Presentazioni – Parte 3-4

di | 12 de Dicembre, 2022

Old Quarter Chronicles 52 – Introduzioni – Parte 3-4

Dopo le percosse ricevute da Berenice e Renata, Alberto ha avuto sentimenti contrastanti. Era stanco, rimase a lungo nudo, sdraiato su questo pavimento sporco anche dopo la partenza delle due donne. Era un uomo che si prendeva sempre cura di sé fisicamente, ma questa era la prima volta che veniva spinto al limite e sentiva di essere troppo vecchio per certe cose. Allo stesso tempo, non era mai stato con due donne così piene di fuoco e calde come loro. Alberto era divorato da due donne ea loro non bastava tutta la sua virilità. Aveva cominciato a chiedersi se fosse una buona idea prenotare con la prostituta che Bernice gli aveva consigliato. Alla fine, ha rifiutato di “scappare dalle donne”. Non smetteva di provare questa deliziosa rossa nelle foto e non si godeva Berenice ancora una volta. Aveva solo bisogno di farlo a modo suo. Esattamente quello che pensava mentre raccoglieva i vestiti dal pavimento.

Bérénice era felice di lasciare finalmente andare Alberto. Era stato così forte e intenso che l’uomo quasi non se ne era accorto. Berenice rimase colpita dall’ardore di Renata e dal modo in cui aveva assorbito l’impulso di quell’uomo maleducato. Alla fine, era improbabile che dicesse ai suoi capi che il suo dipendente e un’altra donna avevano finito per fare sesso con lui. l’ego maschile è diventato il suo alleato contro tutte le chiacchiere aziendali. Dopo l’orgia nel vecchio ristorante, salutò Renata e tornò in ufficio dove riprese il lavoro. Successivamente, ha ricevuto un messaggio da Alberto che gli chiedeva di fissare un appuntamento con la prostituta nelle foto: Sara. Berenice rise, poi notò che il messaggio non faceva menzione della piccola orgia che aveva avuto luogo prima. Ha eseguito gli ordini e ha organizzato un incontro con Sara. Alberto ha chiesto la sua presenza. Berenice accettò di andare, immaginando che sarebbe rimasta sola a guardare ancora una volta.

Sorpresa dai messaggi di Bérénice, Sara prende un altro appuntamento. Non avrebbe mai immaginato che essere scoperta da un’altra donna mentre lavorava le avrebbe fatto ottenere nuovi lavori redditizi. Si chiese se Bernice sarebbe stato presente e avrebbe ripetuto l’insolita associazione che aveva avuto luogo l’ultima volta.

Poco prima dell’orario stabilito con Sara, Berenice si presenta nella camera d’albergo di Alberto. Questa volta si è vestita in modo più discreto con il suo abito caratteristico. I due si sedettero sul divano, aspettando l’arrivo di Sara.

-Dopo ieri ho avuto l’impressione che non mi avessi raccontato tutto di come hai conosciuto questa Sara. Mi racconti la storia di voi due?

Bernice rise.

– Infatti ho beccato Rodrigo a cercare prostitute su Internet e poi l’ho aiutato a scegliere.

Alberto rise.

– Quindi hai solo aiutato a scegliere?

– Est!

Alberto guardò Berenice con un’espressione di disapprovazione.

– Va bene. Pochi giorni dopo, ho finito per beccarli entrambi insieme.

– E poi ti hanno mangiato?

-Sì.

Berenice cercò di restare seria, nonostante l’argomento. Dopo quello che era successo il giorno prima, era inutile che nascondesse le sue avventure, ma aveva paura che questo tipo di storia tornasse agli altri due partner.

– Dev’essere bello lavorare lì, con te.

– Non lo facciamo al lavoro. Era l’eccezione.

– Se dici… Capisci perché sei qui?

-Sì, ma da ieri è dimostrato che non si sopportano due piranha addosso.

Bérénice lo dice con un sorriso. Alberto sospirò a questa provocazione. Odiava essere messo in una posizione inferiore. Ma era vero che non si era preoccupato. Poteva impazzire per un commento del genere, ma aveva in mente qualcosa per Bernice.

-In piedi.

La voce roca riprese la sua intonazione imperativa e Bérénice si alzò in fretta come per riflesso.

– Togliti i vestiti.

Bérénice non si oppose, soprattutto perché era già stata nuda davanti a lui prima. Ma continuavo a non capire le sue intenzioni. Sospettoso, si tolse la giacca, si sbottonò tutta la camicia e se la tolse. Si è anche tolta i pantaloni, lasciando solo le mutandine e il reggiseno.

– Rimuovi tutto.

Questa voce potente fece immediatamente reagire Berenice togliendosi reggiseno e mutandine, rimanendo completamente nuda. Mantenne la sua espressione dritta, trattenendo il sorriso malizioso che voleva fare.

Alberto ha ammirato Bérénice per molto tempo. I suoi seni erano medi così come i suoi fianchi, le sue cosce erano belle ma non troppo spesse. Aveva bei lineamenti, desiderabili anche se poco attraenti a prima vista, e un bel viso. Alberto le disse di girarsi, le strinse il sedere, sentendo la rigidità di quella carne. Le ha lisciato le gambe e il culo.

Altre storie erotiche  Fiery Sposato sull'altalena

-Ottimo. Ora voglio che tu metta questo qui.

Alberto porse una scatola a Berenice, che l’aprì guardandone sorpresa il contenuto.

-Sei sicuro che sia tutto, non manca niente.

-Sì. Usalo ora.

Berenice tirò fuori dalla scatola un reggicalze e un paio di calze nere. Si sedette sul divano e si infilò con cura le calze, poi si allacciò la fusciacca. Era strano che non ci fosse un set completo, con più parti.

– Sei sicuro che non ci sia nient’altro?

– Veramente c’è quello qui.

Berenice prese dalle mani di Alberto un oggetto nero, con la fibbia, ma troppo corto per essere portato in vita. Quando guardò più da vicino e notò la parola ricamata “ALBERTO”, la sua espressione seria si sciolse. Bérénice fece un sorriso malizioso e si morse il labbro, guardando l’uomo che torreggiava su di lei. Si è avvolta questa collana intorno al collo. Io ero pronto.

-Adesso sei il mio cucciolo. Mettiti al lavoro e succhiami il cazzo mentre lei non viene.

Berenice si morse il labbro, si inginocchiò davanti ad Alberto e gli sbottonò i pantaloni, gli tirò fuori il cazzo dalle mutande e se lo mise lentamente in bocca. La sua testa ondeggiava su e giù lentamente mentre ruotava la bocca attorno a quel cazzo. Lo spessore di questo cazzo le faceva dilatare le labbra. Attraverso la sua bocca poteva vedere il sollievo di quel cazzo duro mentre lo succhiava. Potevo sentire la forma della sua testa e le grosse vene. Berenice ha succhiato devotamente quel cazzo. A volte se lo toglieva dalla bocca e faceva scorrere la lingua per tutta la sua lunghezza mantenendo il contatto visivo con Alberto. Berenice ha continuato a succhiare quel cazzo finché non hanno bussato alla porta della camera da letto.

– Dev’essere l’altra stronza. Portami qui e vai a rispondere.

Con difficoltà, Berenice infilò il cazzo di Alberto nelle mutande e gli allacciò la cerniera dei pantaloni. Ha appena camminato in calze e cintura fino alla porta. Lo aprì e vide Sara, che spalancò gli occhi per essere stata così accolta.

-La nostra Bernice! iniziato senza di me?

-No, amore mio. Sei arrivato in orario. Fra.

Sara entrò e Alberto sorrise ampiamente quando vide entrare il rosso. Il suo corpo sinuoso e le sue curve generose gli erano già familiari dalle foto, ma non aveva immaginato che avesse un viso così bello. Indossava un abito corto che le metteva in mostra le cosce, abbracciando tutte le sue curve. Alberto ne fu felicissimo e chiamò Sara a sedersi sul divano con lui.

La rossa si rese conto che il cliente aveva fretta e, a giudicare dai vestiti di Berenice, capì perché. Sapendo che Berenice era lì, si sentì più a suo agio e si sedette sulle sue ginocchia, sentendo il suo cazzo duro sotto il culo. Le diede un tenero bacio sulla bocca mentre lei sentiva mani salde muoversi sul suo corpo.

– Dimmi qualcosa. Perché lei è così?

– Perché oggi è il nostro cucciolo.

Sara abbozzò un sorriso sul viso mentre guardava Berenice, che era in piedi accanto a loro due. Guardò la rossa.

– Uh, farà quello che dico?

-Certo!

Vieni qui piccola puttana!

Bernice iniziò a camminare verso i due, ma Sara la fermò.

– Non in quel modo! Come un cucciolo!

Bernice fece un ghigno di finta indignazione sul viso. prima dell’abuso di Sara e si mise a quattro zampe. Continuò a gattonare e si arrampicò sul divano, rimanendo vicino a entrambi.

– Baciami bene, puttanella.

A quattro zampe sul divano, Berenice baciò a lungo Sara. Con gli occhi chiusi, sentì le labbra morbide e la lingua della rossa invaderle la bocca. Non sarebbe passato molto tempo prima che un’altra lingua si insinuasse tra le altre due. Alberto non guardò molto e iniziò un triplo bacio.

– Puttanella, facci vedere il tuo bel culo.

Berenice si voltò, sempre a quattro zampe, sul divano, dando le spalle alla coppia. Il culo era scoperto, non c’erano mutandine. Solo le calze che coprono gambe e vita.

Altre storie erotiche  La puttana sposata - Racconti erotici

-Adoro il suo culo.

-Anche io.

Berenice ascoltava questi complimenti mentre sentiva delle mani stringerle e lisciarle le natiche. Si morse il labbro mentre le accarezzava il corpo.

– Guarda qua, com’è bagnato.

– Huuuuummmmmmm – gemette Berenice mentre sentiva la mano delicata di Sara scivolare nella sua figa. Poco dopo, la mano ruvida di Alberto era imbrattata di miele. Il suo corpo si contorse sotto l’intimo contatto.

– Mi dicono che hai un debole. Lo sapevate?

– Penso di sapere cos’è.

Berenice sentì un paio di mani delicate serrarle e aprirle il sedere, il respiro successivo e il tocco di una lingua tra le sue pieghe.

– Aaaaaaaaah che delizioso, Sara!

– È saporito? – disse Sara tirando fuori la faccia dal culo di Berenice.

– Tanto! Continua a succhiare il culo al tuo cane!

Sara continuava a strofinare la lingua sul culo di Berenice con desiderio. Ha lottato per far scivolare l’intera lunghezza della sua lingua nel fondo della sua piccola cagna.

– Sara, carina. Sono la tua puttanella, puttanella. Mi piace che mi succhi il culo.

Alberto aveva Sara in ginocchio a succhiare il culo a Berenice, che si rivelò essere una vera puttana. Vide la rossa divertirsi a dare piacere al suo cagnolino. In quel momento, ha pensato che fosse giunto il momento di aggiornare questo gioco e ha sorpreso Sara offrendole un oggetto.

– Huuummm questo gelato…. Ui… Che spessore… Merda Sara… Mi apri tutto il culo… Accidenti, il mio culo!!!! – urlò Bérénice quando sentì qualcosa spalancarsi nel culo.

Sara aveva messo un grosso tappo anale nel culo di Berenice. Berenice fu sorpresa, ma alla fine sollevò il sedere più in alto e lo spinse indietro per poter entrare velocemente.

-E’ stato bellissimo, puttanella. Vai a vedere allo specchio com’è andata.

Berenice corse giù dal divano allo specchio nell’armadio. Stava con le spalle allo specchio, tendendo il sedere e guardando indietro, cercando di vedere il pezzo che era dentro di lei.

-Maledetta Sara, hai rotto tutto… Buonissimo.

Sara e Alberto si stavano baciando. Il vestito della rossa era già lungo fino alla vita, esponendo le mutandine rosse inghiottite dal suo culo pieno.

– Piccola puttana, vieni qui!

Bernice si trascinò sul divano.

– Aiutami a togliermi i vestiti.

Bernice si alzò, aprì la parte posteriore del vestito e lo tirò giù, lasciando Sara con solo le mutandine. Si inginocchiò dietro di lei e le tirò le mutandine sul pavimento. Con la vista del corpo lussurioso di Sara così vicino, non si limitò a seguire ciò che le veniva chiesto.

– Aaaiiiiiii cagna, che bontà.

Sara allargò le gambe e sollevò di più il sedere per sentire meglio la lingua di Berenice nel culo.

-Amore, la puttana mi succhia il culo. È così buona. – disse maliziosamente Sara, fondendosi con la lingua di Berenice che le stava esplorando il sedere.

Alberto rimase ipnotizzato, vedendo Berenice inginocchiata dietro Sara e questa meravigliosa rossa che faceva le più svariate espressioni di piacere molto vicino al suo viso mentre cercava di sbottonarsi i pantaloni. Quando finalmente tira fuori quel grosso cazzo, si arrampica sopra Alberto, facendo scivolare quel cazzo nella sua figa. Berenice rimane in ginocchio con la mano sulla figa, masturbandosi mentre Sara scuote il culo di Alberto

– Che bel cazzo, amore mio… Mi stringe… Mi stringe… Mi stringe il culo.

Alberto amava stringere il corpo di Sara mentre la sentiva gemere all’orecchio.

– Che amore delizioso. Calciami il culo, calcialo.

alberto obbedisce

– Sì, delizioso. Colpisci di più!

Alberto ha colpito di più. Più colpiva, più Sara si contorceva. Questa donna era pura erezione. Tutto in lei era eccitante. Il bel viso, la voce, il corpo, il modo di stuzzicare, di dimenarsi. La rossa sapeva come accontentare un uomo. Alberto si sentiva in paradiso e non era più preoccupato di dominare questa rossa, semplicemente rinunciava a farle fare quello che voleva. Dopo un attimo di rotolamento, Sara scese da Alberto e si mise carponi a terra.

– Vieni amore mio ! Mangiami il culo!! Il cane l’ha persino leccato per te.

Altre storie erotiche  Magia 14 - Fine

Alberto abbozzò un sorriso che non corrispondeva al suo viso. Voleva disperatamente mettersi alle spalle di Sara e infilarle tutto quel cazzo nel culo. Sara gemette maliziosamente e sorrise mentre si girava e mandava un bacio ad Alberto, che si eccitò di più e iniziò a scopare.

– Tesoro, mi mangi così bene il culo. – disse Sara sentendo maliziosamente che Alberto le era stato inchiodato forte nel culo. – Colpiscimi il culo mentre mi mangi il culo, colpisci!

Alberto non riusciva a credere a quello che stava accadendo, tutta questa sottomissione lo stava facendo impazzire. Colpì il sedere di Sara, facendola arrossire. Il modo in cui lo prendeva in giro lo stava facendo impazzire, proprio come piaceva a Sara.

Ti divertirai, amore mio?

– Ci sono quasi.

– Allora aspetta! Piccola volpe, vieni qui!

Berenice, che stava solo a guardare mentre si masturbava, fu sorpresa dal richiamo e cominciò a strisciare velocemente accanto a Sara, che le stava estraendo il cazzo dal culo. La rossa le diede un lungo bacio sulla bocca e la mise a quattro zampe, al suo posto.

– Lascia che te lo tolga dal culo, puttana.

Sara ha staccato la spina dentro Bernice. Chi gemette ad alta voce.

-Va tutto bene, piccola puttana. Ti sentirai un bel cazzo nel culo adesso. – disse Sara prima di baciare Berenice sulla bocca mentre il cazzo di Alberto le penetrava il culo.

– Andiamo amore mio, mangia il culo del nostro cane.

Alberto sentì il culo di Berenice stringergli il cazzo mentre lei gemeva a quattro zampe. Sara afferrò il culo di Bernice, allargandolo ancora di più.

– Questo amore mette persino lo sperma nel culo della cagna, cosa che le piace.

Alberto non ha resistito a lungo a queste provocazioni ed è esploso di sperma nel culo di Bérénice. Si appoggiò al culo della donna che era a quattro zampe e ruggì mentre il suo corpo tremava e il suo cazzo gocciolava senza sosta. Sara ha tolto il cazzo di Alberto dal culo di Berenice, l’ha leccato dappertutto eliminando ogni traccia di sperma, ha leccato lo sperma nelle pieghe di Berenice e gli ha rimesso il tappo nel culo per poi accarezzare il culo che è venuto a punire.

– Mentre il mio amore riposa, lascia che mi prenda cura di te, piccola puttana.

Sara ha adagiato Berenice sul pavimento, ha allineato la sua figa con il suo viso e ha iniziato a succhiarle la figa, facendo un 69. La rossa le ha leccato la figa dolcemente, facendola dimenare in bocca. Bernice stava anche succhiando la figa di Sara, stringendole il culo. Le due donne gemettero intensamente mentre si esploravano a vicenda le fiche con la lingua.

– Puttanella, infilami il dito nel culo, infilamelo!

Berenice obbedì, mettendo un dito nel sedere di Sara, che rabbrividì e cominciò a rotolarsi sul dito e sulla lingua. I due si strinsero, si sfregarono, mangiarono finché non furono insieme, stringendosi le gambe l’un l’altro mentre i loro corpi si contorcevano in un intenso orgasmo. Alberto, concluse, sembrava impressionato da queste due donne che facevano l’amore. Anche Sara e Bérénice si sono stancate e hanno passato il tempo ad accarezzarsi le cosce, baciarsi e abbracciarsi senza lasciare la posizione del 69. Alberto, quando è riuscito ad alzarsi, ha aiutato anche loro ad alzarsi. prossimo terzetto.

??

Buon giorno!

Dopo alcuni anni di lettura di testi da e per altri siti, mi sono avventurato a scrivere. È stato un esercizio creativo interessante (ed entusiasmante) in cui scrivo ed “esprimo” le idee che ho quotidianamente. Le idee si sono dimostrate inesauribili e continuano a rinnovarsi, permettendomi di scrivere ancora. Anche il feedback che ricevo qui è incoraggiante e mi aiuta a capire i piccoli dettagli che ti piacciono o non ti piacciono. Ti invito, visto che hai dedicato qualche minuto alla lettura del mio testo, ad utilizzare un po’ più del tuo tempo per commentare. Sarei molto grato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *