corpo.

– Mi prende così. Metti quella pressione, sai?

– Delizioso. Mi bagno solo al ricordo.

Il tono della conversazione tra i due divenne normale quanto l’affetto di Berenice per il sedere di Patricia. La poliziotta afferrò le tute e le indossò, sotto lo sguardo attento di Bernice.

Altre storie erotiche  Il cuginetto dotato si sta riscaldando

– Cosa c’è di nuovo? Cosa ne pensi?

– E’ stata una grande Patricia. Eri bellissima con quella tuta.

La tuta di Patricia era aderente al suo corpo. Le sue gambe e le sue natiche erano ben definite. Bernice la guardò con nostalgia. Si tolse i pantaloni, muovendo i fianchi. Indossava pantaloncini molto corti che lasciavano scoperta una parte del suo corpo.

– Questo non ti copre nemmeno, ragazza.

– È per uso domestico. Mi piace.

– Sembri molto provocatorio.

– Sì, ne indossavo uno quando Romolo mi ha mangiato.

– Ah, è così? Ora capisco perché era spaventato.

Patricia infilò le dita nei pantaloncini di Berenice, cercando di abbassarli un po’. Berenice la sollevò di dietro, come per offrirla.

– Fai cosi!

Berenice afferrò le mani di Patricia, tirandole su, sollevando i pantaloncini di Berenice.

– Ora sono provocatorio.

Berenice e Patricia si tirarono su i pantaloncini il più possibile. Patricia iniziò ad accarezzare la parte scoperta del sedere di Berenice, che cominciò a dimenarsi discretamente.

– Hai le mani così calde che non voglio andarmene.

– Neanche io.

Patricia attirò Berenice verso di sé e la baciò in un lungo bacio, accarezzandole tutto il corpo.

– Non possiamo restare qui.

– Lo so.

– Ho avuto un’idea.

I due si sono vestiti e sono andati alla cassa e hanno finito di fare la spesa il più in fretta possibile. Rómulo capì appena quando li vide così amichevoli, sorridenti come se fossero complici. Patricia prese Berenice per mano e chiese a Rómulo di seguirli. Il ragazzo confuso li seguì semplicemente attraverso il centro commerciale e su per le scale. I tre salirono sul tetto del Centro commerciale. Un grande spazio vuoto con alcuni lucernari. Un grande vuoto all’aria aperta. Al centro del tetto, Patricia e Berenice iniziarono a baciarsi. Le mani le strinsero le natiche. Rómulo si avvicina cercando di abbracciarli, ma entrambi lo respingono ridendo. Frustrato, si limita a guardarli mentre si tolgono completamente i vestiti. Con i loro corpi vicini, i due si baciarono. Berenice strinse il sedere di Patricia, che le accarezzò la schiena. Seni premuti tra i corpi. Berenice condusse Patrícia a mettersi carponi a terra.

– Il tuo sedere è così caldo. Lascia che la colpisca?

– Puoi toccare, toccare!

Bernice schiaffeggiò.

– Hmm! Colpisci di più!

Bernice ha colpito più forte.

– Oh mio caro! Da seguire.

Berenice afferrò Patricia per i capelli, costringendola a guardare avanti e stringendole le natiche con determinazione.

– Vuoi farti picchiare, puttanella?

-Voglio!

Rômulo era nudo, col cazzo in mano, a masturbarsi. Osservò con eccitazione mentre Berenice torreggiava su Patricia mentre le schiaffeggiava il sedere. Tra uno schiaffo e l’altro, Bérénice accarezza le natiche di Patrícia, scivolando tra le sue natiche fino a toccarle la figa. Patricia geme mentre si masturba. A quattro zampe vide Romulo masturbarsi e sollevò ancora di più le natiche, sentendo le mani di Berenice che la toccavano. Finché due dita non le penetrano nella figa.

– Oh, che bel dito.

– Ti mangerò come lui.

Bernice ha lottato per scopare la fica di Patricia tanto forte quanto le sue braccia l’avrebbero portata. Patría aveva già perso l’idea di trovarsi in un luogo aperto e iniziò a gemere molto forte. Bernice ha continuato a scopare con le dita quella fica finché Patricia non ha emesso uno strillo di piacere, tenendosi la mano dentro la fica mentre il suo corpo tremava.

Altre storie erotiche  Racconto erotico diretto: non ho resistito e ho succhiato il mio migliore amico

– Ti è piaciuto essere il mio cucciolo?

-Mi è piaciuto.

I due si baciarono e Berenice si mise a quattro zampe, offrendosi a Patricia. La poliziotta grattò leggermente la schiena di Bérénice mentre barcollava. Il leggero tocco della punta delle sue dita sulla sua schiena fu sostituito dalla sensazione di bruciore nel sedere.

– Oh, il mio fottuto culo.

– Non ti piace essere colpito?

– Sì, dannazione! Colpisci di più!

La mano pesante di Patricia colpì più forte della maggior parte degli uomini, rendendo Berenice ancora più eccitata. La poliziotta ha poi ricambiato la masturbazione che aveva ricevuto.

– No! Metti il ​​dito qui.

– Qui?

– Est! Huuummm…. voglio darti il ​​mio culo.

Patría ha infilato il dito nel culo di Berenice, che si stava toccando la figa con una mano. Affondò e lentamente si ritirò. Giocherellava girando il dito, vedendo come i gemiti di Berenice variavano con i suoi movimenti.

– Est! Mangia il culo alla tua cagna. Metti un altro dito!

Patricia inserì un altro dito, allargando il sedere di Berenice, che gemeva sempre più forte, rotolando tra le dita della bionda.

– Diventa più caldo! Rafforzare!

Patricia ha alzato le dita fottendo il culo di Berenice mentre si strofinava la figa sempre più forte. Berenice si avvicinò e rotolò lentamente, cercando di sentire il più possibile le sue dita e quelle di Patricia.

Le due donne si scambiano baci e si mettono a quattro zampe per offrirsi finalmente a Rómulo che stava per venire a vedere tutto. Disperato, è stato subito dopo che Patrícia se l’è messo nella figa.

– Delizioso! Prima mangerai il tuo cibo, giusto?

– Voglio la tua figa, puttana!

Romulo strinse la vita di Patricia e spinse forte nella sua figa. Patricia ha lottato per mantenere il suo corpo fermo con l’energia che Romulo stava scatenando contro la sua figa. Quando ebbe voglia di divertirsi, guardò Berenice che gli rotolava accanto. Rômulo prese il pene di Patricia e andò verso Bérénice che gli aprì il culo con la mano.

– Oggi ti do il mio culo da mangiare.

Rómulo spinse il suo cazzo duro nel culo di Berenice, che urlava di desiderio. Le teneva la vita con una mano e i capelli con l’altra. Nella porta accanto, Patría ha visto Bérénice essere addomesticata e divorata da un animale che le aveva appena infilato la coda. Berenice si sentiva inculata dalla voglia del cazzo di Rômulo, che non sopportava di mettere su a lungo. Quando sentì arrivare lo sperma, tirò fuori il cazzo dal culo di Berenice e ordinò ai due di inginocchiarsi davanti a lui. Le sue due puttanelle erano lì, a bocca aperta, preoccupate per il fiotto di sperma che sarebbe uscito dal cazzo di Romulo. Quest’uomo ruggisce come un orco in questa soffitta, gocciolando sperma nelle bocche e nelle facce delle due donne. Tutta quell’energia mandò Romolo in ginocchio, esausto. Patricia e Berenice si sono baciate con un assaggio di sperma in bocca e si sono scambiate carezze mentre si leccavano, asciugandosi lo sperma dal viso. Anche se Rômulo non riusciva a riprendersi, lei continuò a baciarsi per un po’, nuda nella notte della Città Vecchia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *