Punizione per il pervertito 3

di | 10 de Dicembre, 2022

Il giorno è spuntato, speravo di essere rilasciato e uscire da questo posto. Eccomi lì, in un bagno buio, sdraiato a pancia in giù con le mani giunte e ammanettato ai miei piedi ugualmente legati e ammanettati nella famosa posa incaprettata. Una delle cose che rendeva questa posizione assurdamente scomoda era la catena usata per attaccare le due manette, era lunga solo 10 cm e piegata a metà per attaccare le due manette per fissare il lucchetto, era lunga solo 5 cm. Le mie braccia erano tese oltre il limite, il dolore era insopportabile e così com’era, non era possibile muoverle di un centimetro, non ce la facevo più. Un altro disagio erano le mutande che indossavo, erano estremamente piccole, strette e infantili, di colore bianco e stampate con orsacchiotti, del tutto inadatte da indossare per un adulto a meno che, ovviamente, quell’adulto non fosse un completo pervertito come me. . Ma la peggior vigliaccheria è stata il bavaglio in bocca e le mutandine sul naso, che ho ricevuto con il pretesto di essere umiliato oltre il necessario. La palla di gomma del bavaglio era grande, mi riempiva completamente la bocca e per finire era molto stretta, mi toccava praticamente la gola, era impossibile per me respirare attraverso la bocca e potevo respirare solo attraverso il naso. Tuttavia, sulla mia faccia c’era un paio di tanga rosa con la parte inferiore completamente inzuppata di sperma femminile. Il problema con questo era che il sedere fradicio era stato tirato di proposito sul mio naso, con i lati delle mutandine infilati dietro l’orecchio, quindi l’ossigeno che entrava nelle mie narici (l’unico modo per respirare in quel momento) era accompagnato da un odore intenso . di seme femminile. Togliermelo dal viso per migliorare un po’ la mia situazione non è stata una buona idea, ero sotto la minaccia di dover stare tutto il giorno in quella posizione scomoda, nel caso la biancheria intima non fosse esattamente nella posizione in cui era stata messa. . .

Finalmente Bianca appare in bagno, il viso riposato come se avesse dormito bene la notte. Guardando nella mia direzione, dice:

-Devo farmi una doccia e tu stai interferendo. Esci di qui, sono in ritardo.

Poteva essere solo uno scherzo, ero super intrappolato e non potevo muovermi, era ovvio che prima dovevo essere liberato. L’ho guardata e ho provato a dire “non posso” ma le mie parole sono state completamente soffocate dal bavaglio. Poi mi si avvicina, si china, mi guarda negli occhi con aria seria e dice:

– Esci di lì adesso, figlio di puttana. Altrimenti ti calpesterò la faccia, mi farò una doccia e ti lascerò bloccato sotto quella doccia per il resto della giornata.

Era chiaro che da lei poteva aspettarsi solo il peggio. Ogni volta che si presentava davanti a me, avevo il timore che stesse per succedere qualcosa di assurdo. Una persona lucida e coscienziosa non potrebbe mai mettere alla prova la pazienza di una donna simile. E nonostante tutta la fatica e il dolore alle braccia, mi sono trascinato via dalla doccia perché sapevo che Bianca era perfettamente in grado di tenermi intrappolato lì dentro tutto il giorno. Riuscii a raggiungere il pavimento davanti al gabinetto e gli lasciai tutto lo spazio di cui aveva bisogno per la sua doccia. Poi si porta una mano alla bocca per cercare di trattenere le risate, ma non ci riesce. Mi si avvicina, mi mostra delle chiavi e mi dice:

“Lascia che ti rilassi un po’, babbano.” Avrei potuto lasciarti andare sotto la doccia, ma non avrei perso l’occasione di vederti strisciare sul pavimento come un verme spaventato da me lol.

Che stronza! Tutto quel lavoro per uscire da quell’angolo del bagno, solo per farla ridere e divertirsi a scapito della mia sofferenza. Ma lei sgancia il lucchetto dalla catena e mi toglie le manette dai piedi, lasciando solo le manette che mi stringono le mani. Sempre a terra, mi sono allungato e ho mosso bene le gambe, come una forma di sollievo. Bianca si tira su il vestito, si siede sul water e comincia a fare pipì, ovviamente senza le mutandine (che avevo ancora in faccia quando me le ha tolte). Improvvisamente commenta:

-Putz, abbiamo finito la carta igienica. E adesso? Ehm… oh, lo so. Mettiti in ginocchio qui davanti a me, ti tolgo il bavaglio.

Mi sono alzato velocemente da terra, anche se ancora ammanettato con le mani dietro la schiena, e mi sono inginocchiato davanti a lei, non ce la facevo più in bocca. Poi mi toglie le mutandine dalla faccia e toglie il bavaglio. Ho subito mosso la bocca per il sollievo, ma è stato di breve durata. Bianca mi tira i capelli, mi tira la testa verso di lei e dice:

– Ora pulirai questo residuo di urina dalla mia figa con la tua lingua. Dai, puliscilo bene (strofinando la mia bocca sulla tua vagina). E approfitta del fatto che la tua bocca è lì e anche pulita quell’ultima corsa di ieri, sarà facile identificarti visto che hai passato tutta la notte con le mie mutandine in faccia.

All’inizio ero arrabbiato, ha superato tutti i limiti usandomi come carta igienica. Ma non ci sono voluti nemmeno 5 secondi e avevo già un’erezione assurda. Ho leccato e succhiato con la più grande voglia del mondo questa figa sporca di urina e sperma, come se fosse la cosa più meravigliosa del mondo. La perversione era tale che le leccai persino il culetto rosa con la lingua. Mi ha lasciato fare il lavoro per circa 20 secondi e quando si è reso conto che stavo leccando la cosa sbagliata, mi ha rapidamente allontanato la testa. Tirandomi forte i capelli, mi ha dato un bel ceffone in faccia e ha detto:

-Maledetto pervertito, non ti ho detto di leccarmi il culo (mentre parlava mi ha schiaffeggiato più volte). Pagherai a caro prezzo questa ragazza carina.

Mi rimette subito il bavaglio in bocca e le mutandine in faccia con la parte inferiore verso il naso. Sconvolta, si alza dal bagno, va in camera da letto e torna con una collana e una catena. Poi mi mette il collare intorno al collo e mi lega la catena come se stesse per portare a spasso un cane. Aggancia l’altra estremità della catena alla porta del bagno e tira forte, come se volesse impiccarmi. Quando ho raggiunto le dita dei piedi a causa della sua forza di trazione, alla fine si è fermato e ha assicurato la catena all’altalena con un lucchetto. Bianca mi guarda con la faccia seria, mi stringe il cazzo e le palle con la mano e dice:

– Questo è tutto ? Ho un cazzo duro che mi lecca la figa e il culo. Dopo la notte “comoda” che ti ho fatto passare, riesci ancora ad emozionarti? Ma sei molto pervertito. Vado a farmi una doccia e mi preparo, quindi ho delle notizie molto spiacevoli per te.

Merda, non sopporto più di essere punito! Cosa farà questa pazza? Mi è venuto in mente che mi avrebbe lasciato bloccato in bagno tutto il giorno. Feci un respiro profondo e cercai di mantenere la calma, non aveva senso essere ansiosi. Poi Bianca si spoglia con calma, fa una lunga doccia, si asciuga davanti a me, si avvolge la testa in un asciugamano e si lava i denti. Poi va in camera da letto, indossa un perizoma nero a pois bianchi e un reggiseno abbinato, poi indossa un vestito blu con spalline sottili, lungo fino al ginocchio e di tessuto leggerissimo e comodo, che indossa per lavorare. . Entra in bagno, ignara della mia presenza, usa lo specchio per truccarsi, pettinarsi e mettersi il deodorante.

Tutto è pronto per lei per andare a lavorare, ma io cosa farò? Senza dire una parola e senza nemmeno guardarmi, sgancia la catenina della collana che indossavo (che sollievo), mi porta sottobraccio in camera da letto, prende le chiavi, il portafogli e il cellulare. E sempre tenendomi per il braccio, apre la porta e mi conduce fuori dalla stanza. Chiude la porta, mette le chiavi nella borsa, mi guarda serena e dice:

-Ieri l’albergo era vuoto ma oggi è pieno. Ci sono persone che entrano ed escono continuamente dalle stanze, persone che salgono e scendono le scale tutto il tempo. Le poche stanze vuote sono chiuse. Hai mai giocato a nascondino da bambino? Oggi ci giocherai.

Nello stesso secondo i miei occhi si sono spalancati e sono diventato bianco come un foglio di carta. Poteva solo volermi spaventare, non poteva essere seria. Sempre con volto calmo e raccolto, continua:

– Fai attenzione a quello che nessuno ti vede così, al giorno d’oggi tutti hanno una videocamera sul cellulare, hai mai pensato a quanto sarebbe brutto essere registrati? A proposito, sei già filmato, in ogni corridoio di questo hotel c’è una telecamera che registra tutto ciò che controllo con il mio cellulare. Sarà molto facile trovarti, non devi nasconderti da me, sono l’unico che può liberarti. Quindi divertiti mentre vado al lavoro, non tornerò prima che faccia buio. Oh, ancora una cosa: non toglierti quelle mutandine dalla faccia, ok? Mi piace esattamente dov’è, se lo togli vorresti non essere mai nato. Sto arrivando, ciao pervertito!

Mi lascia andare, mi colpisce forte le palle, provocandomi un dolore lancinante, e si dirige verso le scale. Piegato in due dal dolore, provo a corrergli incontro mentre provo a dirgli “no, per favore torna qui” ma è inutile, il bavaglio copre le mie parole. Senza voltarsi indietro, Bianca continua ad allontanarsi, e quando raggiunge le scale, si lascia sfuggire un sorriso che è ovviamente dannoso. della mia sofferenza Scende le scale e se ne va, lasciandomi lì nel corridoio completamente “libero”.

Come stavo? Ero in un corridoio affollato di un hotel intorno alle 8 del mattino, indossando solo un costume da bagno bianco attillato con la stampa di un orsacchiotto che era del tutto inappropriato per un adulto. Inoltre, ero ammanettato dietro la schiena, avevo un collare per cani intorno al collo, un bavaglio in bocca e cinghie rosa proprio al centro della faccia. In altre parole, ero letteralmente fottuto!

Beh, il corridoio non passa sempre gente, ho dovuto affidarmi alla fortuna per arrivare nella mia stanza senza essere visto, forse potevo restare lì. La porta che dava sul terrazzo era chiusa, anche quello che pensava Bianca. Mi sono nascosto sulle scale del terzo piano fino a quando tutto era tranquillo, pregando che nessuno scendesse mentre ero lì. Finalmente non sentii più rumori, era ora di scendere in camera mia. Corsi in punta di piedi guardandomi intorno e spaventato a morte, feci del mio meglio per non farmi vedere finché finalmente non vidi da lontano la mia stanza. Accelero il passo, corro e guardo la maniglia per entrare il più velocemente possibile. Quando arrivo, la porta è chiusa. Così? Ieri sera non ricordo di averlo chiuso. C’era un biglietto scritto a mano attaccato alla porta: “Non è divertente nascondersi qui. Girati e gioca. Culo Bianca”.

Merda! Sono la prova vivente che il detto “niente è così brutto che non può peggiorare” è vero. E così sono stata costretta a passare la giornata nascosta sulle scale ea correre per i corridoi solo in mutande, ammanettata, imbavagliata e con le mutandine sul viso. E bianco? Probabilmente registrando tutto sul suo cellulare attraverso le telecamere del corridoio, senza dubbio ridendo e godendosi la mia umiliazione. Non ho dubbi che questa pazza si stia masturbando davanti a tutto questo.

Riuscii a nascondermi sulle scale dell’ultimo piano, lì il flusso di persone era minore rispetto agli altri piani. La notte è arrivata, ci è voluta un’eternità. All’improvviso sento qualcuno che sale le scale e il tintinnio di una catena. Merda, è meglio che esca di qui. Ma sento una voce:

– Pervertito, dove sei? Insetto! So che ci sei, non devi più nasconderti. Vieni qui.

Ad essere onesti, aveva una grande domanda sul fatto che vedere Bianca fosse un bene o un male. Ma non potevo più nascondermi. Gli andai incontro e, con un sorriso malizioso, mi legò la catena intorno al collo e l’altra estremità al battente della finestra sulle scale, tirando di nuovo la catena fino a quasi soffocare e si alzò in punta di piedi, arrivando finalmente a un Stop. lucchetto e tenere tesa la catena. Si mette di fronte a me, fa una faccia vittoriosa e comincia a parlare.

– Sei spazzatura, ma sono pronto a istruirti. Al giorno d’oggi, l’istruzione è molto costosa e il mio prezzo è troppo alto. Sai tutto quello che stai passando? Quindi il mio prezzo è questo. Cioè, mangi dalla mia mano e sopporti tutti i miei capricci. Pertanto, qui ora ti sto dando due opzioni. Accetta di essere il mio giocattolo e soddisfa la mia perversione che è punirti severamente e umiliarti, dopotutto questo è ciò che meriti di ricevere come mascalzone. Oppure rimarrai bloccato lì finché qualcuno non ti troverà mentre io vado di sopra nella mia stanza e pubblico tutte le tue foto e video imbarazzanti per fare il tuo film e non avrai mai più una vita normale.

A quel punto era chiaro che era nella persona sbagliata, era davvero fottuto. Potevo solo accettare di sottomettermi a questa malsana relazione, o meglio, essendo il suo “giocattolo” a tempo indeterminato, non potevo farne a meno. O ho dedicato la mia vita a dare piacere a questa pazza, o lei mi ha rovinato la vita esponendo tutti i documenti imbarazzanti in suo possesso. Il vero piacere di Bianca era punirmi, e io non avrei rinunciato a quel piacere per niente al mondo. Alla fine ha trovato la sua felicità malata e ora la sua vita ruota intorno a impedirgli di mangiare dalla sua mano.

Se pensi che ogni punizione che ricevo sia meritata, per favore commenta qui sotto o lascia una nota. Quando Bianca leggerà i commenti e vedrà le valutazioni, forse sarà più ispirata a peggiorare la mia situazione e mi farà scrivere qui tutto il mio dolore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *