Questo rotolo spesso mi ha fatto rotolare dappertutto

di | 8 de Dicembre, 2022

Chi ha letto le mie altre storie sa già che ho una routine un po’ insolita. Ho due lavori, amo quello che faccio e ci metto molta energia. Ci sono giorni in cui la routine è più leggera, altri più impegnativi, ma ciò che la definisce non è il carico di lavoro, ma ciò che realmente accade.

È stata una settimana tranquilla, troppo tranquilla per i miei gusti, e tutto quello che dovevo fare quel pomeriggio era andare a una riunione. Essendo una persona razionale, pragmatica e obiettiva, mi piacciono le riunioni in cui l’ordine del giorno è ben definito, vengono affrontati problemi di strutturazione e ne esco con una definizione o almeno un riferimento.

Ma purtroppo nel mio lavoro non tutti sono così. C’è una pratica che mi infastidisce molto, quella di convocare una riunione per dire che dobbiamo incontrarci per risolvere una cosa del genere. Ciò significa che molte persone si stanno mobilitando per dire cosa dovrebbe essere un’e-mail di sollecitazione. Sai qual è il peggio? Sono l’unico a pensare che sia assurdo.

Bene, finora è stata la cosa più stupida che abbia mai visto in questo senso, ma niente è così brutto che non può peggiorare. Sono stato chiamato a una riunione interdipartimentale, vari rappresentanti di varie organizzazioni. Era già la quarta, nella prima non siamo stati convocati, quindi nella seconda si è ripetuto tutto quello che è stato detto nella precedente e ogni corpo è stato invitato a mandare del materiale certo. Lo scopo del terzo incontro era discutere il risultato della compilazione di ciò che tutti avevano presentato, ma solo io ho presentato ciò che avevo richiesto e, per finire, non l’hanno nemmeno incluso nel documento. Quindi, in questo incontro, è stato detto tutto quello che è stato detto nel primo e nel secondo incontro, e io ho dettato testualmente il testo che avevo presentato due settimane fa.

Come se ciò non bastasse a rendermi estremamente agitato, impaziente e arrabbiato, il passo successivo è stato incontrarci due giorni dopo per leggere quello che sarebbe stato il testo finale. Cioè ero l’unico a mandare il materiale, oltre a dettarlo in una riunione, avrei dovuto perdere un altro pomeriggio a rileggere la stessa cosa. Questa disorganizzazione, questa mancanza di impegno e obiettività mi rendeva nervoso. Sono uscito esausto, con la testa che esplodeva e il corpo come schiacciato.

Altre storie erotiche  Mi scopo mia zia lesbica e la sua ragazza nel motel

Quando sono arrivato al lavoro ho incontrato un amico e quando ha visto la mia faccia mi ha chiesto cosa fosse successo. Non ho potuto dire niente e l’ho appena baciato. Era esausto, senza forze e incapace di ragionare. Mi ha formato, siamo andati nel mio ufficio, ho raccolto le mie cose e abbiamo chiamato persone che oltre ad essere nostri colleghi di lavoro sono amici e compagni di festa, e siamo andati in un bar.

Ho continuato a camminare, borbottando su cosa mi avesse portato a questo livello di stress, e poi abbiamo lasciato cadere le cose legate al lavoro e abbiamo iniziato a parlare delle solite stronzate. Per strada ricevo un messaggio sul cellulare. Era una di quelle sciocchezze di WhatsApp, con la reazione delle persone alla vista di uno scarafaggio, collegandola ai segni. Io, veramente terrorizzato da questo disgustoso mostro, gli ho chiesto se quello che aveva detto sul suo segno era corretto, e lui ha detto di sì, era calmo solo quando uccideva.

– Con quello guadagni anche dei punti con me, ma è comunque negativo.

– E come posso ottenere una media di dieci anche oggi?

– Vado in un bar con gli amici del lavoro.

– Quale bar?

– Dove ci incontriamo. Ricordi ancora?

Da quel momento non mi ha più risposto, cosa che mi infastidisce molto (e lui lo sa!). Ma siamo arrivati ​​al bar e abbiamo iniziato a bere e parlare. Ho messo da parte il telefono e ho colto l’attimo. Quando meno me lo aspetto, sento una moto rumorosa (può essere una bella moto, tutti sbavano e questo e quello, ma io odio le cose rumorose!) parcheggiare accanto a noi. Un mio amico mi guarda e ride quando riconosce la sagoma. Mi voltai e lo vidi con una faccia maliziosa, tutto scarmigliato, venire verso di noi.

Era un misto di rabbia e felicità, ero davvero arrabbiato per alcuni degli errori che ha fatto con me (niente di grave a dire il vero) ma il mio ego amava sapere che stava attraversando la città dietro di me. Arrivò già dandomi un bacio e si unì a noi. Essendo una persona molto eloquente, andava d’accordo con il pubblico e ci siamo divertiti molto.

Altre storie erotiche  Ho dato la mia figa al muratore

Ce ne siamo andati tutti quando il bar ha chiuso. Con la faccia più sfacciata del mondo, mi ha regalato il casco, senza nemmeno chiedermi niente. Nemmeno lui ha detto niente. Quando l’ho visto, eravamo all’ingresso del mio palazzo. Quando abbiamo chiuso la porta dell’appartamento, ci siamo baciati ei vestiti hanno cominciato a coprire il pavimento. L’ho avvertito che non c’era la tenda in camera da letto, perché l’avevo lasciata in lavanderia.

– Ti interessa?

– Io non!

– Quindi, se uno dei tuoi vicini è fortunato, assisterà a una scena bellissima!

Mi sono inginocchiato in mezzo alla stanza e ho iniziato a succhiarglielo. Avevo dimenticato lo spessore di questo rotolo! Tenendolo non riuscivo a chiudere la mano, ammetto che è persino difficile da deglutire. Ma mi ha risucchiato e con grande piacere! Era da un po’ che non facevo sesso, quindi ero molto eccitato. Mi ha preso in braccio e ci siamo baciati dall’altra parte della stanza, sempre più desiderosi di sentire tutto dentro di me.

Mi sono seduto sul divano ed ero felice di sentire ogni centimetro scivolare dentro. Avevo dimenticato com’era sentirsi realizzato quando quel cazzo è entrato in me, quasi distruggendomi. Anche con la figa completamente bagnata, questo spessore non era quello a cui era abituata. Gemeva e rotolava pazza di piacere! Colpiva più forte e più a fondo e io chiedevo di più. Mi ha schiaffeggiato il sedere, un po’ piano, penso che mi stesse mettendo alla prova, ma ho dovuto chiedere di più e ha fatto di tutto. Sentii la sua grande mano colpirmi con forza il sedere mentre mi tirava i fianchi contro i suoi, facendomi venire selvaggiamente.

Ancora non si è fermato, ha continuato a spingere, ma questa volta ha iniziato a mettermi un dito nel culo. Se ero già follemente eccitato, sentendo il mio sedere cedere a lui, era troppo. Sono venuto così forte che ho avuto dei leggeri spasmi in tutto il corpo. Ma ancora, non era finita, ora toccava a me prendermi cura di quel grosso cazzo.

Altre storie erotiche  Racconto erotico diretto: io e una coppia assetata (3)

Dato che era passato molto tempo dall’ultima volta che aveva fatto sesso anale, era stretto, il che rendeva le cose ancora più difficili. Si è lubrificato le dita e l’ha aperto lentamente, poi ha spinto lentamente dentro la testa e l’ho sentito colpirlo un paio di volte. Era un misto di dolore e piacere, che mi fece gemere più forte e affondare le unghie nel lenzuolo. Quando finalmente il mio culo ha inghiottito tutto, ha cominciato a spingere, dapprima lentamente, facendomi abituare, ma diventando sempre più forte e veloce. Ho sentito il suo cazzo diventare più duro, il suo sperma stava per colare, e con questo sono venuto ancora una volta, poi mi ha seguito riempiendolo di sperma.

Esausti, andammo insieme sotto la doccia. Per quanto avessimo bisogno di riprendere fiato, i nostri corpi nudi così vicini l’uno all’altro ci incoraggiavano solo a toccarci maliziosamente. Ha iniziato a giocare con il mio culo, facendomi venire sui piedi. Poi mi sono sporto tutto il corpo in avanti, toccando terra con le mani e lui è venuto ad inchiodarmi da dietro. Potevo sentire il suo cazzo profondamente dentro di me, tirarmi dappertutto e l’ho adorato. Questa volta il nostro piacere arrivò velocemente, e lì finì l’ultima energia che ci era rimasta.

Ci sdraiamo e sveniamo. Mi sono svegliato la mattina dopo con la sua barba che mi sfiorava la schiena, il che mi ha immediatamente fatto venire i brividi lungo la schiena. Presto lo stava cavalcando, facendo la sua prima scopata del mattino. Non descrivo (almeno non adesso) tutto quello che è successo, ma basti dire che ho mangiato latte a colazione e sono andata a lavorare di buon umore, senza nemmeno ricordare cosa mi aveva fatto tanto incazzare il giorno prima , e ovviamente ha raccolto i punti! con me!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *