Presentazioni – Parte 1-4

di | 12 de Dicembre, 2022

Old Quarter Chronicles 50 – Introduzioni – Parte 1-4

Urlando al telefono, Alberto ha esorcizzato tutto lo stress. Un uomo maturo, aveva cinquant’anni, ma non li dimostrava. Il viso liscio e senza barba aveva poche rughe, ma il mento largo non permetteva un aspetto delicato. Era più alto della media e aveva un fisico imponente e un’energia per il lavoro che pochi mostrano alla sua età. Soprattutto quando è eccitato. Era uno di quei giorni. Nella stanza di uno degli hotel Bairro Velho, ha mostrato l’intero repertorio di volgarità e bestemmie che conosceva. La sua voce roca echeggiò sul pavimento, sorprendendo le massaie e gli ospiti vicini. Alberto ha maledetto gli avvocati della donna da cui stava divorziando. La coppia era da poco diventata socia in un ristorante a Bairro Velho, due uomini d’affari di successo che vedevano nella crescita del quartiere una buona opportunità di affari. Ma il rapporto si è deteriorato e la donna vuole risolvere la questione in tribunale. Divorzio, divisione dei beni, convivenze, in questi giorni Alberto ha vissuto uno stress insolito. Inoltre, era una persona piuttosto grassa, difficile da convivere, il che rende impraticabile qualsiasi accordo.

Alberto ha cercato lo studio di António, Rodrigo e José, tre rinomati avvocati che hanno aperto uno studio in questo quartiere. I tre rilevarono tutti gli affari del nuovo cliente, cercando di metterlo a suo agio. L’uomo era un disastro nervoso che non riusciva a superare una mezza dozzina di frasi senza cercare di offendere sua moglie nel peggior modo possibile. I tre avvocati in privato hanno scherzato sul fatto che Alberto fosse una fonte inesauribile di lavoro a causa del suo profilo bellicoso. Per questo motivo, hanno cercato di dedicargli molta attenzione. Un pomeriggio Bérénice fu mandata a raccogliere le firme del nuovo cliente. Fu avvertito del profilo esplosivo del cliente e cercò di ignorare il modo volgare in cui parlava. Berenice non era mai stata così premurosa con un cliente prima e le sembrava strano, ma faceva il suo lavoro. Discreta, con indosso pantaloni sociali, camicia e blazer, si è recata all’albergo dove alloggiava il cliente. Quando uscì dall’ascensore, poteva già sentire le urla del tuono diventare più forti man mano che si avvicinava alla stanza degli ospiti. Bussò alla porta e Alberto la accolse con aria seria, come se fosse arrabbiato con lei. Dopo averle detto da dove veniva, l’ha fatta entrare e poi ha ricominciato a urlare come se gli fosse scoppiata la gola.

– Scrivilo, quel figlio di puttana mi ha fregato! Hai capito? Ho intenzione di schiacciare quella cagna!!

Bérénice all’inizio era spaventata, ma si è subito ricordata degli avvertimenti dei capi. Capì che doveva solo raccogliere le firme del cliente e andarsene, imperturbato dalla maleducazione del cliente. Appena Alberto riattaccò il telefono come se volesse spezzarlo a metà, lei gli porse i documenti. In un raro momento di silenzio, iniziò a firmare le carte, e fu allora che Berenice notò che tutta questa maleducazione contrastava con l’eleganza di un uomo in abito perfettamente aderente. Dalla camicia, dalla cintura, dalle scarpe, quest’uomo sembrava appena uscito da un negozio di abbigliamento di lusso. Sapeva come prendersi cura di se stesso.

– Qui, tutto è firmato. Adesso promettimi che fotterai il culo a quel figlio di puttana. – disse Alberto con tono un po’ alto.

– Faremo il possibile, signore. Ora rilassati e lascia fare a noi.

– Avrò bisogno di qualcosa di più che scopare questa stronza per rilassarmi.

“C’è qualcosa che posso fare, signore?” chiese Bernice. Conosceva il valore del cliente per l’azienda e capiva che doveva collaborare.

Alberto si sedette.

-Quella stronza che ha scelto la proprietà. Questa merda sta cadendo a pezzi. Devo trovare qualcuno per i lavori di ristrutturazione. Ha anche gestito tutta la pubblicità e il marketing. Quella puttana è esplosa e mi ha scaricato un mucchio di merda in mano.

Bernice si limitò a guardarlo, impressionato dalla capacità dell’uomo di dire così tanti paroloni in così poche frasi. Anche quando non urla. Non aveva più paura, trovava interessanti anche tante parole esplosive, provenienti da una voce così grossa, da un uomo che cominciava a diventare interessante.

Non è un problema per te. Sono stato stressato per giorni. Deve essere una mancanza di figa.

Bernice guardò di lato, non capendo perché lo stesse dicendo.

– Scusa, parlo troppo. Sono pieno di problemi e te li sto lanciando.

– Beh, conosco un giornalista di un giornale locale che vorrebbe scrivere una storia su un grande uomo d’affari che viene a investire nel quartiere. Conosco anche un ingegnere che può occuparsi della tua ristrutturazione. Posso mostrarti entrambi.

Alberto, per la prima volta, guardò attentamente Berenice. Alla fine, qualcuno gli ha presentato soluzioni invece di problemi. Bernice vide che finalmente stava ricevendo più attenzioni dal cliente, che la squadrò dall’alto in basso come se finalmente si rendesse conto che stava parlando con una donna.

– Ho anche il contatto di un professionista che può risolvere quest’ultimo problema che stai riscontrando.

Alberto si sforzò di controllare il sorriso quando sentì questa frase. Non aveva immaginato che questa donna gli avrebbe regalato qualcosa del genere. Contrariamente all’offerta di una prostituta per soddisfarlo, Berenice lo guardò seriamente, non c’era malizia. Non è una malizia nota. Quest’uomo corpulento si sentì devastato quando vide che questa donna che non aveva mai incontrato non era imbarazzata di fronte a lui, un tratto che ricordava molto sua moglie. Pochi secondi di silenzio dopo, saluta Berenice, chiedendole di fissare un appuntamento con le suddette donne.

Altre storie erotiche  La zia cattiva mi seduce durante il viaggio

I capi di Berenice l’hanno sostenuta nei suoi sforzi per aiutare il cliente e l’hanno liberata per accompagnare Alberto in qualsiasi problema potesse risolvere. Ottenne facilmente un’intervista con Jessica, nella camera d’albergo di Alberto. Berenice arrivò per prima vestita con una gonna che le copriva le ginocchia e una camicia elegante, fu accolta da Alberto che, più calmo, la guardò da capo a piedi. Il cliente era vestito in modo impeccabile come prima, il che diceva a Berenice che l’eleganza era una caratteristica permanente. Quando Jessica non è arrivata, Berenice ha spiegato il processo notando lo sforzo negli occhi di Alberto di mostrare più cosce di quanto consentito dalla sua gonna lunga. Per un attimo si pentì di non averne scelto uno più corto anche se il suo lavoro non glielo permetteva.

– È ancora presto per arrivare la giornalista, come si chiama ancora?

– Sono Jessica, signore.

-Est! Ma per favore chiamami Alberto.

-Va bene.

-E l’ingegnere, sei riuscito a fissare una visita con lei?

– Sì, Alberto. Oggi ho chiamato l’ingegner Renata e domani potrà visionare l’immobile con voi.

-Vieni, vero?

– Chiaro! I miei capi mi hanno chiesto di essere a loro disposizione.

– Stai facendo un ottimo lavoro. Congratulazioni!

-Grazie! Ma sto solo facendo il mio lavoro. Sono professionisti che ho conosciuto, approvo il loro lavoro.

-Quell’altro di cui mi hai parlato, conosci anche tu il suo lavoro?

L’espressione ferma di Alberto si trasforma gradualmente in un sorriso un po’ malizioso. Bernice non si aspettava che prendesse sul serio quel suggerimento. Era sicuro che l’avrebbe dimenticato. Ora non sapeva che risposta dare.

Abbiamo clienti in comune. – rispose Bérénice tardando a rispondere, accusando che la sua risposta nascondeva più di quanto riportava.

-Hai già prenotato con lei per me?

– Ahh no, ma posso chiedere il suo contatto con il nostro cliente e te lo passerò.

-No, voglio che tu lo risolva. Mandami le sue foto per vedere e vedere quanto si fa pagare – disse Alberto in tono imperativo.

Berenice accettò senza discutere. Era difficile reagire a questa voce profonda con un’intonazione così imperiosa. Inoltre, tutto ciò che imponeva stava iniziando a diventare appiccicoso. Il telefono di Alberto squilla e lui si alza per rispondere. Cammina per la stanza parlando con fermezza, apparentemente discutendo con i suoi avvocati. donna, ma questa volta senza urlare. Bernice guardò quest’uomo andare e venire e le sollevò un po’ la gonna, esponendo un po’ di più le sue cosce. Appena terminata la telefonata e Alberto si è seduto, si è accorto che questa donna era più esposta, anche senza capirne il motivo. Prima che potessero riprendere la conversazione, arrivò Jessica. Indossava pantaloni bianchi, aderenti al corpo, che mostravano il suo grosso sedere, e una camicetta gialla. Il vestito contrastava bene con la sua pelle nera. I suoi capelli corti completavano l’aspetto del suo bel viso dalle labbra. abbastanza denso.

Jessica tirò fuori un piccolo registratore e iniziò l’intervista. Ha chiesto informazioni sulla traiettoria di Alberto imprenditore, cercando di conoscere le principali difficoltà e gli ostacoli di un uomo che è diventato un grande imprenditore senza essere nato in una famiglia benestante. Attraverso le storie di Alberto Jessica e Berenice si sono ritrovate affascinate dalla storia di quest’uomo. La giornalista aveva raccolto molto materiale per arricchire la sua storia. Presto iniziò a chiedere informazioni su Bairro Velho e sui motivi per cui aveva investito in questo posto. Alberto ha parlato con calma di tutto il potenziale che vedeva in questo quartiere, e quel tono di voce profondo che parlava senza cambiare tono ha lasciato Jessica ipnotizzata. La stessa Berenice era stupita nel vedere quest’uomo così attraente a differenza del giorno prima e il modo in cui il sorriso sul volto del giornalista era naturale. Jessica ha chiesto della sua nuova attività. Alberto non ha usato mezzi termini e ha raccontato tutto quello che poteva sul suo nuovo ristorante nella speranza che tutti i lettori volessero visitarlo.

Jessica era eccitata ma ancora una giornalista curiosa e ha chiesto della loro separazione. Il tono pacato di Alberto cambiò man mano che manifestava tutta la sua indignazione per il dover essere solo nella vita e negli affari.

– Quella maledetta stronza! Vado a scopare questa cagna!

Alberto maledice la moglie davanti allo sguardo attonito di Jessica. Berenice li guardava sorridendo, poiché si era già abituata alla maleducazione e alla scortesia del cliente. Per quanto sorprendente fosse questo comportamento, Jessica non si è lasciata intimidire e ha fatto sempre più domande sul matrimonio e sulla società, il che ha reso Alberto sempre più nervoso. Berenice iniziò a notare che Jessica si divertiva a sentire quest’uomo chiamare sua moglie con tutti i peggiori nomi possibili. Euforico, Alberto non se ne accorse, ma Berenice sentì un leggero morso sulle labbra di Jessica mentre guardava quest’uomo perdere la testa quando gli veniva chiesto se dipendeva dalla moglie negli affari. Berenice finse di aver ricevuto un messaggio sul cellulare e uscì dalla stanza per andare in bagno, lasciandoli soli per un po’. Jessica scoprì di non avere più niente da chiedere.

Altre storie erotiche  deliziosa luna di miele

– Stai pensando di trasferirti nel nostro quartiere?

– Come vedi, la questione della separazione mi stressa molto. Non ho ancora pensato a queste piccole cose. Ma è una possibilità.

– Ora che sei separato, hai in mente un nuovo partner? Che tipo di donne ti piacciono?

Alberto si sentì provocato. Questa donna, bella com’era, faceva domande sempre più scomode sul suo matrimonio fallito, su sua moglie, su tutte le cose che lo facevano impazzire. E ancora peggio, lo ha fatto con quel bel sorriso stampato in faccia che faceva sembrare che non avesse idea di quanto fosse stressante per lui.

-Mi piacciono i cani.

-Che cosa?

-Mi piacciono i cani. Di piranha. Mi piace una donna a cui piace scopare, a cui piace cadere con la bocca sul mio cazzo e deglutire più che può. Voglio una donna a cui piaccia essere picchiata, a cui piaccia piangere e farsi riempire il culo chiedendo di più.

Alberto non ha detto tutte queste urla, come al solito. Ha pronunciato questa frase esplosiva con un tono calmo, rendendo la sua voce ancora più profonda man mano che si avvicinava a Jessica. Il giornalista lo ha guardato negli occhi, paralizzato da quella voce e da questo discorso senza nemmeno accorgersi di quando questa mano gli è salita alla coscia. Aveva le gambe spesse, ma quella grossa mano poteva ancora afferrarla abbastanza forte.

– Sei il cane che sto cercando?

Jessica annuì e lo baciò. Jessica piagnucolò lamentosamente mentre lui le afferrava i capelli, tirandola più vicina. Sentì quest’uomo succhiare le sue labbra carnose come se le stesse divorando. Il giornalista si sciolse, divorato da lui, Alberto le tirò di nuovo i capelli, facendola mettere a quattro zampe.

– Che coda hai?

Alberto lisciò il sedere di Jessica, lo strinse, fece scivolare la mano tra le sue natiche fino a raggiungere la sua figa.

– Vieni qui, succhiami il cazzo.

Alberto ha tirato Jessica per i capelli finché la sua faccia non è stata accanto al suo cazzo duro nei pantaloni. Si slacciò la cintura, l’aprì e si calò i pantaloni. Sembrava che il cazzo volesse esplodere da dentro i suoi pantaloni. Jessica glielo ha strappato via in preda alla disperazione e ha afferrato quel cazzo. Jessica iniziò a gemere mentre si dondolava avanti e indietro con il suo cazzo in bocca. Si erano dimenticati di Berenice, che si era intrufolata e li stava spiando entrambi. Quando l’hanno notata, si è affrettata a salire i gradini della porta per uscire, ma Alberto non glielo ha permesso.

– Tu guarderai. – disse Alberto, che trattenne la testa di Jessica impedendole di allontanare la bocca dal suo cazzo.

Alberto staccò la bocca di Jessica dal suo sesso, ma la teneva ancora per i capelli. Berenice rimase colpita dalle dimensioni. Le sbatté il bastone in faccia mentre la afferrava per i capelli. Sentì lo spessore di quel cazzo viscido schiantarsi contro il suo viso mentre guardava l’uomo che incombeva su di lei.

– È questo che vuoi? chiese Alberto, infilando appena la punta del suo cazzo nella bocca di Jessica.

La giornalista annuì, senza staccare la testa dal cazzo che aveva in bocca.

“Ti dispiace che ti stia guardando succhiare il mio cazzo?”

Come prima, scosse la testa con la testa del gallo in bocca.

– Ti piace che ti guardi?

Jessica annuì.

Alberto sorrise discretamente e guardò Berenice. Era immobile, lottando per mantenere la sua posa. Guardò il modo in cui le labbra carnose di Jessica si avvolgevano attorno a quel grosso cazzo e desiderò di essere lì in ginocchio a succhiare il cazzo con la sua amica. O almeno infilati nelle sue mutandine già appiccicose per masturbarti. Ma dovevo mantenere la mia posizione. Berenice mantenne uno sguardo serio, smentendo l’espressione maliziosa di Alberto, divertito dalla situazione che aveva creato con le due donne.

– Togligli i pantaloni!

La voce di Alberto fece uscire Berenice dalla sua trance. Era già in questo gioco, la cosa migliore da fare era non rivelare troppo e apparire il più professionale possibile anche solo per parteciparvi. Andò a letto e si sedette sul bordo e cercò di slacciare i bottoni dei pantaloni di Jessica. Fare questo con una donna a quattro zampe che prendeva un cazzo in faccia non era un’impresa da poco.

– Sbrigati, dannazione!

Alberto rifletteva l’impazienza nel suo tono. Bernice ha alzato la gonna per una maggiore mobilità, esponendo le sue cosce spesse. Si fermò dietro Jessica, come se la spingesse. Jessica gemeva quando sentiva il corpo di Berenice premere contro il suo e il sorriso di Alberto si faceva sempre meno discreto. Sentendo il sedere di Jessica premuto contro il suo fianco, Bernice riuscì finalmente a sbottonarsi i pantaloni. L’indumento stretto era difficile da togliere con quel grosso sedere, ma con uno sforzo se lo tolse. Berenice si sforzò di non seppellire il viso in quel culo caldo, nonostante il pizzicore di più di Jessica, come se si offrisse a lei. Bernice tirò le mutandine appiccicose di Jessica, facendo scivolare la mano lungo il fondo il più possibile, ma si trattenne. Jessica ha mosso i fianchi e le gambe in modo che i vestiti si sfilassero senza togliergli il cazzo dalla bocca.

Altre storie erotiche  Mamando o coroa casado no carro Parte 1

– Il! I miei capelli! Jessica urlò mentre era costretta a voltarsi.

Alberto appoggiò il suo corpo a quello di Jessica e fece scivolare la testa del suo cazzo tra le labbra della sua figa, senza penetrarla.

-Huuummm, che delizioso. Mettilo su! – disse Jessica rotolando sopra la testa del cazzo di Alberto.

-Ti mangerò solo quando voglio. – rispose Alberto prima di dare una pacca sul sedere a Jessica.

-Aaaaaaaaaah! il mio culo!

Alberto ha schiaffeggiato di nuovo Jessica.

– Oh, fa male!

Jessica si è lamentata, ma Alberto l’ha afferrata più forte per i capelli e l’ha schiaffeggiata più volte. Berenice osservava intensamente le espressioni di dolore di Jessica mentre veniva schiaffeggiata, la giornalista, umiliata a quattro zampe mentre veniva sculacciata davanti all’amica, sentiva aumentare la sensazione di bruciore alle natiche man mano che veniva sculacciata di più. La sensazione di dolore, momentaneamente, ha lasciato il posto alla sensazione del riempimento della sua figa. Alberto le cavalcò praticamente sopra, spingendo forte quel grosso cazzo, costringendo Jessica ad aggrapparsi al letto come meglio poteva per non essere scaraventata in avanti con le spinte decise che stava ricevendo. Alberto la spingeva, la sculacciava e la prendeva per i capelli. Jessica si limitò a gemere.

– Vieni qui!

Berenice salì sul letto accanto ad Alberto.

– Aprigli il culo.

Berenice teneva aperto il sedere di Jessica, esponendola dietro.

– Che cosa hai intenzione di fare? – chiese Jessica voltandosi.

– Sputa qui. – Alberto ordinò Berenice.

– Non farlo ! il tuo cazzo è molto schifoso!

Bernice non poteva nemmeno metterlo in dubbio. Ha fatto cadere dello sputo sul sedere di Jessica in modo che gocciolasse fino alle pieghe del suo sedere. Alberto ha spinto un po’ la coda.

– Oh, Alberto, fa male!

Alberto ha spinto ancora un po’.

– Fottuto Alberto, apri tu la porta.

Alberto era già scivolato più della metà.

– Huuummm mi spezza ovunque.

Il cazzo di Alberto era tutto dentro il culo di Jessica. Berenice osservò con stupore per quanto tempo fosse riuscita a resistere. Alberto cominciò ad andare e venire. Jessica girò la testa, guardando l’uomo che l’aveva mangiata e l’amica che l’aveva appena guardata, inginocchiata sul letto. Berenice la guardò in viso, vedendo i suoi occhi inumidirsi un po’ mentre si mordeva il labbro. Le sue cosce, parzialmente scoperte dalla gonna pendente, si sfregavano l’una contro l’altra il più discretamente possibile. Non c’era quasi nessun attrito tra le due cosce, quindi era bagnata. Ha lottato per non mettere la mano tra le proprie gambe.

Jessica gemette disperatamente mentre si scaldava tutto quel cazzo che le era stato spinto violentemente su per il culo.

– E’ quello che volevi, puttana? – chiese Alberto dandogli un altro ceffone.

– Sì! Fottimi il culo! Mi spezza ovunque.

Alberto punisce il cazzo di Jessica, che geme maliziosamente, come se stesse piangendo. Questa pressione costante sul suo sedere ha fatto urlare il giornalista. Bérénice, che sembrava immobile, o quasi, pensò fosse un grido di dolore, ma poi vide che alla donna era piaciuto molto farsi prendere il cazzo in culo. Alberto se ne accorse e accelerò ancora di più finché il suo cazzo non esplose in getti di sperma dentro Jessica. Berenice sembrò scioccata dall’ululato che l’uomo lanciò mentre si avvicinava. Sicuramente l’intero piano di questo hotel ha sentito quest’uomo venire come se non si scopasse qualcuno da molto tempo.

Jessica rimase sdraiata sul letto per un po’, recuperando le sue energie. Bernice rimase con lei, accarezzandole il viso, frustrata perché non era venuta come le altre due. Lo stesso Alberto ansimava, ma la sua espressione era molto più leggera di prima. Si alzò e andò in bagno mentre Jessica si vestiva. Quando Alberto è tornato, Jessica era già vestita e pronta per partire. La giornalista ha portato via dall’intervista molto più di un buon articolo per il suo giornale.

??

Buon giorno!

Dopo alcuni anni di lettura di testi da e per altri siti, mi sono avventurato a scrivere. È stato un esercizio creativo interessante (ed entusiasmante) in cui scrivo ed “esprimo” le idee che ho quotidianamente. Le idee si sono dimostrate inesauribili e si rinnovano sempre, il che mi permette di scrivere di più. Anche il feedback che ricevo qui è incoraggiante e mi aiuta a capire i piccoli dettagli che ti piacciono o non ti piacciono. Ti invito, visto che hai dedicato qualche minuto alla lettura del mio testo, ad utilizzare un po’ più del tuo tempo per commentare. Sarei molto grato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *