Racconti da camera da letto: il bazar

di | 9 de Dicembre, 2022

Siccome la vita è dura per tutti, con gente che vende cibo per cena e altri che urlano di uccidere serpenti e alligatori con gli stivali, un mio amico ha deciso di fare una svendita di quelli che tutto ciò che è un ninnolo che il ragazzo ha a casa e che Non sa nemmeno più a cosa serve, lo mette a disposizione di chiunque voglia acquistarlo ad un prezzo sempre oggetto di trattativa. Certo, prima mi ha chiamato per aiutarlo a sistemare il suo garage con l’assemblaggio di piccole nicchie con tali prodotti. E c’era di tutto, dai dischi in vinile di Chitãozinho e Xororó, a pacchetti sigillati di olio lubrificante per auto e fino alle miniature di auto d’epoca.

Ciò che mi ha davvero colpito (come sempre) è stata la sua adorabile moglie; si chiama Rosana, matura, capelli castani con sfumature grigie, labbra sottili, un po’ sovrappeso (che mi fa arrapare!), tette piccole e un culo largo e appetitoso che sembrava ancora imbattibile per un tocco mascolino malizioso. E lei è arrivata, indossando un ampio vestito fantasia con spalline che arrivavano appena sopra le ginocchia che rivelavano ancora di più le sue natiche lussureggianti e sorridendomi con un enorme sorriso mentre si chinava verso di me, offrendomi il suo viso per i soliti due baci.

Dopo una lotta infernale per mettere in ordine questo garage in mezzo al caos in cui l’aveva trasformato la mia amica, Rosana mi ha offerto da bere e io le ho chiesto un caffè per fumarsi un meritato sigaro; Salì le scale esterne che portavano al corridoio della casa assicurandosi di scuotere quel sedere per il mio piacere visivo nel punto in cui potevo guardare, il che mi fece sospettare che la ragazza non avesse le mutandine.

Poco dopo stavo bevendo il caffè fresco che mi ha portato e il mio amico mi ha chiesto un minuto per andare in bagno, perché anche lui come me sta prendendo un diuretico, di quelli che ti fanno fare la pipì, anche quando non Non ne ho uno, penso. o non hai niente da buttare. Non essendoci il gabinetto in garage, è salito in casa, lasciandomi sola con questo succulento monumento femminile. E quel giorno, Rosana sembrava avere il culo in fiamme (letteralmente), mentre si metteva ripetutamente nella posizione di “raccogli una pulce”, alzando il vestito, dimostrando il mio sospetto che la donna cattiva avesse appena finito le mutandine!

Anche se non sono tipo da desiderare la moglie di un amico, Rosana mi ha preso in giro in modo inquietante, lottando per non afferrarla proprio lì e leccarle il grazioso sedere; Alla fine del pomeriggio, questa vendita di garage si è conclusa con alcune vendite di piccolo valore; la mia amica mi ha ringraziato per l’aiuto e mi ha chiesto di condividerlo con gli altri visto che Rosana si sarebbe occupata dell’apertura del garage per tutta la settimana. Sono tornato a casa e ho arruffato il pagliaccio in onore del culo della moglie del mio amico.

A metà settimana ho ricevuto un messaggio WhatsApp da Rosana che chiedeva aiuto; Dato che lavoro da remoto e le cose andavano a rilento, ho risposto che stavo arrivando; Quando è arrivata, Rosana ha avuto una relazione con un paio di personnes âgées marchandant le prize d’un fauteuil en cuir et, à l’expression de son visage, elle était déjà sur le point d’envoyer des personnes âgées à cet endroit sans droit Indietro. . Sono intervenuto e dopo alcune trattative ho concluso l’affare a buon prezzo; la coppia ha dovuto chiamare il figlio per ritirare i gioielli e Rosana mi ha chiesto se poteva venire perché aveva degli affari in sospeso.

– Non ci vorrà molto, no! “È veloce! Ha risposto quando le ho detto che il mio tempo era un po’ poco. E ne approfitterò per prepararti un caffè fresco!

– Se è così… bene! “Cosa?” risposi, abbandonando l’idea di un caffè appena fatto.

Il figlio dell’anziana coppia ci ha messo un’eternità ad arrivare con il suo camion e chiedermi di aiutarlo a caricare la sedia; L’anziano mi ha mostrato che aveva fatto il PIX per l’account indicato da Rosana e dopo una stretta di mano se ne sono andati. Il tempo passava e Rosana non dava segni di vita, cosa che mi faceva innervosire perché qualcuno mi caricava di qualcosa nella mia routine lavorativa e mi obbligava a non togliere lo schermo del cellulare dagli occhi. Sopraffatto dall’ansia, gli ho inviato un messaggio chiedendogli se sarebbe rimasto a lungo al piano di sotto.

Altre storie erotiche  Racconto di incesto erotico - La vita liberale di Rebeca, mio ​​padre, mio ​​amante - Parte 1

Puoi chiudere il garage e venire qui. Finisco di farmi la doccia e ti preparo un caffè come promesso! “Ha risposto con diverse emoticon di baci. Non avendo altra scelta, chiusi la porta del garage ed entrai in casa, attraverso il soggiorno fino alla cucina senza alcun segno della presenza di Rosana. All’improvviso, appare mentre scende le scale verso le camere da letto avvolta in un asciugamano (!). “Può essere solo uno scherzo!” Ho pensato quando l’ho vista scendere le scale con il corpo avvolto nell’asciugamano che sembrava incapace di nascondere tutte le bellezze che custodiva.

Andammo in cucina e lei mi invitò a sedermi mentre lei preparava il caffè con la macchina per espresso. Stavamo scherzando quando lei si voltò con due tazzine tra le mani e con nonchalance lasciò scivolare l’asciugamano sul pavimento, lasciandola nuda davanti al mio sguardo attonito. La ragazza era una vera bellezza, sfoggiava un paio di seni di media grandezza con capezzoli leggermente appiattiti e una figa depilata e paffuta circondata da cosce spesse.

Agendo con la massima impudenza, Rosana fece finta che non fosse successo niente e dopo aver lasciato le tazze sul tavolo, si sedette sulla sedia accanto alla mia, guardandomi con un’espressione un po’ enigmatica; Abbiamo bevuto il caffè in silenzio e mi sono trattenuto il più a lungo possibile, il mio pene indurito che pulsava nei pantaloni mentre visualizzavo quel corpo.

– Mio marito diceva che sono grassa e poco attraente! – confessò con tono spensierato -…, questo mi fa incazzare! …evita di fottermi! …Penso che ne abbia anche preso un altro fuori! Cosa ne pensi? Può il?

Quelle parole mi risuonavano nelle orecchie quasi come un invito che non potevo rifiutare! Mentre mi prendevo cura del mio cazzo rimbalzante nei pantaloni e pensavo a qualcosa di profondo da dire, Rosana era ansiosa di sentire la mia opinione sul suo sfogo; Ho fatto un respiro profondo e l’ho lasciato andare!

– Davvero vuoi saperlo? Tuo marito è mio amico… ma è uno stronzo! – risposi senza timore di rallegrarmi – Una donna così in casa e lui che ne cerca altri per strada, non è possibile! Sei molto caldo!

-Vuoi dire che ne ha un altro, no – commentò con tono perplesso come se avesse appena sentito quella parte del mio discorso – Lo sapevo! Quel figlio di puttana! Evitandomi perché è finito nella figa di una puttana! …

-Rosana, non è proprio quello che intendevo! – Ho fatto ammenda cercando di sistemare il casino che ho appena fatto – Io… io… penso solo che tu possa vendicarti! …

Quando ho capito cosa aveva detto, era già troppo tardi, perché la merda era finita! Rosana mutò la sua espressione da rabbia improvvisa a sorpresa inaspettata. “Vuoi dire… che… che mi mangeresti?” Ti importa che io sia grasso? Oppure hai smagliature e cellulite? Tuttavia, tu…” ammise esitante. L’ho guardata in viso e ho notato un luccichio nei suoi occhi e ho visto i suoi capezzoli indurirsi e la sua pelle rizzarsi involontariamente. “È ora che la grande testa qui funzioni!” pensai, grattandomi l’inguine.

Poggiai le mani sulle cosce nude di Rosana e avvicinai la mia bocca al suo viso finché riuscii a completare un bacio molto caldo e profondo, mentre portavo le mie mani sui suoi seni, stringendoli dolcemente, sentendo i suoi capezzoli indurirsi; ci è voluto molto tempo per baciarci finché non mi ha spinto sulla sedia, inginocchiandosi tra le mie gambe, poi cercando di sbottonarmi i pantaloni facendo sobbalzare il mio cazzo duro; Rosana lo guardò incredula poco prima di portarselo alla bocca, facendomi un delizioso pompino.

Altre storie erotiche  Cumming due volte, con due ragazzi, allo stesso tempo.

La cagna succhiava come una donna affamata, strizzandosi i testicoli e deglutendo così profondamente che si strofinava contro la glottide; Non le ho tenuto la testa, lasciandole prendere il controllo dello spettacolo, approfittando dell’occasione per guardare il suo corpo visto dall’alto, cosa che mi ha commosso ancora di più. “Ehi! Che cazzo delizioso! Lui viene! Andiamo in camera da letto, lo voglio dentro di me! dice con tono esasperato, già tirandomi la mano perché la segua. Lei si sdraiò sul divano e io le salii sopra già un po’ nervoso, tenendo in mano il bastone e toccando l’ingresso della grotta, sentendolo caldo e umido. Provando rimorso, ho spinto il cazzo nella sua fica con una spinta forte andando più in profondità che potevo.

Rosana non sopportava di vedersi riempita dal cazzo di un uomo e urlava come una matta, pregandomi di prenderla a pugni. cosa che cominciai a fare con movimenti rapidi e vigorosi, facendola presto venire più di una volta; Scossa dalle eiaculazioni, Rosana si contorceva, gemeva e ululava come una ninfomane in stato di ritiro; Ho continuato a martellare forte, portando più orgasmi dalla donna birichina, cogliendo l’occasione per leccare e succhiare i suoi capezzoli, aumentando un po’ di più l’estasi del mio partner.

Il tempo è passato senza di noi ci siamo accorti e non sono svenuto mentre mettevo il mio cazzo in questa figa tutta inondata di sperma e sudore che sgorgava dai nostri corpi; Rosana già ansimava e il susseguirsi degli orgasmi era così travolgente che non ebbe molta energia per festeggiarli, lasciandosi trasportare dal piacere assaporato e realizzandosi donna.

-Oh! Che fottuto uomo! Non ti stanchi? “Voglio…, uhhh!” chiese ansioso. Vuoi…, Ahhh! … Inoltre! Molto di piu! Sporco bastardo! Oh! Vengo di nuovo! Ahhh!

L’ho guardata in viso, ho sorriso e non ho detto niente, ho solo accelerato i miei movimenti, provocando altri orgasmi a Rosana, che li ha celebrati ognuno come se fosse il primo. Poco dopo sono stato colto da contrazioni muscolari involontarie che mi hanno avvertito della vicinanza del mio seme e prima che potessi fare qualcosa uno spasmo ha posto fine alla dolcezza; Mi contorcevo dappertutto mentre il mio cazzo si gonfiava e pulsava dentro Rosana, facendo scorrere il mio sperma in rivoli di sperma che si inondavano dentro il mio partner.

– Ops! Ahhh! Che fottuto schizzo! Riempito la mia figa! – Commentò con una certa gioia e un sorriso malizioso – Per nostra fortuna, non posso più essere incinta! Oh! Era troppo bello! Io ti piaccio?

-Mi è veramente piaciuto! Sei una donna molto sexy! – risposi riprendendo fiato – Ma mi piacerebbe ancora di più poter fotterti quel culo!

-Vuoi fottermi il culo, pervertito! “Non lo so… è tanto che non ti do il mio brioco… deve essere chiuso…

Prima che potessimo continuare questa stimolante conversazione, fummo sorpresi dal suo cellulare che annunciava che suo marito stava per arrivare. Ho ritirato i vestiti per strada mentre Rosana mi ha salutato con la promessa di prendere in considerazione la mia richiesta. “Ma con o senza culo, voglio ancora quel cazzo dentro di me!” disse prima di chiudere la porta.

Sono partito felice e frustrato allo stesso tempo; felice di aver scopato Rosana e frustrato perché non posso scopare quel culo! Inoltre, era arrabbiato perché avevo inventato la storia che suo marito aveva un’amante, dal momento che non ne sapeva nulla! Ho lasciato che la vita mi prendesse e poco più di una settimana dopo, un sabato mattina, il mio vicino mi ha svegliato suonando il campanello. “Fratello, aiutami! Ho bisogno di perdermi oggi… Ho detto alla donna che dovevo trovare una fermata per te! Se ti chiama, confermalo, ok? disse non appena aprii la porta, già esercitandosi a rotolare e riposare, cosa che fece, lasciandomi lì come un idiota.

Altre storie erotiche  Matrimonio di Maria Fernanda.

Stavo cercando di scoprire cosa fosse successo quando ho ricevuto un messaggio WhatsApp da Rosana che mi chiedeva di andare a casa sua; Ho indossato dei pantaloncini e una maglietta, andando lì ancora un po’ persa per tutto quello che stava succedendo. “Oh! Quel figlio di puttana è andato dietro a quella fottuta amante che ha preso, vero? Si vede! Lo so che è così! ” ruggì non appena aprì la porta, lasciandomi indietro mentre entravo. Entrai e chiusi la porta di casa, mi trovai faccia a faccia con Rosana nuda.

-Vieni a fottermi il culo! disse con tono esasperato e impaziente, non avevi detto che volevi fottermi il culo? Quindi! Dai… che c’è? Oh! Già! …, vuoi anche il ciuccio, vero bastardo?

Sembrava tutto così frenetico e insolito, facendomi pensare di essere caduto in una realtà alternativa; però quando Rosana ha cominciato a costringermi a spogliarmi, mi ha spinto sul divano ed è caduta a faccia in giù sul mio bastone, già a mezz’asta, ho capito che quello che stava realmente accadendo era reale; Le ho lasciato spalmare il mio cazzo in bocca finché non mi sono offerto di fare un nove e mezzo, che ha accettato all’istante. È stato pazzesco succhiare e leccare e ci siamo fermati solo perché la cagna voleva davvero il suo culo.

Rosana si mise carponi sul divano, scodinzolando e guardandosi alle spalle. “Dai, dannazione!” urlò irritata, allargando già le natiche e mostrando il solco dove si nascondeva il suo luccicante sedere, io mi misi in posizione e dopo qualche colpo spinsi forte, gettando la testa del piccione nel buco che si era rimpicciolito. penetrazione, Rosana ha urlato ma ha preteso che continuassi, ho messo il mio cazzo dentro senza pietà e quando sono arrivato alla fine non ho aspettato di iniziare un susseguirsi di spinte intense e sempre profonde.

Rosana piangeva molto, ma dopo un po’ le urla non erano più di dolore, ma di piacere; Mi ha sorpreso vedere che la ragazza birichina si divertiva con il mio cazzo che le tirava il culo e mi sono emozionato accelerando ancora di più i miei movimenti. Era così bello fottere quel culo che non volevo che finisse ed è per questo che ho rallentato i miei movimenti per godermi il momento che stavo aspettando. “TUTTO! IL MIO CULO È CALDO! …, MA QUESTO…, AHHH! È molto delizioso! OHHH! OHHH! NON MASCHIO! Tutto! MI DIVERTO ANCORA! piangeva selvaggiamente, prendendomi in giro e rendendo tutto più teso ed eccitante; Alla fine, incapace di resistere, finii per venire nel culo di Rosana, che era inzuppato del mio seme. Lascio che il cazzo si ammorbidisca e scivoli fuori dal buco godendomi la vista dello sperma che scorre attraverso il buco mentre lei si aggrappa alle sue natiche incredibilmente paffute.

Purtroppo non abbiamo potuto approfittare di questo momento perché è suonato il campanello. “Ciao! Ciao! È qui che si trova il mercatino dell’usato?”, chiesero attraverso il citofono elettronico, ponendo fine alla nostra felicità. Ho passato il resto della giornata ad aiutare Rosana con le vendite che sembravano essere decollate e noi no. Ci siamo salutati fino al tardo pomeriggio quando il marito è tornato con un’espressione spenta e guardinga Rosana ha fatto finta che andasse tutto bene e dopo una dolce chiacchierata ci siamo salutati, la mattina dopo ho ricevuto un suo messaggio, era un nudo che la mostrava “Come il I Babbani non lo vogliono, alcuni sì!” recitava la didascalia sotto la foto, seguita da emoticon ridacchianti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *