pomeriggio freddo pieno di malizia

di | 8 de Dicembre, 2022

Il divertimento delle giornate fredde è avere qualcuno con cui rannicchiarsi tra le coperte. È avere qualcuno con cui sentirsi al caldo anche senza vestiti. Lo scorso sabato mattina, quando la pioggia ha annullato la nostra passeggiata e abbiamo deciso di toglierci i vestiti bagnati e restare in casa, è stata la prima volta che ho sentito il mio corpo sudare in pieno inverno. Per me era il giorno più freddo dell’anno, ma nella sua stanza il mondo sembrava troppo caldo.

Sono Nathalia, tre anni più grande di Eduardo, con cui esco da quasi un anno. Durante questo periodo abbiamo sviluppato un dialogo aperto, come quello che hai con il tuo migliore amico, che ci ha sempre dato la libertà di inventare cose nuove durante il sesso, per ravvivarlo. Ne abbiamo passate tante, e persino scriverci delle nostre esperienze e pubblicarle è come un feticcio per noi. Tuttavia, confesso che nulla di ciò che abbiamo fatto è stato come sabato scorso.

Ero congelato dalla paura e dal freddo. Indossavo abiti comodi e mi ritrovai, poco dopo le due del pomeriggio, seduto su una sedia al centro della stanza buia, con le mani legate dietro la schiena. Mi hai legato con la corda che mi avevi chiesto di portare. Era ironico, ho usato il filo per finire il tuo regalo di San Valentino e tu lo stavi usando per torturarmi. Giravo sul polso e inchiodavo le mani allo schienale della sedia, riuscivo a malapena a muovermi. Odio i limiti delle manette, ma confesso che mi sono sempre piaciute le loro torture. Ricordo a malapena quando ho portato il gelato in camera in una giornata calda e la mia bocca si è raffreddata senza volerlo toccare. È stato indescrivibile, come il giorno in cui abbiamo fatto sesso “alla cieca” o quando hai usato il nastro del mio vestito come bavaglio e mi hai fottuto il culo.

La musica ha iniziato a suonare (No diggity – Cheat Faker), e ti ho perso di vista. Non sapevo cosa stesse succedendo. Ti sei mosso dietro di me, lentamente. Ha giocato con i miei capelli e mi ha baciato il collo. L’ho amato. Ti sei fermato davanti a me, i tuoi occhi fissi come quelli di un animale che guarda la sua preda. Aveva paura di farmi del male, ma ho capito subito cosa stava per fare. Si tolse la camicia, e la lasciò ricadere sul mio corpo, mi si avvicinò. Vorrei poterti toccare, toccare il volume che ho visto crescere nei miei pantaloni. Ti sei mosso e ho cercato di lasciare andare la sedia per toccare il tuo corpo. Le corde mi facevano male al polso ed era spaventoso, sì, ma allo stesso tempo un dolore che mi riportava al piacere. Mi ha detto di alzarmi, ma la corda era corta e mi faceva male alzarmi. Mi hai tolto i pantaloni, mi sono seduto con i polsi doloranti. Ti sei tolto i pantaloni e li hai lasciati cadere sulle mie spalle, ti sei avvicinato così tanto a me che potevo baciarti il ​​petto, sentire il tuo cazzo duro per me. Ho sentito il filo della sedia allentarsi, ma non potevo lasciarmi andare, sono rimasto lì implorando con un sospiro, che tu mi lasciassi andare. Come impaziente, con tua figlia che si lamentava, ti sei separato da me e ti sei messo alle mie spalle. Quasi senza sforzo, tirò la corda, liberandomi dai miei vincoli.

Mi alzai, cercando di rilassare i polsi. Il bacio che venne fu caldo, umido. Mi hai sollevato la gamba per la coscia, hai allungato la mano per afferrarmi il sedere e mi hai gettato sul letto. È venuto da me, selvaggio come un animale. C’era qualcosa nei suoi occhi. Uno sguardo duro che mi ha fatto impazzire. Mi hai tolto le mutandine, senza nemmeno accorgerti del colore o del pizzo che avevo scelto per i tuoi gusti. Mi baciò forte, mordendomi la bocca. Ho sentito il suo cazzo duro. Quindi ti ho chiesto di sederti sulla sedia. Ho approfittato della ripetizione della musica per ballare un po’ per voi, anche se timidamente. Ho strofinato la mia figa bagnata sul tuo cazzo ancora coperto di mutande, ho cavalcato il mio culo per farti bene. Lo ha fatto volendo sedersi. E davvero, quando non ce la facevo più, gli ho tirato giù le mutande e sono atterrato con la bocca sul suo cazzo e pochi istanti dopo ho iniziato a rotolarmi bene sul suo cazzo. Mi sono seduto sopra di te per alcuni minuti, rimbalzando e gemendo nel tuo orecchio, finché non ti sei alzato con me in grembo, ci hai sganciati e ci hai portato a letto.

Non hai dormito con me, non hai scopato, non hai fatto l’amore. Il modo in cui entrava e usciva era vorace, era deliziosa, era solo per compiacere. Sei stato tu ad abituarmi all’orgasmo, costringendomi ad averne sei in un pomeriggio. Mi ha mangiato da cima a fondo, ovunque. Sotto il piumone eravamo al caldo. Volevi il mio culo e io l’ho preso in giro dicendogli che non poteva. Di nuovo su di te, sono rimbalzato su di te, corpo sotto, sdraiato sul tuo, mi ha dato una sensazione deliziosa. È stato come un orgasmo multiplo ancor prima che venissi. Quando sono venuta ti ho chiesto di fare lo stesso, ma hai detto che avresti solo sborrato nel mio culetto stretto. Mi sono messa a quattro zampe con la pancia sul letto, hai provato a spingerla, ma al primo gemito di dolore me l’hai spinta nella figa e hai gemito. Gustoso gemito.

Mi ha detto che stava per venire e le ho chiesto di venire nel culo.

È venuto a confondere tutto, il suo sperma caldo ha confuso il mio corpo. Il mio sperma che sporca le tue lenzuola.

Le cose si sono calmate e ho suggerito di scrivere questa storia insieme nel bel mezzo delle battute. Ovviamente non ha funzionato molto bene. Mentre cercavi di digitare, ti ho succhiato il cazzo con la lingua, facendo scorrere la punta sopra la testolina, tra la pelle, in punta. L’ho succhiato e l’ho sbavato dappertutto finché non è stato molto bagnato. Ha smesso di succhiare ogni volta che hai smesso di scrivere e sembravi disperato. Il cazzo sta diventando sempre più grosso, e muoio dalla voglia di darlo via, muoio dalla voglia di sederci sopra, proprio come faccio mentre scrivo. Ti ho chiesto se volevi dormire con me. Gettiamo tutte le cose nell’angolo, gettiamo i vestiti sul pavimento. Ti ho caldo. Ero così eccitato che volevo venire presto e mi sono trattenuto il più a lungo possibile. Ma quando il tuo dito ha iniziato a giocare nel mio culo e sei entrato nella mia figa, ho sentito il tuo sperma diventare caldo, il tuo cazzo pulsare. Ho intensificato i miei movimenti, muovendomi più forte e andando più in profondità. Sono venuto subito, avendo l’orgasmo più schiacciante della mia vita, con tutto il suo cazzo nella mia figa, facendomi delirare dal piacere, e ancora senza la forza di volerne sempre di più.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *