preferenze del vicino

di | 9 de Dicembre, 2022

Le seguenti storie mi sono state rivelate da amici con l’intento di sfogarmi, ma anche in attesa che venissero pubblicate… quindi ci siamo!

La mia vicina Etelvina, sposata con il mio amico Hélio, è una sessantenne magra e piena di vitalità che ho sempre segretamente desiderato, ma che non mi ha mai deluso, facendomi credere che fosse la cosiddetta “donna onesta”. . che compariva nel vecchio codice penale, termine ormai fuori uso e ancora usato da certi temerari. Per questo motivo, ho frenato il mio bisogno di molestarla più direttamente anche se la desideravo ancora così tanto; Etelvina era una donna grassoccia e lussuriosa, con il seno pieno e il sedere arrotondato, la quale, rendendosi conto che questi attributi attiravano l’attenzione degli uomini, cercava di vestirsi il più discretamente possibile, sempre con abiti larghi e discreti, cosa che io non facevo. Non importava affatto perché la immaginavo nuda, lampeggiante davanti ai miei occhi avidi.

Tutta la mia gioia sarebbe morta sulla spiaggia se non ce ne fosse stata una flagrante che lei stessa mi avrebbe dato modo di darmi elementi da usare a mio favore; Era un pomeriggio che stavo tornando dalla mia passeggiata quando vidi un camion GPL commerciale parcheggiato davanti alla casa di Etelvina; Ho rallentato i miei passi finché non ho trovato un punto di osservazione dietro un albero per spiare ciò che sarebbe successo.

Ci è voluto molto più tempo del previsto, ma ne è valsa la pena; Ho visto l’autista del mezzo uscire di casa accompagnato da Etelvina, accompagnandola alla porta con insolita formalità. Questo ha acceso una spia, soprattutto perché era da tanto che non comprava il gas in bombole, perché quando ha installato il gas nelle condutture nel nostro quartiere, suo marito è stato uno dei primi a contrattare il servizio. Armato di queste informazioni, aveva bisogno di ulteriori dettagli da utilizzare in modo tempestivo. E ben presto scoprì che le “visite” di consegna del gas erano abbastanza regolari, almeno due volte alla settimana e sempre quando Etelvina era sola in casa.

Anche se in pensione, Hélio odiava stare a casa e usciva tutti i giorni, ma due giorni alla settimana era via la maggior parte della giornata, che fosse per visitare la sua unica figlia, vedere vecchi amici dal lavoro o qualcosa del genere. ; e fu in quei giorni che Etelvina ricevette una “visita” del liberatore. Ora che aveva i mezzi, doveva ancora creare l’opportunità di usarli. Ed è stato il giorno del grande mercato che ho fatto il mio primo attacco; Creando una situazione, l’ho incontrata mentre tornavo a casa e le ho offerto un passaggio a cui ha cercato di rinunciare ma ha finito per accettare quando il cielo si è oscurato e le nuvole pesanti hanno annunciato l’arrivo di una forte pioggia. L’ho aiutata con le valigie e dopo che è salita sul veicolo, ho iniziato a seguire la nostra destinazione.

Altre storie erotiche  Scopata deliziosa con l'ex segretaria perversa

-Sente! Dove andiamo? Questa non è la via del ritorno! “Cosa stai facendo ?” chiese con tono allarmato non appena si accorse che avevo cambiato rotta senza preavviso. “Dove mi stai portando?

-Non preoccuparti… voglio solo fare due chiacchiere con te – risposi a bassa voce con una punta di ironia – Si tratta di una cosa che ci interessa!

Pochi minuti dopo, ho parcheggiato in un posto che, oltre ad essere generalmente deserto, era in costruzione, il che ha facilitato il mio progetto. Ho guardato la faccia infastidita del mio passeggero e dopo un sorriso ho iniziato a dire quello che avevo in mente: “Il fatto è che ho sempre pensato che fossi una fottuta bomba!” Ho l’erezione più grande per te e voglio godermela! Potrei non essere giovane come il fattorino del gas! Sai di chi sto parlando, vero?

Etelvina ascoltò tutto con gli occhi spalancati e uno sguardo di stupore e per qualche istante tacque, limitandosi a guardarmi, assimilando forse tutto ciò che aveva sentito. “Senti giovanotto, non so da dove ti siano venute queste idee, ma io sono una donna onesta, timorosa che rispetta suo marito e…” balbettò dopo essere stata interrotta da me.

-Ascolta qui, cattivo! Non venire con queste chiacchiere! Ho chiesto in tono scortese “Cosa c’è che non va con il fattorino eh?” È pirocudo? fottutamente caldo? …o ti piace una troia che il marito non può gestire? Andiamo! Sputalo fuori!

Etelvina non poteva rispondere, le sue labbra tremavano e la sua espressione era sorpresa, pensando ancora a un modo per sfuggire alla situazione. “Non hai intenzione di dire niente? Quindi ecco il punto: domani è il giorno delle visite, vero? Tu licenzi il tizio e appena se ne va, ti faccio una visita! consegnarti a Helium!” conclusi enfaticamente.

“Tu… mi prometti che se lo faccio, il caso sarà giusto tra noi?” – Che cosa ? chiese con tono esitante e sconfitto.

-Sì, naturalmente! Dopotutto, sono un ragazzo con la mia parola! – risposi senza esitazione, ricevendo un cenno.

Il giorno dopo mi sono sistemato dietro lo stesso albero e ho aspettato; il fattorino arriva e scende dal veicolo, suonando il campanello; Non ho sentito bene cosa ha detto Etelvina all’interfono, ma il ragazzo ha annuito rassegnato ed è tornato al camion e ha lasciato il posto; Sono uscito discretamente dal mio nascondiglio e mi sono diretto verso la porta, suonando presto il citofono. Etelvina si precipitò ad aprire, mostrando solo il viso, aprì la porta e mi fece cenno di entrare.

Altre storie erotiche  Racconto erotico di tradimento: ho tradito Babbo Natale al centro commerciale

Mi sono affrettato su per la rampa di scale e attraverso la porta che si è chiusa dietro di me; Guardai il viso di Etelvina, notandovi una certa preoccupazione; indossava una specie di camicia da notte ampia la cui trasparenza tradiva la sua nudità con i capezzoli gonfi e il ventre sporgente; L’ho spinta delicatamente contro il muro e ho messo la mia mano sotto la sua camicia da notte fino a toccare la sua vulva, che era calda e bagnata; Gli ho mordicchiato il lobo dell’orecchio e il collo facendo lo stesso; la sua reazione fu immediata, rilasciando piccoli gemiti mentre la sua mano impaziente stava già premendo il volume evidenziato sul mio inguine.

-Vo…, vo…, ti piace leccare? – Che cosa ? chiese con una vocina soffocata.

-Leccata? Leccare cosa, piccola puttana grassa? “Le ho sussurrato all’orecchio con due dita nella sua figa, succhiando lentamente.

-Lecca… lecca… fica! – Che cosa ? rispose, quasi senza fiato.

– Dai… mettiamoci a nudo e ti faccio vedere quanto mi piace! – risposi prendendola per mano e spingendola verso il divano accanto.

Aiutai Etelvina a togliersi la camicia da notte, poi lei mi aiutò a spogliarmi, ammirando il mio cazzo duro mentre succhiavo i capezzoli dei suoi seni pieni, che ne approfittavo ancora per stringerli con le mani; L’ho fatta sdraiare sul divano, le ho allargato le gambe e le ho sepolto il viso, passando la lingua sulla sua figa ricoperta di fine peluria grigia; Ho esplorato l’area con la lingua e le dita ascoltando il mio partner gemere dolcemente pieno di ansia.

Le bastarono poche leccate nella zona e succhiandone il bocciolo per sentire una piccola ondata di orgasmi che la fecero tremare, senza smettere di gemere ea volte urlare istericamente; Rimasi ad assaporare la figa lussuriosa di Etelvina ea darle dei bei orgasmi, e lo sarebbe stato se non fosse intervenuto con altre intenzioni.

-Oh! È… è… molto gustoso! – sussurrò tra i gemiti – Posso avere quel cazzo? Lo voglio nel culo! Per favore, dammi!

Sebbene fossi sorpreso dalla richiesta di Etelvina, alzai il viso e sorrisi, annuendo alla sua piccola supplica; La donna si mise rapidamente a quattro zampe sul divano, appoggiando il mento su un cuscino, sporgendo il suo colossale sedere e cominciando ad aprire le natiche con le mani nude. Spinsi la lingua nel foro ondulato, facendo lunghe leccate per lubrificarlo bene.

-Aspettare! Il! … nel cassetto ! “Che cosa?” disse senza fiato mentre iniziavo a sfiorarle la gola con la testa del cazzo. …, un…, unguento…

Mi sporsi verso il cassetto indicato da Etelvina e prelevai dall’interno un tubetto di gel lubrificante. “Oh, piccolo mascalzone! Tutto è pronto per essere fottuto, vero? gli sussurrai all’orecchio prima di aprire il tubo, usandone una parte per coprire il cazzo e una parte per ingrassare l’assorbente, riprendendo da dove avevo interrotto. Ho spinto un paio di volte e nel secondo il lembo mi ha rotto il cazzo, allargandolo abbastanza da permettermi di continuare a inculare Etelvina, che gemeva senza sosta, godendosi la scopata.

Altre storie erotiche  Separato, mio ​​fratello si è preso cura di me...

Ebbene, quel culo aveva già provato altri cazzi, magari altrettanto grossi o più spessi del mio, perché la penetrazione avveniva senza troppe difficoltà, e appena ho sentito che le palle sfioravano la fessura, ho cominciato a martellare senza pietà, scuotendo il corpo della donna adultera, che smorzava le sue grida sul guanciale, denunciando che le rideva il culo! Anche se sono rimasto un po’ sorpreso dalle folli reazioni di Etelvina, non posso negare di essermi divertito a fotterle il culo, che ho sferzato con intensità e velocità crescenti, provocando un’altra sborrata dal mio partner.

Il cazzo è andato avanti per un po’ e ho fatto tutto possibile per non svenire prima, anche se il tempo ha finito per cogliermi di sorpresa con uno spasmo che mi ha teso i muscoli fino a contrarli. in un parossismo di massima eloquenza con copiose eiaculazioni che bagnarono le viscere di Etelvina, la quale provò addirittura un orgasmo per la sensazione che le provocava lo sperma. Aspettai che il mio cazzo avvizzito uscisse dal buco del culo rugoso del mio partner e mi sedetti sul divano per riprendere fiato, godendomi il rivolo di sperma che scorreva copiosamente dal buco allargato di Etelvina.

Tuttavia, ha subito cercato di mandarmi via, preoccupata che suo marito tornasse o addirittura fosse visto uscire di casa; Le ho detto che andarsene senza essere vista sarebbe stato impossibile e ne ho anche approfittato per succhiarle i grossi seni prima di andare a chiederle se potevo tornare. “Tu scopi meglio del fattorino… ma sai cos’è, vero?” Siamo vicini di casa… devi stare attento! fu la risposta criptica che mi diede. Un po’ disgustato, mi sono vestito e me ne sono andato; Non appena ho chiuso la porta, ho incontrato Hélio che camminava lungo la strada; il suo sguardo sospettoso da cornuto mi obbligava a trovare una buona giustificazione per essere preso in quel modo; Ho fatto finta che sua moglie avesse bisogno di aiuto per fare commissioni e me ne sono andato senza voltarmi indietro. E non è che da quel giorno il ragazzo usciva di rado! Allo stesso modo in cui il ragazzo del gas mi ha guardato male per la perdita che avevo causato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *