puttana, ma non suo marito – Parte 01

di | 9 de Dicembre, 2022

Dopo una lunga giornata di lavoro, Natasha vorrebbe fare di più che cucinare qualcosa in cucina. Se fosse necessario preparare il cibo per la cena, l’ultima cosa che si farebbe sarebbe una torta. Se fosse ancora davvero necessario fare una torta, sarebbe bene informarsi in anticipo per acquistare gli ingredienti senza fretta. Nessuna di queste condizioni è stata soddisfatta e Natasha era molto stressata questo pomeriggio. Tutto per Gustavo, suo marito. Ha programmato una visita a domicilio con il capo qualche settimana fa, ma non l’ha detto a sua moglie fino allo stesso giorno. Non era la prima volta che Natasha si irritava per la mancanza di considerazione del marito. Era comune per lui programmare le cose e dirglielo all’ultimo minuto, lasciando sua moglie sopraffatta. Nonostante la sua irritazione, non ha rifiutato di aiutare, soprattutto perché era coinvolto il capo di suo marito. Anche sconvolta, ha preparato tutto.

Il suo sgomento nei confronti del marito va oltre le sue invenzioni dell’ultimo minuto. Natasha aveva uno stile particolare nel vestire. Amava il nero, i corsetti, gli stivali e qualsiasi altro indumento gotico. La sua pelle bianca contrastava con i toni scuri dei suoi vestiti e dei suoi capelli lisci. Il suo stile, in qualche modo insolito ovunque andasse, la fece diventare il centro dell’attenzione. Le curve del suo corpo sono state ulteriormente accentuate con i suoi vestiti, evidenziando sempre la sensualità del suo corpo. A Gustavo non piaceva. Il gusto per abiti così strani nella sua visione era strano. Era comune per lui rimproverarla quando uscivano insieme. Natasha ha resistito, rimanendo con un pezzo o con l’altro, ricorrendo a uno sguardo più leggero. Era la via di mezzo, accettata da entrambi.

Con il marito che tornava a casa non c’era molto da finire, lei lasciò la torta nel forno e andò a farsi la doccia mentre la torta era in forno. Il marito faceva pressioni su di lei, perché andava ancora a fare il bagno e voleva ancora ricevere il capo con sua moglie. Fu allora che Natasha si rese conto che poteva restituire l’agonia causata da suo marito. Ha insistito per restare a lungo in bagno, il che lo rendeva ansioso. Dal bagno della sua suite sentì sbattere la porta e le prime parole scambiate tra i due. Era tempo di andare.

Carlos non voleva essere lì. Potrebbe essere a casa con sua moglie o cercare qualcosa di divertente da fare prima di tornare a casa. Nei suoi piani, non avrebbe mai risposto a un invito di un dipendente, specialmente questo. Era un bravo impiegato competente, ma non si rende mai conto di essere scomodo. Oltre ad essere estremamente lusinghiero, gli piace affrontare troppo l’argomento, diventando un po’ noioso.

Accettò questo invito solo dopo molte insistenze, perché si rese conto che così era più facile, togliendosi gli inconvenienti. Non si prese nemmeno la briga di portare Amanda con sé, evitando di infastidire la moglie con un programma probabilmente sgradevole. Quando lo salutarono, ricordò l’abitudine del suo dipendente di parlare obbligatoriamente. Dopo essere stato sottoposto a un’intera giornata di pettegolezzi, Carlos si è chiesto se sarebbe dovuto arrivare fin qui, quasi pentendosi. Ha cambiato idea quando la porta della camera da letto si è aperta ed è stato grato di non aver portato sua moglie.

Seguace dello stile gotico, Natasha indossava calze nere, un corsetto che accentuava le sue curve e una camicetta nera scollata. Il trucco degli occhi era messo in risalto dalla sua pelle chiara. I capelli scuri erano sciolti e le ricadevano sulle spalle. Se qualcosa di Natasha infastidiva suo marito, erano i suoi gusti in fatto di vestiti. Normalmente veniva criticata per aver apprezzato i suoi vestiti ed evitare di indossarli con suo marito, ma quel giorno ha visto un’opportunità per punire suo marito. Sorprendilo con la visita già a casa, non ci sarebbe spazio per discussioni. Natasha era divertita nel vedere l’espressione di suo marito, ingoiando il suo fastidio, e fu sorpresa dall’espressione sul viso del suo capo.

Altre storie erotiche  Andare a letto con la puttanella che lavora al centro commerciale

Con un fisico più imponente e capelli mossi, Carlos era un uomo affascinante. Aveva la parola “male” scritta su tutto il viso. Guardarli negli occhi significava leggere una descrizione dettagliata di tutti i tuoi desideri. Natasha è stata influenzata non appena lo ha salutato. Era difficile ignorarla anche con suo marito che cercava di attirare l’attenzione. Quando suo marito ha cercato di fare critiche velate al suo vestito, Carlos ha risposto che ammirava le donne con stile. A Natasha bastava non sentire più critiche quella notte. I tre si sedettero in soggiorno e iniziarono a parlare. Carlos e Natasha fingevano di prestare attenzione alla conversazione interminabile, scambiandosi sguardi.

Natasha ha ricordato a suo marito che non si stava ancora preparando. Le ho detto di farsi presto la doccia perché la torta sarebbe quasi finita. Era Gustavo che entrava in bagno e Natasha che si alzava per sfilare davanti al visitatore con il pretesto di vedere com’era la torta. Per Carlos, è stata la vista sbalorditiva del sedere della moglie del suo dipendente in pantaloni estremamente attillati. Il suo sguardo vagò sulle curve finché non incontrò lo sguardo malizioso di Natasha.

“Può aiutarmi qui, signor Carlos?”

Si alzò altrettanto velocemente, dirigendosi verso la cucina con passo deciso. Arrivò in tempo per vedere Natasha chinarsi mentre estraeva il blocco dal forno. La figura con fianchi massicci era perfettamente esposta da questi pantaloni di pelle. Mille cose gli sono passate per la testa e tutte hanno iniziato strappando questo indumento. Tirando fuori la torta, Natasha guardò Carlos e capì cosa stavano indicando i suoi occhi. Riattribuì il sorriso malizioso che aveva ricevuto in precedenza quando aveva notato il rigonfiamento che si stava formando nei pantaloni.

«Peccato che tua moglie non sia potuta venire. Volevo incontrarla.

“Non le piacciono molto questi eventi legati al lavoro. Non la chiamo nemmeno più.

“Ma non è un evento di lavoro, è una visita informale.

“Sì, hai ragione. È una visita molto più interessante di quanto immaginassi.

Natasha sorrise.

“E qual è il più interessante?

“Tu…. Torta. posso provarlo?

Natasha si è scusata per andare a prendere una spatola, ricordandosi che era nell’armadio al piano di sopra, si è alzata in punta di piedi. Carlos la guardò lottare per raggiungere l’oggetto, ma la vista del suo piccolo sedere gli impedì di aiutarla.

” Vedi ?

“Sì, sei nella direzione giusta.

“Sto per cadere.

Era il segnale per Carlos di avvicinarsi. Si sentiva ancora il rumore della doccia dove Gustavo stava facendo il bagno. Le mani strinsero saldamente le natiche di Natasha senza tante cerimonie.

«Lord Carlos, guarda dove sono le tue mani.

Altre storie erotiche  Storia erotica bdsm - Rossa, bella e sottomessa

“È lì che ho più grip.

Natasha rise, incapace di rifiutare qualcuno così cattivo. Soprattutto perché questa presa salda l’aveva eccitata, non aveva più fretta di prendere la sua spatola. Ne tagliò un pezzo e lo diede a Carlos.

“E’ andata bene!

” Grazie.

“Tutto ciò che fai ha lo stesso sapore?”

Natasha ride goffamente.

“Credo che sto solo cercando di scoprirlo.

Natasha ha tagliato un pezzo per lei. Mentre mangiavo, una parte della torta si è rotta. Cadere un po’ nella generosa scollatura. Natasha non fece in tempo a prenderlo, perché la mano di Carlos si allargò sui suoi seni, raccogliendo la briciola, senza la minima delicatezza. Si portò il suono alla bocca, guardandola negli occhi. La prima reazione di Natasha fu di paura, ma vedendo la malizia negli occhi dell’uomo, ripeté il gesto, facendo in modo che altre briciole cadessero sul suo seno.

Per lei una sottile presa in giro, visto che suo marito era ancora in bagno e sarebbe stato solo un delizioso flirt. Tuttavia, per Carlos era un invito. Con noncuranza, leccò i seni della sua padrona di casa. Continua senza importanza e leggi leccato tutto il suono. Con la lingua che le scorreva sui seni, Natasha guardò verso il bagno, temendo che suo marito avesse finito di fare la doccia. Era fortunato che gli piacessero i bagni lunghi.

“Calmati, mio ​​marito partirà presto.

“Allora faremmo meglio a farla finita.” Carlos ha messo la mano di Natasha tra le sue gambe, “o tuo marito mi vedrà così”.

Carlos aveva la faccia sepolta tra i suoi seni. La sua eccitazione non fece che aumentare, il pensiero di fermare tutto si allontanava sempre di più. Si inginocchiò e aprì i pantaloni del capo di suo marito. Ha strattonato il suo cazzo duro, guardando Carlos diventare sempre più senza fiato. Deglutì, ficcandosi tutto in bocca in una volta. Avevo troppa fretta per un’alimentazione più lenta. Succhiò il cazzo di Carlos un po’ disperatamente, ma fu controllata da lui, non così impaziente, che le afferrò i capelli.

Carlos torreggiava su di lei. Volevo che succhiasse più lentamente. Tenendola per i capelli, lui stesso si muoveva avanti e indietro nella sua bocca. L’ho inserito lentamente, a volte tirando fuori il mio cazzo per strofinarlo sul viso della sua padrona di casa. Natasha ha provato a riaverlo indietro bastone quando Carlos gli ha dato un pugno in faccia.

Non soddisfatto, Carlos la prese in braccio e disse a Natasha di togliersi i pantaloni. Lei obbedì, sbottonandosi i pantaloni con gli occhi fissi sul bagno. Appoggiandosi al lavandino, si sollevò e sentì la durezza di Carlos invadere la sua figa bagnata. La colomba entrò in lei deliziosamente, andando e venendo. La sensazione di essere scopata con suo marito in bagno senza sapere nulla era ancora più esaltante. Carlos era dominante, tenendola per i capelli e spingendo forte. A volte rallentava per sussurrargli cose all’orecchio.

– Se avessi saputo che la moglie di Gustavo era così sexy, avrei accettato prima l’invito.

“Vieni più spesso a trovare mio marito?”

Ho ?

“Sì !

“Me lo dai ogni volta che vengo?”

“Ancora! Dovrai mangiarmi così.

“Puttana, ti porto a fare un giro e ti mangerò per strada.”

” Fai quello che vuoi.

Natasha si aggrappò con tutte le sue forze al marmo freddo del lavello per contenere i fermi attacchi di Carlos. Il primo colpo le arrivò sul sedere e lei era più preoccupata del suono che della puntura. Lo hanno sorpreso a guardare la porta del bagno, ma si sono calmati quando ha sentito il rumore della doccia. Era troppo delizioso perché Natasha si fermasse, ma dovette fermarsi prima che il bagno di Gustavo fosse finito. Quando sentiva che lui non la riempiva, provava un misto di frustrazione e sollievo, punteggiato dall’apertura delle sue pieghe.

Altre storie erotiche  Fare caldo in discoteca - Storie erotiche

“Bastardo, vuoi fottermi il culo?”

– Con un culo così, chi non lo vorrebbe.

Natascia ride.

– Sei stretto, non è Gustavo che ti mangia il culo?

“È passato un po’ di tempo. Vacci piano.

“Certo. Il tuo culo è delizioso.”

“Il tuo cazzo si adatta molto bene.

“Voglio quel trattamento speciale quando ti visito di nuovo.

Natasha ride e geme di nuovo. Si è messa una mano sulla figa e ha giocato con i germi mentre veniva inculata. Con le spinte sempre più forti e le dita che acceleravano i movimenti, Natasha si dimenticò del marito in bagno. Questo avanti e indietro nelle sue pieghe strette e nelle dita frenetiche portò il suo orgasmo in superficie. Natasha si avvicinò, stringendogli la mano tra le cosce mentre si copriva la bocca per non gemere ad alta voce. Carlos ha continuato a spingere durante il suo orgasmo.

Natasha ha chiesto a Carlos di pompare lentamente mentre si riprendeva dall’orgasmo. Tutto era silenziosamente delizioso quando il rumore della doccia si fermò.

«Ha finito il bagno. Finisci presto.

“Sto per venire nel culo della moglie di Gustavo.

«No, non entra, può dirlo.

“Dove vuoi che vada allora?

“Torna indietro! Non venire con me. Tutto questo finirà presto.

La breve discussione non aiutò e Carlos socchiuse gli occhi mentre spingeva via Natasha. Non sarebbe arrivato abbastanza velocemente in questo modo, ma aveva un’idea, abbastanza sporca da aumentare la sua erezione. Carlos ha tirato fuori il cazzo di Natasha, gli è piaciuto. Trattenne i suoi gemiti mentre il suo corpo tremava.

Sollevata dal fatto che fosse tutto finito, Natasha si rimise i pantaloni. Era felice di fare sesso, soprattutto perché era una piccola vendetta contro Gustavo. Era un compenso per avergli sempre causato problemi. Semplicemente non si aspettava che il suo amante la mettesse in una situazione peggiore. Mentre suo marito si sta già vestendo in camera da letto, Natasha vede una fetta di torta ricoperta dallo sperma di Carlos.

“Che diavolo è questo?”

“Mi ha chiesto di venire da qualche altra parte, questo è quello che ho pensato in quel momento.

Ma vedrà. Cosa devo fare con questo?

“Girarsi.

Dopo la doccia, Gustavo va in soggiorno e lo trova vuoto. Va in cucina e vede il suo capo e sua moglie parlare.

“Allora, Carlos, com’era la torta di Natacha?”

“È andata bene. Se c’è ancora la torta, verrò a trovarti più spesso.”

“È bello sentirlo. Deve essere davvero delizioso, ne manca già un pezzo.”

Era tua moglie. Era così affamato che ne mangiò un pezzo intero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *